Patriots (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patriots
ArtistaFranco Battiato
Tipo albumStudio
Pubblicazioneottobre 1980
Durata28:58
Dischi1
Tracce7
GenereNew wave
EtichettaEMI Italiana 3C064-18521
ProduttoreAngelo Carrara
ArrangiamentiFranco Battiato, Giusto Pio
RegistrazioneStudio Radius, Milano;
luglio 1980
FormatiLP, MC, CD
Note40.000 copie vendute
Franco Battiato - cronologia
Album successivo
(1981)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[senza fonte] 3.5/5 stelle

Patriots è un album di Franco Battiato pubblicato dall'etichetta EMI Italiana nell'ottobre 1980.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Patriots è il primo tiepido successo commerciale di Franco Battiato dai tempi dell'album Pollution. In classifica si piazza al trentesimo posto e rimane fra i primi cinquanta per quattro mesi. Inizialmente si sarebbe dovuto intitolare "I telegrafi del martedì grasso".[1] I brani Up Patriots to Arms e Prospettiva Nevski (ispirato all'omonima strada di San Pietroburgo) diverranno col tempo suoi grandi classici.

Il testo della canzone Le aquile è tratto dal volume Statue d'acqua di Fleur Jaeggy.[2] Arabian Song è il primo brano della sua carriera nel quale il cantautore siciliano si cimenta nel canto in lingua araba.[2] Numerose anche le citazioni letterarie che si riferiscono a poeti italiani (fra cui Leopardi, Pascoli e Carducci) nel brano Frammenti.[3]

In Passaggi a livello, tra la seconda e la terza strofa, è presente una citazione in francese tratta dal volume III dell'opera Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust: "La musique, bien différente en cela de la société d'Albertine, m'aidait à descendre en moi-même, à y découvrir du nouveau: la variété que j'avais en vain cherchée dans la vie, dans le voyage [...]".[4]

All'inizio di Up Patriots to Arms si ascolta un breve parlato in arabo, di fonte incerta, il cui significato è traducibile con: "Ogni giorno guardiamo le cose insignificanti, guardo tutto e tutto il mondo che vive di speranza, e non vivo”. La musica utilizzata in questo passaggio è un frammento dell'ouverture del Tannhäuser di Richard Wagner.[5]

Nel 2010 è uscita un'edizione per commemorare il trentesimo anniversario dell'album, con l'aggiunta del videoclip di Up Patriots to Arms e quattro tracce bonus. La base strumentale di Up Patriots to Arms, qui pubblicata, corrisponde a quella delle versioni in inglese e spagnolo della canzone, uscite originariamente su Echoes of Sufi Dances ed Ecos de Danzas Sufi. Dieci anni dopo viene pubblicata un'edizione commemorativa per il quarantennale, che conferma le tracce bonus della 30th Anniversary Edition, a eccezione della base strumentale di Up Patriots to Arms.[6]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di Franco Battiato, eccetto dove indicato; musiche e arrangiamenti di Franco Battiato e Giusto Pio.

Lato A[modifica | modifica wikitesto]

  1. Up Patriots to Arms – 5:01
  2. Venezia-Istanbul – 4:37
  3. Le aquile – 4:10 (testo: Fleur Jaeggy)

Durata totale: 13:48

Lato B[modifica | modifica wikitesto]

  1. Prospettiva Nevski – 3:56
  2. Arabian Song – 3:40
  3. Frammenti – 3:56
  4. Passaggi a livello – 3:38

Durata totale: 15:10

30th Anniversary Edition[modifica | modifica wikitesto]

  1. Up Patriots to Arms – 5:04
  2. Venezia-Istanbul – 4:36
  3. Le aquile – 4:10 (testo: Fleur Jaeggy)
  4. Prospettiva Nevski – 4:00
  5. Arabian Song – 3:40
  6. Frammenti – 3:57
  7. Passaggi a livello – 3:41
  8. Perspectiva Nevski (da Nomadas) – 3:26
  9. Up Patriots to Arms (da Echoes of Sufi Dances) – 5:23
  10. Up Patriots to Arms (da Ecos de Danzas Sufi) – 4:38
  11. Up Patriots to Arms (Instrumental) – 4:37

Durata totale: 47:12

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Solitary Beach, su solitarybeach.altervista.org.
  2. ^ a b Franco Pulcini, Tecnica mista su tappeto, EDT, 1992, pp. 37-38.
  3. ^ Gianfranco Baldazzi, Luisella Clarotti, Alessandra Rocco, I nostri cantautori, Thema Editore, 1990, p. 167, ISBN 9788871590691.
  4. ^ (FR) 1190 - La musique, bien différente en cela de la société d’Albertine, su A la recherche du temps perdu - Marcel Proust. URL consultato il 5 gennaio 2013.
  5. ^ Up patriots to arms, su UNO SCRIGNO DI OGNI POSSIBILE COSA, 11 dicembre 2018. URL consultato il 1º novembre 2020.
  6. ^ Universal Music, PATRIOTS 40TH ANNIVERSARY, su universalmusic.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica