Centro PC portatile Windows

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Centro PC portatile Windows
software
Genere
SviluppatoreMicrosoft
Sistema operativoWindows 10
Licenza(licenza non libera)

Il Centro PC portatile Windows è un componente di Microsoft Windows, introdotto in Windows Vista, che centralizza le informazioni e le impostazioni più rilevanti per il mobile computing.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un centro di mobilità che mostrava le impostazioni dei dispositivi mobili venne mostrato per la prima volta durante la conferenza di ingegneria hardware di Windows del 2004. Si basava sul design dell'interfaccia utente di Activity Center che aveva origine dal progetto "Neptune" di Windows abbandonato ed era previsto per essere incluso in Windows Vista, allora noto con il nome in codice Longhorn.[1][2]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

L'interfaccia utente di Windows Mobility Center è composta da riquadri quadrati che contengono ciascuno informazioni e impostazioni relative a un componente, quali impostazioni audio, durata della batteria e schemi di alimentazione, luminosità del display, potenza e stato della rete wireless. I riquadri visualizzati nell'interfaccia dipendono dall'hardware del sistema e dai driver di dispositivo.[3][4]

Windows Mobility Center si trova nel pannello di controllo di Windows e può essere avviato anche premendo i tasti Win+X in Windows Vista e 7. Per impostazione predefinita, WMC è inaccessibile sui computer desktop, ma questa limitazione può essere ignorata se si modifica il Registro di Windows.[5]

Windows Mobility Center è estensibile; I produttori di apparecchiature originali possono personalizzare l'interfaccia con tessere aggiuntive e marchio aziendale.[4] Sebbene non sia supportato da Microsoft, è possibile che i singoli sviluppatori creino anche riquadri per l'interfaccia.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Thurrott, WinHEC 2004 'Longhorn' Prototypes Gallery, in Supersite for Windows, Penton Media, 6 ottobre 2010. URL consultato il 1º giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2017).
  2. ^ Paul Thurrott, WinHEC 2004: Microsoft Merges Tablet PC Future into Wider Mobile Computing Vision, in Windows IT Pro, Penton, 5 maggio 2004. URL consultato il 6 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ Microsoft, Using Windows Mobility Center, su windows.microsoft.com. URL consultato il 24 maggio 2015.
  4. ^ a b Mike Pautz, Guy Barker e Alec Berntson, Windows Mobility Center - Extensibility (PDF), Microsoft, luglio 2006. URL consultato il 24 maggio 2015.
  5. ^ Shawn Brink, How to Enable Windows Mobility Center on a Desktop Computer, in Windows Vista Forums, Designer Media Ltd, 6 aprile 2009. URL consultato il 24 maggio 2015.
  6. ^ Long Zheng, Extending the Windows Mobility Center with third party tiles – Rafael releases 'Display Off' tile, in istartedsomething, 21 dicembre 2007. URL consultato il 24 maggio 2015.
Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica