Livio Marinelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Livio Marinelli
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Tivoli
Professione Maresciallo
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2008-2012
2012-2016
2016-2020
2020-
Serie D
Lega Pro
Serie B
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
2016
2018
Premio Presidenza AIA
Premio Sportilia
Livio Marinelli
NascitaTivoli (Roma), 6 novembre 1984
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataCoat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Corpo7º Reggimento Alpini
GradoRank insignia of maresciallo of the Army of Italy (1973).svg Maresciallo
GuerreGuerra in Afghanistan
voci di militari presenti su Wikipedia

Livio Marinelli (Tivoli, 6 novembre 1984) è un arbitro di calcio e militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marinelli è Maresciallo dell'esercito italiano, in forza al 7º Reggimento alpini; ha anche partecipato alla guerra in Afghanistan, impegnato in una missione di pace.[1][2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato ad arbitrare nel 2002[2], arrivando in Serie D nel 2008.[2] Nel 2012 è passato in Lega Pro, dove è rimasto per quattro anni, nei quali ha diretto anche la finale della Coppa Italia Primavera 2015-2016, vinta dall'Inter.[3][4] Promosso in C.A.N. B nel 2016[5], il 1º luglio è stato insignito del Premio Presidenza AIA, in quanto arbitro effettivo particolarmente distintosi nel corso della stagione sportiva.[6][7] Ha esordito nella serie cadetta il 27 agosto, in occasione di Bari-Cittadella, terminata 1-2.[8][9] Il debutto in Serie A è avvenuto il 25 ottobre 2017, nella partita Atalanta-Verona, vinta dal club lombardo per 3-0.[10][11] Al termine della stagione 2019-20 vanta 4 partite in serie A.

Il 1º settembre 2020 viene inserito nell'organico della CAN A-B, nata dall’accorpamento di CAN A e CAN B: dirigerà sia in Serie A che in Serie B. Nella stagione 2020-2021 viene designato in 6 partite del massimo campionato e per 10 in cadetteria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]