Fricativa velare sorda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fricativa velare sorda
IPA - numero 140
IPA - testo x
IPA - immagine Xsampa-x.png
Unicode U+0078
Entity &#120
SAMPA x
X-SAMPA x
Kirshenbaum x
Ascolta[?·info]

La fricativa velare sorda è una consonante presente in moltissime lingue, che in base all'alfabeto fonetico internazionale è rappresentata col simbolo [x].

Nella lingua italiana non è presente.

A [x] corrisponde la j spagnola di Juan e il ch tedesco di Bach.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La fricativa velare sorda presenta le seguenti caratteristiche:

  • il suo modo di articolazione è fricativo, perché il suo suono viene prodotto dalla frizione causata dal passaggio ininterrotto di aria attraverso un restringimento del cavo orale;
  • il suo luogo di articolazione è velare: si produce accostando il dorso della lingua al velo del palato (in modo che l'aria, costretta dall'ostacolo, produca un rumore nella sua fuoriuscita).
  • è una consonante sorda, in quanto l'emissione di tale suono avviene senza far vibrare le corde vocali.

In spagnolo[modifica | modifica sorgente]

Si pronunciano così:

  • la j (Juan Carlos);
  • la g, ma solo nei gruppi ge e gi (gente, Argentina).

In tedesco[modifica | modifica sorgente]

Viene resa nella lingua scritta con il gruppo ch.

Normalmente ch si legge come fricativa velare sorda, quando è preceduto da /a/, /o/, /u/:

  • ach (esclamazione di sorpresa o disappunto): x

D'altro canto, dopo le vocali anteriori (i, e e Umlaute) ch si legge come fricativa palatale sorda:

  • ich ('io'): ç.

Si tratta di varianti articolatorie o regionali, di nessun ruolo per il significato della parola che si viene a formare (allofoni).

In esperanto[modifica | modifica sorgente]

Si pronuncia così la lettera ĥ (trascritta anche come hx o, più raramente, hh) per esempio nella parola ĥaoso (xa'oso caos).

Calabrese[modifica | modifica sorgente]

Nei dialetti calabresi meridionali corrisponde alla effe italiana e graficamente viene rappresentata con una ĥ.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L. Canepari, Avviamento alla fonetica, Torino, Einaudi, 2006
Consonanti
Polmonari Bilabiale Lab.den. Dentale Alveolare Postalv. Retroflessa Palatale Velare Uvulare Farin. Epiglottale Glottidale Non polmonari ed altri simboli
Nasale m ɱ n ɳ ɲ ŋ ɴ Clic  ʘ ǀ ǃ ǂ ǁ
Occlusive p b t d ʈ ɖ c ɟ k ɡ q ɢ ʡ ʔ Impl.  ɓ ɗ ʄ ɠ ʛ
Fricative  ɸ β f v θ ð s z ʃ ʒ ʂ ʐ ç ʝ x ɣ χ ʁ ħ ʕ ʜ ʢ h ɦ Eiettive 
Approssimanti  β̞ ʋ ð̞ ɹ ɻ j ɰ Altre laterali  ɺ ɫ
Vibranti ʙ r ʀ Coarticolazioni approssimanti  ʍ w ɥ
Monovibranti ɾ ɽ Coarticolazioni fricative  ɕ ʑ ɧ
Fric. laterale ɬ ɮ Affricate  t͡s d͡z t͡ʃ d͡ʒ
Appr. laterale l ɭ ʎ ʟ Coarticolazioni occlusive  k͡p ɡ͡b ŋ͡m
Le aree ombreggiate denotano articolazioni polmonari ritenute impossibili.
Questa pagina contiene simboli fonetici che potrebbero non esser visualizzati correttamente in alcuni browser. [Aiuto]
Dove i simboli appaiono a coppie, quello di destra rappresenta una consonante sonora.