Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Occlusiva retroflessa sonora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Occlusiva retroflessa sonora
IPA - numero106
IPA - testoɖ
IPA - immagine
Xsampa-d'.png
UnicodeU+0256
Entityɖ
X-SAMPAd`
Kirshenbaumd.
Ascolto

L'occlusiva retroflessa sonora è una consonante, rappresentata con il simbolo [ɖ] nell'alfabeto fonetico internazionale (IPA).

Nella lingua italiana tale fono non è presente.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La consonante occlusiva retroflessa sonora presenta le seguenti caratteristiche:

Nelle lingue d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

In siciliano, salentino e sardo questo suono si trova come allofono dell'occlusiva alveolare sonora [d] o della [l]) ed è sempre doppio. Ne è un esempio la pronuncia siciliana o salentina delle parole «bello» e «cavallo», rispettivamente [ˈbɛɖː(ʐ)ʊ e [kaˈvaɖː(ʐ)ʊ, oppure la parola sarda nudda, pronunciata [ˈnuɖːa].[1]

Analogamente nel dialetto salentino parlato a Lecce e nella lingua sarda, si ha il suono invertito della d cacuminale ogni qual volta la doppia d corrisponde alla doppia l intervocalica italiana o latina. Per questo cavallo e caballum sono rispettivamente [ˈkaɖːu] in sardo e [kaˈvaɖːu] o [ˈkaɖːu] in leccese, eccetera. Lo stesso suono si ha nel nesso nd in parole sarde quali [faˈteɳɖe], [ˈtaɳɖo], [ˈkaɳɖo].

Altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Salentino[modifica | modifica wikitesto]

Nel Dialetto salentino è presente in numerose parole ed è reso con dd:

  • caddina «gallina»
  • bedda «bella»
  • muddatu «bagnato»

Sardo[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua sarda è presente in numerose parole ed è reso con dd; alcuni lo scrivono come dh:

  • nieddu «nero»
  • pudda «gallina»

Siciliano e calabrese[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua siciliana e in quella calabrese è presente in numerose parole ed è reso con dd:

  • cavaḍḍu «cavallo»
  • beḍḍu «bello»

Corso[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua corsa parlata nel sud dell'isola (e nella variante della Gallura in Sardegna) è presente in numerose parole ed è reso con dd:

  • cavaddu «cavallo»
  • beddu «bello»
  • ghjaddina «gallina»

Svedese[modifica | modifica wikitesto]

In lingua svedese tale fono è reso con la grafia rd:

Hindi[modifica | modifica wikitesto]

In lingua hindi:[2]

Norvegese[modifica | modifica wikitesto]

In lingua norvegese:

Giavanese[modifica | modifica wikitesto]

In lingua giavanese è reso con dh:

  • Dhahar "mangiare"

Kannada[modifica | modifica wikitesto]

In lingua kannada:

Nihali[modifica | modifica wikitesto]

In lingua nihali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comitato Scientifico per la Norma Campidanese del Sardo Standard, Regole per ortografia, fonetica, morfologia e vocabolario della Norma Campidanese della Lingua Sarda, ALFA, Quartu S. Elena (CA), 2009.
  2. ^ Peter Ladefoged, Vowels and Consonants (Second ed.), Blackwell 2005
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica