Gran Premio di superbike di Losail 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Qatar Gran Premio di Losail 2015
Gara del Mondiale Superbike
Gara 13 su 13 del 2015
Losail.svg
Data 18 ottobre 2015
Nome ufficiale Pirelli Qatar Round
Luogo Losail
Percorso 5,380 km
Risultati
Superbike gara 1
Distanza 17 giri, totale 91,460 km
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Tom Sykes Regno Unito Tom Sykes
Kawasaki in 1min 56s 821ms Kawasaki in 1min 57s 317ms
(nel giro 2 di 17)
Podio
1. Spagna Jordi Torres
Aprilia
2. Regno Unito Jonathan Rea
Kawasaki
3. Regno Unito Tom Sykes
Kawasaki
Superbike gara 2
Distanza 17 giri, totale 91,460 km
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Tom Sykes Regno Unito Leon Haslam
Kawasaki in 1min 56s 821ms Aprilia in 1min 58s 068ms
(nel giro 3 di 17)
Podio
1. Regno Unito Leon Haslam
Aprilia
2. Regno Unito Chaz Davies
Ducati
3. Regno Unito Tom Sykes
Kawasaki
Supersport
Distanza 15 giri, totale 80,700 km
Pole position Giro più veloce
Turchia Kenan Sofuoğlu Regno Unito Kyle Smith
Kawasaki in 2min 00s 989ms Honda in 2min 02s 122ms
(nel giro 7 di 15)
Podio
1. Regno Unito Kyle Smith
Honda
2. Turchia Kenan Sofuoğlu
Kawasaki
3. Italia Lorenzo Zanetti
MV Agusta

Il Gran Premio di superbike di Losail 2015 è stato la tredicesima prova del mondiale superbike del 2015, nello stesso fine settimana si è corso il dodicesimo gran premio stagionale del mondiale supersport del 2015.

Con entrambi i titoli mondiali già assegnati da qualche gara, tutta l'attenzione è sul duello tra Tom Sykes e Chaz Davies per il secondo posto nel mondiale. Ad avere la meglio è Davies, che con un quarto posto in gara 1 ed un secondo posto in gara 2 mantiene a distanza Tom Sykes e chiude secondo in campionato. Gara 1 è stata vinta da Jordi Torres, alla prima vittoria in carriera in questa categoria, ed è anche l'unico pilota non britannico a vincere una gara del mondiale Superbike nel 2015. Gara 2 è stata vinta da Leon Haslam, che non vinceva dalla gara inaugurale in Australia. Da segnalare il primo ritiro stagionale, proprio all'ultima gara dell'ultimo gran premio, per il neo campione mondiale Jonathan Rea, che non riesce a battere il primato di 552 punti stagionali ottenuto da Colin Edwards nella stagione 2002.

Nel mondiale Supersport, Kyle Smith ottiene la sua prima vittoria di categoria, facendo segnare anche il giro più veloce in gara. Il detentore della pole position e campione mondiale 2015, Kenan Sofuoğlu, si piazza secondo e contestualmente porta alla Kawasaki il titolo costruttori. Terzo Lorenzo Zanetti a bordo dell MV Agusta.

Superbike[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[1]

Vittoria in gara 1 per Jordi Torres con l'Aprilia, con Jonathan Rea secondo a precedere il compagno di squadra Tom Sykes, autore della Superpole e del giro veloce, ancora in lotta per il secondo posto nel mondiale con Chaz Davies. Al termine di questa gara il distacco tra i due si è ridotto a soli 13 punti.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
81 Spagna Jordi Torres Aprilia Racing Team - Red Devils Aprilia RSV4 RF 17 33min 40s 883 25
65 Regno Unito Jonathan Rea Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 17 +0.726 20
66 Regno Unito Tom Sykes Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 17 +6.579 16
7 Regno Unito Chaz Davies Aruba.it Racing-Ducati SBK Ducati Panigale R 17 +7.889 13
60 Paesi Bassi Michael van der Mark PATA Honda Honda CBR1000RR 17 +13.512 11
91 Regno Unito Leon Haslam Aprilia Racing Team - Red Devils Aprilia RSV4 RF 17 +17.755 10
112 Spagna Xavi Forés Aruba.it Racing-Ducati SBK Ducati Panigale R 17 +23.590 9
44 Spagna David Salom Team Pedercini Kawasaki ZX-10R 17 +26.417 11º 8
36 Argentina Leandro Mercado Barni Racing Ducati Panigale R 17 +26.489 10º 7
10º 1 Francia Sylvain Guintoli PATA Honda Honda CBR1000RR 17 +27.979 12º 6
11º 86 Italia Ayrton Badovini BMW Motorrad Italia BMW S1000 RR 17 +28.120 14º 5
12º 14 Francia Randy De Puniet VOLTCOM Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 17 +34.064 4
13º 75 Ungheria Gábor Rizmayer BMW Team Toth BMW S1000 RR 17 +1:09.123 18º 3
14º 23 Francia Christophe Ponsson Team Pedercini Kawasaki ZX-10R 17 +1:10.996 21º 2
15º 45 Italia Gianluca Vizziello Grillini SBK Kawasaki ZX-10R 17 +1:13.892 17º 1
16º 48 Australia Alex Phillis Grillini SBK Kawasaki ZX-10R 17 +1:30.797 19º
17º 10 Ungheria Imre Tóth BMW Team Toth BMW S1000 RR 16 +1 giro 20º

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
59 Italia Niccolò Canepa Althea Racing Ducati Panigale R 10 13º
40 Spagna Román Ramos Team Go Eleven Kawasaki ZX-10R 7 16º
22 Regno Unito Alex Lowes VOLTCOM Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 9
2 Regno Unito Leon Camier MV Agusta Reparto Corse MV Agusta F4 RR 0 15º

Non partito[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
15 Italia Matteo Baiocco Althea Racing Ducati Panigale R

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[2]

Vittoria in gara 2 per Leon Haslam con l'Aprilia, autore anche del giro più veloce. Chaz Davies, grazie al secondo posto maturato in questa gara, tiene a distanza il rivale Tom Sykes e chiude secondo nel mondiale con 416 punti contro i 399 del pilota britannico della Kawasaki.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
91 Regno Unito Leon Haslam Aprilia Racing Team - Red Devils Aprilia RSV4 RF 17 33min 45s 745ms 25
7 Regno Unito Chaz Davies Aruba.it Racing-Ducati SBK Ducati Panigale R 17 +0.110 20
66 Regno Unito Tom Sykes Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 17 +0.388 16
60 Paesi Bassi Michael van der Mark PATA Honda Honda CBR1000RR 17 +7.653 13
1 Francia Sylvain Guintoli PATA Honda Honda CBR1000RR 17 + 14.487 12º 11
36 Argentina Leandro Mercado Barni Racing Ducati Panigale R 17 + 19.363 10º 10
14 Francia Randy De Puniet VOLTCOM Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 17 + 22.468 9
59 Italia Niccolò Canepa Althea Racing Ducati Panigale R 17 +22.530 13º 8
44 Spagna David Salom Team Pedercini Kawasaki ZX-10R 17 +27.596 11º 7
10º 86 Italia Ayrton Badovini BMW Motorrad Italia BMW S1000 RR 17 +29.294 14º 6
11º 23 Francia Christophe Ponsson Team Pedercini Kawasaki ZX-10R 17 +1:02.181 21º 5
12º 45 Italia Gianluca Vizziello Grillini SBK Kawasaki ZX-10R 17 +1:05.246 17º 4
13º 75 Ungheria Gábor Rizmayer BMW Team Toth BMW S1000 RR 17 +1:05.256 18º 3
14º 10 Ungheria Imre Tóth BMW Team Toth BMW S1000 RR 17 +2:04.816 20º 2
15º 48 Australia Alex Phillis Grillini SBK Kawasaki ZX-10R 15 +2 giri 19º 1

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
40 Spagna Román Ramos Team Go Eleven Kawasaki ZX-10R 16 16º
81 Spagna Jordi Torres Aprilia Racing Team - Red Devils Aprilia RSV4 RF 16
65 Regno Unito Jonathan Rea Kawasaki Racing Kawasaki ZX-10R 4
2 Regno Unito Leon Camier MV Agusta Reparto Corse MV Agusta F4 RR 4 14º
22 Regno Unito Alex Lowes VOLTCOM Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 0

Non partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Griglia
15 Italia Matteo Baiocco Althea Racing Ducati Panigale R
112 Spagna Xavi Forés Aruba.it Racing-Ducati SBK Ducati Panigale R

Supersport[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[3]

Kyle Smith ottiene la sua prima vittoria in carriera nel mondiale Supersport, a bordo di una Honda CBR600RRdel team PATA Honda. Secondo giunge Kenan Sofuoğlu, già campione modiale Supersport 2015 e autore della pole position, che con questo risultato assicura alla Kawasaki anche il titolo costruttori. Terzo giunge Lorenzo Zanetti alla guida della MV Agusta, che con questo risultato ottiene il terzo posto in classifica mondiale.

Arrivati al traguardo[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
111 Regno Unito Kyle Smith PATA Honda Honda CBR600RR 15 30min 44s 036ms 25
54 Turchia Kenan Sofuoğlu Kawasaki Puccetti Racing Kawasaki ZX-6R 15 +0.971 20
16 Italia Lorenzo Zanetti MV Agusta Reparto Corse MV Agusta F3 675 15 +1.074 16
17 Francia Lucas Mahias MG Competition Yamaha YZF R6 15 +3.575 13
99 Stati Uniti Patrick Jacobsen CORE'' Motorsport Thailand Honda CBR600RR 15 +6.271 11
88 Spagna Nicolás Terol MV Agusta Reparto Corse MV Agusta F3 675 15 +6.553 10
44 Italia Roberto Rolfo Team Lorini Honda CBR600RR 15 +19.988 10º 9
25 Italia Alex Baldolini Race Department ATK#25 MV Agusta F3 675 15 +26.605 12º 8
5 Italia Marco Faccani San Carlo Puccetti Racing Kawasaki ZX-6R 15 +26.901 7
10º 61 Italia Fabio Menghi VFT Racing Yamaha YZF R6 15 +37.648 13º 6
11º 6 Svizzera Dominic Schmitter Team Go Eleven Kawasaki ZX-6R 15 +37.655 14º 5
12º 31 Spagna Sergio Gadea Team Lorini Honda CBR600RR 15 +1:09.489 17º 4
13º 10 Spagna Nacho Calero Orelac Racing Honda CBR600RR 15 +1:11.089 16º 3
14º 181 Arabia Saudita Abdulaziz Binladin Kawasaki Puccetti Racing Kawasaki ZX-6R 15 +1:14.627 18º 2
15º 43 Italia Kevin Manfredi CIA Landlords Insurance Honda Honda CBR600RR 15 +1:31.901 20° 1
16º 35 Regno Unito Stefan Hill CIA Landlords Insurance Honda Honda CBR600RR 14 +1 giro 19º

Ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
11 Italia Christian Gamarino Team Go Eleven Kawasaki ZX-6R 11
19 Germania Kevin Wahr SMS Racing Honda CBR600RR 11 11º
4 Regno Unito Gino Rea CIA Landlords Insurance Honda Honda CBR600RR 6
41 Australia Aiden Wagner CIA Landlords Insurance Honda Honda CBR600RR 0 15º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Losail, Superbike - Results Race 1 [collegamento interrotto], su sbk.perugiatiming.com, 18 ottobre 2015.
  2. ^ Losail, Superbike - Results Race 2 [collegamento interrotto], su sbk.perugiatiming.com, 18 ottobre 2015.
  3. ^ Losail, Supersport - Results Race [collegamento interrotto], su sbk.perugiatiming.com, 18 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale Superbike - Stagione 2015
Flag of Australia.svg Flag of Thailand.svg Flag of Spain.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Portugal.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Spain.svg Flag of France.svg Flag of Qatar.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
2014
Gran Premio di superbike di Losail
Altre edizioni
Edizione successiva:
2016
Moto Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto