OTR-22

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da SS-12 Scaleboard)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "SS-12" rimanda qui. Se stai cercando il missile antinave sovietico, vedi SS-N-12 Sandbox, per il missile antinave francese, vedi Aerospatiale SS.12/AS.12.
OTR-22
SS-12 Scaleboard
SS-22 Scaleboard
TR-1 Temp
9P120 Temp-s.jpg
Lanciatore 9P120
Descrizione
Tipomissile balistico a medio raggio
Impiegoterrestre su rampa mobile stradale
Sistema di guidainerziale
ProgettistaNadiradze OKB
CostruttoreIndustrie di Stato
In servizio1969
Ritiro dal servizio1989
Utilizzatore principaleForze armate sovietiche
Esemplari718
Peso e dimensioni
Peso9.700 kg
Lunghezza12,4 m
Diametro1,01 m
Prestazioni
Gittata900 km
CEP
errore massimo
370 metri
MotoreSingolo stadio a propellente liquido
Testata1 x 500 chilotoni
noteDati riferiti allo SS-22 Scaleboard/SS-12M Scaleboard B/SS-12B/SS-12 Mod. 2
[1]
voci di missili presenti su Wikipedia

L'OTR-22[2] era un missile balistico a medio raggio sovietico, sviluppato a partire dagli anni sessanta. Venne radiato in seguito al Trattato INF, e la demolizione degli esemplari costruiti si concluse alla fine degli anni ottanta. In Occidente è conosciuto con il nome in codice NATO di SS-12/SS-22 Scaleboard.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il missile Temp-S (9M76) venne sviluppato da Nadiradze presso l'NII-1. Entrato in servizio nelle forze armate sovietiche a partire dal 1969, ricevette dalla NATO la codifica di SS-12 Scaleboard. Nel 1979, ne venne realizzata una versione perfezionata, di dimensioni identiche ma con prestazioni migliorate. In Occidente, il missile fu inizialmente chiamato SS-22, nella convinzione che si trattasse di un sistema completamente nuovo. Quando successivamente ci si rese conto che in realtà era un'evoluzione del già conosciuto Temp, si decise di ridesignarlo SS-12M Scaleboard B. Questo missile, comunque, è conosciuto anche con i nomi di SS-12B ed SS-12 Mod. 2[1].

A partire dai primi anni ottanta, i sovietici iniziarono a sostituire gli SS-12 con la nuova versione SS-12B/SS-22, oltre che a sviluppare gli SS-23 Spider per immetterli in servizio al posto degli SS-1 Scud[1].

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Complessivamente ne furono costruiti 718 esemplari. Si trattava di un'arma di prima linea e di teatro, con una gittata che li metteva in grado di colpire obiettivi in Europa Occidentale pur essendo schierati in territorio sovietico[1].

Questi missili furono comunque radiati in seguito alla ratifica del Trattato INF, l'8 dicembre 1987. Le demolizioni iniziarono il 1º agosto 1988 presso l'installazione di Saryozek, e si conclusero il 25 agosto dell'anno successivo, quando anche l'ultimo esemplare fu smantellato. I veicoli da trasporto TEL degli SS-12/22 (e degli SS-23) vennero invece eliminati a Stan'kovo[1].

L'Unione Sovietica fu l'unico Paese ad immettere in servizio queste armi. Le voci su 5 esemplari che sarebbero stati trasportati a Cuba via mare nel 1991 sarebbero prive di fondamento[1].

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'SS-12 Scaleboard era un missile monostadio su rampa mobile TEL. Quest'ultima era basata su un MAZ-543 8x8, la stessa dello Scud[1].

Questa arma aveva una lunghezza di 12,4 m ed un diametro di 1,01, con un peso al lancio di 9.700 kg. Il sistema di guida era di tipo inerziale, e la testata aveva una potenza massima di 500 chilotoni. il motore era a propellente liquido, piuttosto simile a quello dell'SS-1, rispetto al quale aveva però prestazioni superiori. Le due versioni realizzate differivano tra loro essenzialmente per gittata massima e precisione, mentre le altre caratteristiche tecniche erano le medesime[1].

  • SS-12 Mod 1: 800 km di gittata, con precisione di 750 m;
  • SS-12 Mod 2: 900 km di gittata, con precisione di 370 m.

L'SS-12/SS-22, inoltre, era caratterizzato dal fatto di essere tenuto, mentre era sul TEL, all'interno di un apposito contenitore protettivo, completamente chiuso[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i fas.org.
  2. ^ janes.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]