Libertarismo di destra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il libertarianismo di destra[1][2][3], chiamato anche libertarismo di destra[4], capitalismo libertario, capitalismo libertariano[5] o liberismo di destra, è una filosofia politica ed un tipo di libertarianismo che sostiene fortemente i diritti di proprietà capitalistici e difende la distribuzione sul mercato delle risorse naturali e della proprietà privata[6]. Il termine "libertarianismo di destra" è usato per distinguere questa classe di opinioni sulla natura della proprietà e del capitale[7] dal libertarismo di sinistra, un tipo di libertarismo che combina l'autocontrollo con un approccio egualitario alle risorse naturali.[8] Contrariamente al libertarismo socialista,[9] il libertarianismo di destra sostiene il capitalismo ed il libero mercato.[1] Come la maggior parte delle forme di libertarianismo, il libertarianismo di destra sostiene le libertà civili[1], in particolare il giusnaturalismo[10], i diritti negativi[11] e un'importante inversione del moderno Stato sociale[12].

Come tutti i sostenitori delle ideologie affini al libertarianismo, i libertariani di destra si definiscono semplicemente "libertari" o "libertariani".[2][13][14] Essendo il tipo più comune di libertarianismo negli Stati Uniti,[15] il libertarianismo di destra è diventato negli USA il significato più comune di "libertarianismo"[16][17] dalla fine del XX secolo, mentre storicamente e altrove[18][19][20][21][22][23] continua ad essere ampiamente usato anche per riferirsi a forme di socialismo anti-Stato come l'anarchismo[24][25][26][27] e più in generale comunismo libertario e socialismo libertario.[18][3] Intorno al tempo di Murray Rothbard, che negli anni '60 rese popolare il termine "libertario" negli Stati Uniti, i movimenti anarco-capitalisti iniziarono a definirsi "libertariani", portando alla nascita del termine "libertariano di destra" per distinguerli. Rothbard stesso ha riconosciuto la cooptazione del termine e si vantava della sua "cattura [...] dal nemico".[19]

Il pensiero politico della destra libertariana è caratterizzato dalla rigorosa priorità data alla libertà, con la necessità di massimizzare le libertà individuali e minimizzare la portata dell'autorità pubblica.[28] I libertari di destra in genere vedono lo Stato come la principale minaccia alla libertà. Questo anti-statalismo differisce dalle dottrine anarchiche in quanto si basa su un individualismo senza compromessi che pone poca o nessuna enfasi sulla cooperazione umana[2][14][28]. La filosofia della destra libertariana è radicata anche nelle idee di diritti individuali ed al laissez-faire. Economicamente, i libertariani di destra non fanno distinzioni tra capitalismo e mercati liberi e vedono ogni tentativo di dettare i processi del mercato come controproducenti, enfatizzando i meccanismi e la natura autoregolante del mercato mentre ritengono evitabile l'intervento del governo e superflui ed improduttivi i tentativi di ridistribuire la ricchezza.[28] Sebbene tutti i libertariani di destra si oppongano all'intervento del governo, esiste una divisione tra gli anarco-capitalisti, che vedono lo Stato come un male inutile e vogliono che i diritti di proprietà siano tutelati senza legge attraverso il crimine, il contratto e il diritto di proprietà generati dal mercato; e i miniarchisti, che credono invece che sia necessario uno Stato minimo, spesso indicato come un "guardiano notturno", per fornire ai suoi cittadini tribunali, forze armate e forze di polizia.[13]

Sebbene il libertarianismo di destra sia influenzato dal pensiero liberale classico, con alcuni che lo vedono come una sua variante,[29] ci sono differenze significative tra le due ideologie. Edwin van de Haar, studioso olandese indipendente specializzato nella tradizione liberale nel pensiero politico internazionale[30], sostiene che "confusamente, negli Stati Uniti il termine libertarianismo è talvolta usato anche per o dai liberali classici. Ma questo maschera erroneamente le differenze tra loro".[31] Il liberalismo classico rifiuta di dare priorità alla libertà sull'ordine e quindi non mostra l'ostilità verso lo Stato che è la caratteristica distintiva del libertarianismo[28]. Pertanto, i libertariani di destra credono che i liberali classici favoriscano un eccessivo coinvolgimento dello Stato,[31] sostenendo che non hanno abbastanza rispetto per i diritti di proprietà individuali e mancano di sufficiente fiducia nel funzionamento del libero mercato e nel suo ordine spontaneo[31]. Inoltre, i libertariani di destra non sono d'accordo con i liberali classici in quanto troppo favorevoli alle banche centrali e alle politiche monetariste[31].

Definizioni[modifica | modifica wikitesto]

Un diagramma di gruppo economico in cui il libertarianismo di destra rientra nel "capitalismo libertario". I libertariani di destra si oppongono al capitalismo di Stato, sostenendo invece l'economia laissez-faire all'interno del capitalismo.

Le persone descritte come "libertarie/libertariane di sinistra" o "libertarie/libertariane di destra" generalmente si definiscono semplicemente "libertarie"o "libertariane" e si riferiscono alla loro filosofia come "libertarismo" o "libertarianismo"[32][33]. Di conseguenza, alcuni autori e scienziati politici classificano le forme del libertarianismo in due gruppi, libertarianismo di sinistra e di destra, per distinguere le visioni su proprietà e capitale[1][2][13][15][14].

Tradizionalmente, il termine "libertariano" fu coniato dal filosofo comunista libertario Joseph Déjacque[34][35][35][36][37][38] per indicare politiche di sinistra solitamente indicate come anarchismo[2][20][34] e socialismo libertario[39] dalla metà al tardo Ottocento.[26][27] Da quando, con il moderno sviluppo delle politiche libertariane di destra, come le correnti del minarchismo e dell'anarco-capitalismo[18][40][21], il termine "libertariano" è stato usato da metà del Novecento per sostenere invece il capitalismo laissez-faire e forti diritti di proprietà privata,[41] sono stati più spesso usati i termini "libertarianismo di sinistra" e "di destra" per distinguere le due correnti ideologiche.[2][25]

Il libertarianismo di destra è stato descritto come una combinazione di libertà individuali ed opposizione allo Stato, con un forte sostegno al libero mercato e alla proprietà privata. I diritti di proprietà sono stati il problema che ha diviso le filosofie libertariane. Secondo Jennifer Carlson, il libertarianismo di destra è la forma dominante di libertarianismo negli Stati Uniti. I libertariani di destra "vedono i forti diritti di proprietà privata come base per la libertà e quindi sono - per citare il titolo del testo di Brian Doherty sul libertarismo negli Stati Uniti - "radicali per il capitalismo"[15].

Herbert Kitschelt e Anthony J. McGann vedono il libertarianismo di destra - "una strategia che combina posizioni a favore del mercato con opposizione all'autorità gerarchica, sostegno alla partecipazione politica non convenzionale e sostegno al femminismo e all'ambientalismo" - in contrasto con l'autoritarismo di destra.[42][43]

Diagramma di Nolan
 
 
 
Libertà economica

Mark Bevir crede nell'esistenza di tre tipi di libertarianismo, ossia di destra, di sinistra e il libertarianismo consequenzialista sostenuto dall'economista premio Nobel Friedrich von Hayek.[44]

Secondo il contemporaneo libertariano americano Walter Block, i libertariani di sinistra e i libertariani di destra concordano con alcune premesse libertarie, ma "differiscono in termini di implicazioni logiche di questi assiomi fondatori".[45] Sebbene alcuni libertariani rifiutino lo spettro politico, in particolare lo spettro politico sinistra-destra,[46][47][48][49] il libertarianismo di destra e diversi filoni di libertarianismo orientati a destra negli Stati Uniti sono stati spesso descritti come di destra,[50] talvolta della Nuova Destra[51][52] o della "destra radicale"[42][43] e reazionaria.

L'attivista e politico libertariano americano David Nolan, il principale fondatore del Libertarian Party americano, ha sviluppato quello che ora è conosciuto come il diagramma di Nolan (vedi a destra) per sostituire il tradizionale spettro politico sinistra-destra.[53]

Dalla rinascita del neoliberismo negli anni '70, il libertarianismo di destra si è diffuso anche oltre il Nord America attraverso gruppi di riflessione e partiti politici.[54][55] Negli Stati Uniti, il libertarianismo è sempre più visto come questa posizione a favore del capitalismo di libero mercato.[56][57]

Filosofia[modifica | modifica wikitesto]

Il libertarianismo di destra si è sviluppato negli Stati Uniti a metà del XX secolo dalle opere di scrittori liberali europei come John Locke, Friedrich von Hayek e Ludwig von Mises ed è oggi la concezione più popolare del libertarianismo negli Stati Uniti.[15][58] È comunemente indicato come una continuazione o radicalizzazione del liberalismo classico[59][60]. I più importanti tra questi primi filosofi di destra libertariana furono i moderni libertariani americani come Robert Nozick e Murray Rothbard[2].

Sebbene spesso condividano la difesa delle libertà sociali con la sinistra libertaria, i libertariani di destra apprezzano anche le istituzioni sociali che applicano condizioni del capitalismo mentre respingono le istituzioni che funzionano in opposizione a queste sulla base del fatto che tali interventi rappresentano una coercizione non necessaria degli individui e l'abrogazione della loro libertà economica[61]. Gli anarco-capitalisti[13][14] cercano la completa eliminazione dello Stato a favore delle agenzie di difesa private, mentre i miniarchisti difendono gli Stati minimi che mantengono solo quelle funzioni di governo necessarie per salvaguardare i diritti naturali, intesi in termini di proprietà privata o autonomia[62].

I libertariani di destra sono economicamente liberali, solitamente vicini ai monetaristi, alla scuola di economia di Chicago o alla scuola austriaca e sostengono il capitalismo laissez-faire, che definiscono come il libero mercato in opposizione al capitalismo statalista e all'interventismo statale[63].

Il libertarianismo di destra e il suo individualismo sono stati discussi come parte della Nuova destra in relazione al neoliberismo e al thatcherismo[64]. Nel XX secolo, il conservatorismo liberale della Nuova Destra influenzato dal libertarianismo di destra emarginò altre forme di conservatorismo[65].

La Stanford Encyclopedia of Philosophy descrive la filosofia della destra libertariana come segue:

Il libertarismo è spesso considerato una dottrina di "destra". Questo, tuttavia, è errato per almeno due motivi. In primo luogo, sulle questioni sociali, piuttosto che economiche, il libertarismo tende ad essere di "sinistra". Si oppone a leggi che limitano le relazioni sessuali consensuali e private tra adulti (ad es. sesso tra gay, sesso non coniugale e sesso deviante), a leggi che limitano l'uso di droghe, a leggi che impongono opinioni o pratiche religiose agli individui e al servizio militare obbligatorio. In secondo luogo, oltre alla versione più nota del libertarianismo - il libertarianismo di destra - esiste anche una versione nota come "libertarianismo di sinistra". Entrambi sostengono la piena auto-proprietà, ma differiscono rispetto ai poteri che gli agenti devono appropriarsi di risorse naturali non appropriate (terra, aria, acqua, ecc.)[8].

I libertariani di destra si distinguono dalla tradizione libertariana dominante per la loro relazione con proprietà e capitale. Mentre sia il libertarianismo che il libertarianismo di destra condividono una generale differenza nei confronti del potere da parte dell'autorità governativa, quest'ultimo esenta il potere esercitato dal capitalismo di libero mercato. Storicamente, i libertari come Herbert Spencer e Max Stirner hanno sostenuto la protezione della libertà individuali dai poteri del governo e della proprietà privata. Pur condannando l'invasione governativa sulle libertà personali, i libertariani di destra sostengono le libertà sulla base del loro accordo con i diritti di proprietà privata e l'abolizione dei servizi pubblici non fondamentali è un tema comune negli scritti di destra libertariana[66].

Sebbene associato al capitalismo di libero mercato, il libertarianismo di destra non si oppone in linea di principio all'egualitarismo e al socialismo volontario[67]. Tuttavia, i libertari di destra credono che il sistema economico che sostengono sarebbe risultato superiore e che la gente lo preferirebbe al socialismo. Per Nozick, ciò non implica il supporto del capitalismo, ma semplicemente che il capitalismo è compatibile con il libertarianismo,[62] qualcosa che è respinto dai libertari anticapitalisti[68][69][69][15].

Principio di non aggressione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Principio di non aggressione.

Il principio di non aggressione (NAP) è spesso descritto come il fondamento di diverse filosofie libertariane odierne, incluso il libertarianismo di destra[70][71][72][73][74]. Il NAP è una istanza morale che ritiene intrinsecamente illegittima l'aggressione, definita come la minaccia o l'uso di violenza, contro una persona o l'altrui legittima proprietà.

Il principio è stato usato retoricamente per opporsi a politiche come la coscrizione, le tasse e le leggi sui crimini senza vittime (come contrabbando, uso ricreativo di stupefacenti, eccetera), ma l'uso del NAP come giustificazione per il libertarianismo di destra è stato anche criticato come ragionamento circolare e come offuscamento retorico della natura dei rafforzamenti delle leggi sulla proprietà, ritenuti coercitivi[75][76][77][78][79].

Diritti di proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proprietà (diritto).

È ancora discusso se il libertarianismo di destra e il libertarismo di sinistra "rappresentino ideologie distinte o variazioni di un tema", di certo il libertarianismo di destra è molto più a favore della proprietà privata capitalista e dei diritti di proprietà[80]. I libertariani di destra sostengono che le risorse naturali non possedute da nessuno "possono diventare della prima persona che le scopre, mescola il suo lavoro con esse o le rivendica semplicemente - senza il consenso degli altri e con un pagamento scarso o nullo per loro". Ciò contrasta con il libertarianismo di sinistra in cui "le risorse naturali non possedute da nessuno appartengono a tutti in modo egualitario"[8]. I libertari di destra ritengono che le risorse naturali non siano originariamente di proprietà di nessuno e che quindi le parti private se ne possano appropriare senza il consenso di altri (ad esempio senza un'imposta sul valore fondiario)[81].

Stato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stato minimo e Anarco-capitalismo.

C'è un dibattito tra i libertariani di destra sulla legittimità dello Stato. Mentre gli anarco-capitalisti sostengono la sua abolizione, i miniarchisti sostengono Stati minimi, spesso definiti "guardiani notturni". I miniarchisti sostengono che lo stato è necessario per la protezione delle persone dalle aggressioni, dalla violazione del contratto, dalla frode e dal furto. Credono che le uniche istituzioni governative legittime siano i tribunali, le forze militari e quelle di polizia, anche se alcuni ampliano questo elenco per includere i rami esecutivo e legislativo, i vigili del fuoco e le carceri. I minarchisti giustificano lo Stato sulla base del fatto che è la logica conseguenza dell'adesione al principio di non aggressione[82][83][84]. Alcuni minarchisti sostengono che uno Stato è inevitabile, ritenendo che l'anarchia sia futile[85]. Altri sostengono che l'anarchia sia immorale perché implica che il principio di non aggressione sia facoltativo e non sufficiente per essere applicato, poiché l'applicazione delle leggi in anarchia è aperta alla concorrenza[86]. Un'altra giustificazione comune è che le agenzie di difesa private e gli studi giudiziari tenderebbero a rappresentare gli interessi di coloro che li pagano abbastanza[87].

Correnti[modifica | modifica wikitesto]

Libertarianismo classico[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei libertariani vedono con riluttanza la coercizione statale e promuovono il libero mercato, sostenendo la vicinanza dei conservatori alle loro posizioni in quanto tradizionalmente questi ultimi sostengono il taglio delle tasse, la diminuzione della spesa pubblica, il pareggio di bilancio, privatizzazioni, la diminuzione dello Stato sociale, la cancellazione delle barriere protezioniste al libero mercato, politiche di liberalizzazione e deregolamentazione e la difesa della proprietà privata. Allo stesso tempo pongono una notevole attenzione politica per quanto riguarda i temi etici e civili e sono generalmente favorevoli sul solco del radicalismo liberale ad aborto, eutanasia, procreazione assistita, ricerca scientifica, studio terapeutico delle cellule staminali, legalizzazione della prostituzione e la liberalizzazione delle droghe.

Neoliberismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Neoliberismo.

Il termine neoliberismo indicava negli anni 1930 una filosofia economica che si proponeva come terza via tra liberalismo classico e pianificazione centrale dell'economia, ma a partire dagli anni 1960 divenne sinonimo di liberalismo economico e quindi di difesa del libero mercato, deregolamentazione e forte riduzione del controllo del governo sull'economia. I più noti esponenti di questa corrente sono gli economisti Friedrich Hayek e Milton Friedman. Il termine è usato soprattutto in senso spregiativo verso le teorie economiche liberiste.[88]

Paleolibertarianismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paleolibertarianismo.

Il paleolibertarianismo è una corrente fortemente avversa agli atteggiamenti aggressivi e militaristi in politica estera. Fu fondata da Lew Rockwell e Murray Rothbard ed è associata storicamente al Ludwig von Mises Institute. Si può considerare come l'unione tra i principi classici del libertarianismo e gli ideali conservatori. I temi chiave di questa corrente sono l'anarco-capitalismo, una vicinanza all'anti-federalismo statunitense e la teoria economica della scuola austriaca.

Anarco-capitalismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Anarco-capitalismo.

Minarchismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Minarchismo.

Conservatorismo libertario/conservatorismo libertariano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Conservatorismo libertario e Fusionismo.

Liberalismo neoclassico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Liberalismo neoclassico.

Proprietarismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proprietarismo.

Neo-libertarianismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Neo-libertarianismo.

Libertarianismo verde[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Libertarianismo verde.

Autarchismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Autarchismo.

Transumanesimo libertariano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Transumanesimo.

Volontarismo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Volontarismo.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni '70, il libertarianismo di destra si è diffuso oltre gli Stati Uniti[89][90]. Con la fondazione del Partito Libertario nel 1971[91][92], molti paesi seguirono l'esempio e vennero fondati partiti libertari che sostenevano questo tipo di libertarianismo, insieme al liberalismo classico, al liberismo e al neoliberismo, in tutto il mondo, tra cui Gran Bretagna, Israele e Sudafrica. A livello internazionale, la maggior parte dei partiti libertariani è raggruppata all'interno dell'Alleanza Internazionale dei Partiti Libertariani, di Interlibertarians o del Partito Europeo per la Libertà Individuale, a livello europeo[93], ed il libertarianismo di destra è rappresentato da associazioni come Students for Liberty e Liberty International, giornali come Reason[94] e Liberty[95], ed ha ispirato progetti come Free State Project[96] e Liberland[97].

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito, il libertarianismo di destra si è diffuso in seguito alle politiche neoliberiste della presidenza di Margaret Thatcher[98], ed attualmente è rappresentato principalmente dal Partito Libertario e da una fazione del Partito Conservatore, che sostiene il Thatcherismo[99].

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Negli USA, il libertarianismo di destra è la fazione dominante e più conosciuta di libertarianismo, rappresentata soprattutto dal Partito Libertario (terzo partito americano alle ultime elezioni) e da alcune fazioni del Partito Repubblicano. Tra le figure statunitensi più note riconducibili a questa filosofia politica, si hanno Murray Rothbard[2], Robert Nozick[3], Hans-Hermann Hoppe (paleolibertariano), Walter Block, David Friedman (figlio del premio Nobel per l'economia Milton Friedman) e Ron Paul, esponente della corrente libertariana e non-interventista del Partito Repubblicano e membro della Camera dei Rappresentanti.

Nuova Zelanda[modifica | modifica wikitesto]

In Nuova Zelanda, il libertarianismo di destra è rappresentato dal partito ACT New Zealand, fondato nel 1994. Alle ultime elezioni tenutesi il 17 Ottobre 2020 ha ottenuto circa 190.000 voti, equivalenti al 7,98% e ben 10 seggi in Parlamento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Murray Rothbard, Left and right within Libertarianism, su mises.org.
  2. ^ a b c d e f g h Goodway, David (1942-....)., Anarchist seeds beneath the snow : left-libertarian thought and British writers from William Morris to Colin Ward, ISBN 978-1-60486-221-8, OCLC 866847921. URL consultato l'11 aprile 2020.
  3. ^ a b c (EN) Peter Marshall, Demanding the Impossible: A History of Anarchism, PM Press, 1º dicembre 2009, ISBN 978-1-60486-270-6. URL consultato l'11 aprile 2020.
  4. ^ Il libertarismo moderno, su Movimento Libertario. URL consultato il 12 aprile 2020.
  5. ^ Reiman, Jeffrey H. (2005). "The Fallacy of Libertarian Capitalism". Ethics. 10 (1): 85–95.
  6. ^ Kymlicka, 2005, p. 516.
    «"I libertari di destra sostengono che il diritto alla auto-proprietà implica il diritto ad appropriarsi di parti disuguali del mondo esterno, come quantità diseguali di terra"».
  7. ^ Mark Francis, Human Rights and Libertarians, in Australian Journal of Politics & History, vol. 29, n. 3, December 1983, pp. 462–472, DOI:10.1111/j.1467-8497.1983.tb00212.x, ISSN 0004-9522 (WC · ACNP).
  8. ^ a b c Vallentyne, 2007, p. 6.
    «Le versioni più note del libertarianismo sono teorie di destra libertariana, secondo le quali gli agenti hanno un potere morale molto forte per acquisire diritti di proprietà privata completi in cose esterne. I libertari di sinistra, al contrario, ritengono che le risorse naturali (ad es. Spazio, terra, minerali, aria e acqua) appartengano a tutti in qualche modo egualitario e quindi non possano essere appropriate senza il consenso o il pagamento significativo ai membri della società.».
  9. ^ Carlson, Jennifer D. (2012). "Libertarianism". In Miller, Wilburn R., ed. The Social History of Crime and Punishment in America. London: SAGE Publications. p. 1006. ISBN 1412988764.
  10. ^ (EN) Natural Law, in Libertarianism.org. URL consultato l'11 aprile 2020.
  11. ^ Sterba, James P. (October 1994). "From Liberty to Welfare". Ethics. Cambridge: Blackwell. 105 (1): 237–241.
  12. ^ Leon Baradat, Political Ideologies, 15 ottobre 2015, DOI:10.4324/9781315663258. URL consultato l'11 aprile 2020.
  13. ^ a b c d Marshall, Peter (2008). Demanding the Impossible: A History of Anarchism. London: Harper Perennial. p. 565. "Il problema con il termine "libertario" è che ora è anche usato dalla destra. [...] Nella sua forma moderata, il libertarianismo di destra abbraccia i liberali laissez-faire come Robert Nozick che invocano uno Stato minimo e, nella sua forma estrema, anarco-capitalisti come Murray Rothbard e David Friedman che ripudiano del tutto il ruolo dello Stato e guardano al mercato come mezzo per garantire l'ordine sociale".
  14. ^ a b c d (EN) Saul Newman, The Politics of Postanarchism, Edinburgh University Press, 2010, ISBN 978-0-7486-3495-8. URL consultato l'11 aprile 2020.
  15. ^ a b c d e (EN) Wilbur R. Miller, The Social History of Crime and Punishment in America: A-De, SAGE, 10 agosto 2012, ISBN 978-1-4129-8876-6. URL consultato l'11 aprile 2020.
  16. ^ Miquel Beltrán, Libertarismo y deber: una reflexión sobre la ética de Nozick, in Sistema: revista de ciencias sociales, n. 91, 1989, pp. 123–128. URL consultato l'11 aprile 2020.
  17. ^ Bas van der Vossen, The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Spring 2019, Metaphysics Research Lab, Stanford University, 2019. URL consultato l'11 aprile 2020.
  18. ^ a b c Mises Institute, The Betrayal of the American Right (PDF), su cdn.mises.org.
    «One gratifying aspect of our rise to some prominence is that, for the first time in my memory, we, 'our side,' had captured a crucial word from the enemy. 'Libertarians' had long been simply a polite word for left-wing anarchists, that is for anti-private property anarchists, either of the communist or syndicalist variety. But now we had taken it over».
  19. ^ a b Toward a New Kind of Political Practice, su dwardmac.pitzer.edu. URL consultato l'11 aprile 2020.
  20. ^ a b Nettlau, Max, 1865-1944., Isca, Ida Pilat, 1896-1980. e Paul Avrich Collection (Library of Congress), A short history of anarchism, Freedom Press, 1996, ISBN 0-900384-89-1, OCLC 37529250. URL consultato l'11 aprile 2020.
  21. ^ a b Cuban Anarchism. The History of a Movement, su books.google.com.
  22. ^ Interview Chomsky, su archive.today.
  23. ^ (EN) Colin Ward, Anarchism: A Very Short Introduction, OUP Oxford, 21 ottobre 2004, ISBN 978-0-19-280477-8. URL consultato l'11 aprile 2020.
  24. ^ Philip Edwards, Pathways to Anarchism, Routledge, 20 dicembre 2018, pp. 18–35, ISBN 978-0-429-44828-7. URL consultato l'11 aprile 2020.
  25. ^ a b Travis Tomchuk, Peter Marshall, Demanding the Impossible: A History of Anarchism (Oakland: PM Press, 2010), in Left History: An Interdisciplinary Journal of Historical Inquiry and Debate, vol. 15, n. 1, 31 dicembre 1969, DOI:10.25071/1913-9632.35852. URL consultato l'11 aprile 2020.
  26. ^ a b (EN) 150 years of Libertarian, su The Anarchist Library. URL consultato l'11 aprile 2020.
  27. ^ a b 160 Years of Libertarian | Anarchist Writers, su anarchism.pageabode.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  28. ^ a b c d Heywood, Andrew, author., Political theory : an introduction, ISBN 978-1-137-43726-6, OCLC 898154011. URL consultato l'11 aprile 2020.
  29. ^ What Is Classical Liberalism?, su web.archive.org, 9 marzo 2009. URL consultato l'11 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2009).
  30. ^ www.amazon.com, https://www.amazon.com/Edwin-van-de-Haar/e/B0032HUCOC?ref=dbs_a_mng_rwt_scns_share. URL consultato l'11 aprile 2020.
  31. ^ a b c d Edwin Van de Haar, Degrees of Freedom, Routledge, 6 febbraio 2018, ISBN 978-0-203-79361-9. URL consultato l'11 aprile 2020.
  32. ^ Carlson, Jennifer D. (2012). "Libertarianism". In Miller, Wilburn R., ed. The Social History of Crime and Punishment in America. London: SAGE Publications. p. 1006. ISBN 1412988764. "There exist three major camps in libertarian thought: right-libertarianism, socialist libertarianism, and left-libertarianism; the extent to which these represent distinct ideologies as opposed to variations on a theme is contested by scholars."
  33. ^ Long, Joseph. W (1996). "Toward a Libertarian Theory of Class". Social Philosophy and Policy. 15 (2): 310. "When I speak of 'libertarianism' [...] I mean all three of these very different movements. It might be protested that LibCap [libertarian capitalism], LibSoc [libertarian socialism] and LibPop [libertarian populism] are too different from one another to be treated as aspects of a single point of view. But they do share a common—or at least an overlapping—intellectual ancestry."
  34. ^ a b Robert Graham, ed. (2005). Anarchism: A Documentary History of Libertarian Ideas. Volume One: From Anarchy to Anarchism
  35. ^ a b Marshall, Peter (2009). Demanding the Impossible: A History of Anarchism. p. 641. "La parola "libertarian" è stata a lungo associata all'anarchismo ed è stata usata ripetutamente in tutto questo lavoro. Il termine originariamente indicava una persona che sosteneva la dottrina della libertà della volontà; in questo senso, Godwin non era un "libertariano", ma un "necessario". Venne tuttavia applicato a chiunque approvasse la libertà in generale. Nei circoli anarchici, fu usato per la prima volta da Joseph Déjacque come titolo del suo diario anarchico Le Libertaire, Journal du Mouvement Social pubblicato a New York nel 1858. Alla fine del secolo scorso, l'anarchico Sebastien Faure prese la parola, per sottolinea la differenza tra anarchici e socialisti autoritari".
  36. ^ Déjacque, Joseph (1857). "De l'être-humain mâle et femelle–Lettre à P.J. Proudhon" (in French).
  37. ^ (FR) Jean Claude Mouton, Le Libertaire, Journal du mouvement social, su joseph.dejacque.free.fr. URL consultato il 16 luglio 2019.
  38. ^ Woodcock, George (1962). Anarchism: A History of Libertarian Ideas and Movements. Meridian Books. p. 280. "He called himself a "social poet," and published two volumes of heavily didactic verse—Lazaréennes and Les Pyrénées Nivelées. In New York, from 1858 to 1861, he edited an anarchist paper entitled Le Libertaire, Journal du Mouvement Social, in whose pages he printed as a serial his vision of the anarchist Utopia, entitled L'Humanisphére."
  39. ^ ZCommunications | The Week Online Interviews Chomsky by Noam Chomsky …, su archive.vn, 13 gennaio 2013. URL consultato il 12 aprile 2020.
  40. ^ Toward a New Kind of Political Practice, su dwardmac.pitzer.edu. URL consultato il 12 aprile 2020.
  41. ^ Syed B. Hussain, Encyclopedia of Capitalism. Vol. II : H-R., New York, Facts on File Inc, 2004, p. 492, ISBN 0-8160-5224-7.
    «In the modern world, political ideologies are largely defined by their attitude towards capitalism. Marxists want to overthrow it, liberals to curtail it extensively, conservatives to curtail it moderately. Those who maintain that capitalism is a excellent economic system, unfairly maligned, with little or no need for corrective government policy, are generally known as libertarians.».
