Gran Premio di superbike di Phillip Island 2014

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Australia Gran Premio di Phillip Island 2014
Gara del Mondiale Superbike
Gara 1 su 12 del 2014
Phillip Island Grand Prix Circuit.svg
Data 23 febbraio 2014
Luogo Phillip Island
Percorso 4,445 km
Risultati
Superbike gara 1
Distanza 22 giri, totale 97,790 km
Pole position Giro più veloce
Francia Sylvain Guintoli Regno Unito Chaz Davies
Aprilia in 1min 30s 038ms Ducati in 1min 30s 949ms
(nel giro 2 di 22)
Podio
1. Irlanda Eugene Laverty
Suzuki
2. Italia Marco Melandri
Aprilia
3. Francia Sylvain Guintoli
Aprilia
Superbike gara 2
Distanza 14 giri, totale 62,230 km
Pole position Giro più veloce
Francia Sylvain Guintoli Francia Sylvain Guintoli
Aprilia in 1min 30s 038ms Aprilia in 1min 31s 421ms
(nel giro 12 di 14)
Podio
1. Francia Sylvain Guintoli
Aprilia
2. Francia Loris Baz
Kawasaki
3. Regno Unito Tom Sykes
Kawasaki
Supersport
Distanza 5 giri, totale 22,225 km
Pole position Giro più veloce
Turchia Kenan Sofuoğlu Italia Roberto Tamburini
Kawasaki in 1min 32s 769ms Kawasaki in 1min 33s 883ms
(nel giro 4 di 5)
Podio
1. Francia Jules Cluzel
MV Agusta
2. Regno Unito Kev Coghlan
Yamaha
3. Italia Raffaele De Rosa
Honda

Il Gran Premio di superbike di Phillip Island 2014 è stato la prima prova del mondiale superbike del 2014, nello stesso fine settimana si è corso il primo gran premio stagionale del mondiale supersport del 2014.

Le due gare valide per il mondiale Superbike hanno registrato le vittorie di: Eugene Laverty in gara 1 e di Sylvain Guintoli in gara 2. La gara del mondiale Supersport è stata vinta da Jules Cluzel.

Superbike[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[1]

Vittoria nella gara inauguarale della stagione 2014 del mondiale Superbike per Eugene Laverty, con il pilota irlandese che realizza la sua personale tredicesima affermazione in carriera nel mondiale Superbike, riportando al primo posto la Suzuki GSX-R1000 a distanza di quattro anni dall'ultimo successo di Leon Haslam al GP di Kyalami del 2010. Secondo e terzo posto per i due piloti del team Aprilia Racing, con Marco Melandri che sopravanza di pochi millesimi il compagno di squadra Sylvain Guintoli.

Solo settimo posto per il campione del mondo in carica Tom Sykes, con David Salom che grazie al nono posto sul traguardo risulta il miglior pilota della classe EVO.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
58 Irlanda Eugene Laverty Voltcom Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 22 33min 39s 440ms 25
33 Italia Marco Melandri Aprilia Racing Aprilia RSV4 Factory 22 +2.959 20
50 Francia Sylvain Guintoli Aprilia Racing Aprilia RSV4 Factory 22 +3.034 16
34 Italia Davide Giugliano Ducati Superbike Ducati 1199 Panigale R 22 +6.972 13
76 Francia Loris Baz Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 22 +11.132 11
65 Regno Unito Jonathan Rea PATA Honda Honda CBR1000RR 22 +11.718 10
1 Regno Unito Tom Sykes Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 22 +15.612 9
7 Regno Unito Chaz Davies Ducati Superbike Ducati 1199 Panigale R 22 +25.724 11º 8
44 Spagna David Salom Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R EVO 22 +37.407 12º 7
10º 59 Italia Niccolò Canepa Althea Racing Ducati 1199 Panigale R EVO 22 +37.468 10º 6
11º 14 Australia Glenn Allerton BMW Motorrad Italia BMW S1000 RR EVO 22 +39.271 19º 5
12º 9 Francia Fabien Foret MAHI Racing Team India Kawasaki ZX-10R EVO 22 +45.212 15º 4
13º 71 Italia Claudio Corti MV Agusta RC-Yakhnich M. MV Agusta F4 RR 22 +50.249 14º 3
14º 11 Francia Jérémy Guarnoni MRS Kawasaki Kawasaki ZX-10R EVO 22 +1:17.134 17º 2
15º 32 Sudafrica Sheridan Morais IRON BRAIN Kawasaki Kawasaki ZX-10R EVO 22 +1:23.686 18º 1
16º 10 Ungheria Imre Tóth BMW Team Toth BMW S1000 RR 22 +1:30.651 20º
17º 20 Stati Uniti Aaron Yates Hero EBR EBR 1190 RX 21 +1 giro 22º

