Principio di non aggressione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il principio (o assioma) di non aggressione o principio di non coercizione (acronimo PNA o NAP in inglese) è una istanza morale che ritiene intrinsecamente illegittima l'aggressione, definita come la minaccia o l'uso di violenza, contro una persona o l'altrui legittima proprietà, secondo le norme di proprietà stabilite.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il principio così formulato, svincolato da tradizioni non violente e pacifiste proprie di molte fedi religiose e credo politici (ad esempio quello che si trova nella cosiddetta etica della reciprocità o regola d'oro), è stato propugnato a partire dalla seconda metà del XX secolo dai libertari come Murray Rothbard e Robert Nozick, è considerato alla base della filosofia del libertarismo di destra, del minarchismo, dell'oggettivismo, dell'anarco-capitalismo e dell'agorismo. L'anarchico individualista, socialista libertario Benjamin R. Tucker definirà l'aggressione come "invasione dell'individuo"[1], mentre Murray Rothbard definirà "aggressione" l'invasione della proprietà e dell'individuo.[2]

Una formulazione simile (che giustifica lo stato) al principio di non-aggressione era già presente nel liberalismo classico nel principio del danno di John Stuart Mill[3], che si ispirò al libertario Josiah Warren.[4]

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Viene dunque condannata qualsiasi azione non richiesta che affligge fisicamente la proprietà di un individuo, incluso il corpo della persona, a prescindere dal fatto che il risultato di questa azione sia dannoso, benefico o neutrale per il proprietario, sono considerati violenti quando sono contro la volontà del proprietario e interferiscono con i suoi diritti di autodeterminazione, come si intende nei principi libertari di proprietà privata.

L'interpretazione del principio di non-aggressione può variare per via delle norme di proprietà, ad esempio Robert Nozick sostiene la clausola lockiana come giustificazione per un reddito di base[5] già promosso da Hayek[6][7]; va notato che Robert Nozick creò una "entitlement theory"[8][9] (in italiano teoria del titolo valido). Simili argomentazioni erano già state esposte dal geoista Henry George.

Gli anarco-capitalisti da loro parte, non sostengono la clausola lockiana, quindi esiste una proprietà assoluta (cioè non-tassabile) sulle risorse naturali che non si sono create (es. petrolio).[10]

I libertari di destra considerano la proprietà e la libertà di contratto tra individui come una estensione del diritto alla proprietà di se stessi. Quindi, violare o rubare la proprietà di qualcuno per un libertario coincidono con l'aggredire lo stesso individuo; questo viene quindi incluso tra le violazioni del PNA. I sostenitori del PNA lo usano per definire e rifiutare furto, vandalismo, assalto, stupro e frode, non con le motivazioni morali rintracciabili ad esempio nella teologia delle religioni, ma con istanze economiche comuni al proprietarianism. Contrariamente al pacifismo, il principio di non aggressione non preclude l'uso della violenza al fine di autodifesa o per difendere altre persone.

Molti sostenitori del PNA si oppongono alle leggi per crimini senza vittime, tassazioni e leva militare. Il PNA è alle fondamenta delle scuole nell'area del libertarianism.[11][12][13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Instead of a book by a man too busy to write one: a fragmentary exposition of philosophical anarchism (PDF), su ia600909.us.archive.org.
  2. ^ Luigi Marco Bassani, L'etica della libertà, Liberilibri, 1996, ISBN 88-85140-25-4, OCLC 797879584. URL consultato il 24 settembre 2021.
  3. ^ Giulio Giorello, Marco Mondadori e Stefano Magistretti, I. Introduzione (ePub), in Saggio sulla liberta, Il Saggiatore, 2009, ISBN 978-88-565-0111-7, OCLC 928867380. URL consultato il 24 settembre 2021.
  4. ^ (EN) Mill, John Stuart (1806–1873), su Oxford Dictionary of National Biography. URL consultato il 24 settembre 2021.
  5. ^ Stuart White, Social Minimum, Winter 2015, Metaphysics Research Lab, Stanford University, 2015. URL consultato il 23 settembre 2021.
  6. ^ Il reddito di cittadinanza nella prospettiva liberale, su Formiche.net, 15 gennaio 2013. URL consultato il 24 settembre 2021.
  7. ^ www.libertarianism.org, https://www.libertarianism.org/columns/why-did-hayek-support-basic-income. URL consultato il 24 settembre 2021.
  8. ^ Sebastiano Maffettone e Cles, tipografo trentino Mondadori, Anarchia, stato e utopia, Il saggiatore, 2008, ISBN 978-88-565-0070-7, OCLC 800506259. URL consultato il 23 settembre 2021.
  9. ^ (EN) Robert Nozick - The entitlement theory of justice, su Encyclopedia Britannica. URL consultato il 24 settembre 2021.
  10. ^ Lukasz Dominiak (2017). "THE BLOCKIAN PROVISO AND RATIONALITY OF PROPERTY RIGHTS" (PDF). The Libertarian Papers. (PDF), su libertarianpapers.org.
  11. ^ Phred Barnet, The Non-Aggression Principle (Americanly Yours, April 14, 2011), su americanlyyours.com. URL consultato il 22 novembre 2011.
  12. ^ US Libertarian Party, "I certify that I oppose the initiation of force to achieve political or social goals" (US Libertarian Party Membership Form), su lp.org. URL consultato il 24 novembre 2011.
  13. ^ Stephan Kinsella, The relation between the non-aggression principle and property rights (Mises Economics Blog, October 4, 2011), su blog.mises.org. URL consultato il 25 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2011).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]