Filiberto II di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Filiberto II di Savoia
Philibert II of Savoy.jpg
Duca di Savoia
Stemma
In carica 7 novembre 1497 –
10 settembre 1504
Predecessore Filippo II
Successore Carlo II
Altri titoli Principe di Piemonte
Conte d'Aosta
Conte di Moriana
Conte di Nizza
Re di Cipro
Re di Gerusalemme
Custode della Sacra Sindone
Nascita Pont-d'Ain, 10 aprile 1480
Morte Pont-d'Ain, 10 settembre 1504
Sepoltura Monastero di Notre-Dame, Brou (Bourg-en-Bresse)
Casa reale Savoia
Padre Filippo II di Savoia
Madre Margherita di Borbone
Consorte Iolanda di Savoia
Margherita d'Asburgo
Religione Cattolico

Filiberto II di Savoia detto il Bello (Pont-d'Ain, 10 aprile 1480Pont-d'Ain, 10 settembre 1504) fu Duca di Savoia, Principe di Piemonte e Conte d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1497 al 1504. Fu anche Re Titolare di Cipro e Gerusalemme.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

Filiberto II era il figlio primogenito di Filippo II di Savoia (1443 - 1497) e di Margherita di Borbone (1438 - 1483). Educato sin dalla più tenera età alla corte francese di Carlo VIII, seguì il padre ed il re Carlo nella spedizione napoletana del 1494, tornando poi in Piemonte a causa di un morbo scoppiato nell'esercito in cui militava.

Fu partecipante attivo alle guerre italiane di quel periodo, combattendo insieme al padre contro i genovesi e seguendo l'imperatore Massimiliano I d'Asburgo nella spedizione contro i fiorentini.

Ascesa[modifica | modifica wikitesto]

Filiberto II di Savoia, 1500

Ritiratosi nella Bresse dopo che era terminato il suo servizio nell'esercito, vi rimase fino al 1497, quando fu chiamato a succedere al padre Filippo come Duca di Savoia. Nel conflitto per il Ducato di Milano, Filiberto II non prese posizione alcuna, rimanendo neutrale, e venne per questo ricompensato da Luigi XII, che rinunziò all'invasione del Piemonte.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Per equilibrare la controparte imperiale e porre fine ai conflitti, da parte di Massimiliano, il duca ne ricevette in moglie (1501) la figlia Margherita, deceduta nel 1530. In precedenza Filiberto II aveva già sposato la cugina Iolanda di Savoia (morta undicenne nel 1499), figlia del cugino Carlo I di Savoia.

Margherita d'Asburgo (precedentemente promessa a Carlo VIII e all'Infante Don Juan d'Aragona e Castiglia, figlio dei Re Cattolici) nutriva un profondo odio verso la corte di Parigi. L'esser stata accantonata, poiché il re aveva sposato Anna di Bretagna, aveva prodotto in lei grande risentimento verso i francesi. Margherita cercò di influenzare Filiberto II ad appoggiarsi all'Impero, facendo concedere al padre per il marito nel 1503 la giurisdizione temporale sui vescovati di Lione, Losanna, Ginevra, Aosta, Torino, della Maurienne, della Tarantasia, Vercelli e Mondovì. Margherita spinse inoltre Filiberto II ad entrare nel conflitto per il Regno di Napoli, ma il duca preferì non compromettersi, e rinunziò perfino a pretendere l'omaggio feudale, di suo diritto, da Ludovico II di Saluzzo (alleato dei francesi).

Margherita avrebbe più volte influito sulla politica sabauda. Filiberto II, amante delle cacce, aveva lasciato il governo del Piemonte a suo fratello adulterino, Renato di Savoia, verso il quale Margherita non nutriva molta simpatia. Riuscì a farlo cacciare dalla Savoia e a fargli annullare l'atto di legittimazione riconosciuto da papa Alessandro VI. Renato, fuggito in Francia, assieme a Luisa di Savoia, cercò di vendicarsi degli oltraggi subiti.

Ultimi tempi e morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1504 Filiberto II decise di trasferire la sua corte al di là delle Alpi, nel castello di Pont-d'Ain ove il duca era nato, a causa di un'epidemia di peste che stava attraversando il Piemonte a quell'epoca. Mentre Filiberto si trovava al castello, venne colpito da una febbre virulenta che lo portò alla morte, avvenuta il 10 settembre 1504. Filiberto II scomparve senza eredi diretti e quindi il trono passò al fratellastro Carlo II, figlio di Claudia di Bretagna. Filiberto fu inumato nel Monastero di Notre-Dame di Brou, vicino a Bourg-en-Bresse.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Antipapa Felice V Amedeo VII di Savoia  
 
Bona di Berry  
Ludovico di Savoia  
Maria di Borgogna Filippo II di Borgogna  
 
Margherita III delle Fiandre  
Filippo II di Savoia  
Giano di Lusignano Giacomo I di Cipro  
 
Helvis von Braunschweig  
Anna di Lusignano  
Carlotta di Borbone Giovanni I di Borbone-La Marche  
 
Caterina di Vendôme  
Filiberto II di Savoia  
Giovanni I di Borbone Luigi II di Borbone  
 
Anna di Forez  
Carlo I di Borbone  
Maria di Berry Giovanni di Valois  
 
Jeanne d'Armagnac  
Margherita di Borbone  
Giovanni di Borgogna Filippo II di Borgogna  
 
Margherita III delle Fiandre  
Agnese di Borgogna  
Margherita di Baviera Alberto I di Baviera  
 
Margherita di Brieg  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
— [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Savoia Successore Flag of Savoie.svg
Filippo II 1497 - 1504 Carlo II
Predecessore Pretendente al trono del Regno di Gerusalemme Successore Armoiries de Jérusalem.svg
Filippo II di Savoia 1497 - 1504
Filiberto II
Carlo II di Savoia
Predecessore Custode della Sacra Sindone Successore Turiner Grabtuch Gesicht negativ klein.jpg
Filippo II di Savoia 1497 - 1504 Carlo II di Savoia
Controllo di autoritàVIAF (EN25715311 · GND (DE130571466 · BAV (EN495/115171 · CERL cnp00686909 · WorldCat Identities (ENviaf-25715311