Meilogu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Meilogu
subregione
Le mesas di Monte Santo e Monte Pelau in territorio di Siligo
Le mesas di Monte Santo e Monte Pelau in territorio di Siligo
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.png Sassari
Territorio
Coordinate

40°24′36″N 8°51′39.6″E / 40.41°N 8.861°E40.41; 8.861 (Meilogu)Coordinate: 40°24′36″N 8°51′39.6″E / 40.41°N 8.861°E40.41; 8.861 (Meilogu)

Abitanti
Comuni Ardara, Banari, Bessude, Bonnanaro, Bonorva, Borutta, Cheremule, Cossoine, Giave, Ittireddu, Mara, Monteleone Rocca Doria, Mores, Padria, Pozzomaggiore, Romana, Semestene, Siligo, Thiesi, Torralba, Villanova Monteleone
Divisioni confinanti Monteacuto, Sassarese, Planargia, Marghine, Goceano
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Localizzazione

Meilogu – Localizzazione

Il Meilogu è una regione storico-geografica della Sardegna che può essere considerata una sub-regione del Logudoro. Il nome significa "luogo di mezzo": infatti si trovava esattamente al centro del Giudicato di Torres. In questo territorio si trova la cosiddetta Valle dei Nuraghi dove spicca l'importante zona archeologica del Nuraghe Santu Antine, chiamato la reggia nuragica per la sua imponenza e per la sua eleganza.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del Meilogu è prevalentemente vulcanico e i colli conici ne rendono l'aspetto singolare nel contesto di terra geologicamente antica, tanto che gli viene attribuito l'appellativo di Alvernia sarda. I suoi suoli sono per questo tra i più fertili dell'isola. Le principali vette sono il monte Santu, il monte Pelau e il monte Traessu, tutti vulcani spenti di altezza poco superiore ai 700 metri.

Cenni storici e confini nei secoli[modifica | modifica sorgente]

L'area geografica definita dal coronimo Meilogu ha variato notevolmente dal Basso Medioevo ai giorni nostri.

In epoca giudicale il Meilogu era una curatoria del Giudicato di Torres. Per quanto attigua, la curatoria di Meilogu era del tutto distinta da quella di Ardara-Oppia, come risulta dai condaghi di San Pietro di Silki e San Michele di Salvennero. Le due curatorie furono riunite, intorno alla metà del Trecento, in una sola incontrada di Ardara e Meilogu, o più semplicemente incontrada di Meilogu, come si evince da un rilevamento del 1349, afferente ai possedimenti sardi dei Doria, e, soprattutto, dall'Ultima Pax Sardiniae del 1388. L'originaria curatoria di Meilogu comprendeva, pressappoco, gli attuali comuni di Banari, Siligo, Bonnanaro, Torralba e Borutta. La curatoria di Ardara-Oppia includeva, invece, gli odierni comuni di Ardara, Mores e Ittireddu.

Nel 1421 il re Alfonso V d'Aragona donò l'intera incontrada di Meilogu a Bernardo Gilalberto de Centelles.

Verso il 1442 tale incontrada fu dunque smembrata in tre parti: il feudo di Oppia, poi marchesato di Mores (Ardara, Mores, Lacchesos, Todoracche e Ittireddu); il feudo di Càpula, in seguito marchesato di Cea e successivamente contea di Villanova Montesanto (Càpula, Siligo, Banari, Cherchedu e Villanova Montesanto); il feudo di Meilogu, più tardi marchesato di Torralba e ulteriormente marchesato di Valdecalzana (Bonnanaro, Torralba e Borutta). Questi tre feudi vennero definitamente aboliti intorno al 1840.

Nel corso del primo quarto della seconda metà del Novecento, sebbene non ancora ben delimitata, la regione storico-geografica (o sub-regione) del Meilogu si allargò progressivamente fino a comprendere i ventidue comuni di Ardara, Mores, Ittireddu (antica curatoria di Ardara-Oppia), Banari, Siligo, Bonnanaro, Torralba, Borutta (antica curatoria di Meilogu), Thiesi, Cheremule, Bessude, Giave, Cossoine (antica curatoria di Cabuabbas), Pozzomaggiore, Padria, Mara, Romana, Monteleone Rocca Doria, Villanova Monteleone, Montresta (antica curatoria di Nurcara-Monteleone), Bonorva con Rebeccu e Semestene (antica curatoria di Costa de Valles, ovvero Costa de Addes, chiamata erroneamente Costavalle). Con tutto ciò, all'interno di tale zona abbastanza omogenea, alcuni geografi hanno individuato il cosiddetto Paese di Villanova, il quale raggruppava i comuni di Villanova Monteleone, Monteleone Rocca Doria, Romana, Pozzomaggiore, Padria e Mara (antica curatoria di Nurcara-Monteleone, pur senza l'ormai planargese Montresta, o attuale Unione dei Comuni del Villanova con l'aggiunta di Pozzomaggiore).

Dal 1976 in poi, tuttavia, la superficie territoriale del Meilogu contemplò i soli quindici comuni del Comprensorio N. 5 del Logudoro-Meilogu (sede a Thiesi), dal momento che la sub-regione venne gradualmente identificata col predetto ente intermedio (per quanto soppresso nel 1993): Banari, Bessude, Siligo, Bonnanaro, Torralba, Borutta, Thiesi, Cheremule, Giave, Cossoine, Bonorva, Semestene, Pozzomaggiore, Padria e Mara.

Infine, non è inopportuno precisare che, mentre i primi tredici dei predetti comuni sono entrati a far parte, nel 2008, dell'Unione di Comuni denominata "Meilogu" (sede a Bonorva), gli ultimi due hanno invece preferito aderire all'Unione dei Comuni del Villanova, unitamente a quelli di Villanova Monteleone (la sede), Monteleone Rocca Doria e Romana.

D'altro canto, a decorrere dal 1976, i comuni di Ardara, Mores e Ittireddu furono aggregati al Comprensorio N. 6 (sede a Ozieri), il quale, a sua volta, venne progressivamente immedesimato con la sub-regione del Monteacuto.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Areddu, Il marchesato di Mores. Le origini, il duca dell´Asinara, le lotte antifeudali, l´abolizione del feudo e le vicende del marquis de Morès, Condaghes, Cagliari 2011.
  • S. Chessa, Le Dimore rurali in Sardegna, con particolare riferimento al Monteacuto, al Goceano, al Meilogu e alla Gallura, Cargeghe, Documenta, 2008.
  • S. Chessa - G. Deriu, Ricerche su Giave, Cargeghe, Documenta, 2008
  • G. Deriu, L'insediamento umano medioevale nella curatoria di "Costa de Addes" (Comuni di Bonorva e Semestene), Sassari, Magnum, 2000 (accoglie pure la ristampa dello Studio sui centri storici medioevali del Meilogu, Bonorva, Comunità Montana N. 5 del Logudoro, 1991). Cagliari, Logus Mondi Interattivi, 2012, eBook.
  • G. Deriu - S. Chessa, L'assetto territoriale dell'odierno Meilogu dal Basso Medioevo ai nostri giorni con particolare riferimento alle curatorie di Meilogu e Costa de Addes, in Meilogu, Tomo I, Cargeghe, Documenta, 2011.
  • G. Deriu, L'assetto territoriale dell'odierno Meilogu dal Basso Medioevo ai nostri giorni (secoli XI-XXI), Cagliari, Logus Mondi Interattivi, 2012, eBook.
  • G. Deriu - S. Chessa, Meilogu, Tomo II, Cargeghe, Documenta, 2014.
  • S. Ginesu, I vulcani del Logudoro-Mejlogu, Sassari, 1992.
  • Z. Rubattu - F. Virdis, Il Logudoro Meilogu, Rimini, Maggioli, 1990.
  • Unione di Comuni "Meilogu", sito Internet (http://www.unionecomunimeilogu.it).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]