Come un cammello in una grondaia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Come un cammello in una grondaia
Artista Franco Battiato
Tipo album Studio
Pubblicazione 1991
Durata 32 min : 08 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Musica d'autore
Etichetta EMI Italiana
Produttore Enrico Maghenzani
Registrazione Abbey Road Studios, Londra
Franco Battiato - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1993)

Come un cammello in una grondaia è il sedicesimo album di Franco Battiato, pubblicato nel 1991.

Dell'album è uscita, nello stesso anno, una versione in lingua spagnola intitolata Como un camello en un canalón.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è diviso in due parti: i primi quattro brani sono opere di Battiato mentre i restanti quattro sono lieder di autori di musica classica.

Raggiunse il decimo posto in classifica e vendette oltre 250.000 copie[1], risultando il trentaquattresimo disco più venduto in Italia durante l'anno.[2]

In copertina vi è un particolare da un dipinto di Süphan Barzani, pseudonimo dello stesso Battiato.

Il titolo del disco è una citazione di Al-Biruni, scienziato persiano vissuto nel XII secolo, che era solito pronunciare tale frase per indicare l'inadeguatezza della propria lingua nel descrivere argomenti di carattere scientifico.[3]

Schmerzen è uno dei cinque Lieder del ciclo Wesendonck-Lieder (WWV 91), composto da Richard Wagner nel 1857 su una poesia di Mathilde Wesendonck

Il brano Plaisir d'amour (1785) di Johann Paul Aegidius Martin viene citato da Battiato anche nella canzone Shakleton (Gommalacca, 1998).

Gestillte Sehnsucht è tratta dall'Op. 91 Due Lieder per contralto, viola e pianoforte (1863-1884) di Johannes Brahms.

Oh Sweet Were the Hours è tratta dall'Op. 108 Venticinque canzoni scozzesi (1818) di Ludwig Van Beethoven; il testo inglese è attribuito a William Smyth (1765-1849). Il brano fa parte del progetto di Beethoven di ri-arrangiare canzoni del patrimonio popolare britannico.[4][5]

Como un camello en un canalón[modifica | modifica wikitesto]

Realizzato con copertina non apribile. Tutti i crediti e i testi sono nella busta interna. Le versioni spagnole dei Sagradas sinfonias del tiempo, Como un camello en un canalón e La sombra de la luz sono di Carlos Toro. L'adattamento in spagnolo di Pobre Patria è accreditato ad complesso spagnolo di gran successo: El Último de la Fila.

Edito dalla Hispavox su licenza EMI-Odeon, numero di catalogo 072-7896421

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione italiana[modifica | modifica wikitesto]

  1. Povera Patria - 3.45
  2. Le sacre sinfonie del tempo - 3.45
  3. Come un cammello in una grondaia - 3.31
  4. L'ombra della luce - 4.54
  5. Schmerzen - 2.50 - (Richard Wagner, elaborazione per orchestra di Felix Mottl)
  6. Plaisir d'amour - 3.57 - (Johann Paul Aegidius Martin, elaborazione per orchestra di Hector Berlioz)
  7. Gestillte Sehnsucht - 5.48 - (Johannes Brahms, elaborazione per orchestra e coro di Franco Battiato)
  8. Oh Sweet Were the Hours - 3.38 - (Ludwig Van Beethoven, elaborazione per orchestra e coro di Franco Battiato)

Versione spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Pobre Patria
  2. Sagradas sinfonias del tiempo
  3. Como un camello en un canalón
  4. La sombra de la luz

Lato B

  1. Schmerzen
  2. Plaisir d'amour
  3. Gestillte Sehnsucht
  4. Oh sweet were the hours

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • L'album riceve il Premio della Critica come "Miglior Disco dell'Anno" in un referendum della stampa specializzata promosso dalla rivista Musica e Dischi.
  • Povera Patria si aggiudica nel 1992 la Targa Tenco come "Miglior Brano dell'Anno".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sito ufficiale
  2. ^ Gli album più venduti del 1991, hitparadeitalia.it. URL consultato il 30 luglio 2009.
  3. ^ Intervista a Franco Battiato in occasione dell'uscita dell'album (1991)
  4. ^ Beethoven folksong arrangements
  5. ^ Beethoven, Opus list
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica