Menu start

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Start menu)

Il menu Start (in italiano Avvio) è un elemento dell'interfaccia utente utilizzato in Microsoft Windows a partire da Windows 95, ma anche da altre interfacce a finestre. Il menu fornisce un punto di partenza dove si possono trovare i programmi e software, svolge anche altre attività, come ad esempio la ricerca file. Ha nomi diversi in in base al sistema operativo, come Kickoff Application Launcher in KDE, Dash in GNOME Shell e LX Panel in LXDE.

Normalmente, il menu di avvio fornisce un elenco personalizzabile dei programmi installati dall'utente, nonché un elenco dei file aperti recentemente, e l'accesso alle impostazioni di sistema. Attualmente, ci sono le cartelle Documenti e Preferiti. Con il lancio di Windows XP, Windows ha ampliato il menu Start per comprendere delle sottocartelle di Documenti (tra cui Musica e Immagini), e aggiunto altri elementi, come "Risorse del computer" e "Risorse di rete".

In Windows 8, Windows Server 2012, Windows 8.1 c'è la schermata Start, modellata in base all'interfaccia di Windows Phone, che copre l'intero schermo, invece che una parte, e utilizza Tiles ridimensionabili che possono visualizzare il contenuto generato dall'app associata. Invece, con Windows 10 Microsoft è tornata indietro, per così dire, progettando un menù start profondamente rinnovato e ampliato ma che, pur con stile Windows 8.1, recupera la logica di Windows 7 per quanto concerne la funzione di "elenco sul posto".

Microsoft Windows[modifica | modifica wikitesto]

Nei sistemi Microsoft Windows, compare per la prima volta in Windows 9x, Windows NT 4.0 e tutte le sue versioni successive, ma è presente anche in Windows CE, Windows Mobile e Windows Phone.

Prima versione (1995-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Sia Windows 95 che Windows NT 4.0 hanno introdotto il menu Start per colmare le carenze dei collegamenti, come succedeva spesso nei precedenti sistemi operativi.

Sia Windows XP che Windows Server 2003 hanno introdotto una nuova versione del menu Start, ma offrivano comunque la possibilità di continuare ad utilizzare quella vecchia.

Seconda versione (dal 2001)[modifica | modifica wikitesto]

Questa versione, introdotta con Windows XP, è apparsa fino a Windows 7.

Presentata graficamente meglio, ha più funzionalità della prima: permette di fare ricerche nel computer, guardare i segnalibri di Internet Explorer e una visione estesa dei programmi e le loro funzionalità. Graficamente rifatto, ha mantenuto la compatibilità con la vecchia versione. Presenta la mancanza della scritta Start sul pulsante del menu (fa eccezione XP) e non ha bordi spigolosi ed il menu può essere anche trasparente.

Terza versione (dal 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Con il lancio di Windows 8, il menu Start è diventato una schermata. Occupa tutto lo schermo, e i programmi sono rappresentati su colorate "piastrelle" (tiles) interattive e animate, anche al posto dei Gadget di Windows Vista e 7. In questa versione sono presenti comunque tutte le funzionalità delle precedenti versioni, dalla ricerca dei file all'arresto del sistema. A partire da Windows 8.1, è tornato il tasto Start (assente in Windows 8, "sostituito" da un piccolo spazio che premuto manda alla schermata Start), ma cliccando il tasto Start ciascun utente viene reindirizzato alla schermata Start.

Quarta versione (dal 2015)[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft ha revisionato e rinnovato la terza versione del menù con Windows 10, che non obbliga più a eseguire la schermata a tutto schermo, ma restaurando l'elenco sul posto creando una "quarta versione", via di mezzo tra la seconda e la terza. In pratica, con Windows 10 si è tornati concettualmente allo storico menu Start introdotto a partire da Windows XP (elenco sul posto), seppur radicalmente rinnovato. In Windows 10 c'è comunque la possibilità di tornare a quello di Windows 8 attraverso apposite impostazioni. La build di agosto 2016 (Anniversary Update) ha modificato il menù start di Windows 10.

Il menu Start di Windows 10 può contenere sia icone (la classica lista programmi posta a sinistra dell'area) che tiles le quali possono essere dimensionate in misure diverse e se ne può disattivare il contenuto on line. Le tiles possono essere raggruppate e ciascun gruppo può essere nominato come si vuole.L'area può essere estesa a sinistra se si vuole aggiungere altri riquadri di tiles. Agendo in impostazioni lo start può assumere un aspetto da "tutto schermo" stile Windows 8. Facendo click con tasto destro sul bottone start compare l'elenco dei comandi e strumenti principali del sistema operativo. A sinistra, sotto l'elenco dei programmi e sopra il comando che apre la lista, ci sono i bottoni di esplora file, impostazioni e di spegnimento. Nella lista dei programmi compaiono sia "le più usate" sia "gli aggiunti di recente" sia "i consigliati". I programmi che hanno più collegamenti hanno a sinistra una freccia che fa aprire la cartella con le altre icone (comandi) contenute nella cartella.

Con l'Anniversary Update di agosto 2016, il menu è stato modificato: i comandi principali sono inseriti a sinistra sopra il tasto Start in una colonna stretta e non hanno più l'etichetta ma solo l'icona. Il tasto "Tutte le app" è stato rimosso e per visualizzare la lista dei programmi occorre agire sulla barra di scorrimento a destra. In alto c'è un comando che permette di visualizzare i nomi dei comandi principali (in pratica diventano come nella build precedente). L'icona dell'account è stata ridimensionata e non è più in alto ma è la prima di quelli della colonna stretta in basso a sinistra.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica