Il ballo del potere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il ballo del potere
ArtistaFranco Battiato
Tipo albumSingolo
Pubblicazionedicembre 1998
Durata7:49 (singolo)
15:42 (EP)
Dischi1
Tracce2 (singolo)
4 (EP)
GenerePop rock
EtichettaMercury Records
(566 706-2, singolo)
(566 707-2, EP)
FormatiCD
Franco Battiato - cronologia
Singolo precedente
(1998)
Singolo successivo
(2007)
Franco Battiato - cronologia
EP precedente
(1998)

Il ballo del potere è un singolo del cantautore italiano Franco Battiato, pubblicato nel 1998 dalla Mercury Records come estratto dall'album Gommalacca.

È stato pubblicato su CD in due edizioni, rispettivamente con due e quattro tracce.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il ballo del potere (radio edit) è più breve di circa dieci secondi rispetto alla canzone sull'album e ha le ultime due strofe invertite. Coincide infatti con l'audio utilizzato nel videoclip della canzone, diretto da Francesco Fei, dove Andrea Pezzi, che recita l'ultima strofa, appare appunto sul finale.[1]

Le tracce bonus sono tre demo: Stage Door, dall'arrangiamento diverso rispetto al provino sul singolo di Shock in My Town, Emma, che sarà cantato da Patty Pravo in Notti, guai e libertà, e L'incantesimo, reinterpretato da Battiato negli album Last Summer Dance e Inneres Auge.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Singolo[modifica | modifica wikitesto]

Musiche di Franco Battiato.

  1. Il ballo del potere (radio edit) – 4:14 (testo: Franco Battiato e Manlio Sgalambro)
  2. Emma (demo) – 3:35 (testo: Manlio Sgalambro)

Durata totale: 7:49

EP[modifica | modifica wikitesto]

Musiche di Franco Battiato.

  1. Il ballo del potere (radio edit) – 4:14 (testo: Franco Battiato e Manlio Sgalambro)
  2. Stage Door 2 (demo) – 4:05 (testo: Franco Battiato e Manlio Sgalambro)
  3. Emma (demo) – 3:35 (testo: Manlio Sgalambro)
  4. L'incantesimo (demo) – 3:48 (testo: Manlio Sgalambro)

Durata totale: 15:42

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Works | Francesco Fei - director, su francescofei.com. URL consultato il 12 novembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock