Lega Lombarda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il partito politico italiano, vedi Lega Lombarda (partito politico).

Lega Lombarda è il nome di due alleanze militari che furono costituite tra alcuni comuni dell'Italia Settentrionale durante il Medioevo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima Lega Lombarda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Legnano.
Pontida: targa commemorativa del giuramento della prima Lega Lombarda

La prima Lega Lombarda fu costituita, secondo la tradizione, il 7 aprile 1167 presso l'abbazia di Pontida, dove venne suggellata dall'omonimo e leggendario giuramento. Le municipalità fondatrici della Lega Lombarda furono Milano, Lodi, Ferrara, Piacenza e Parma. Il 1º dicembre 1167 l'alleanza venne allargata grazie alla fusione con la Lega Veronese e per la partecipazione di altri comuni della pianura padana (che allora era definita "Lombardia" nella sua totalità), che portò la Lega a raggiungere prima le 26, e poi le 30 municipalità, tra cui Crema, Cremona, Mantova, Bobbio, Bergamo, Brescia, Genova, Bologna, Padova, Modena, Reggio nell'Emilia, Treviso, Venezia, Novara, Tortona, Vercelli, Vicenza e Verona.

La battaglia di Legnano in un dipinto di Massimo d'Azeglio

La Lega venne formata per contrastare Federico I "Barbarossa", imperatore del Sacro Romano Impero, nel suo tentativo di restaurare l'influenza imperiale nell'Italia Settentrionale. In questo disegno politico il Barbarossa fu spalleggiato anche da due città lombarde che non fecero mai parte, se non sporadicamente, della Lega: Pavia e Como. Federico reclamò il controllo diretto sull'Italia Settentrionale alla dieta di Roncaglia (1158), invadendo la penisola italiana a più riprese con l'obiettivo di ristabilire il potere imperiale e di punire le municipalità ribelli. La Lega godeva del supporto di papa Alessandro III, anch'egli desideroso di veder declinare il potere imperiale in Italia. La città di Alessandria, fondata in Piemonte dalla Lega Lombarda, prese il suo nome proprio dal Pontefice e nacque come fortezza antimperiale ai confini del marchesato del Monferrato, alleato del Barbarossa.

Nella battaglia di Legnano del 29 maggio 1176, Federico Barbarossa venne sconfitto dalle truppe della Lega Lombarda, che nell'occasione erano capitanate da Guido da Landriano (secondo le credenze popolari, le truppe comunali furono invece guidate dal condottiero lombardo leggendario Alberto da Giussano)[1]. Dopo la decisiva sconfitta di Legnano, l'imperatore accettò un armistizio di sei anni (la cosiddetta "tregua di Venezia"), fino alla pace di Costanza, in seguito alla quale i comuni medioevali dell'Italia settentrionale accettarono di restare fedeli all'Impero in cambio della piena giurisdizione locale sui loro territori.

La Lega Lombarda venne rinnovata nel 1198 e nel 1208 durante le guerre tra Ottone IV e Filippo di Svevia.

La seconda Lega Lombarda[modifica | modifica wikitesto]

Mosio: lapide in ricordo della seconda Lega Lombarda

Sfruttando la prerogativa, concessa da Federico I, di adottare lo strumento della Lega per ragioni di difesa, alcuni comuni decisero di costituire una seconda Lega Lombarda. Dopo mesi di trattative segrete, favorite da papa Onorio III, il 2 marzo 1226 i delegati di Milano, Bologna, Piacenza, Verona, Brescia, Faenza, Mantova, Vercelli, Lodi, Bergamo, Torino, Alessandria, Vicenza, Padova e Treviso si riunirono nella chiesa di San Zenone a Mosio, oggi frazione di Acquanegra sul Chiese, stabilendo un'alleanza militare che sarebbe dovuta durare 25 anni. Sempre grazie all'intervento papale, alla seconda Lega aderirono anche i conti di Biandrate, Bonifacio II marchese di Monferrato, Crema e Ferrara.

La Lega riottenne il suo antico prestigio contrastando il disegno politico di Federico II di Svevia, che era incentrato sull'incremento del potere imperiale in Italia. Questi sforzi compresero la battaglia di Cortenuova sull'Oglio, che vide una netta vittoria di Federico II con la conquista anche del Carroccio, in seguito inviato in omaggio al papa, e la presa, sempre da parte imperiale, di Vicenza. Milano e altre cinque città resistettero e quindi, nell'ottobre 1238, l'imperatore dovette togliere l'assedio a Brescia. Determinante fu il ruolo di Bologna, i cui cavalieri, vincendo la battaglia di Fossalta contro la ghibellina Modena, catturarono Enzo di Sardegna, signore di Sardegna, che resterà imprigionato nella città per 23 anni nel palazzo che ancora oggi porta il suo nome. Ancora una volta appoggiata dal papa, la Lega Lombarda riuscì a contrastare i tentativi di Federico II, per poi dissolversi nel 1250 alla morte dell'imperatore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grillo, 2010, p. 161.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Tosti, Storia della Lega lombarda, Tip. di Montecassino, Ivi 1848
  • Gianluca Raccagni, The Lombard League, 1167-1225 (Oxford, 2010).
  • Elena Percivaldi, I Lombardi che fecero l'impresa. La Lega Lombarda e il Barbarossa tra storia e leggenda, Milano, 2009, Ancora Editrice. ISBN 88-514-0647-2
  • Rinaldo Beretta - 1960 - Il congresso di Pontida del 7 aprile 1167, Carate Brianza, pp. 10.
  • Rinaldo Beretta - 1970 - Il giuramento di Pontida e la Società della Morte nella battaglia di Legnano. Storia o leggenda?, Como, pp. 86.
  • Gianluca Raccagni, 'Il diritto pubblico, la pace di Costanza e i "Libri iurium" dei Comuni Lombardi' in Diego Quaglioni e Gerhard Dilcher (curatori), Gli inizi del Diritto pubblico, da Federico I a Federico II (Bologna-Berlin, 2008) pp. 309–40.
  • Gina Fasoli, 'La Lega Lombarda: Antecedenti, formazione, struttura," in Probleme des 12. Jahrhunderts, Vorträge und Forschungen, 12, 1965-67 pp. 143–160.
  • Roberto Chiodi, Lega lombarda, Enciclopedia Federiciana, Vol. II, Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani
  • Ernst Kantorowicz, Federico II imperatore, Milano 1988 (ed. orig. Berlin 1927-31). Ernst Kantorowicz, Federico II imperatore, Milano 1988 (ed. orig. Berlin 1927-31).
  • Gina Fasoli, Re Enzo tra storia e leggenda, in AA.VV., Studi in onore di C. Naselli, II, Catania 1968. Antonio Messeri, Enzo Re, Parma 1981.
  • Eberhart Horst, Federico II di Svevia L'imperatore filosofo e poeta, Milano 1994.
  • David Abulafia, Federico II. Un imperatore medievale, Torino 1995 (ed. orig. London 1988).
  • Paolo Grillo, Legnano 1176. Una battaglia per la libertà, Bari, Laterza, 2010, ISBN 978-88-420-9243-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]