Riccardo Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Russo
Nazionalità Italia Italia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera in Supersport
Esordio 2013
Miglior risultato finale 14º
Gare disputate 24
Punti ottenuti 104
Carriera in Superbike
Esordio 2014
Miglior risultato finale 28º
Gare disputate 27
Punti ottenuti 18
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2014
Gare disputate 5
 

Riccardo Russo (Maddaloni, 10 ottobre 1992) è un pilota motociclistico italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizia con il motociclismo sportivo correndo con delle minimoto, per poi prendere parte nel 2008 ad una gara della classe 125 nel campionato italiano velocità. Continua nella classe 125 italiana anche il 2009, questa volta partecipando al campionato completo con una Aprilia RS 125 R del team Ellegi Racing, classificandosi nono con 34 punti nella graduatoria piloti.

Nel 2010 inizia la sua esperienza con le moto derivate dalla serie guidando una Yamaha YZF R6 del team Bike e Motoracing nella categoria Stock 600 del campionato italiano, chiudendo quinto con 58 punti. Nello stesso anno ottiene tre wild card per il campionato europeo Superstock 600, conquistando 24 punti ed il diciassettesimo posto in classifica. Doppio impegno per Russo nel 2011, quando prende parte sia al CIV che alla sua prima stagione da pilota titolare nell'europeo Superstock 600 con il team Trasimeno. I risultati stagionali lo vedono secondo con 116 punti in ambito nazionale e sesto con 94 punti in ambito continentale.

Migliora i suoi riscontri nel 2012, arrivando secondo nel campionato europeo Superstock 600 con una Yamaha YZF R6 del team Italia FMI e vincendo il campionato italiano velocità. Esordisce in una competizione mondiale nel 2013 quando è iscritto al campionato mondiale Supersport con una Kawasaki ZX-6R del team Puccetti Racing Kawasaki. Ottiene come miglior risultato un quarto posto nel Gran Premio d'Italia a Monza.

Nel 2014 continua a disputare il mondiale Supersport, passando però al team Lorini che gli affida una Honda CBR600RR.[1]. Nella stessa stagione debutta nel mondiale Superbike in sella alla Kawasaki ZX-10R (moto iscritta alla classe EVO) del team Pedercini, lasciata libera dall'infortunio di Luca Scassa.[2] Nello stesso anno corre anche cinque gare nella classe Moto2 del motomondiale con la Suter MMX2 del team Tasca Racing in sostituzione di Alex De Angelis. In Supersport chiude diciassettesimo con 25 punti, in Superbike chiude trentesimo con 5 punti, in Moto2 non prende punti.

Il 20 ottobre 2014 sigla il contratto con il team CIA Landlords Insurance Honda per partecipare nel 2015 al campionato mondiale Supersport.[3] Partecipa alle prime otto gare della stagione totalizzando 31 punti che gli valgono il sedicesimo posto nel mondiale. Termina la stagione 2015 nella Superstock 1000 FIM Cup partecipando alle ultime due gare in calendario in sella ad una Yamaha YZF-R1 del team G.M. Racing, totalizzando 13 punti.

Nel 2016 diventa pilota titolare nella Superstock 1000 FIM Cup, portando in pista, assieme al francese Florian Marino, la Yamaha del team Pata Yamaha Official Stock Team. In questa stagione è costretto a saltare il Gran Premio d'Inghilterra e quelli in Italia a Imola e Misano a causa di una frattura a tibia e perone rimediate ad Assen dove partiva dalla pole position.[4] Rientra per il Gran Premio di Germania al Lausitzring dove coglie il primo podio di categoria giungendo terzo. Chiude la stagione al nono posto con quarantanove punti ottenuti. Nel 2017 si trasferisce nel campionato mondiale Superbike in sella ad una Yamaha YZF-R1 del team Guandalini Racing.[5] A partire dal Gran Premio degli Stati Uniti a Laguna Seca, il suo posto in squadra viene preso da Jakub Smrž.[6] Il 09 agosto 2017 ritorna in Superbike grazie al team Pedercini dove guiderà la Kawasaki ZX-10R lasciata libera da Alex De Angelis.[7] Chiude la stagione al ventottesimo posto in classifica piloti con tredici punti ottenuti. Nel 2018 torna ad essere pilota titolare nella Superstock 1000 FIM Cup, alla guida di una Kawasaki ZX-10R gestita dal team C.M. racing A.S.D.[8]

Risultati in gara[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale Supersport[modifica | modifica wikitesto]

2013 Moto Flag of Australia.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of Russia.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Turkey.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Punti Pos.
Kawasaki 5 14 4 14 Rit Rit AN Rit 6 Rit 6 48 14º
2014 Moto Flag of Australia.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Honda 8 Rit 14 8 13 12 25 17º
2015 Moto Flag of Australia.svg Flag of Thailand.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Honda Rit Rit 11 10 8 12 Rit 8 31 16º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Campionato mondiale Superbike[modifica | modifica wikitesto]

2014 Moto Flag of Australia.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Kawasaki 17 14 14 15 5 30º
2017 Moto Flag of Australia.svg Flag of Thailand.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Germany.svg Flag of Portugal.svg Flag of France.svg Flag of Spain.svg Flag of Qatar.svg Punti Pos.
Yamaha e Kawasaki 16 Rit 17 12 16 Rit Rit Rit Rit Rit Rit 12 Rit NP Rit Rit 14 14 15 16 17 16 13 28º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

Motomondiale[modifica | modifica wikitesto]

2014 Classe Moto Flag of Qatar.svg Flag of Texas.svg Flag of Argentina.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Italy.svg Flag of Catalonia.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Germany.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Czech Republic.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of San Marino.svg Flag of Aragon.svg Flag of Japan.svg Flag of Australia.svg Flag of Malaysia.svg Flag of the Land of Valencia (official).svg Punti Pos.
Moto2 Suter 23 23 Rit 24 Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Worldsbk.com, Riccardo Russo passa al Team Lorini, in Worldsbk.com, 5 dicembre 2013.
  2. ^ infullgear.com, Riccardo Russo debutta tra i grandi, in infullgear.com, 19 giugno 2014.
  3. ^ Il pilota casertano Russo torna in sella: firmato contratto in Supersport [collegamento interrotto], in Noi.Caserta.it, 20 novembre 2014.
  4. ^ Redazione Corsedimoto, Superstock Addio titolo Ricky Russo fuori tre mesi, in corsedimoto.com, 19 aprile 2016.
  5. ^ Sbk, Russo firma con il Team Guandalini, tuttosport.com, 5 novembre 2016.
  6. ^ SBK 2017: Jakub Smrz a Laguna Seca con Guandalini, motoblog.it, 22 giugno 2017.
  7. ^ SBK. Riccardo Russo torna in sella: da domenica in pista con la Kawasaki del Team Pedercini, in LaRampa.it, 09 agosto 2017. (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2017).
  8. ^ Superstock: Riccardo Russo riparte dall’Europeo con CM Racing, in corsedimoto.com, 17 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]