  42. ^ a b Kitschelt, Herbert; McGann, Anthony J. (1997) [1995]. The Radical Right in Western Europe: A Comparative Analysis. University of Michigan Press. p. 27. ISBN 9780472084418.
  43. ^ a b Mudde, Cas (11 October 2016). The Populist Radical Right: A Reader (1st ed.). Routledge. ISBN 978-1138673861.
  44. ^ Bevir, Mark, ed. (2010). Encyclopedia of Political Theory. SAGE Publications. p. 811. ISBN 978-1-4129-5865-3.
  45. ^ Block, Walter (2010). "Libertarianism Is Unique and Belongs Neither to the Right Nor the Left: A Critique of the Views of Long, Holcombe, and Baden on the Left, Hoppe, Feser, and Paul on the Right". Journal of Libertarian Studies. 22. pp. 127–170.
  46. ^ Read, Leonard E. (January 1956). "Neither Left Nor Right". The Freeman. 48 (2): 71–73.
  47. ^ Browne, Harry (21 December 1998). "The Libertarian Stand on Abortion". HarryBrowne.Org. Retrieved 14 January 2020.
  48. ^ Raimondo, Justin (2000). An Enemy of the State. Chapter 4: "Beyond left and right". Prometheus Books. p. 159.
  49. ^ Machan, Tibor R. (2004). "Neither Left Nor Right: Selected Columns". 522. Hoover Institution Press. ISBN 0817939822. ISBN 9780817939823.
  50. ^ Corey Robin, The Reactionary Mind: Conservatism from Edmund Burke to Sarah Palin, Oxford University Press, 2011, pp. 15–16, ISBN 978-0-19-979374-7.
  51. ^ Robert Harmel e Rachel K. Gibson, Right‐Libertarian Parties and the "New Values": A Re‐examination, in Scandinavian Political Studies, vol. 18, July 1993, June 1995, pp. 97–118, DOI:10.1111/j.1467-9477.1995.tb00157.x.
  52. ^ Robinson, Emily; et al. (2017). "Telling stories about post-war Britain: popular individualism and the 'crisis' of the 1970s". Twentieth Century British History. 28 (2): 268–304.
  53. ^ "About the Quiz". Advocates for Self-Government. Retrieved 18 January 2020.
  54. ^ Teles, Steven; Kenney, Daniel A. (2008). "Spreading the Word: The Diffusion of American Conservatism in Europe and Beyond". In Steinmo, Sven (2007). Growing Apart?: America and Europe in the Twenty-First Century. Cambridge University Press. pp. 136–169.
  55. ^ Gregory, Anthony (24 April 2007). "Real World Politics and Radical Libertarianism". LewRockwell.com. Archiviato il 18 giugno 2015 in Internet Archive.. Retrieved 25 January 2020.
  56. ^ Boaz, David (21 November 1998). "Preface for the Japanese Edition of Libertarianism: A Primer". Cato Institute. Retrieved 25 January 2020.
  57. ^ Silber, Kenneth (4 February 2007). "Radicals for Capitalism (Book Review)". The New York Post. Archiviato l'8 dicembre 2008 in Internet Archive.. Retrieved 25 January 2020.
  58. ^ J. C. Lester, New-Paradigm Libertarianism: A Very Brief Explanation. URL consultato l'11 aprile 2020.
  59. ^ David Boaz, Hospers, John (1918-), in The Encyclopedia of Libertarianism, Sage Publications, Inc.. URL consultato l'11 aprile 2020.
  60. ^ (EN) Ronald Hamowy, The Encyclopedia of Libertarianism, SAGE, 15 agosto 2008, ISBN 978-1-4129-6580-4. URL consultato l'11 aprile 2020.
  61. ^ (EN) About the Libertarian Party, su Libertarian Party, 7 luglio 2016. URL consultato l'11 aprile 2020.
  62. ^ a b Robert Nozick, Anarchia, Stato ed utopia, 1974.
  63. ^ (EN) kanopiadmin, Classical Liberalism and the Austrian School, su Mises Institute, 18 agosto 2014. URL consultato l'11 aprile 2020.
  64. ^ (EN) Emily Robinson, Camilla Schofield e Florence Sutcliffe-Braithwaite, Telling Stories about Post-war Britain: Popular Individualism and the ‘Crisis’ of the 1970s, in Twentieth Century British History, vol. 28, n. 2, 1º giugno 2017, pp. 268–304, DOI:10.1093/tcbh/hwx006. URL consultato l'11 aprile 2020.
  65. ^ "National Questions" (30 June 1997). National Review. 49 (12): 16–17.
  66. ^ MARK FRANCIS, Human Rights and Libertarians*, in Australian Journal of Politics & History, vol. 29, n. 3, 7 aprile 2008, pp. 462–472, DOI:10.1111/j.1467-8497.1983.tb00212.x. URL consultato l'11 aprile 2020.
  67. ^ History News Network, su web.archive.org, 5 settembre 2010. URL consultato l'11 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2010).
  68. ^ Kropotkin, Peter., Anarchism : a Collection of Revolutionary Writings., Dover Publications, 2012, ISBN 1-306-33639-2, OCLC 868278507. URL consultato l'11 aprile 2020.
  69. ^ a b Chomsky, Noam., Radical priorities, Expanded 3rd ed, AK Press, 2003, ISBN 1-902593-69-3, OCLC 54446526. URL consultato l'11 aprile 2020.
  70. ^ (EN) Join the Libertarian Party, su Libertarian Party, 15 luglio 2016. URL consultato l'11 aprile 2020.
  71. ^ (EN) Turning Their Coats for the State - LewRockwell LewRockwell.com, su LewRockwell.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  72. ^ The Non-Aggression Principle, su Americanly Yours. URL consultato l'11 aprile 2020.
  73. ^ (EN) Clay, The relation between the non-aggression principle and property rights: a response to Division by Zer0, su Mises Institute, 4 ottobre 2011. URL consultato l'11 aprile 2020.
  74. ^ (EN) The Morality of Libertarianism, su The Future of Freedom Foundation. URL consultato l'11 aprile 2020.
  75. ^ Jeffrey Friedman, What's wrong with Libertarianism, in Critical Review, vol. 11, n. 3, 1997-06, pp. 407–467, DOI:10.1080/08913819708443469. URL consultato l'11 aprile 2020.
  76. ^ James P. Sterba, From Liberty to Welfare, in Ethics, vol. 105, n. 1, 1994-10, pp. 64–98, DOI:10.1086/293679. URL consultato l'11 aprile 2020.
  77. ^ Liberty and Justice for Some, su gadfly.igc.org. URL consultato l'11 aprile 2020.
  78. ^ Libertarianism, Utility, and Economic Competition (PDF), su virginialawreview.org. URL consultato l'11 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2013).
  79. ^ Fried, Barbara, 1951-, The progressive assault on laissez faire : Robert Hale and the first law and economics movement, Harvard University Press, 1998, ISBN 978-0-674-03730-4, OCLC 654917428. URL consultato l'11 aprile 2020.
  80. ^ (EN) Wilbur R. Miller, The Social History of Crime and Punishment in America: A-De, SAGE, 10 agosto 2012, ISBN 978-1-4129-8876-6. URL consultato l'11 aprile 2020.
  81. ^ (EN) Lawrence C. Becker e Charlotte B. Becker, Encyclopedia of Ethics: P-W, Taylor & Francis, 2001, ISBN 978-0-415-93675-0. URL consultato l'11 aprile 2020.
  82. ^ The Minarchist"s Dilemma | Strike-The-Root: A Journal Of Liberty, su www.strike-the-root.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  83. ^ What role should certain specific governments play in Objectivist government? « Podcast « Peikoff, su www.peikoff.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  84. ^ Interview with Yaron Brook on economic issues in today’s world (Part 1). « Featured Podcast « Peikoff, su www.peikoff.com. URL consultato l'11 aprile 2020.
  85. ^ Emmett, Ross B., Frank H. Knight in Iowa City, 1919-1928, 1st ed, Emerald Group, 2011, ISBN 978-1-78052-009-4, OCLC 763157190. URL consultato l'11 aprile 2020.
  86. ^ Long, Roderick T. e Machan, Tibor R., Anarchism/minarchism : is a government part of a free country?, Ashgate, 2008, ISBN 978-0-7546-9303-1, OCLC 471127819. URL consultato l'11 aprile 2020.
  87. ^ Independent (PDF), su independent.org.
  88. ^ Taylor C. Boas e Jordan Gans-Morse, «Neoliberalism: From New Liberal Philosophy to Anti-Liberal Slogan», Studies in Comparative International Development, volume 44, numero 2, pp. 137–161.
  89. ^ (EN) Sven Steinmo, Growing Apart?: America and Europe in the 21st Century, Cambridge University Press, 19 novembre 2007, ISBN 978-1-139-46861-9. URL consultato il 17 aprile 2020.
  90. ^ Real World Politics and Radical Libertarianism by Anthony Gregory, su web.archive.org, 18 giugno 2015. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2015).
  91. ^ (EN) Douglas Martin, David Nolan, 66, Is Dead; Started Libertarian Party, in The New York Times, 22 novembre 2010. URL consultato il 17 aprile 2020.
  92. ^ Wayback Machine, su web.archive.org, 4 marzo 2016. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  93. ^ Libertäre Parteien aus ganz Europa schließen sich zusammen | Partei der Vernunft, su web.archive.org, 4 novembre 2013. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  94. ^ (EN) About Reason Foundation, su Reason Foundation, 31 maggio 2007. URL consultato il 17 aprile 2020.
  95. ^ Liberty Lives, Online! | Liberty Unbound, su www.libertyunbound.com. URL consultato il 17 aprile 2020.
  96. ^ (EN) Pam Belluck, Libertarians Pursue New Political Goal: State of Their Own, in The New York Times, 27 ottobre 2003. URL consultato il 17 aprile 2020.
  97. ^ (EN) Daniel Nolan, Welcome to Liberland: Europe's Newest State, su Vice, 23 aprile 2015. URL consultato il 17 aprile 2020.
  98. ^ (EN) Jason Walsh, Libertarianism limited, in The Guardian, 7 aprile 2006. URL consultato il 12 aprile 2020.
  99. ^ Timothy Heppell, The Ideological Composition of the Parliamentary Conservative Party 1992–97, in The British Journal of Politics and International Relations, vol. 4, n. 2, 2002-06, pp. 299–324, DOI:10.1111/1467-856x.t01-1-00006. URL consultato il 12 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]