LXDE

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lightweight X11 Desktop Environment
Logo
Schermata di LXDE
Schermata di LXDE
Sviluppatore LXDEsystems, LXDE Community
Data prima versione 2006
Ultima versione 0.99 (24 ottobre 2014)
Sistema operativo Unix-like
Linguaggio C
Toolkit GTK+ e Qt
Genere Desktop environment
Licenza GNU GPL
(licenza libera)
Lingua Multilingua (più di 35 lingue)
Sito web

LXDE (Lightweight X11 Desktop Environment) è un ambiente desktop libero per distribuzioni GNU/Linux e sistemi operativi Unix-like.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne creato nel 2006 dal programmatore taiwanese Hong Jen Yee, con l'obiettivo di essere estremamente leggero e reattivo, basandolo sui toolkit GTK+.

Il 21 luglio 2013, il team di sviluppo di Razor-qt ha annunciato che si sarebbe fuso con LXDE, dando vita ad un nuovo ambiente desktop LXDE-Qt: LXQt[1] come naturale evoluzione dei due sistemi, di cui la prima release (versione 0.7.0) è stata resa disponibile il 7 maggio 2014.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante sia stato progettato per operare su dispositivi a basse prestazioni come netbook o vecchi computer, LXDE offre un ambiente desktop completo. Tuttavia, contrariamente a GNOME e KDE, manca nativamente di alcuni tools grafici di configurazione; ciò comporta che alcune impostazioni debbano essere configurate manualmente dall'utente tramite file di testo.

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

I componenti di LXDE sono tra loro indipendenti e perfettamente utilizzabili anche in altri ambienti desktop. Tra essi abbiamo:

LXDE nelle distribuzioni GNU/Linux[modifica | modifica wikitesto]

Alcune distribuzioni GNU/Linux che usano LXDE sono:

  • Arch Linux[2]
  • ConnochaetOS: moderna distro creata per l'uso su PC obsoleti, basata su ArchLinux, ma completamente riscritta; consente (dalla versione 0.9.1) l'installazione di LXDE
  • Debian
  • eXPress-linux: Una distribuzione basata su Ubuntu ed LXDE
  • Fedora
  • Gentoo Linux[3]
  • gOS, gOS3, distribuzione con LXDE che usa i Google Gadgets dedicata per l'utilizzo intensivo del web[4]
  • Greenie: Sistema operativo basato su Ubuntu con LXDE come ambiente desktop
  • Knoppix: Live CD Debian-based dalla versione 6 con LXDE di default
  • Lubuntu: versione di Ubuntu basata appunto sull'ambiente desktop LXDE e su Openbox come window manager
  • LXLE: distribuzione GNU/Linux basata su Lubuntu, ma con altre sue caratteristiche
  • MoonOS: una distribuzione derivata da Ubuntu disponibile sia con LXDE, sia con Enlightenment come window manager predefiniti
  • Myah OS 3.0 Box edition: LXDE sapore di Myah OS
  • Nova, la distribuzione cubana, nella sua versione Ligero ha una shell derivata da LXDE.
  • openSUSE: a partire dalla versione 11.3, LXDE è disponibile sul supporto DVD
  • PCLinuxOS: Distribuzione derivata da Mandrake Linux, ma ormai da tempo indipendente; offerta con differenti DE: uno dei quali è LXDE
  • PUD GNU/Linux: basata su Ubuntu linux, e un Live CD installabile con LXDE
  • Sabayon Linux: Distribuzione italiana che offre, fra gli altri, una versione con preinstallato LXDE
  • Salix OS: Distribuzione basata su Slackware che offre una versione con LXDE
  • Slitaz: Live CD estremamente piccolo che utilizza la maggior parte dei componenti di LXDE[5]
  • TinyMe: PCLinuxOS-basata sulla piccola distribuzione con alcuni componenti del LXDE
  • Trisquel mini: versione più leggera e minimale di Trisquel GNU/Linux con ambiente desktop LXDE
  • U-lite (ex Ubuntulite): Distribuzione con LXDE derivata da Ubuntu[6]
  • Ubuntu Plume: Una distribuzione basata su Ubuntu
  • Vectorlinux LITE: VectorLinux edizione LITE

LXDE può essere installato opzionalmente anche su distribuzioni con altri ambienti desktop:

  • Linux Mint[7]

LXDE in altri sistemi Unix-like[modifica | modifica wikitesto]

  • PC-BSD: a partire dalla versione 9.0, LXDE è disponibile anche in PC-BSD.

Galleria di screenshots[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The future of Razor and LXDE-Qt di Jerome Leclanche, 21 luglio 2013
  2. ^ Arch Linux Packages - LXDE, archlinux.org.
  3. ^ Gentoo Packages - LXDE, packages.gentoo.org.
  4. ^ Mark Hachman, New gOS Linux OS Surrounded by Netbooks, pcmag.com. URL consultato il 7 agosto 2008.
  5. ^ Gary Richmond, SliTaz live CD: small but beautifully marked, freesoftwaremagazine.com. URL consultato il 13 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2009).
  6. ^ Scott Gilbertson, Lightweight Linux Desktop Proves Popular with Netbooks, webmonkey.com. URL consultato il 7 agosto 2008.
  7. ^ How to Instal and Manage Multiple Desktop Environments Using GUI, community.linuxmint.com. URL consultato il 29 novembre 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]