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
21 Italia Alessandro Andreozzi Team Pedercini Kawasaki ZX-10R EVO 14 16º
91 Regno Unito Leon Haslam PATA Honda Honda CBR1000RR 4
22 Regno Unito Alex Lowes Voltcom Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 3
24 Spagna Toni Elías Red Devils Roma Aprilia RSV4 Factory 3 13º

Non partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
12 Australia Mathew Walters Team Pedercini Kawasaki ZX-10R EVO 21º
99 Stati Uniti Geoff May Hero EBR EBR 1190 RX

Non qualificato[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta
56 Ungheria Péter Sebestyén BMW Team Toth BMW S1000 RR EVO

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[2]

La seconda gara viene interrotta al quindicesimo giro quando Eugene Laverty, vincitore di gara 1, rompe il propulsore della sua Suzuki GSX-R1000 costringendo i commissari di gara ad esporre la bandiera rossa e a fermare la competizione. La vittoria viene assegnata pertanto a Sylvain Guintoli, che si trovava in testa al quattordicesimo giro (la classifica viene stilata il giro precedente l'esposizione della bandiera rossa) con i due piloti del team Kawasaki Racing, Loris Baz e Tom Sykes, rispettivamente secondo e terzo.

Così come accaduto in gara 1, anche in gara 2 David Salom si conferma migliore dei piloti con moto che seguono il regolamento EVO.

Al termine delle due gare svoltesi in Australia, la situazione nella classifica mondiale piloti vede: Guintoli in testa con 41 punti, secondo Baz con 31 punti e terzo Marco Melandri con 28.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
50 Francia Sylvain Guintoli Aprilia Racing Aprilia RSV4 Factory 14 21min 34s 034ms 25
76 Francia Loris Baz Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 14 +0.283 20
1 Regno Unito Tom Sykes Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 14 +1.103 16
34 Italia Davide Giugliano Ducati Superbike Ducati 1199 Panigale R 14 +2.052 13
65 Regno Unito Jonathan Rea PATA Honda Honda CBR1000RR 14 +4.951 11
91 Regno Unito Leon Haslam PATA Honda Honda CBR1000RR 14 +5.673 10
7 Regno Unito Chaz Davies Ducati Superbike Ducati 1199 Panigale R 14 +9.664 11º 9
33 Italia Marco Melandri Aprilia Racing Aprilia RSV4 Factory 14 +10.574 8
24 Spagna Toni Elías Red Devils Roma Aprilia RSV4 Factory 14 +11.682 13º 7
10º 44 Spagna David Salom Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R EVO 14 +15.065 12º 6
11º 59 Italia Niccolò Canepa Althea Racing Ducati 1199 Panigale R EVO 14 +16.294 10º 5
12º 9 Francia Fabien Foret MAHI Racing Team India Kawasaki ZX-10R EVO 14 +16.919 15º 4
13º 22 Regno Unito Alex Lowes Voltcom Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 14 +19.694 3
14º 32 Sudafrica Sheridan Morais IRON BRAIN Kawasaki Kawasaki ZX-10R EVO 14 +27.266 18º 2
15º 14 Australia Glenn Allerton BMW Motorrad Italia BMW S1000 RR EVO 14 +27.845 19º 1
16º 11 Francia Jérémy Guarnoni MRS Kawasaki Kawasaki ZX-10R EVO 14 +29.431 17º
17º 21 Italia Alessandro Andreozzi Team Pedercini Kawasaki ZX-10R EVO 14 +36.393 16º
18º 71 Italia Claudio Corti MV Agusta RC-Yakhnich M. MV Agusta F4 RR 14 +37.018 14º
19º 10 Ungheria Imre Tóth BMW Team Toth BMW S1000 RR 14 +54.093 20º
20º 20 Stati Uniti Aaron Yates Hero EBR EBR EBR 1190 RX 14 +1:13.385 22º

Ritirato[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
58 Irlanda Eugene Laverty Voltcom Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 14

Non partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
12 Australia Mathew Walters Team Pedercini Kawasaki ZX-10R EVO 21º
99 Stati Uniti Geoff May Hero EBR EBR 1190 RX

Non qualificato[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta
56 Ungheria Péter Sebestyén BMW Team Toth BMW S1000 RR EVO

Supersport[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[3]

Vittoria nella gara inaugurale del mondiale Supersport per Jules Cluzel con la MV Agusta F3 675 del team MV Agusta RC-Yakhnich M., con il pilota francese che porta la prima affermazione in questo campionato alla MV Agusta.

La gara, svoltasi in sole cinque tornate, è stata inizialmente interrotta e poi fatta ripartire (per soli 5 giri) a causa della rottura del motore della Honda CBR600RR di Jack Kennedy.

Caduto l'autore della pole position Kenan Sofuoğlu, completano i due gradini del podio Kev Coghlan, secondo con la Yamaha YZF R6, e Raffaele De Rosa con la Honda CBR600RR.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
16 Francia Jules Cluzel MV Agusta RC-Yakhnich M. MV Agusta F3 675 5 7min 57s 585ms 14º 25
88 Regno Unito Kev Coghlan DMC Panavto-Yamaha Yamaha YZF R6 5 +0.224 20
35 Italia Raffaele De Rosa Core PTR Honda Honda CBR600RR 5 +0.317 16
21 Francia Florian Marino Kawasaki Intermoto Ponyexpres Kawasaki ZX-6R 5 +0.347 11º 13
5 Italia Roberto Tamburini San Carlo Puccetti Racing Kawasaki ZX-6R 5 +0.822 11
19 Germania Kevin Wahr RS Wahr by Kraus Racing Yamaha YZF R6 5 +4.010 13º 10
81 Regno Unito Graeme Gowland Smiths Triumph Triumph 675 R 5 +5.282 18º 9
84 Italia Riccardo Russo Team Lorini Honda CBR600RR 5 +5.310 17º 8
61 Italia Fabio Menghi VFT Racing Yamaha YZF R6 5 +5.517 16º 7
10º 11 Italia Christian Gamarino Team Go Eleven Kawasaki ZX-6R 5 +5.858 15º 6
11º 44 Italia Roberto Rolfo Team Go Eleven Kawasaki ZX-6R 5 +6.491 19º 5
12º 9 Paesi Bassi Tony Coveña Kawasaki Ponyexpres Intermoto Kawasaki ZX-6R 5 +7.873 20º 4
13º 7 Spagna Nacho Calero CIA Insurance Honda Honda CBR600RR 5 +10.163 22º 3
14º 24 Italia Marco Bussolotti Team Lorini Honda CBR600RR 5 +12.406 21º 2
15º 89 Regno Unito Fraser Rogers Com Plus SMS Racing Honda CBR600RR 5 +12.622 23º 1
16º 52 Australia Ryan Taylor Oz Wildcard Racing Yamaha YZF R6 5 +12.845 24º
17º 161 Russia Alexey Ivanov DMC Panavto-Yamaha Yamaha YZF R6 5 +12.892 25º

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
14 Thailandia Ratthapark Wilairot Core PTR Honda Honda CBR600RR 3
67 Australia Bryan Staring Rivamoto Honda CBR600RR 2 10º
60 Paesi Bassi Michael van der Mark PATA Honda Honda CBR600RR 2
54 Turchia Kenan Sofuoğlu MAHI Racing Team India Kawasaki ZX-6R 1
3 Australia Billy McConnell Smiths Triumph Triumph 675 R 0 12º

Ritirati nella prima parte di gara[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
4 Irlanda Jack Kennedy CIA Insurance Honda Honda CBR600RR
99 Stati Uniti Patrick Jacobsen Kawasaki Intermoto Ponyexpres Kawasaki ZX-6R
65 Russia Vladimir Leonov MV Agusta RC-Yakhnich M. MV Agusta F3 675

Non partito[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
26 Italia Lorenzo Zanetti PATA Honda Honda CBR600RR

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Phillip Island, Superbike - Results Race 1, su sbk.perugiatiming.com, 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2015).
  2. ^ Phillip Island, Superbike - Results Race 2, su sbk.perugiatiming.com, 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2015).
  3. ^ Phillip Island, Supersport - Results Race, su sbk.perugiatiming.com, 23 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale Superbike - Stagione 2014
Flag of Australia.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Italy.svg Flag of Portugal.svg Flag of the United States.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg
Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2013
Gran Premio di superbike di Phillip Island
Altre edizioni
Edizione successiva:
2015
Moto Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto