Ludwig von Mises Institute

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Ludwig von Mises Institute
TipoThink tank
Fondazione1982
FondatoreLew Rockwell, Murray Rothbard, Burton Blumert, Henry Hazlitt
Sede centraleBandiera degli Stati Uniti Auburn (Alabama)
PresidenteLew Rockwell
MottoTu ne cede malis sed contra audentior ito
Sito web

Il Ludwig von Mises Institute for Austrian Economics (acronimo: LvMI; lett. "Istituto Ludwig von Mises per l'economia austriaca") è un think tank senza scopo di lucro con sede ad Auburn, in Alabama, che rappresenta uno dei principali punti di riferimento per la diffusione delle idee della corrente Misesiana-Rothbardiana della scuola austriaca di economia e, del pensiero politico libertario di destra con particolare attenzione per le correnti paleolibertarie e anarcocapitaliste.[1][2]

L'istituto tratta argomenti di carattere filosofico, economico e inerenti all'economia politica. La visione economica e politica dell'istituto è indirizzata verso la scuola austriaca, e in particolar modo verso Ludwig von Mises, al quale è stato dedicato l'istituto. L'organizzazione si basa unicamente su donazioni private, tra cui quelle dell'ex candidato alla presidenza degli USA Ron Paul[3], e non ha mai accettato contratti di lavoro con corporazioni o altre organizzazioni.

Gli stessi vertici del Mises Institute non considerano l'istituto un think tank. Ha avuto collaborazioni con il repubblicano Ron Paul e con organizzazioni come la Foundation for Economic Education. Ha sempre negato ogni contatto con partiti politici, compreso il Libertarian Party, ed ha sempre rifiutato ogni finanziamento proveniente dalla politica.

Nonostante ci siano molte altre organizzazioni nel mondo, come in Belgio, Polonia, Argentina, Messico, Russia Brasile, aventi lo stesso nome, l'istituto non ha nessun tipo di contatto con essi.

Il motto ufficiale, ovvero "Tu ne cede malis sed contra audentior ito" ("Non lasciarti opprimere dalle calamità, ma va loro incontro coraggiosamente"), è tratto dall'Eneide di Virgilio. Il suo utilizzo deriva dal fatto che questa locuzione veniva spesso citata dallo stesso Mises per simboleggiare la linea guida di tutta la sua vita.

Il Ludwig von Mises Institute nacque nel 1982 per volere di Margit von Mises, vedova del famoso economista, la quale fece parte dell'amministrazione fino alla sua morte, avvenuta nel 1993. Il fondatore, nonché attuale presidente, è Lew Rockwell, mentre l'economista che più ha influenzato l'istituto, oltre ovviamente a von Mises, è stato Murray N. Rothbard, il quale ha ricoperto la carica di vicepresidente fino alla sua morte, nel 1995. Altri economisti importanti che hanno partecipato attivamente alla nascita e allo sviluppo dell'organizzazione sono stati Friedrich von Hayek, Lawrence Fertig, Henry Hazlitt e molti altri.

Missione ed attività

[modifica | modifica wikitesto]

Lo statuto dell'Istituto stabilisce chiaramente come mission la lotta ad ogni forma di statalismo. La sua metodologia si basa sulla prasseologia, ovvero sul metodo esposto da Mises in Human Action. La teoria economica espressa considera dannoso l'intervento statale, sia esso welfare, inflazione o tassazione. L'istituto critica nello stesso modo il comunismo e il cosiddetto sistema americano dell'800.

Con oltre 250 membri e migliaia di donatori da tutto il mondo, il Mises ha sponsorizzato centinaia di conferenze e meeting aventi diversi argomenti, che vanno dalla politica monetaria alla guerra.

La maggioranza dei membri ha spesso espresso molte critiche nei confronti delle scelte governative e delle tendenze economiche che gli Stati Uniti hanno intrapreso negli ultimi decenni. L'Istituto si caratterizza per uno spiccato liberismo, una politica estera non-interventista, un approccio individualista e una difesa del libero mercato, della libertà e della proprietà.

Il sito internet offre una vasta schiera di articoli e libri di grandi economisti austriaci della storia, come lo stesso von Mises, Murray N. Rothbard e Friedrich von Hayek. Il campus attuale dell'Istituto è stato costruito in stile vittoriano nel 1998, mentre prima del 1998 si trovava in un dipartimento della Auburn University.

Affiliazione accademici e finanziamenti

[modifica | modifica wikitesto]

Il Mises Institute impiega diversi accademici finanziati da Charles Koch. Gli studiosi del Ludwig von Mises hanno ricevuto collettivamente 12,5 milioni di dollari in finanziamenti da parte della Charles Koch Foundation tra il 2005 e il 2016.[4] Nella seguente tabella i dettagli:[5]

Accademici dell'Istituto Mises Finanziamento della Charles Koch Foundation (CKF) Tipo di associazione alle imprese private di istruzione
Walter Block, Loyola University Sperimentatore principale su sovvenzione di Koch[6], ha ricevuto 276.000 dollari dalla CKF dal 2008, passando da 24.000 dollari nel 2015 a 48.000 dollari nel 2016. Membro
Jeffery Herbener, Grove City College Dirige il "programma Koch Fellowship"[7] presso il Center of Vision and Values, ha ricevuto 410.924 dollari dal CKF dal 2006, passando da 48.075 dollari nel 2015 a 56.600 dollari nel 2016. n/a
Bruce Benson, Texas Tech/Florida State $3,335,883: Responsabile del programma "Markets and Institutions" 2008-2016, ricevuto dalla CKF 65.000 dollari nel 2016 come studioso in visita presso il Free Market Institute del Texas Tech, finanziato dai Koch. Ex presidente APEE
William Boyes, Arizona State University $1,978,377 (2014-2016): Direttore fondatore del Center for Economic Liberty[8] finanziato dalla CKF. Membro
Peter Calcagno, College of Charleston $343,055 (2008-2016): Amministratore delegato in ripetute sovvenzioni CKF per l'Institute for the Study of Capitalism, da 8.000 dollari nel 2015 a 84.500 dollari nel 2016. Comitato esecutivo APEE
Randall Holcombe, Florida State University Affiliato al programma passato e attuale della FSU, lo Hilton Centre finanziato dai Koch e sperimentatore principale dei fondi CKF per i gruppi libertari studenteschi. Membro
Alexandre Padilla, Metropolitan State University of Denver $127.840 (2008-15) PI su sovvenzioni CKF per il progetto Exploring Economic Freedom Project. Facoltà IHS 2012-presente, redattore professionista (2013). Comitato esecutivo APEE
Benjamin Powell, Texas Tech $5,527,800 (2013-16): Direttore del Free Market Institute, da 2.034.500 dollari nel 2015 a 3.368.300 dollari nel 2016. 2015 a 3.368.300 dollari nel 2016. Dottorato di ricerca presso la GMU, Suffolk, collaboratore del Mercatus Center’s Global Prosperity Initiative.[9] Ex presidente APEE
Richard Vedder, Ohio State University Descritto come "direttamente e indirettamente" ricevente finanziamenti da parte della Charles Koch Foundation.[10] Premiato APEE
Christopher Westley, Florida Gulf Coast University 2010-2012 Sovvenzione CKF per la promozione dell'economia politica[11], in un dipartimento che ha ricevuto 230.546 dollari (2008-2015) Membro, referente per la rivista APEE
G. P. Manish, Troy University Borsista laureato a Suffolk (2008-2011), affiliato al Johnson Center di Troy, 1.110.960 dollari (2010-2015) Membro
Gregory Dempster, Hampden-Sydney College Facoltà affiliata al Center for the Study of Political Economy[12] che ha ricevuto $257,100 (2006-2016) Membro
William Butos, Trinity College In un dipartimento di economia che ha ricevuto 112.753 dollari (2008-2015) Membro del comitato editoriale
Edward Stringham, Trinity College In un dipartimento di economia che ha ricevuto 112.753 dollari (2008-2015) Ex presidente, redattore della rivista
George Bittlingmayer, University of Kansas Coinvolto nell'assunzione di un professore affiliato ai Koch con uno stipendio di 145.000 dollari[13] all'Università del Kansas[14]. Ha partecipato al ritiro del Mercatus Center per i capi del personale[15]. n/a
Marshall DeRosa, Florida Atlantic University Ha ricevuto almeno 51.000 dollari (2013-2015) dalla CKF alla Florida Atlantic University. University, passando da 8.000 dollari nel 2016 a 32.000 dollari nel 2016.[16] n/a
Per Bylund, Oklahoma State University 205.500 dollari (2015-2016) - Sperimentatore co-principale e amministratore presso l'Oklahoma State Institute for Study of Free Enterprise[17] (la cui missione comprende lo studio della fallacia psicologica e morale dell'uguaglianza dei redditi e della "giustizia sociale"[18]), tra il 2013 e il 2015. Professore di ricerca presso la Baylor University e il Baugh Center for Entrepreneurship and Free Enterprise (443.263 dollari), borsista IHS (2008-2012). n/a
Robert Murphy, Texas Tech Assistente alla ricerca 2014-presente presso il Free Market Institute, economista senior presso Institute for Energy Research fondato da Charles Koch [2016:173,380, 2015: $66,404, 2014: $23,628][19] n/a
Patrick Newman, Florida Southern College Nel 2017, Patrick Newman è stato assunto presso il Center for Free Enterprise della Florida Southern University, finanziato dai Koch. Ha studiato mpresa presso la Florida Southern University. Il dottorato di Newman è stato conseguito presso il dipartimento di economia della George Mason University, e tra il 2012 e il 2017 ha ricevuto tre borse di studio del Mises Institute[20], tre borse di studio dell'Institute for Humane Studies e tre borse di studio dell'Institute for Humane Studies e sette borse di studio Mercatus. n/a
Art Carden Secondo il suo curriculum vitae, Art Carden ha "amministrato le sovvenzioni della Charles G. Koch Charitable Foundation 2008-presente" presso il Rhodes College e l'Università di Samford, per un totale di 186.300 dollari. Responsabile del programma a contratto in Economia presso l'Institute for Humane Studies e membro della facoltà ad interim del Ludwig von Mises Institute.[21] Carden collabora spesso alle pubblicazioni del Mises Institute.[22] n/a
Robert Higgs, Independent Institute Mercatus 2015-16 F.A. Hayek Distinguished Visiting Scholar e analista politico del Mercatus alla Global Prosperity Initiative del Mercatus Center, 2009.[23] Studioso distinto dell'APEE 1993[24]

Non ci sono contributi diretti della Charles Koch Foundation verso il Mises Institute.

Pubblicazioni

[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006 l'Istituto pubblica sette periodici. The Free Market, pubblicato mensilmente, analizza la scena economico-politica da un punto di vista liberale classico. Le Austrian Economics Newsletter contengono interviste ad importanti economisti facenti parte del filone della scuola austriaca. The Mises Review analizza i nuovi libri inerenti alle scienzi sociali. The Mises Memo viene utilizzato per pubblicizzare pubblicazioni e conferenza dell'istituto.

Quarterly Journal of Austrian Economics

Quarterly Journal of Austrian Economics contiene importanti saggi ed articoli inerenti ai soli temi economici, mentre Journal of Libertarian Studies tratta le implicazione e le applicazioni politiche delle teorie austriache.

Insieme ad essi si può trovare Reason Papers, un giornale che appare annualmente. Fu fondato nel 1974 e fu inizialmente edito da Tibor R. Machan.

Oltre a questi periodici ne troviamo altri due, non più pubblicati, che sono The Libertarian Forum e Left and Right: A Journal of Libertarian Thought. Entrambi diretti da Rothbard, il primo uscì tra il 1969 e il 1984 mentre il secondo venne pubblicato dal 1965 al 1968.

Dall'agosto 2006 inoltre viene pubblicato da Jeffrey Tucker Daily Articles, dove si possono trovare saggi e articoli scritti da importanti docenti ed economisti. negli ultimi due anni ha avuto circa 25.000 iscrizioni al suo sito internet.

Oltre ai periodici l'istituto ha pubblicato più di 50, tra libri e pamphlet. Ricordiamo i maggiori:

  • Human Action, Ludwig von Mises (1949)
  • Man, Economy, and State, Murray Rothbard (1962)
  • For A New Liberty, Murray Rothbard (1973)
  • The Case for Gold, Ron Paul (pubblicato dal Cato Institute nel 1982, è stato ripubblicato dal Mises nel 2007)
  • Mises and Austrian Economics, Ron Paul (1984)
  • Reassessing the Presidency, John V. Denson (2001)
  • The Myth of National Defense, Hans-Hermann Hoppe (2003)

Programmi di studio e divulgazione

[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto investe in molti programmi tesi ad educare studenti da un punto di vista accademico ed economico.

Il test Are You An Austrian? individua il grado di vicinanza rispetto all'economia austriaca e alle sue teorie. Questo quiz contiene domande inerenti al concetto di proprietà privata, al ruolo dello Stato in economia e al valore della moneta.

Il sito web dell'istituto contiene una grande varietà di testi economici e filosofici, ovviamente di "tendenze austriache", liberamente accessibili. A maggio 2008 si stima che il sito abbia circa 3.000 testi, tra i quali 239 libri. Inoltre il sito ha creato una comunità virtuale dove studenti ed economisti di tutto il mondo si incontrano per discutere di teoria, attualità, conferenze, ecc. Nel 2008 il sito registra quasi 3.000 iscritti, oltre 22.000 post scritti e dozzine di blog attivi.

Oltre a tutto ciò esiste anche un importante catalogo dove si possono trovare documenti RSS e video in formato BitTorrent.

L'Austrian Scholars Conference è un meeting interdisciplinare organizzato dall'Istituto, nel quale l'argomento principale è l'economia, ovviamente da un punto di vista "austriaco". Dura generalmente tre giorni, e spesso presenta papers preparati da economisti austriaci.

La Mises University, creata nel 1986, è una serie di eventi e incontri che avvengono in una settimana d'estate. In media raccoglie ogni anno dai 100 ai 125 studenti, provenienti da tutto il mondo (in media il 30% proviene dall'Europa).

Durante tutto l'anno l'organizzazione ospita e dirige convegni; generalmente le conferenze vengono guidate da un membro dell'Istituto stesso.

Borse di studio

[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto finanzia e consegna anche borse di studio durante tutto l'anno, tra le quali ricordiamo la Peg Rowley Summer Fellowship e la Kurzweg Fellowship; l'ultima edizione della Kurzeg è stata assegnata a Walter Block, il quale l'ha devoluta in beneficenza per le vittime dell'Uragano Katrina.

Premi accademici

[modifica | modifica wikitesto]

Per mantenere la sua tradizione di sostegno e riconoscimento, l'Istituto ogni anno consegna dei premi accademici a singoli individui che si sono fatti notare grazie alla difesa dei valori libertarian che guidano il Mises.

Murray N. Rothbard Medal of Freedom

Tra i premi maggiori troviamo il Gary G. Schlarbaum Prize, che consiste in una donazione di $ 10.000 fatta ad un intellettuale che si è distinto per la difesa di valori liberali, quali libertà, proprietà. Un altro riconoscimento importante è la Murray N. Rothbard Medal of Freedom, dedicata al grande economista statunitense e consegnata annualmente ad un "personaggio libertario" che ha dimostrato grande impegno nella difesa di quei valori; nel 2008 tale premio è andato a Ron Paul. Altri premi sono: Lawrence W. Fertig Prize in Austrian Economics ($ 1.000), O.P. Alford III Prize in Libertarian Scholarship ($ 1.000), The Douglas E. French Prize ($ 2.500), George and Joele Eddy Prize ($ 1.000), Ludwig von Mises Entrepreneurship Award, The Elgin Groseclose Award, The George F. Koether Free-Market Writing Award ($ 2.500) e The Frank T. and Harriet Kurzweg Award ($ 5.000).

Membri ed amministrazione

[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione

[modifica | modifica wikitesto]

Membri storici

[modifica | modifica wikitesto]

Membri aggiunti

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ (EN) Sam Tanenhaus e Jim Rutenberg, Rand Paul’s Mixed Inheritance, in The New York Times, 25 gennaio 2014. URL consultato il 9 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Mises Institute, su Media Bias/Fact Check. URL consultato il 30 novembre 2022.
  3. ^ (EN) Kyle Wingfield, Von Mises Finds A Sweet Home In Alabama, in Wall Street Journal, 11 agosto 2006. URL consultato il 9 agosto 2020.
  4. ^ (EN) Alex Kotch, How Charles Koch Is Helping Neo-Confederates Teach College Students, 21 marzo 2018. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  5. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 13 dicembre 2019. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2019).
  6. ^ Wayback Machine, su web.archive.org, 8 agosto 2022. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale l'8 agosto 2022).
  7. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 23 novembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2015).
  8. ^ (EN) ASU creates economic-liberty center with $5 million in gifts, su The Arizona Republic. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  9. ^ (EN) No Sweat: How Sweatshops Improve Lives and Economic Growth (video), su The Future of Freedom Foundation. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  10. ^ (EN) CCAP, A Frightening Trend in Higher Education: Politically-Motivated Assaults on Academic Freedom, su Forbes. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  11. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 5 luglio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2016).
  12. ^ H-SC | CEPE Political Economy | Hampden-Sydney College, su web.archive.org, 7 luglio 2017. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2017).
  13. ^ (EN) Students receive part of $1,800 records request seeking Kochs’ influence on hiring at KU, su LJWorld.com. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  14. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 26 ottobre 2017. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2017).
  15. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 27 settembre 2016. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2016).
  16. ^ Civics Education Enrichment Project: Florida Atlantic University, su web.archive.org, 20 agosto 2017. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2017).
  17. ^ Investigation looks at Koch donations to universities | News OK, su web.archive.org, 31 ottobre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2015).
  18. ^ Overview | Institute for the Study of Free Enterprise, su web.archive.org, 7 novembre 2016. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2016).
  19. ^ Institute for Energy Research (IER) & American Energy Alliance (AEA) - Greenpeace USA, su web.archive.org, 11 febbraio 2021. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2021).
  20. ^ flsouthern.edu, https://web.archive.org/web/20221206143913/https://www.flsouthern.edu/getattachment/cf239a0c-e88e-4a46-bd2c-befb4e2cd521/Patrick-Newman.aspx. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2022).
  21. ^ Carden, Art, su web.archive.org, 4 febbraio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2018).
  22. ^ (EN) Art Carden, su Mises Institute, 20 giugno 2014. URL consultato l'11 gennaio 2023.
  23. ^ The Research Program of Robert Higgs | Mercatus Center: F. A. Hayek Program, su web.archive.org, 28 gennaio 2018. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2018).
  24. ^ Distinguished Scholar Award | APEE, su web.archive.org, 7 dicembre 2021. URL consultato l'11 gennaio 2023 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2021).

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN158360281 · ISNI (EN0000 0004 1128 6163 · LCCN (ENn86106215 · GND (DE1086098811 · BNF (FRcb123784055 (data) · J9U (ENHE987007594502805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n86106215