Carlo II di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carlo III di Savoia)
Jump to navigation Jump to search
Carlo II o III
CharlesIIIofSaboy-byJeanClouet.jpg
Carlo III di Savoia ritratto da Jean Clouet nel XVI secolo
Duca di Savoia
Stemma
In carica 10 settembre 1504 –
17 agosto 1553
Predecessore Filiberto II
Successore Emanuele Filiberto I
Altri titoli Principe di Piemonte
Principe Balì del Ducato di Aosta
Conte d'Aosta
Conte di Moriana
Conte di Nizza
Re titolare di Cipro, Gerusalemme e Armenia
Custode della Sacra Sindone
Principe e Vicario Perpetuo del Sacro Romano Impero
Marchese d'Ivrea
Marchese di Gex
Marchese di Susa
Marchese in Italia
Conte del Bresse
Conte di Ginevra
Conte di Chiablese
Conte di Romont[non chiaro]
Barone di Vaud
Barone di Faucigny
Signore di Pinerolo e Vercelli
Patrizio Veneto
Nascita Chazey, 23 giugno 1486
Morte Vercelli, 17 agosto 1553
Sepoltura Duomo di Vercelli
Casa reale Savoia
Padre Filippo II di Savoia
Madre Claudina di Bretagna
Consorte Beatrice di Portogallo
Figli Emanuele Filiberto Adriano di Savoia
Ludovico di Savoia
Emanuele Filiberto I di Savoia
Caterina di Savoia
Maria di Savoia
Isabella di Savoia
Gianmaria di Savoia
Religione Cattolico

Carlo II di Savoia o Carlo III di Savoia, detto il Buono (Chazey, 23 giugno 1486Vercelli, 17 agosto 1553) fu duca di Savoia, principe di Piemonte e conte d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1504 al 1553. Fu anche re titolare di Cipro, Gerusalemme e Armenia (la titolazione come Carlo II o come Carlo III varia a seconda se suo cugino Carlo Giovanni Amedeo di Savoia venga considerato come Carlo II oppure no).

Era figlio di Filippo II di Savoia e della seconda moglie del padre, Claudina di Brosse.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Spentosi Filiberto II senza discendenza, gli succedette il fratellastro Carlo, che trovò lo Stato in condizioni finanziarie assai precarie. Cercando di risanare almeno in parte il grave deficit prodotto dai governi precedenti, si alleò con Luigi XII nella lega di Cambrai contro il ducato di Milano.

A Luigi XII succedette (1º gennaio 1515) Francesco I, nipote dello stesso Carlo II di Savoia (il padre di Francesco I, Carlo, conte d'Angoulême, aveva sposato Luisa di Savoia, figlia di Filippo II di Savoia e di Margherita di Borbone) e capostipite della dinastia regale francese dei Valois-Angoulême.

A causa dell'amicizia con il Re francese, il Ducato di Savoia venne invaso dalle truppe mercenarie svizzere assoldate da papa Leone X cui Carlo aveva negato il transito per la Francia. L'esercito francese, comandato da Gian Giacomo Trivulzio, aggirò gli svizzeri, che lasciarono il Piemonte, e colse una vittoria brillante a Marignano (13 settembre 1515).
Alla conclusione della pace di Noyon Carlo II fece da mediatore fra Francesco I e Carlo I di Spagna (il futuro imperatore Carlo V).

Il 5 ottobre 1521 Carlo II sposò a Villefranche sur Mer Beatrice di Portogallo (1504 – 1538), figlia di Manuele I, re del Portogallo (1469 – 1521) e di Maria d'Aragona (1482 – 1517), che gli portò in dote la contea di Asti. Alla elezione di Carlo I di Spagna ad Imperatore del Sacro Romano Impero con il nome di Carlo V, fu di nuovo guerra (1523). Francesco I ridiscese con il suo esercito dai valichi alpini ma fu sconfitto in Lombardia dall'esercito imperiale. Ridiscese con il suo esercito le Alpi l'anno successivo, sempre transitando per la terre del Ducato di Savoia con gli effetti devastanti immaginabili, e conquistò Milano ma venne sonoramente sconfitto e fatto prigioniero a Pavia. Carlo II intanto si era riavvicinato all'Imperatore di cui era divenuto cognato attraverso la moglie.

Con l'estinzione dei Paleologi di Monferrato nella persona di Gian Giorgio Paleologo (1533), Carlo II accampò le sue pretese sul territorio, essendo discendente di Jolanda di Monferrato, che nel 1333 aveva sposato Aimone di Savoia, ma contro di lui trovò Federico I Gonzaga, marchese di Mantova, ed il marchese di Saluzzo Francesco Lodovico, appoggiato da Francesco I. Un ulteriore avvicinamento di Carlo II all'Imperatore, manifestatosi con l'invio del figlio di Carlo II Ludovico a Madrid per esservi educato, fornì il pretesto a Francesco I per invadere la Savoia. Il 3 aprile 1536 i francesi occuparono Torino e Carlo II fuggì con il figlio Emanuele Filiberto a Vercelli. Il Piemonte venne dichiarato annesso alla Francia da Francesco I, nonostante l'eroica resistenza di città quali Aosta e Nizza. Sfortunatamente, Carlo II era troppo debole, sia economicamente che militarmente, per poter sperare di riprendersi le città perdute e, ben presto dimenticato, nemmeno cercò di ristabilire il suo potere in Piemonte.

Allorché però spagnoli ed inglesi giunsero a minacciare la stessa Parigi, Francesco I fu costretto a firmare la pace di Crepy (18 settembre 1544), con la quale si impegnava a restituire ai Savoia tutte le terre occupate escluse Pinerolo e Montmélian. Ma i francesi rimasero di fatto dov'erano e, morto Francesco I (1547), il suo successore Enrico II venne in visita a Torino accolto trionfalmente come se la città fosse francese.

Ridotto con le sole province di Aosta, Vercelli e Nizza, l'infelice Carlo II morì in Vercelli e fu sepolto in una cappella del duomo di questa città.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 marzo 1521 a Villefranche-sur-Mer vicino Nizza sposò Maria Beatrice di Portogallo (* Lisbona, 31 dicembre 1504 , † Nizza, 8 gennaio 1538), contessa di Asti (1531), figlia del re del Portogallo Manuele I (* 31 maggio 1469 † 13 dicembre 1521) e della seconda moglie doña María de Castilla y Aragón. Ebbero nove figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Antipapa Felice V Amedeo VII di Savoia  
 
Bona di Berry  
Ludovico di Savoia  
Maria di Borgogna Filippo II di Borgogna  
 
Margherita III delle Fiandre  
Filippo II di Savoia  
Giano di Lusignano Giacomo I di Cipro  
 
Helvis von Braunschweig  
Anna di Lusignano  
Carlotta di Borbone Giovanni I di Borbone-La Marche  
 
Caterina di Vendôme  
Carlo II di Savoia  
Giovanni I di Brosse Pietro di Bretagna  
 
Marguerite de Malleval  
Giovanni II di Brosse  
Giovanna di Naillac Guillame de Naillac  
 
Jeanne Turpin  
Claudina di Brosse  
Carlo di Châtillon Giovanni I di Châtillon  
 
Marguerite de Clisson  
Nicole de Châtillon  
Isabeau de Vivonne Savary V de Vivonne  
 
Jeanne d'Aspremont  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) CHARLES de Savoie, su fmg.ac. URL consultato il 27 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41706196 · ISNI (EN0000 0000 6123 4581 · SBN IT\ICCU\CFIV\089597 · LCCN (ENnr92031004 · GND (DE104193395 · BNF (FRcb12201246w (data) · BNE (ESXX1762975 (data) · BAV (EN495/6665 · CERL cnp00989522 · WorldCat Identities (ENlccn-nr92031004