Amedeo IV di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amedeo IV
Amedeo IV di Savoia.jpg
Conte di Savoia
Stemma
In carica 1233 –
13 luglio 1253
Predecessore Tommaso I di Savoia
Successore Bonifacio di Savoia
Nascita Aiguebelle, 1197
Morte Moncalieri, 13 luglio 1253
Casa reale Savoia
Padre Tommaso I di Savoia
Madre Beatrice di Ginevra
Consorte Margherita di Borgogna
Cecilia del Balzo
Figli Beatrice
Margherita
Bonifacio
Beatrice
Eleonora
Costanza
Religione Cattolico

Amedeo IV di Savoia (Montmélian, 1197Moncalieri, 13 luglio 1253) fu conte di Savoia dal 1233 al 1253.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amedeo si trovò a dover spartire la contea con i fratelli. Tommaso I di Savoia, infatti, aveva avuto numerosissimi figli, e alla sua morte iniziarono lunghe lotte intestine. Nel testamento di Tommaso, Amedeo IV appariva come legittimo successore al titolo comitale, ma i fratelli avevano preteso con forza la cessione di terre e castelli. In particolare, Pietro e Aimone di Savoia cercarono di rovesciare il suo potere facendo insorgere la Valle d'Aosta, ma Amedeo IV riuscì a sconfiggerli, grazie alle truppe fornitegli da Manfredo III di Saluzzo e da Bonifacio II di Monferrato, suoi generi.

Sconfitti con tutta probabilità i fratelli Pietro ed Aimone, molti membri di Casa Savoia si diressero in paesi lontani (per esempio, un altro Pietro si recò in Inghilterra), mentre i più legati ad Amedeo lo aiutarono a mettere ordine nello Stato.

La famiglia risultava così divisa in pericolose fazioni e il conte investì nel 1235 il fratello Tommaso della signoria di gran parte del Piemonte. La politica sabauda nella regione mirava a Pinerolo e a Torino, contro i cui comuni venne mossa una guerra terminata nel 1235 con risultati incerti.

Il suo operato si distinse anche per discrete doti diplomatiche come testimonia l'accordo sancito nel 1242 con Gotofredo I di Challant presso il castello di Sarre, per accordarsi su come contrastare la ribellione di Ugo di Bard, signore del luogo.

Alla sua morte Amedeo lasciò un solo figlio maschio, Bonifacio di Savoia, di appena otto anni. Amedeo venne sepolto nell'Abbazia di Altacomba; oggi vi sussistono le sole pietre tombali del conte, quando l'abbazia fu occupata dai giacobini che forzarono la sua tomba e distrussero i resti, insieme a quelli di altri rappresentanti Savoia.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1222 Amedeo sposò

Rimasto vedovo di Margherita si risposò nel 1244 con

  • Cecilia del Balzo (o de Baux) († 1275), figlia di Barral, signore di Les Baux, visconte di Marsiglia, e di Sibilla d'Andouze, considerata una delle donne più belle del tempo e soprannominata per la sua avvenenza "Passerose". Dal matrimonio nacquero:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Savoia Successore Savoie flag.svg
Tommaso I 1233 - 1253 Bonifacio e Tommaso II
Controllo di autorità VIAF: (EN81178834 · GND: (DE136913601 · CERL: cnp01159347
Casa Savoia Portale Casa Savoia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Casa Savoia