Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Fricativa palatale sorda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fricativa palatale sorda
IPA - numero138
IPA - testoç
IPA - immagine
Xsampa-C2.png
UnicodeU+00E7
Entity& 231;
SAMPAC
X-SAMPAC
KirshenbaumC
Ascolto

La fricativa palatale sorda è una consonante presente in alcune lingue, che in base all'alfabeto fonetico internazionale è rappresentata col simbolo ç.

Nella lingua italiana tale fono non è presente.

Altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Inglese[modifica | modifica wikitesto]

In certi dialetti dell'inglese, la sequenza /hj/ è pronunciata talvolta come fricativa palatale:

human "umano" [ˈhjuːmən][ˈçuːmən], huge "enorme" [ˈhjuːd͡ʒ][ˈçuːd͡ʒ]

Tuttavia nella lingua inglese non esistono delle coppie minime per /hj/ e /ç/, cosicché in tale lingua la fricativa palatale sorda non è da considerarsi un diverso fonema, bensì un allofono.

Tedesco[modifica | modifica wikitesto]

In tedesco, tale fono è un allofono di x e corrisponde al grafema ch (quando non è preceduto da /a/, /o/, /u/):

Norvegese[modifica | modifica wikitesto]

In norvegese il fono è reso con la grafia kj, o quando la k precede i, y:

Greco[modifica | modifica wikitesto]

In lingua greca moderna tale fono è reso χ (seguita da /e/~/ɛ/ ed /i/) nell'alfabeto greco:

  • ισχαιμία (traslitterato iskhaimía) "ischemia" [isçeˈmiɐ]
  • ευχέλαιο (traslitterato eukhélaio) "unzione degli infermi, estrema unzione" [efˈçɛleo]
  • χειρουργός (traslitterato kheirourgós) "chirurgo" [çirurˈɣɔs]
  • χημεία (traslitterato khīmeía) "chimica" [çiˈmiɐ]
  • ταυρομαχία (traslitterato tauromakhía) "tauromachia" [tɐvromɐˈçiɐ]
  • χοιρομέρι (traslitterato khoiroméri) "prosciutto" [çiroˈmɛri]
  • αισχύλειος (traslitterato aiskhýleios) "di Eschilo, eschiliano" [esˈçiʎos]

Calabrese meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel calabrese meridionale, tale fono è reso graficamente come χ:

Siciliano[modifica | modifica wikitesto]

Il fono si riscontra in molti comuni della provincia di Agrigento, in qualcuno di quelli di Caltanissetta, e a Vallelunga (PA), e viene trascritto in vari modi (hj / sç / çi / ç / h / xhj / xj). Come per il calabrese, è dovuto al cambiamento del gruppi consonantico latino FL in posizione passa:

  • FLOREM → hjuri, sçiuri, sciuri, çuri, çiuri, hiuri, chiuri, xuri, xhjuri, xjuri
  • FLATUS → hjatu, sçiatu, sciatu, çiatu, hiatu, xhiatu, xhatu, xatu, xhjatu, xjatu
  • FLAMMA → hjamma, çiamma, çamma, hjamma, xhjamma, xhamma, xhjamma, xjamma, xamma
  • AFFLARE → aççari, ahhiari, axxhiari, axxhari, axxiari, axxari, ahhjari, axxjari, ascçiari, açiari
  • FLUMEN → hjumi, sçiumi, sciumi, çumi, hiumi, xhiumi, xhumi, xumi, xhjumi, xjumi

Note[modifica | modifica wikitesto]


Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica