Protesta di piazza Tienanmen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando. »
(Zhao Ziyang, da Prisoner of the State: The Secret Journal of Premier Zhao Ziyang)
Proteste di piazza Tienanmen del 1989
BeijingTiananmenSquare.jpg
Piazza Tienanmen di Pechino, il centro della protesta
Data 15 aprile 1989 - 4 giugno 1989
Luogo Pechino e varie città della Cina
Causa
Esito
  • Intervento militare e soppressione della protesta
  • Purga di Zhao Ziyang
  • Elezione di Jiang Zemin
  • Morti stimati tra i 186 e i più di 2500
  • più di 7000 feriti
Voci di sommosse presenti su Wikipedia

La protesta di piazza Tienanmen[1] (nota in Cina come incidente di piazza Tienanmen, in lingua cinese: 天安门事故, Tiānānmén shìgùpinyin) fu una serie di dimostrazioni guidate da studenti, intellettuali e operai nella Repubblica Popolare Cinese tra il 15 aprile e il 4 giugno 1989. Simbolo della rivolta è considerato il Rivoltoso Sconosciuto, uno studente che, da solo e completamente disarmato, si parò davanti a una colonna di carri armati per fermarli: le fotografie che lo ritraggono sono popolari nel mondo intero e sono per molti un simbolo di lotta contro la tirannia. In Occidente l'avvenimento è conosciuto anche col nome di Primavera democratica cinese.

La protesta si è verificata proprio nell'anno in cui si sono rovesciati i regimi comunisti in Europa, avvenimento conosciuto anche come Autunno delle Nazioni. Sebbene la protesta non ebbe un esito felice e le vittime furono innumerevoli, i dimostranti e gli oppositori al regime cinese fecero conoscere la verità ai paesi esteri, mostrando quali siano veramente l'informazione e il governo che operano in Cina. Inoltre le dimostrazioni di Tienanmen infervorarono ancor di più gli animi dei protestanti europei (in particolare quelli dei cosiddetti "stati-satelliti", forzatamente inglobati nell'URSS), dando nuovo slancio alle rivolte contro i regimi socialisti e comunisti; in seguito le manifestazioni (in alcuni casi vere e proprie rivoluzioni) europee portarono alla distruzione del muro di Berlino (quindi anche del Blocco orientale) e alla dissoluzione dell'Unione Sovietica, evento che segna ufficialmente la fine della guerra fredda, avvenuta nel 1991.

L'evoluzione della protesta si può ripartire attraverso cinque episodi: il lutto, la sfida, la tregua, il confronto, il massacro[2] (Cronologia degli eventi di piazza Tienanmen della BBC News in inglese). Ad oggi, sebbene su Internet, giornali e documentari si possano trovare varie testimonianze, video e immagini riguardanti la protesta, molti documenti di questi e altri generi sono stati occultati dai mass media cinesi tramite l'utilizzo di censura e disinformazione[3][4]. In Occidente la protesta di piazza Tienanmen viene considerata un evento fondamentale e importantissimo del XX secolo, ma in Cina e in generale nell'Oriente le tracce di questo episodio sembrano essere state cancellate[5] e il solo parlarne, specialmente in Cina, è un vero e proprio tabù. Questa forma di dittatura esercitata dal Partito Comunista Cinese, che si estende anche alla propaganda e al controllo pressoché totale dei mass media, diventa piuttosto evidente durante i vari 4 giugno (il giorno del massacro), che vengono commemorati dai manifestanti scampati al massacro e da chi li avrebbe voluti supportare; dal 1989 la festa viene celebrata dalla popolazione con marce o fiaccolate. Durante questa giornata, i mezzi di comunicazione e le autorità militari cinesi tengono d'occhio sia internet (motori di ricerca, chat e social network compresi), sia i dissidenti relegati agli arresti domiciliari, sia le persone che decidono di scendere nelle strade per commemorare pubblicamente il giorno della protesta di piazza Tienanmen[6][7][8][9][10][11][12][13][14][15][16][17][18][19][20].

Il lutto[modifica | modifica sorgente]

Il 15 aprile 1989, Hu Yaobang, Segretario generale del Partito Comunista Cinese, morì per un arresto cardiaco. La protesta ebbe inizio in modo relativamente pacato, nascendo dal cordoglio nei confronti del politico, popolare tra i riformisti, e dalla richiesta al Partito di prendere una posizione ufficiale nei suoi confronti. La protesta divenne via via più intensa dopo le notizie dei primi scontri tra manifestanti e polizia. Gli studenti si convinsero allora che i mass media cinesi stessero distorcendo la natura delle loro azioni, che erano solamente volte a supportare la figura di Hu.

Il 22 aprile, giorno dei funerali, gli studenti scesero in piazza Tienanmen, nella città di Pechino, chiedendo di incontrare il Primo ministro Li Peng. La leadership comunista e i media ufficiali ignorarono la protesta e per questo gli studenti proclamarono uno sciopero generale all'Università di Pechino. All'interno del PCC Zhao Ziyang, Segretario generale del Partito, era favorevole a un'opposizione moderata e non violenta nei confronti della manifestazione, riportando il dibattito suscitato dagli studenti in ambiti istituzionali. Favorevole alla linea dura era invece Li Peng, Primo ministro, che era convinto che i manifestanti fossero manipolati da potenze straniere.

Egli, in particolare, approfittò dell'assenza di Zhao, che doveva recarsi in visita ufficiale in Corea del Nord, per diffondere le sue convinzioni. Si incontrò con Deng Xiaoping, che, nonostante si fosse ritirato da tutte le cariche più importanti (ma rimaneva Presidente della potente Commissione militare), restava un personaggio estremamente influente nella politica cinese; con lui, si accertò di avere una comunanza di vedute.

La sfida[modifica | modifica sorgente]

Manifesto di protesta disegnato da un anonimo e affisso vicino al viale intitolato a Chang'an. Nel disegno satirico, Deng Xiaoping è raffigurato come un anziano imperatore.

Il 26 aprile fu pubblicato sul Quotidiano del Popolo un editoriale a firma di Deng Xiaoping che accusava gli studenti di complottare contro lo Stato e fomentare agitazioni di piazza. Questa dichiarazione fece infuriare gli studenti e il 27 aprile circa 50 000 studenti scesero nelle strade di Pechino, ignorando il pericolo di repressioni da parte delle autorità e richiedendo che si ritrattassero queste pesanti dichiarazioni; inoltre, i manifestanti avevano paura di essere puniti nel caso in cui la situazione fosse tornata alla normalità. Zhao, tornato dalla Corea del Nord tentò ancora di raffreddare gli animi.

Membri del Movimento del 4 maggio riuniti in piazza Tienanmen nel 1919

Il 4 maggio 1989 (data simbolica in quanto richiamava il Movimento del 4 maggio 1919) circa 100 000 persone marciarono nelle strade di Pechino, chiedendo più libertà nei media e un dialogo formale tra le autorità del partito e una rappresentanza eletta dagli studenti[21].

Il clima politico che si respirava in Cina e nel resto del mondo nel 1989 aveva spinto molti professori universitari, studenti e intellettuali alla richiesta della Quinta modernizzazione, un progresso socio-politico che consiste nella democrazia e nel pluralismo dei partiti, della cui creazione si deve all'attivista per i diritti umani Wei Jingsheng (per aver pubblicato questo manifesto, presente sul Muro della Democrazia, Jingsheng è stato imprigionato dal 1979 al 1993 con l'accusa di essere un "contro-rivoluzionario"). Questi pensatori vennero influenzati soprattutto da riforme economiche e sociali come quella del glasnost' ("trasparenza" in russo), attuata dal presidente dell'Unione Sovietica Michail Gorbačëv[22]. Gli studenti denunciarono pubblicamente l'insicurezza che regnava nel campus, la mancanza di dibattiti e il nepotismo a favore dei figli dei membri del PCC[23]. Gli insegnanti si rammaricarono perché non vennero più pagati. Le petizioni che circolavano chiedevano la liberazione dei prigionieri politici[23]. Anche se in principio fortemente represse, queste idee ricevettero un'accoglienza più favorevole da parte di alcuni riformatori di Deng Xiaoping verso la metà degli anni ottanta, cioè Zhao Ziyang e Hu Yaobang. Durante la protesta di piazza Tiananmen, molti dei manifestanti presero d'esempio la destituzione di Hu come simbolo del nepotismo del potere politico cinese, accusando Deng di aver silurato tutti quelli che non facevano la sua politica. Gli studenti in particolare elogiavano le idee di Hu per la libertà di parola e di stampa.

La tregua[modifica | modifica sorgente]

Replica in bronzo della Dea della Democrazia situata al Freedom Park della Contea di Arlington, Virginia, USA

A questo punto si instaurò una tregua, ma senza che gli studenti riuscissero a convincere la leadership del Partito a instaurare un dialogo realmente costruttivo. In un primo momento la protesta sembrò sul punto di rifluire.

In questo contesto si inserì la visita del Segretario del PCUS Michail Gorbačëv in Cina, prevista per la metà di maggio. Si trattava di un evento storico in quanto rappresentava la riconciliazione tra le due potenze dopo 19 anni di ostilità diplomatica. Il 13 maggio, duemila studenti decisero di insediarsi in piazza Tienanmen e le loro richieste si radicalizzarono ulteriormente: non solo chiedevano una legittimazione, ma accusavano di corruzione il Partito Comunista Cinese e il tentativo di ritornare al conservatorismo di Deng Xiaoping; si espressero apertamente affinché quello che stava avvenendo fuori dalla Cina, e in particolare in Unione Sovietica e nell'Europa dell'Est, potesse favorire anche in Cina l'attuazione di riforme democratiche; Gorbacev in tale situazione rappresentò un simbolo del rinnovamento e delle riforme.

Alcuni studenti iniziarono uno sciopero della fame. In migliaia si unirono a questa protesta, supportata dagli stessi residenti di Pechino.

Tuttavia iniziò a crearsi un profondo malcontento tra gli oppositori al regime cinese, in particolare tra i membri del Movimento democratico; uno storico conosciuto come Minzhu Han disse che il movimento "appariva essere sprofondato nel suo fondo. Il numero di studenti nella Piazza cominciava a diminuire. Quelli che rimanevano non sembravano avere una chiara leadership: Chai Ling, stanca e demoralizzata dalle difficoltà di tenere il Movimento unito, si rassegnò dal suo posto. La Piazza era degenerata in una baraccopoli, disseminata di spazzatura e pervasa dal tanfo dei rifiuti e dai traboccanti water portatili...Tienanmen, una volta un magnete che attirava enormi masse, era diventata solo un campeggio incustodito di poco conto per i cittadini, molti dei quali consideravano la battaglia per la democrazia persa"[24]. Verso la fine di maggio, i manifestanti innalzarono al centro della piazza, di fronte all'immagine di Mao Zedong, un'enorme statua, alta 10 metri, chiamata "Dea della Democrazia", costruita in polistirolo e cartapesta sopra un'armatura metallica a opera degli studenti dell'Accademia Centrale delle Belle Arti. Grazie all'elevazione di questa statua-simbolo, che aveva rincuorato l'animo dei manifestanti, la gente ritrovò la fiducia e riprese a protestare con grandissimo entusiasmo. Tra i manifestanti erano presenti anche comunisti dissidenti che cantavano l'internazionale.

Deng Xiaoping, de facto capo del PCC e del governo cinese dal 1978 al 1992. Giustificò la cruenta repressione della protesta come una misura necessaria per mantenere l'ordine sociale e continuare un efficace progresso economico.

Va comunque rimarcato che questi moti, come quasi tutti i moti rivoluzionari della storia, avevano motivazioni internamente contraddittorie ed estremamente "nazionali". Identificarli come una semplice richiesta di "democrazia all'occidentale" sarebbe una banalizzazione. Gli eventi di piazza Tienanmen del 1989 avvennero dopo un biennio di agitazione che aveva coinvolto tutto il paese, sia a sfavore di alcune riforme di modernizzazione economica, sia a favore di una maggiore trasparenza della pubblica amministrazione e di aumento della libertà di stampa, associazione, riunione. I protestanti fecero anche richiesta di una liberalizzazione sociale, politica ed economica.

Michail Gorbačëv, ultimo segretario generale del PCUS e presidente sovietico, visitò la Cina durante la protesta di piazza Tienanmen per tentare di riportare la situazione alla normalità.

In questo contesto lo stesso Partito Comunista Cinese era tutt'altro che monolitico, i sostenitori dell'appena scomparso Hu Yaobang erano favorevoli in linea di massima a un piano di riforme in sintonia alla glasnost' e alla perestrojka sovietica, pezzi della gioventù comunista ufficiale, legati a questi ambienti, erano presenti nella piazza, mentre alcuni dirigenti riformisti del partito erano lodati dai manifestanti (Zhao Ziyang e Hu Yaobang).

Accanto alla "Dea della Democrazia" si videro anche ritratti di Mao e vi furono frequenti riferimenti al partito comunista "delle origini", così come a Sun Yat Sen. Questi sviluppi, inclusa la presenza di supporter di alcune figure interne al comitato centrale, come Zhao Ziyang tra i manifestanti, o il quadro ideologico che faceva riferimento alle Quattro modernizzazioni (scienza/tecnologia, agricoltura, industria e difesa nazionale), e alla richiesta di aggiungerne una Quinta (cioè la democrazia), facevano temere ai conservatori del PCC uno sviluppo simile a quelli ben presenti nella storia cinese, sebbene di segno opposto ("riformista" e non "radicale" per usare categorie occidentali) rispetto a quello operato da Mao a metà degli anni sessanta con le sue Guardie Rosse.

Proprio il timore che la rivolta studentesca degenerasse come in quei casi contribuì a rinforzare le posizioni dei conservatori, e a fargli guadagnare la maggioranza all'interno degli organi del PCC.

La protesta aveva assunto un carattere decisamente vasto e popolare; i dirigenti cinesi si trovarono di fronte a un forte problema: veniva di fatto data una scadenza per risolvere la questione e si rischiava di creare dei martiri che avrebbero potuto destabilizzare ulteriormente il regime, senza contare la crescente simpatia di cui gli studenti erano oggetto tra la popolazione. I dirigenti del PCC però non riuscirono ancora a trovare una linea condivisa per rispondere alla protesta.

Durante la visita di Gorbacev, il 16 e il 17 maggio, la mobilitazione continuò, portando in Piazza centinaia di migliaia di persone. La protesta si era ampliata anche fuori dalla città di Pechino, arrivando a coinvolgere oltre 300 città. In questo contesto, si sottolineò il riformismo di Zhao Ziyang, che era favorevole al dialogo e a una soluzione pacifica. Per sua sfortuna l'ala conservatrice del partito questa volta era ispirata dallo stesso Deng Xiaoping, massima autorità di fatto[25], che accusava i manifestanti di essere dei "controrivoluzionari al soldo delle potenze estere".

Di seguito è riportata la risposta alle accuse delle autorità militari e politiche, cioè la Dichiarazione degli studenti, un manifesto scritto e promulgato da questi ultimi il 13 maggio dello stesso anno in cui avvenne la protesta di Tienanmen:

« In questo caldo mese di maggio, noi iniziamo lo sciopero della fame. Nei giorni migliori della giovinezza dobbiamo lasciare dietro di noi tutte le cose belle e buone e Dio solo sa quanto malvolentieri e con quanta riluttanza lo facciamo. Ma il nostro paese è arrivato a un punto cruciale: il potere politico domina su tutto, i burocrati sono corrotti, molte brave persone con grandi ideali sono costrette all'esilio. È un momento di vita o di morte per la nazione. Tutti voi compatrioti, tutti voi che avete una coscienza, ascoltate le nostre grida. Questo paese è il nostro paese. Questa gente è la nostra gente. Questo governo è il nostro governo. Se non facciamo qualcosa, chi lo farà per noi? Benché le nostre spalle siano ancora giovani ed esili, e benché la morte sia per noi un fardello troppo pesante, noi andiamo. Dobbiamo andare. Perché la storia ce lo chiede. Il nostro entusiasmo patriottico, il nostro spirito totalmente innocente, vengono descritti come "elementi che creano tumulto". Si dice che abbiamo motivi nascosti o che veniamo usati da un manipolo di persone. Vorremmo rivolgere una preghiera a tutti i cittadini onesti, una preghiera a ogni operaio, contadino, soldato, cittadino comune, all'intellettuale, al funzionario di governo, al poliziotto e a tutti quelli che ci accusano di commettere crimini. Mettetevi una mano sul cuore, sulla coscienza. Quale sorta di crimine stiamo commettendo? Stiamo provocando un tumulto? Cerchiamo solo la verità ma veniamo picchiati dalla polizia. I rappresentanti degli studenti si sono messi in ginocchio per implorare "democrazia". Ma sono stati totalmente ignorati. Le risposte alle richieste di un dialogo paritario sono state rinviate e ancora rinviate. Che altro dobbiamo fare? La democrazia è un ideale della vita umana, come la libertà e il diritto. Ora, per ottenerli, noi dobbiamo sacrificare le nostre giovani vite. È questo l'orgoglio della nazione cinese? Lo sciopero della fame è la scelta di chi non ha scelta. Stiamo combattendo per la vita con il coraggio di morire. Ma siamo ancora dei ragazzi. Madre Cina, per favore, guarda i tuoi figli e le tue figlie. Quando lo sciopero della fame rovina totalmente la loro giovinezza, quando la morte gli si avvicina...puoi rimanere indifferente?[26] »
(Dichiarazione degli studenti, 16 maggio 1989)

Il confronto[modifica | modifica sorgente]

Zhao Ziyang, l'unico esponente del PCC che difese i protestanti e tentò di salvarli. Per questo motivo fu in seguito condannato agli arresti domiciliari a vita.
Wen Jiabao accompagnò e aiutò Ziyang durante gli incontri con i protestanti. Nonostante ciò, non venne punito dal governo.
Bao Tong, segretario di Ziyang e sostenitore del movimento democratico, venne incarcerato in seguito ai fatti di Tienanmen.

Di fronte all'immobilismo attendista della maggior parte dei dirigenti del Partito, fu Deng Xiaoping, probabilmente ancora uomo forte del regime, a prendere l'iniziativa, decidendo insieme agli anziani del Partito per la repressione militare. La notte del 19 maggio, per porre fine alla protesta, ci fu quindi la promulgazione della legge marziale. Questo fu un evento decisivo nel corso degli avvenimenti se si considera che la legge marziale, nella storia della Repubblica popolare cinese era stata proclamata una sola volta a Lhasa, capitale del Tibet, e ora si trattava di dichiararla a Pechino, capitale dello Stato. Zhao Ziyang fu l'unico dirigente del PCC a votare contro la promulgazione della legge marziale. Poche ore dopo, sfidò apertamente il Partito quando si presentò tra gli studenti di piazza Tienanmen, cercando di convincerli a terminare l'occupazione della piazza al più presto possibile (tale atto fu il motivo finale che portò Zhao a essere rimosso da qualsiasi carica politica. In seguito fu condannato agli arresti domiciliari a vita).

La notte del 19 maggio venne quindi convocato il Comitato permanente dell'Ufficio politico, organo comprendente i massimi dirigenti del PCC, al quale spettava l'imposizione della legge marziale: alcune fonti riferiscono che Zhao Ziyang fu il solo su 5 a votare contro, altre dicono che, non essendo stata trovata una maggioranza (2 a favore, 2 contro e 1 astenuto), Deng la impose unilateralmente. Resta comunque il fatto che all'esercito, il giorno dopo, fu ordinato di occupare la capitale.

Zhao Ziyang tentò quindi una mossa disperata: all'alba del 20 maggio si presentò in piazza Tienanmen e tentò di convincere gli studenti a interrompere lo sciopero della fame e l'occupazione della piazza, promettendo un nuovo negoziato e che le loro ragioni sarebbero state ascoltate:

« Studenti, siamo arrivati troppo tardi. Ci dispiace. Voi parlate di noi, ci criticate, tutto questo è necessario. La ragione per la quale sono venuto qui non è chiedervi di perdonarci. Tutto ciò che voglio dire è che voi studenti state diventando molto deboli, è il settimo giorno da quando avete iniziato lo sciopero della fame, non potete continuare così. Più il tempo andrà avanti, più vi danneggerà il corpo in modo irreparabile, potrebbe essere davvero pericoloso per la vostra vita. Adesso la cosa più importante è finire questo sciopero. Lo so, il vostro sciopero della fame mira alla speranza che il Partito e il Governo vi daranno una risposta soddisfacente. Sento che la nostra comunicazione è aperta. Alcuni dei problemi possono solo essere risolti con certe procedure. Per esempio, avete menzionato riguardo alla natura della situazione, la questione della responsabilità, sento che quei problemi possono finalmente essere risolti, alla fine possiamo arrivare a un mutuo accordo. Comunque, dovreste anche sapere che sento che la situazione è molto complicata, sarà un lungo processo. Non potete continuare lo sciopero della fame per il settimo giorno, e ancora insistete per una risposta soddisfacente prima di terminarlo.

Voi siete ancora giovani, ci sono ancora molti giorni a venire, dovete vivere in salute e vedere il giorno in cui la Cina compirà le quattro modernizzazioni. Voi non siete come noi, noi siamo già vecchi, per noi non è più importante. Non è facile che questa nazione e i vostri genitori vi supportino a tornare nelle università. Adesso voi siete tutti più o meno sulla ventina, e volete sacrificare le vostre vite così facilmente, studenti, non potete pensare razionalmente? Adesso la situazione è molto seria, lo sapete tutti, il Partito e la nazione sono molto nervosi, l'intera società è molto preoccupata. Inoltre, Pechino è la capitale, la situazione sta peggiorando sempre più dappertutto, questo non può continuare. Tutti gli studenti hanno una buona volontà, e voi siete il bene della nostra nazione, ma se questa situazione continua, perde il controllo, causerà serie conseguenze in molti posti.

In conclusione, ho solo un desiderio. Se fate finire lo sciopero della fame, il Governo non chiuderà la porta del dialogo, mai! Le domande che voi avete posto, possiamo continuare a discuterle. Anche se è un po' lento, stiamo arrivando a un qualche accordo su alcuni problemi. Oggi voglio solo vedere gli studenti, e esprimere i nostri sentimenti. Spero che gli studenti penseranno riguardo a questo problema con calma. Questa cosa non può essere sviluppata in modo chiaro in situazioni irrazionali. Tutti voi avete quella forza, siete giovani dopo tutto. Anche noi siamo stati giovani, abbiamo protestato, ci siamo stesi sui binari della ferrovia, non abbiamo mai pensato a cosa sarebbe successo nel futuro a quel tempo. Infine, prego gli studenti ancora una volta, pensate al futuro con calma. Ci sono molte cose che possono essere risolte. Spero che tutti voi smetterete lo sciopero della fame presto, grazie.[27] »

(Zhao Ziyang, 19 maggio 1989)

Nonostante la sincera ed evidente preoccupazione di Ziyang e le proposte di un nuovo negoziato, i manifestanti non lo ascoltarono e l'episodio decretò anche la fine della sua carriera politica (pochi giorni dopo fu arrestato). Nemmeno la proclamazione pubblica della legge marziale convinse i manifestanti ad arrendersi.

All'inizio l'esercito incontrò una forte resistenza da parte della popolazione e si astenne dal reagire con la forza. La situazione restò quindi paralizzata per 12 giorni.

Il massacro[modifica | modifica sorgente]

Anche in questo caso fu Deng a prendere la decisione finale: in quanto presidente della Commissione militare centrale, fece pervenire alle truppe l'ordine di usare la forza. La notte del 3 giugno l'esercito iniziò quindi a muoversi dalla periferia verso Piazza Tienanmen. Di fronte alla resistenza che incontrarono, aprirono il fuoco e arrivarono in piazza. Nonostante non sia possibile una ricostruzione perfetta dei fatti, fu un massacro.

Indecisione degli "Otto Immortali"[modifica | modifica sorgente]

Sebbene tutti i membri della Commissione, eccetto Zhao Ziyang, avessero votato a favore della repressione violenta della manifestazione, in principio le cose erano molto diverse e i membri anziani del PCC, soprannominati Otto Immortali (termine con il quale si identificano i membri più longevi ma anche più potenti e influenti del Partito), avevano opinioni contrastanti riguardo al trattamento degli studenti e alle decisioni sul negoziato.

In teoria gli Otto Immortali, siccome non ricoprivano più nessuna carica politica, non avrebbero dovuto prendere decisioni sul da farsi riguardo alla protesta di piazza Tienanmen, compito che sarebbe invece spettato al Segretario Generale del Partito Comunista Cinese (all'epoca Zhao Ziyang), ufficialmente l'unica vera autorità in materia, ma le cose non andarono così: la fama e il prestigio che si erano procurati nel corso degli anni svolgendo incarichi di primo ruolo li fecero diventare rispettati e temuti anche dal resto del PCC e del governo cinese, ottenendo quindi uno status da "intoccabili" (Deng Xiaoping in particolare). In linea di massima, gli Otto votarono tutti a favore della sanguinosa repressione della protesta suggerita da Deng, che non prendeva nemmeno in considerazione le richieste di democrazia e di liberalizzazione politica impartite dai dimostranti[28].

Col passare del tempo gli anziani del PCC divennero non solo i difensori delle riforme economiche attuate da Xiaoping, ma anche le torri di guardia del potere assoluto del Partito. Il loro scontro con i dimostranti, sebbene consolidò la loro autorità nel Governo cinese, gettò cattiva luce su tutti loro, soprattutto su Deng[29].

Li Xiannian
Chen Yun
Song Renqiong
Peng Zhen
Deng Xiaoping
Li peng
Yang Shangkun
Bo Yibo
Wang Zhen
  • Li Peng: "Un conservatore fedele alla linea dura", come descritto da Chen Xitong[30]. Peng rifiutò in ogni modo di negoziare con i manifestanti e divenne quindi uno dei politici più additati da questi ultimi[31]. Uno dei maggiori esponenti del Movimento democratico cinese e leader dei protestanti, Wang Dan, rimproverò pubblicamente a Peng sulla Televisione Nazionale di non aver ascoltato i bisogni della popolazione. Alcuni affermarono che delle dichiarazioni di Dan avessero insultato Peng personalmente, inasprendo la sua determinazione nel porre fine alla protesta con mezzi violenti[32]. Fra gli altri membri anziani del governo centrale, Peng divenne uno di quelli che favorì più intensamente la violenza. Dopo aver ottenuto il supporto dalla maggior parte dei suoi colleghi, Deng Xiaoping compreso, Peng dichiarò ufficialmente l'emanazione della legge marziale il 20 maggio 1989, dando così inizio al "massacro di piazza Tienanmen". Dopo la strage e la morte di un numero non ancora ben preciso di persone, Peng affermò che la repressione era stata una vittoria storica del comunismo[33], e scrisse che la sua paura per i protestanti sarebbe potuta essere potenzialmente dannosa in Cina così come lo era stata la Rivoluzione Culturale[32]. Per il suo ruolo-chiave nella strage, Peng viene spesso rinomato come "il macellaio di Tienanmen"[30][34][35].
  • Yang Shangkun: Venne eletto Presidente della Repubblica popolare cinese nel 1988 ma, secondo la Costituzione del 1982, il ruolo che gli era stato assegnato era solo simbolico[36]; i veri poteri statali e di partito li deteneva ancora Deng Xiaoping (a Shangkun erano stati donati formalmente il potere esecutivo del segretario generale del PCC e del Primo Ministro). Shangkun ebbe un ruolo-chiave durante le manifestazioni studentesche del 1989 tenutesi a piazza Tienamen e le decisioni da lui prese furono fondamentali nel cambiamento della struttura politica cinese. All'inizio Shangkun simpatizzava per i manifestanti e si era schierato dalla parte di Zhao Ziyang per sostenerli. La posizione adottata da Zhao venne contestata dall'allora Primo Ministro, Li Peng, che propose di sopprimere i fuochi della protesta con l'uso della forza, e che ingaggiò uno scontro interno di potere politico con Zhao per convincere gli altri anziani del PCC a sostenere le sue idee. Divenuto chiaro che Peng otteneva molto più consenso da parte degli anziani, Shangkun cambiò posizione e si schierò con Peng. Nel maggio 1989 Shangkun apparve in televisione con Peng e denunciò le dimostrazioni studentesche come una forma di "anarchia" e fu favorevole all'imposizione della legge marziale su vaste zone della capitale gremite di manifestanti. Per ordine di Deng Xiaoping, Peng mobilitò e organizzò la soppressione della protesta, operazione nel quale centinaia (e forse anche migliaia) di studenti vennero trucidati durante il 4 giugno e nei giorni successivi[36]. Alla repressione della protesta partecipò anche Yang Jianhua, nipote di Shangkun. Dopo i fatti di piazza Tienanmen, Shangkun (anche grazie al fatto che la repressione avesse costretto Deng a lasciare la Commissione Militare) ottenne un potere enorme e influente nell'Esercito Popolare di Liberazione. Insieme al suo fratellastro minore, il generale Yang Baibing[29][37], purgò ogni militare che non avesse sostenuto sufficientemente la soppressione violenta della protesta da parte del Governo. Shangkun cominciò quindi a organizzare un attentato per riempire più ruoli militari d'alto grado possibili facendo eleggiere o nominare i suoi sostenitori, generando un certo risentimento tra gli altri militari anziani, che accusavano Shangkun di tentare di dominare l'Esercito e possibilmente di sfidare l'autorità di Deng Xiaoping sviluppando una "combriccola della famiglia Shangkun". Quando Xiaoping cominciò a istruire Jiang Zemin (un precedente governatore di Shanghai) su come sostituirlo al posto di leader politico della Cina, Shangkun si oppose alla leadership di Zemin e Deng obbligò quindi Shangkun a ritirarsi con la sua famiglia nel 1992[38]. Volendo Deng lasciare il potere a Jiang Zemin, Yang Shangkun non fu rieletto nel Comitato Centrale. Nel 1993, scaduto il mandato da presidente della Repubblica, Shangkun si ritirò dalla vita politica. Morì pochi anni dopo nel 1998.
  • Bo Yibo: Inizialmente sostenne i leader moderati del Partito che proposero di negoziare con i protestanti e trovare un compromesso, ma venne in seguito persuaso ad appoggiare i membri del Partito che tenevano una linea dura nei confronti dei dimostranti (questi membri in questione credevano che gli studenti venissero segretamente controllati da "imperialisti con motivazioni ulteriori"). In definitiva, Yibo fu critico con i segretari Hu Yaobang e Zhao Ziyang e appoggiò la decisione di remprimere la protesta con la forza[39].
  • Wang Zhen: Essendo stato uno degli architetti della soppressione violenta dei movimenti pro-democratici della protesta di piazza Tienanmen, Zhen venne citato nei Fogli di Tienanmen riguardo alla riunione con gli altri membri del PCC del 2 giugno 1989: "Dovremmo annunciare in anticipo a quelle persone che occupano la piazza che stiamo arrivando. Possono decidere di ascoltare o no, ma allora noi ci muoveremo. Se questo causerà morti, è tutta colpa loro. Non possiamo essere gentili o clementi contro l'anti-Partito, gli elementi anti-socialisti".
  • Li Xiannian: Supportò ardentemente l'ascesa al potere di Jiang Zemin. Durante la protesta di piazza Tienanmen del 1989, Xiannian era stato uno dei membri anziani più irriducibli che fece pressione per l'attuazione di una forte risposta alle manifestazioni e supportò il desiderio di Li Peng, cioè reprimere i protestanti con l'uso della forza militare.
  • Chen Yun: Yun si sentiva appagato nelle diatribe contro gli studenti e aveva attivamente richiesto una repressione violenta di questi ultimi. Yun concordò sulla decisione di sostituire Zhao Ziyang con Jiang Zemin come capo formale del PCC e appoggiò Li Xiannian riguardo alla nomina di Zemin come nuovo Segretario generale di Partito.
  • Song Renqiong: Durante le dimostrazioni studentesche pro-democratiche del 1989, Renqiong appoggiò fervidamente Deng Xiaoping, il quale aveva deciso di utilizzare la violenza per stroncare il movimento. Secondo quanto riportato dai Fogli di Tienanmen del 2001, Renqiong non prese parte alla decisione finale della Commissione, riunitasi il 2 giugno 1989, ma continuò ad appoggiare Deng anche dopo la carneficina; iniziò anche a criticare l'ex Segretario generale Zhao Ziyang di aver indebolito il Partito quando si oppose all'uso della forza per reprimere la protesta[40].
  • Peng Zhen: Si era già ritirato dalla scena politica nel 1988 ma, come quasi tutti gli altri Immortali, rimase comunque una figura molto influente nel PCC. Zhen non partecipò direttamente all'assemblea del 2 giugno 1989 ma, come quasi tutti gli altri anziani del Partito, sostenne la rimozione dei riformisti Hu Yaobang e Zhao Ziyang e anche la repressione violenta della protesta pro-democratica[41].

Opposizione di alcune autorità militari[modifica | modifica sorgente]

Il 23 maggio dello stesso anno, 200 000 truppe delle Forze di Terra dell'Esercito Popolare di Liberazione (costituite principalmente da soldati e carri armati) si avviarono verso Pechino per sgombrare la Piazza. La 27ª armata era guidata da un parente del Generale Yang Shangkun. Secondo i rapporti dell'Intelligence, la 27ª e 28ª unità erano state portate via dalla capitale perché i soldati avevano cominciato a simpatizzare per i manifestanti[42]. Altri rapporti rivelano che la 27ª unità aveva provocato la morte di vari civili e suggerivano che alcuni elementi dell'unità avevano preso una posizione difensiva nella città, al fine di potersi potenzialmente difendere da attacchi di altri gruppi militari[43][44]. C'erano varie voci secondo cui alcuni militari di alto grado avevano cominciato a supportare i manifestanti democratici e che c'erano state varie ribellioni tra le truppe.

Il Generale Xu Qinxian aveva rifiutato un ordine verbale del Generale Li Laizhu in cui si parlava di inviare la 38ª unità nella Piazza. Xu insistette per un ordine scritto[45]. Xu venne immediatamente deposto dal suo comando e in seguito incarcerato per 5 anni ed espulso dal Partito[46].

Lotta tra civili ed Esercito[modifica | modifica sorgente]

La notte del 3 giugno l'Esercito Popolare di Liberazione iniziò quindi a muoversi dalla periferia verso piazza Tienanmen. Prima dell'irruzione dell'Esercito in piazza Tienanmen, il governo ordinò a tutti i cittadini di rimanere nelle loro case tramite televisione e annunci con megafono, ma non vennero ascoltati. Dopo esser venuti a conoscenza del fatto che centinaia di migliaia di truppe si stavano avviando verso Tienanmen, gli abitanti fluirono per le strade di Pechino, in modo da bloccare l'avanzata dell'Esercito. Come aveva già fatto 2 settimane prima, la gente costruì barricate e ostacoli. Alle 10:30 del mattino, vicino alla Stazione Muxidi (dove risiedono ufficiali di alto grado del PCC con le loro famiglie), l'Esercito cominciò a sparare sulla folla, facendo moltissime vittime[42]. Molti manifestanti pacifici vennero massacrati dai soldati; la violenza esercitata dai militari sarebbe stata provocata dalla morte di alcuni di essi[47], ma secondo altri fu il governo a ordinare ai soldati di sgombrare la Piazza con ogni mezzo.

Alcuni riferiscono che i protestanti abbiano tirato pietre e Molotov contro i poliziotti e i veicoli dei soldati posti nelle strade attorno alla Piazza, incendiandoli, alcuni con i manifestanti ancora all'interno. Non ci sono comunque prove certe che questo sia accaduto davvero.

Altri resoconti parlano di soldati bruciati vivi nei loro mezzi corazzati, mentre altri erano stati picchiati a morte. Sarebbero stati questi i motivi che avrebbero spinto i soldati a fare fuoco sui civili. I soldati hanno setacciato gli appartamenti nell'area con dei colpi d'arma da fuoco, e molte persone all'interno dei balconi vennero quindi uccise[48][49]. Secondo Timothy Brook e vari altri, era stato ordinato all'Esercito di assalire la Piazza durante la mezzanotte. Disperati per il fatto di non riuscire a passare, alcuni ufficiali ignoti avrebbero ordinato alle truppe di utilizzare qualsiasi mezzo necessario per entrare nella Piazza, aprendo quindi il fuoco sui civili che gli bloccavano la strada[49]. John Pomfret, reporter del The Washington Post, avrebbe affermato in seguito che "Deng Xiaoping[50][51][52] e i membri anziani del Partito[52] avessero deciso che, siccome credevano che questo fosse un movimento anti-rivoluzionario a livello nazionale simile a ciò che stava accadendo in Unione Sovietica, avevano bisogno di creare un podio insanguinato per far indietreggiare la popolazione nella sottomissione"[53].

Le prime raffiche avrebbero quindi colto di sorpresa i civili e inizialmente non credevano che i militari avessero fatto un avvertimento dal vivo[49][53]. Tuttavia la gente decise di rimanere nelle strade e di combattere[49]. Come le truppe si mossero verso la Piazza, iniziò a infuriare una battaglia tra le strade che la circondavano. L'Esercito tentò di liberare le strade usando gas lacrimogeni e colpi d'arma da fuoco. I protestanti bloccarono lentamente l'avanzata nemica con barricate formate da veicoli, "sebbene in altri casi l'Esercito distrusse le barricate e sparò ai civili"[49]. In molti casi i feriti vennero salvati dai guidatori dei risciò in bicicletta che si erano avventurati nel terreno abbandonato della Piazza, cioè tra i militari e la folla, trasportando i feriti in ospedale[53]. Durante l'assedio militare, molte persone indossarono delle fasce nere in segno di protesta contro il governo, affollando i viali o congregandosi in barricate fumanti. In molti casi, i soldati vennero tirati fuori dai carri armati, picchiati e ammazzati dai manifestanti[53].

Nel frattempo l'Esercito Popolare di Liberazione aveva sistematicamente posizionato vari punti di controllo intorno alla città, rincorrendo i protestanti e bloccando il distretto universitario. Nella stessa piazza Tienanmen vi era un forte dibattito tra i manifestanti: alcuni, come Han Dongfang, promuovevano una ritirata pacifica, altri, come Chai Ling, di rimanere nella piazza. Alle 10 di sera, l'Esercito aveva raggiunto piazza Tienanmen e attendeva ordini dal governo. Venne detto ai soldati di non sparare, ma anche di sgombrare la piazza entro le 6 del mattino, senza eccezioni. Decisero quindi di offrire una finale offerta d'amnistia alle poche migliaia di studenti che erano rimasti se avessero lasciato Tienanmen. Verso le 4 del mattino, i leader della protesta misero la questione ai voti: lasciare la Piazza o rimanere e affrontare le conseguenze[53]. I pochi studenti rimasti, qualche centinaio, lasciarono la Piazza sotto la supervisione dei militari prima dell'alba[54].

I soldati all'interno dei mezzi corazzati si allinearono nelle strade, sparando avanti e lontano sui lati. Kate Adie della BBC parlò di "fuoco indiscriminato" all'interno della Piazza[55]. Charlie Cole, reporter e testimone oculare, vide sparare i soldati cinesi con dei fucili d'assalto Tipo 56 in mezzo alla gente vicino a un veicolo trasporto truppe che era stato appena incendiato[56]. Gli studenti che cercavano riparo nei pullman vennero tirati fuori da gruppi di soldati e picchiati con bastoni pesanti. Molti degli studenti che tentarono di lasciare la Piazza vennero malmenati. I leader della protesta all'interno di piazza Tienanmen, dove molti avevano tentato di costruire delle fragili barricate di fronte ai veicoli trasporto truppe dell'Esercito Popolare di Liberazione, si dice che avessero "implorato" gli studenti di non usare armi (come le bombe Molotov) contro i soldati imminenti. Nel frattempo sembra che alcuni studenti, increduli e spaventati dalla brutalità e violenza perpetrategli dalle Forze Armate, avessero gridato frasi come "Fascisti, smettetela di uccidere e abbasso il governo"[55] e "Perché ci state uccidendo?". Katie Adie affermò in seguito di aver assistito alla morte di varie persone, di aver visto una donna ancora in vita con un proiettile ficcato in testa, molte persone ferite da colpi d'arma da fuoco e di essere entrata con la troupe in un ospedale vicino al campo di battaglia; disse che, visto l'enorme numero di morti e feriti, le sale operatorie erano sovraffollate[55]; disse anche che molte persone nelle strade avvicinatesi alla troupe erano tremanti di rabbia e paura[55]; molti erano terrificati e avevano detto che "ci sarebbe stata una punizione"[55]; non c'era una sola voce nelle strade che non esprimesse disperazione e collera[55]; alcuni dissero alla troupe: "Ditelo al mondo"[55].

Verso le 4 del mattino del 4 giugno, sempre secondo Cole, i carri armati sarebbero penetrati all'interno della Piazza, annientando veicoli e schiacciando persone[56]. Verso le 5:40 del mattino dello stesso giorno, piazza Tienanmen era stata sgombrata[57]. In seguito i resoconti di alcuni giornalisti stranieri riportarono che c'erano state poche vittime durante lo stesso processo di liberazione della Piazza, affermando che molte delle uccisioni avvennero nell'area della Stazione Muxidi, verso la strada per piazza Tienanmen, ma non al suo interno[58].

Il mattino del 5 giugno, i manifestanti, i parenti dei feriti e dei morti, i lavoratori e gli abitanti infuriati tentarono di entrare nella Piazza bloccata dai militari, ma vennero fucilati da questi ultimi. I soldati spararono ai civili sulla schiena mentre questi stavano scappando via. Queste azioni vennero ripetute innumerevoli volte[59][60].

Dopo che l'Esercito ebbe riportato l'ordine nella capitale, i manifestanti continuarono a protestare in molte altre città della Cina per vari giorni. C'erano grandi manifestazioni a Hong Kong, dove la gente indossava le fasce nere in segno di solidarietà con i protestanti/vittime di Pechino. C'erano proteste a Canton e manifestazioni di vasta scala a Shanghai con uno sciopero generale. Tra il 5 e il 9 giugno molte manifestazioni popolari presero vita anche in altre città cinesi, tra cui Xi'an, Wuhan e Nanchino. C'erano proteste anche in altri paesi, dove veniva adottato anche qui l'uso delle fasce nere. Secondo Amnesty International, sarebbero state uccise almeno 300 persone a Chengdu il 5 giugno. Le truppe di Chengdu utilizzarono granate con funzionamento a percussione, manganelli, coltelli e sproni elettrici per bestiame contro i civili. Era stato anche ordinato agli ospedali di non accettare studenti e la seconda notte delle proteste il servizio delle ambulanze venne fermato dalla polizia[61].

Il 9 giugno, Deng Xiaoping riapparve in pubblico per la prima volta dal giorno del massacro e tenne un discorso, che iniziò insieme a un gruppo di generali, in cui Deng riconobbe i militari morti durante la protesta come dei "martiri". Deng affermò che il vero obbiettivo del movimento era quello di rovesciare il Partito e lo Stato[62]; "il loro obbiettivo è quello di instaurare una repubblica borghese dipendente dall'Occidente", disse Deng riguardo agli studenti. Deng disse inoltre che i protestanti avevano manifestato contro la corruzione per coprire la loro vera intenzione, cioè di rimpiazzare il sistema socialista[63]. Disse che "l'intero mondo Imperialista e Occidentale progetti di far abbandonare agli stati socialisti la via socialista e quindi di portarli sotto il monopolio del capitale internazionale e sulla via capitalista"[64][65].

In linea di massima, il governo cinese riottenne il controllo la settimana seguente all'attacco dei militari a piazza Tienanmen. Una grande purga politica venne a seguirsi, in cui gli ufficiali responsabili dell'organizzare o giustificare le proteste vennero rimossi e i leader della protesta di piazza Tienanmen imprigionati. Deng Xiaoping rimosse il riformista Zhao Ziyang dalla carica di Segretario generale del Partito, portando all'elezione di Jiang Zemin al suo posto, grazie anche a un compromesso con le più alte cariche statali di allora. Il regime cinese confinò Ziyang agli arresti domiciliari fino alla sua morte, avvenuta all'età di 85 anni nel 2005, 16 anni dopo la protesta di piazza Tienanmen[66][67].

Il "Rivoltoso Sconosciuto"[modifica | modifica sorgente]

Il Rivoltoso Sconosciuto di piazza Tienanmen
(foto di Jeff Widener, Associated Press)

Questo coraggioso e anonimo ragazzo, chiamato Il Rivoltoso Sconosciuto, è uno dei simboli più incisivi e importanti della protesta di Piazza Tienanmen, poiché si oppose al passaggio di un plotone di carri armati Tipo 59 e salì su uno di essi per parlare con i militari. Le varie foto che lo ritraggono sono tra le più famose del mondo. Il suo gesto eroico viene ancor oggi considerato l'emblema della libertà e dell'opposizione a ogni forma di dittatura. La versione più diffusa della famosa immagine è quella scattata dal fotografo Jeff Widener (Associated Press) dal sesto piano dell'hotel di Pechino, lontano all'incirca 1 km, con una lente da 400 mm. Questa fotografia raggiunse tutto il mondo in brevissimo tempo. Divenne il titolo di testa di tutti i giornali e delle maggiori riviste, divenendo il personaggio principale di innumerevoli articoli in tutto il globo; nell'aprile del 1998, la rivista Time ha incluso "Il Rivoltoso Sconosciuto" nella sua lista de "Le persone che più hanno influenzato il XX secolo". Ma come la stessa rivista scrive, citando uno dei leader del movimento pro-democratico cinese, "gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al bestione cingolato e il pilota che si elevò alla opposizione morale rifiutandosi di falciare il suo compatriota"[68].

Il fatto ebbe luogo nella grande avenue di Chang'an, vicinissima a Piazza Tienanmen e lungo la strada verso la Città Proibita di Pechino, il 5 giugno 1989, il giorno dopo che il governo cinese incominciò a reprimere brutalmente la protesta. L'uomo si mise in mezzo alla strada e ingaggiò i carri armati. Teneva una busta in una mano e la giacca nell'altra. Appena i carri armati giunsero allo stop il ragazzo sembrò volerli scacciare. In risposta, i carri armati provarono a girargli intorno, ma il ragazzo li bloccò più volte, mettendosi di fronte a loro ripetutamente, adoperando la resistenza passiva. Vedendo le foto è evidente, utilizzando le strisce sulla strada come riferimento, che i carri armati si sono mossi in avanti. Dopo aver bloccato i carri armati il ragazzo si è arrampicato sulla torretta del carro armato e si è messo a parlare con il guidatore. Diverse sono le versioni su cosa si siano detti, tra le quali "Perché siete qui? La mia città è nel caos per colpa vostra"; "Arretrate, giratevi e smettetela di uccidere la mia gente"; e "Andatevene!". Dopo aver parlato con il militare, il ragazzo scese dal carro che però riprese velocemente a marciare per poi essere bloccato nuovamente dallo stesso. Poco dopo arrivarono alcuni ragazzi (forse dei protestanti), di cui il primo in bicicletta parlò brevemente col Rivoltoso, mentre gli altri lo sollevarono da terra e lo portarono qualche metro più a sinistra, poco distante dai carri armati, per poi rimetterlo a terra.

Un quotidiano britannico ha inoltre diffuso la notizia che il Rivoltoso Sconosciuto fosse stato giustiziato, giorni dopo l'accaduto, ma questa notizia non è stata mai confermata. Non si sa quale sia la vera identità del ragazzo, né se sia libero o in carcere, vivo o morto. Sta di fatto che il suo eroismo e la sua capacità di riuscire a contrastare un nemico più grande di lui, non con la violenza, ma con l'opposizione pacifica, l'ha fatto entrare negli annali della storia e ha cambiato il mondo[5]. In tutto l'Occidente viene considerato un simbolo di pace e libertà, mentre in Oriente, in particolar modo in Cina, nessuno sembra conoscerlo (digitando "piazza Tienanmen" su Google in cinese appaiono solo foto di turisti, neanche un'immagine della protesta o del Rivoltoso Sconosciuto)[5].

Le vittime[modifica | modifica sorgente]

Ancora oggi le stime dei morti variano. Il governo cinese parlò inizialmente di 200 civili e 100 soldati morti, ma poi abbassò il numero di militari uccisi ad "alcune dozzine". La CIA stimò invece 400–800 vittime. La Croce Rossa riferì 2600 morti e 30 000 feriti. Le testimonianze di stranieri affermarono invece che tremila persone vennero uccise. La stessa cifra fu data da un sito inglese di Pechino. Le stime più alte parlarono di 7.000 – 12.000 morti. Organizzazioni non governative come Amnesty International hanno denunciato che, ai morti per l'intervento, vanno aggiunti i giustiziati per "ribellione", "incendio di veicoli militari", ferimento o uccisione di soldati e reati simili. Amnesty International ha stimato che il loro numero è superiore a mille, forse 1300 o anche più[69].

Recenti rivelazione su Wikileaks mettono in dubbio che si sia verificata una vera e propria carneficina all'interno della piazza: il Telegraph riporta infatti che secondo i dispacci intercorsi nelle ambasciate occidentali sono stati esplosi solo colpi sporadici di armi da fuoco all'interno di Piazza Tienanmen, al contrario di altre zone al di fuori del centro di Pechino (articolo del Telegraph).

Dopo la strage[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Madri di Tienanmen, Charta 08 e Dissidenti della Repubblica popolare cinese.
Una bicicletta distrutta e i segni del passaggio di un carro armato. Memoriale del X anniversario della protesta di piazza Tienanmen, Breslavia, Polonia, 1999.

Nei giorni seguenti si mise in atto una feroce caccia ai restanti contestatori, che furono imprigionati o esiliati. Il governo, inoltre, limitò l'accesso da parte dei media internazionali, dando la possibilità di coprire l'evento alla sola stampa cinese.

Il 9 giugno Deng si assunse la responsabilità dell'intervento e condannò il movimento studentesco come un tentativo controrivoluzionario di rovesciare la Repubblica popolare cinese. Per legittimare la repressione, la propaganda ufficiale sostenne che i manifestanti avevano attaccato l'esercito, il quale, a costo di pesanti sacrifici, era comunque riuscito a "salvare il socialismo".

A livello internazionale, la repressione di piazza Tienanmen provocò la ferma condanna da parte di numerosi Paesi occidentali, che portò anche all'imposizione di un embargo sulla vendita di armi alla Cina. Oggi il clima si è rappacificato e la Cina è stata riaccolta dagli altri paesi nella politica globale, ma gli eventi di piazza Tienanmen sono ancora un argomento sensibile per il governo comunista cinese, che non fornisce versioni ufficiali dell'accaduto ed esercita forme di censura riguardo agli avvenimenti in questione.

Deng Xiaoping, insieme ad altri che avevano tenuto una linea dura contro i manifestanti, come Li Peng, vennero incolpati della crudele repressione delle proteste. La critica accusò Deng di reprimere ogni forma di libertà politica che potesse minare la condotta delle sue riforme economiche. Il coinvolgimento di Deng nella repressione dimostrò che possedeva ancora solidi poteri dittatoriali e che non esitava a usarli. Per anni dopo la repressione della protesta, gli oppositori di Deng, concentrati principalmente attorno alle università, bruciarono e ruppero anonimamente piccole bottiglie di vetro come segno di disprezzo nei suoi confronti, soprattutto nell'anniversario delle proteste; la parola usata per le piccole bottiglie suona proprio come Xiaoping (小瓶) in cinese.

Riforme politiche[modifica | modifica sorgente]

Ad Hong Kong, la soppressione violenta delle proteste di Tienanmen del 1989 scatenò il timore che la Repubblica popolare cinese non avrebbe mantenuto le sue promesse riguardo al piano "Un Paese, Due Sistemi" nell'imminente passaggio di sovranità del 1997. Una conseguenza di questo timore fu che il nuovo governatore di Hong Kong, Chris Patten, tentò di espandere la franchigia del consiglio legislativo di Hong Kong, quello che portò con sé frizionate con il governo cinese. La fine delle proteste del 1989 incise sulla crescente sensazione di liberalizzazione politica che era ben vista negli ultimi anni del decennio dell'80, quella che risultò nella dimenticanza di molte delle riforme democratiche proposte durante la decade. Sebbene sia stato prodotto un certo incremento nella libertà individuale a partire dal 1989, le discussioni riguardo a cambi strutturali nel governo e nella costituzione del PCC continuarono a essere un tabù[70].

Tuttavia, nonostante alcune aspettative e il fatto che durante le proteste del 1989 il governo cinese rischiasse di essere rimosso e sostituito dal Movimento democratico, durante i primi anni del XXI secolo il PCC continuava ad avere il controllo assoluto del paese, e il movimento studentesco originatosi a Tienanmen si sgretolò completamente.

Impatto economico[modifica | modifica sorgente]

Nei giorni immediatamente successivi alla fine delle proteste, l'ala conservatrice del PCC intendeva modificare alcune delle riforme di liberalizzazione del mercato intraprese come parte della Riforma economica cinese. Tuttavia, questi sforzi trovarono la dura resistenza dei governatori provinciali e vennero abbandonati completamente durante gli anni novanta a causa della caduta dell'URSS e del cosiddetto "viaggio al sud" di Deng Xiaoping, cioè le visite che il dirigente cinese fece nel 1993 nelle zone del sud dove erano state attuate le riforme economiche più ambiziose. Questo progetto fece da emblema per la cura delle riforme da parte del leader cinese, posto di fronte alle parti conservatrici che desideravano paralizzare o eliminare molte delle riforme.

La continuità della riforma economica provocò un'intensa crescita economica nel decennio del 1990, quello che restituí al governo una buona parte dell'appoggio che ebbe perduto nel 1989 (anche perché nessuno dei dirigenti attuali del governo cinese si esonerò dalla decisione di reprimere con la forza i manifestanti). Solo una delle figure prominenti del governo, l'attuale Primo Ministro Wen Jiabao, aiutò Zhao Ziyang nei suoi incontri con i manifestanti. Jiabao riuscì comunque a sopravvivere al seguito politico delle manifestazioni, a differenza di Zhao che venne posto agli arresti.

Anche se la battaglia di piazza Tienanmen fu persa, rimase un segnale forte di cui i dirigenti del PCC avrebbero tenuto conto in seguito; da allora, infatti, il potere si rese conto che se avesse voluto conservarsi in futuro, avrebbe dovuto portare la Cina sulla via della modernità. Già questo è piuttosto interessante: fino ad allora il potere aveva potuto vivere tranquillo entro i confini della Grande Muraglia, ma con l’avvento di mezzi di comunicazione globale questo non sarebbe più stato possibile perché una fetta di popolazione che aveva accesso al mondo esterno rimaneva e sarebbe rimasta sempre più attratta dallo stile di vita occidentale, dai beni di consumo occidentali e dalla speranza di una vita "migliore".

Dopo questo episodio, per tutti gli anni novanta la Cina ha intrapreso a tappe forzate la via del capitalismo attraverso uno sviluppo rapidissimo, supportato sia dai massicci investimenti statali, specialmente nei settori dell’energia e delle materie prime, sia dagli investimenti sempre maggiori da parte delle multinazionali di tutto il mondo, le quali vedevano e vedono tuttora nell’apertura del mercato cinese un immenso serbatoio di occasioni per produrre a basso costo e con estreme semplificazioni dal lato del mercato del lavoro. Tutto questo è avvenuto e avviene ancora con tassi di incremento del PIL compresi fra il 7 e il 10% e, ad oggi, la Cina è la seconda economia del mondo, avendo già superato Italia, Francia, Regno unito, Germania e Giappone.

Sebbene la protesta di piazza Tienanmen venga ricordata principalmente per il movimento studentesco pro-democratico e la carneficina perpetrata dallo stesso governo cinese, essa segna in realtà un punto di svolta nella storia economica e politica della Cina, poiché alla tragedia si susseguì non solo il passaggio (definitivo) all'economia di mercato, ma anche il consolidamento dei poteri del PCC, che ha causato il crescente autoritarismo che assoggetta i cittadini cinesi e la continua differenziazione tra le classi sociali[71], creando un paese di "super ricchi" e di "super poveri" dominato dalla corruzione e dalla censura.

Fine di un'era[modifica | modifica sorgente]

Oggi, molti cinesi non considerano l'immediata liberalizzazione politica come una misura saggia, mostrando preferenza per una lenta democratizzazione. Essi hanno considerato come cause la valutazione di prosperità e l'aumento dell'influenza internazionale della Repubblica popolare cinese, così come le difficoltà che si stavano vivendo in Russia dopo la fine della guerra fredda. Molti giovani cinesi, prima della rinascita economica della Cina, erano più concentrati sullo sviluppo economico, sul nazionalismo, sulla restaurazione del prestigio internazionale della Cina e percepivano l'atteggiamento del governo nei confronti di questioni quali lo status politico di Taiwan o il conflitto sulle Isole Senkaku con il Giappone come una debolezza.

Tra gli intellettuali in Cina, l'impatto delle proteste di piazza Tienanmen ha creato un certo divario generazionale. Intellettuali che erano ventenni durante le proteste tendono a sostenere di meno il governo della Repubblica popolare cinese rispetto ai giovani studenti nati dopo la fine delle riforme di Deng Xiaoping.

Per gli operai delle città, la continuazione del mercato nelle riforme degli anni novanta ha portato con sé un miglioramento nel loro tenore di vita, insieme a una qualche incertezza sulla crescita economica. Le loro proteste contro la corruzione locale continuano a essere frequenti, e si stima che ogni anno se ne verifichino centinaia. Il PCC era riluttante a soffrire la pubblicità negativa per sopprimere tali proteste e dato che la direzione delle città è andata ai leader locali e siccome le proteste non consistevano più in più profonde riforme e non cooperavano con altre città, gli operai non vennero considerati una minaccia.

Oggi, contrariamente alla situazione del 1989, le principali aree di malcontento in Cina sembrano essere le zone rurali, che hanno visto il loro reddito da mettere in comune durante gli anni novanta e che non hanno partecipato al boom economico di questo decennio. Allo stesso modo che la mancanza di organizzazione e la diffusione dei contadini ha impedito che ci si mobilitasse in supporto al governo nel 1989; questi fattori inibiscono anche la mobilizzazione di questo gruppo contro il governo in questo momento.

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

Fiaccolata per il XX anniversario della protesta, Hong Kong, 2009

Numerose canzoni sono ispirate a questi fatti, tra cui Uno come noi dei Nomadi, Davide e Golia del Gen Rosso, dedicate in particolare allo studente che fermò un'intera colonna di carri armati, Il vento dei Litfiba tratta dall'album Pirata del 1989, Città proibita dei Pooh, dall'album Uomini soli del 1990 e Tiananmen dei Kalashnikov. Si dice anche che Blood Red degli Slayer (dal disco Seasons in the Abyss del 1990) racconti le vicende di questa tragedia. Tieniamente di Claudio Baglioni è una canzone che fa parte dell'album Oltre del 1990. Il testo è unicamente composto dalle parole Tienanmen e Tieni a mente.

Roger Waters (ex leader dei Pink Floyd) nel brano Watching tv incluso nell'album Amused to Death del 1992 racconta la storia di una studentessa uccisa nella strage di piazza Tienanmen. Il video del pezzo, inoltre, mostra le immagini reali della protesta e della repressione.

Il Museo Memoriale del 4 giugno di Hong Kong, rimasto aperto dal 29 aprile al 10 giugno 2012.

Nell'album The Politics of Ecstasy, il secondo disco della band di Seattle Nevermore, è presente una canzone intitolata The Tiananmen Man. Nell'ultimo album dei System of a Down (Hypnotize) nella canzone Hypnotize c'è un chiaro riferimento ai giovani protestanti. Altra canzone basata su quest'avvenimento è, appunto, Tien an men dei CCCP Fedeli alla linea, contenuta nell'album Live in Punkow.

Un riferimento a questi fatti c'è anche nella prima versione della canzone Il vento dei Litfiba contenuta nell'album Pirata proprio del 1989. Nel video della canzone Refuse/Resist dall'album Chaos AD dei brasiliani Sepultura sono visibili alcune scene della protesta. Infine un riferimento agli eventi di piazza Tienanmen è presente nella brano "Democracy" di Leonard Cohen, dall'album "The Future". L'episodio del ragazzo davanti ai carrarmati appare anche nel cartone I Griffin, nel quale il ragazzo è con Peter Griffin.

In una puntata de I Simpson in cui Homer e famiglia vanno in Cina, passano in piazza Tienanmen dove c'è un monumento con una targa con su scritto: "in questa piazza nel 1989 non accadde nulla". È un chiaro riferimento ironico al massacro e alla massiccia censura esercitata dal governo cinese per impedire la sua promulgazione da parte dei media internazionali.

Una delle immagini artistiche, oltre alla Dea della Democrazia, più emblematiche della protesta e della conseguente strage di Tienanmen è sicuramente il dipinto L'esecuzione, di Yue Minjun, tra l'altro emblema del movimento artistico cinese definito come "realismo cinico". Nel quadro sono raffigurati due gruppi di uomini, per aspetto identici a Minjun, che sorridono ampiamente; gli uomini del primo gruppo sono in mutande, mentre quelli del secondo sono vestiti con abiti d'ufficio e fanno finta di imbracciare dei fucili e di puntarli contro il primo gruppo[72].

Lista delle vittime note[modifica | modifica sorgente]

Di seguito è riportato l'elenco delle persone (delle quali siamo a conoscenza) che sono rimaste uccise durante la protesta di piazza Tienanmen[73].

  • An Ji
  • Bai Jing Chuan
  • Bao Xiu Dong
  • Ben Yun Hai
  • Bian Zong Xu
  • Cao Zhen Ping
  • Chen Lai Shun
  • Chen Sen Lin
  • Chen Zhong Jie
  • Chen Zi Qi
  • Cheng Ren Xing
  • Cui Lin Feng
  • Dai Jin Ping
  • Dai Wei
  • Dong Lin
  • Dong Xiao Jun
  • Du Guang Xue
  • Du Yan Ying
  • Duan Chang Long
  • Gao Yuan
  • Gong Ji Fang
  • Guo Chun Min
  • Guo An Min
  • Han Jun You
  • Han Qiu
  • Han Zi Quan
  • Hao Zhi Jing
  • He Guo
  • He Jie
  • He Shi Tai
  • He An Bin
  • Hu Xing Yun
  • Huang Pei Pu
  • Huang Tao
  • Huang Xin Hua
  • Jiang Jia Xing
  • Jiang Jie Lian
  • Kou Xia
  • Kuang Min
  • Lai Bi
  • Lei Guang Tai
  • Li Chang Sheng
  • Li Chun
  • Li De Zhi
  • Li Hao Cheng
  • Li Hui
  • Li Li
  • Li Meng
  • Li Ping
  • Li Shu Zhen
  • Li Tie Gang
  • Li Zhen Ying
  • Li Hui Quan
  • Liang Bao Xing
  • Lin Ren Fu
  • Lin Tao
  • Liu Chun Yong
  • Liu Feng Gen
  • Liu Hong
  • Liu Hong Tɑo
  • Liu Jian Guo
  • Liu Jin Hua
  • Liu Jing Sheng
  • Liu Jun He
  • Liu Qiang
  • Liu Yan Sheng
  • Liu Zhan Min
  • Lu Chun Lin
  • Lu Xiao Jun
  • Lu Jian Guo
  • Lu Peng
  • Luan Yi Wei
  • Luo Wei
  • Ma Chene Fen
  • Ma Jian Wu
  • Mu Gui Lan
  • Nan Hua Tong
  • Ni Shi Lian
  • Peng Jun
  • Pu Chang Kui
  • Qi Li
  • Qi Wen
  • Qian Hui
  • Qian Jin
  • Ren Jian Min
  • Ren Wen Lian
  • Shi Hai Wen
  • Shi Yan
  • Song Bao Sheng
  • Song Xiao Ming
  • Su Jin Jian
  • Su Sheng Ji
  • Su Xin
  • Sun Hui
  • Sun Tie
  • Sun Xiao Feng
  • Sun Yan Chang
  • Tao Mao Xian
  • Tao Zhi Gan
  • Tian Dao Min
  • Wang Chao
  • Wang Dong Xi
  • Wang Fang
  • Wang Gang
  • Wang Hong Qi
  • Wang Jian Ping
  • Wang Jun Jing
  • Wang Nan
  • Wang Pei Wen
  • Wang Qing Zeng
  • Wang Tie Jun
  • Wang Wei Ping
  • Wang Wen Ming
  • Wang Yao He
  • Wang Yi Fei
  • Wang Ying
  • Wang Zheng Sheng
  • Wang Zhi Ying
  • Wei Wu Min
  • Wen Jie
  • Wu Guo Feng
  • Wu Xiang Dong
  • Xi Gui Ru
  • Xia Zhi Lei
  • Xiao Bo
  • Xiao Jie
  • Xie Jing Suo
  • Xiong Zhi Ming
  • Xu Jian Ping
  • Yan Wen
  • Yang Han Lei
  • Yang Ming Hu
  • Yang Ru Ting
  • Yang Yan Sheng
  • Yang Zhen Jiang
  • Yang Zi Ping
  • Ye Wei Hang
  • Yin Shun Qing
  • Yin Jing
  • Yu Di
  • Yuan Li
  • Yuan Min Yu
  • Zha Ai Guo
  • Zhai Shun
  • Zhang Fu Yuan
  • Zhang Jia Mei
  • Zhang Jian
  • Zhang Jin
  • Zhang Lin
  • Zhang Luo Hong
  • Zhang Ru Ning
  • Zhang Wei Hua
  • Zhang Xiang Hong
  • Zhao De Jiang
  • Zhao Long
  • Zhao Tian Chou
  • Zheng Chun Fu
  • Zhonq Jun Jun
  • Zhong Qinq
  • Zhong Gui Qing
  • Zhou De Bao
  • Zhou De Ping
  • Zhou Xin Ming
  • Zhou Yong Qi
  • Zhou Yu Zhen
  • Zhuang Jie Sheng
  • Zou Bing
  • Zou Zuo Wu

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cfr. le occorrenze del lemma "Tienanmen" sui libri di lingua italiana
  2. ^ Marie-Claire Bergère, La Repubblica popolare cinese (1949-1999), il Mulino, pag.311
  3. ^ (EN) 23 yrs after Tiananmen massacre, human rights in China non-existent: US - The Indian Express.com
  4. ^ Al Rivoltoso sconosciuto, alla censura di piazza Tienanmen - il Ritaglio.it
  5. ^ a b c Video - Tank Man (minitruth) - con immagini e interviste di KPBS San Diego
  6. ^ (EN) China: Tiananmen’s Unhealed Wounds - Two Decades on, Continuing Censorship and Persecution of Survivors and Critics - Human Rights Watch.org
  7. ^ «Vogliamo le scuse dal regime comunista» - Lettera aperta delle Madri di Tienammen a una settimana dall'anniversario del massacro degli studenti in piazza - Corriere della Sera.it
  8. ^ Il ricordo dei figli di Tienanmen - la primavera che cambiò Pechino - la Repubblica.it
  9. ^ Cina, 21 anni dopo Piazza Tienanmen resta un tabù - Articolo e video, Sky.it
  10. ^ A 23 anni da piazza Tiananmen, il web censura e Hong Kong ricorda - La Stampa.it
  11. ^ Weibo blocca emoticon e dissidenti nell'anniversario di Piazza Tiananmen - La Stampa.it
  12. ^ (EN) China censors internet searches and references to Tiananmen massacre - RTÉ.ie
  13. ^ Piazza Tiananmen, oggi - Il Post.it
  14. ^ Ventitré anni fa, piazza Tienanmen: la Città Proibita ancora non riconosce la strage - Giornale Il Referendum.com
  15. ^ A 23 anni dalla strage di Piazza Tienanmen il governo cinese sceglie di non ricordare - Internationalpost.it
  16. ^ Cina, anniversario Tienanmen: arresti e censura sul web - Articolo e video, Sky.it
  17. ^ Chi ha battuto la censura su Tienanmen - Articolo e video, il Journal.it
  18. ^ Piazza Tienanmen, 23 anni dopo - Net1News.org
  19. ^ Pechino, cortei e arresti per Tienanmen - la Repubblica.it
  20. ^ Ventitré anni dopo i morti di Tiananmen attendono ancora giustizia - Corriere della Sera.it
  21. ^ CINA: VENT'ANNI DA TIENANMEN, RICORDO CHE IMBARAZZA PECHINO - AGI.it
  22. ^ (EN) Mayer Frédéric, The American Invasion of the Panama in the Chinese Media, Ashgate, 2011.
  23. ^ a b Marie-Claire Bergère, La Repubblica popolare cinese (1949-1999), 2000, p. 212-221.
  24. ^ Minzhu Han (1990). Cries For Democracy: Writings and Speeches from the 1989 Chinese Democracy Movement. Oxford, England: Princeton University Press.
  25. ^ Anche la rivelazione di questo ruolo di Deng, fatto risalire a una delibera del Politburo di diversi anni prima, fu imputata a Zhao come capo d'imputazione politico: ne aveva fatto menzione durante un incontro pubblico con Gorbacev, in visita in quei giorni a Pechino (cfr. Tienanmen: documenti raccolti da Zhang Liang - Rizzoli, 2000).
  26. ^ 1989 Tienanmen, il manifesto studenti.wmv - Tg3 news
  27. ^ Traduzione da "Zhao Ziyang's Speech at Tiananmen"
  28. ^ Deng Xiaoping - Dizionario di storia moderna e contemporanea
  29. ^ a b Yang Shangkun - The Economist.com
  30. ^ a b Speciale Tian'anmen - Una tragedia evitabile - China Files.com
  31. ^ (EN) Mackerras, McMillen, and Watson 137
  32. ^ a b Asia News.it
  33. ^ (EN) CNN.com
  34. ^ Li Peng, “macellaio di Tiananmen” era “pronto a morire” contro il caos degli studenti - Asia News.it
  35. ^ Anche a Hong Kong non c'è più spazio per le memorie di Tiananmen - Panorama.it
  36. ^ a b Eckholm 2
  37. ^ Biography of Yang Baibing in China Vitae. URL consultato il 18 novembre 2010.
  38. ^ Eckholm 1–2
  39. ^ Gittings
  40. ^ (EN) South China Morning Post
  41. ^ (EN) Peng Zhen (Chinese politician) - Britannica Online Encyclopedia - Britannica.com
  42. ^ a b (EN) Zhang Liang (2002). Tiananmen Papers. New York: PublicAffairs.
  43. ^ (EN) U.S. Embassy Beijing, To: Department of State, Wash DC, SITREP No. 35: 6 June 0500 Hours
  44. ^ Secretary of State's Morning Summary for 6 June 1989, China: Descent into Chaos
  45. ^ (EN) Political Struggles in China's Reform Era
  46. ^ (EN) Yu, Verna (15 February 2011). "No regrets for defiant Tiananmen general", South China Morning Post.
  47. ^ (EN) June4th 1989 Archive
  48. ^ Thomas, Tony: The Tank Man (documentary film)
  49. ^ a b c d e Interview with Timothy Brook, Pbs.org. URL consultato il 9 novembre 2009.
  50. ^ Deng Is Said to Have Backed Tiananmen Violence - The New York Times.com
  51. ^ Tien An Men, fu Deng Xiaoping a dire di sparare - Il Post
  52. ^ a b Deng Xiaoping (Chinese leader) - Britannica Online Encyclopedia - Britannica.com
  53. ^ a b c d e Interview with John Pomfret, Pbs.org. URL consultato il 9 novembre 2009.
  54. ^
    « "It's confusing to say that a few hundred left, when in the previous sentence there were a few thousand there. Furthermore, did they just leave, or where they forced off? How many were killed before leaving? Etc. This sentence seems to raise more questions than it answers." »
    (Vague, September 2012)
  55. ^ a b c d e f g Video - BBC News - June 4, 1989, Tiananmen Square Massacre - BBC News
  56. ^ a b Picture Power:Tiananmen Standoff BBC News. Last updated 7 October 2005.
  57. ^ BBC News, 2 June 2009 :Tiananmen killings: Were the media right?"
  58. ^ There was no Tiananmen Square Massacre CBS News
  59. ^ "tankman doc"
  60. ^ Interview with Jan Wong, PBS, 11 aprile 2006. URL consultato il 9 novembre 2009.
  61. ^ Cheng, Chu-Yuan (1990). Behind the Tiananmen Massacre: Social, Political and Economic Ferment in China. p. 139. Westview Press, Inc., Oxford.
  62. ^ Deng's 9 June Speech in World Affairs, 3, vol. 152, 28 giugno 1989, JSTOR 20672226.
  63. ^ Beijing Spring,Beijing spring, 1989 : confrontation and conflict : the basic documents / Michel Oksenberg, Lawrence R. Sullivan, Marc Lambert, editors ; introduction by Melanie Manion ; featuring "Death or rebirth? Tiananmen, the soul of China" by Li Qiao et al., translated by H.R. Lan and Jerry Dennerline.378
  64. ^ China since Tiananmen: the politics of transition (2001). Joseph Fewsmith. p. 42
  65. ^ Deng's June 9 Speech: 'We Faced a Rebellious Clique' and 'Dregs of Society' - The New York Times.com
  66. ^ Il diario segreto su Tienanmen - la Repubblica.it
  67. ^ I segreti di Tiananmen, escono le memorie di Zhao Ziyang - l'Unità.it
  68. ^ (EN) Pico Iyer, The Unknown Rebel in Time.com, 13 aprile 1998. URL consultato il 20 agosto 2011.
  69. ^ Madri senza pace - Peace reporter.net
  70. ^ Cina, verso la riscrittura di Tiananmen - Emergency - il mensile online.it
  71. ^ L'impero celeste aderisce alla wto - Dopo Tienanmen, il trionfo dell'ordine neoliberale - Le Monde Diplomatique.it
  72. ^ (EN) Yue Minjun: Execution - Art For A Change.com
  73. ^ (EN) Communist China – We Remember the Tiananmen Square Massacre - Responsible for Equality And Liberty (R.E.A.L.) - realcourage.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Marie-Claire Bergère, La Repubblica popolare cinese (1949-1999) - il Mulino 2000 - ISBN 88-15-07411-2
  • Andrew J. Nathan, The Tiananmen Papers (articolo su ResetDOC.org)
  • (EN) Detained in China and Tibet: a directory of political and religious prisoners, Robin Munro, Mickey Spiegel, Asia Watch Committee, 1994. ISBN 978-1564321053.
  • (EN) June Fourth: The True Story, Tian'anmen Papers/Zhongguo Liusi Zhenxiang Volumes 1–2 (Chinese edition), Zhang Liang, ISBN 962-8744-36-4.
  • (EN) Red China Blues: My Long March from Mao to Now, Jan Wong, Doubleday, 1997, trade paperback, 416 pages, ISBN 0-385-48232-9 (Contains, besides extensive autobiographical material, an eyewitness account of the Tiananmen crackdown and the basis for an estimate of the number of casualties.)
  • (EN) The Tiananmen Papers, The Chinese Leadership's Decision to Use Force Against their Own People—In their Own Words, Compiled by Zhang Liang, Edited by Andrew J. Nathan and Perry Link, with an afterword by Orville Schell, PublicAffairs, New York, 2001, hardback, 514 pages, ISBN 1-58648-012-X An extensive review and synopsis of The Tiananmen papers in the journal Foreign Affairs may be found at Review and synopsis in the journal Foreign Affairs.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]