Conti di Ginevra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stemma dei conti di Ginevra

I conti di Ginevra furono signori feudali che nel Medioevo e nell'età moderna governarono sul territorio del Genevese (il contado della città di Ginevra, vale a dire il suo territorio rurale) e inizialmente anche sulla città stessa di Ginevra. La città di Ginevra, tuttavia, a partire dal 1124 (in virtù del trattato di Seyssel e di altri trattati successivi), venne governata dal proprio vescovo e poi divenne del tutto indipendente.

Elenco dei conti di Ginevra[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Ginevra[modifica | modifica wikitesto]

Casa di Thoire-Villars[modifica | modifica wikitesto]

  • 1394–1400: Umberto VIII di Thoire-Villars (m. 1400), figlio di Umberto VII di Thoire-Villars, e di Maria di Ginevra, figlia di Amedeo III
  • 1400–1401: Oddone (o Eude) di Thoire-Villars
Nel 1401 Oddone vende la Contea ad Amedeo VIII di Savoia. I suoi eredi contestarono questa vendita con un processo legale che continuò sino al 1424.

Casa di Savoia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1424 la Contea di Ginevra venne unita ai domini dei Savoia, quindi spesso garantita come appannaggio a membri di rami cadetti della famiglia, in particolar modo il titolo di Conte di Ginevra venne assegnato ai secondogeniti maschi dei duchi in carica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Casa Savoia Portale Casa Savoia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Casa Savoia