Giacomo I di Cipro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo I di Cipro
Re di Cipro
Re titolare di Gerusalemme
Stemma
In carica 1382 –
1398
Incoronazione maggio 1385 nella Cattedrale di Santa Sofia, Nicosia
Predecessore Pietro II
Successore Giano I
Re armeno di Cilicia
In carica 1396 –
1398
Predecessore Leone VI d'Armenia
Successore Giano I
Co-reggente di Cipro
In carica 1369 –
1371
per il nipote Pietro II
Altri titoli Siniscalco di Cipro
Nascita 1334
Morte Nicosia, 20 settembre 1398
Sepoltura chiesa di San Domenico, Nicosia
Casa reale Lusignano
Padre Ugo IV di Cipro
Madre Alice d'Ibelin
Consorte Helvis di Brunswick-Grubenhagen
Figli Giano
Filippo
Enrico
Eudes
Ugo
Guido
figlia femmina
Giacoma
Eschive
Maria
Agnese
Isabella
Religione Cattolicesimo

Giacomo I di Cipro, o Giacomo I di Lusignano (1334Nicosia, 20 settembre 1398), fu co-reggente del Regno di Cipro per il nipote Pietro II fin dal 1369 al 1371; poi re di Cipro e re titolare di Gerusalemme, dal 1382 e re del regno armeno di Cilicia, dal 1393 alla sua morte.

Egli era il quarto figlio di Ugo IV di Cipro; prima di salire al trono aveva prestato altri servizi per il regno e si era fatto notare per la sua resistenza opposta all'invasione genovese di Cipro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Lavabo (XIV secolo, Egitto o Siria, Museo del Louvre) attribuito a Ugo IV di Cipro.[1]

Sia secondo Les familles d'outre-mer, che secondo la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, Giacomo era il figlio quartogenito del re di Cipro e di Gerusalemme Ugo IV (1294 – 1359) e di Alice d'Ibelin (1305 c. – 1386)[2][3], che, ancora secondo Les familles d'outre-mer, che secondo la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, era figlia di Guido d'Ibelin, signore del castello di Nicosia[4], siniscalco di Cipro[5][6] e della moglie, nonché cugina, Isabella o Margherita d'Ibelin[7].

Sia secondo Les familles d'outre-mer, che secondo la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, Ugo era l'unico figlio maschio del Connestabile del regno di Cipro, Guido di Lusignano e della moglie, la signora di Beirut, Eschiva di Ibelin[8][9], che, ancora secondo Les familles d'outre-mer, era la figlia secondogenita di Giovanni di Ibelin, signore di Beirut e di Alice de la Roche, figlia di Guido I de la Roche, Duca di Atene[10].

Suo padre, Ugo IV, nel 1358, cedette la corona di Cipro a suo fratello, Pietro come Pietro I e contemporaneamente nominò l'altro suo fratello, Giovanni, Principe titolare d'Antiochia e connestabile di Cipro[11].

Suo padre, Ugo IV, morì il 10 ottobre 1359 a Nicosia ed il 5 aprile 1360, Pietro, con la moglie, Eleonora, furono incoronati nella cattedrale di San Nicola a Famagosta re e regina di Gerusalemme[11].

Secondo la Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, nel 1364, suo fratello, Pietro I, che si trovava in missione in Europa, chiamò Giacomo presso di sé, come suo rappresentante, durante la missione[12]; Giacomo raggiunse Pietro I, quando si trovava in Avignone, come ci viene confermato dalla Chronique de l'Île de Chypre[13]

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1365 Giacomo sposò la sua parente Helvis o Chelvis o Elena di Brunswick-Grubenhagen (1353 – 15 gennaio 1421), figlia di Filippo di Brunswick (circa 1332 – 4 agosto 1369 o 1370), connestabile di Gerusalemme[14], e della prima moglie Helisia o Alice di Dampierre, figlia di Oddone di Dampierre e Isabella di Lusignano, citati da Les familles d'outre-mer[15] e dalla Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1[16]; per questo matrimonio, secondo lo storico ungherese Weyprecht Hugo von Rüdt von Collenberg era stata necessaria una dispensa papale di papa Urbano V, il 15 maggio 1365[17]; il suocero, Filippo, avendo sposato in seconde nozze, la mamma di Giacomo, Alice d'Ibelin, ne era anche il patrigno[14].

Il fratello di Helvis-Chelvis-Elena era Giovanni di Brunswick-Grubenhagen (morto l'11 giugno 1414 senza essersi sposato e senza aver generato discendenti), era un ammiraglio di Cipro.

Reggenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 gennaio 1369, suo fratello, Pietro I, fu ucciso e decapitato, probabilmente con la complicità dei suoi stessi fratelli, sia Giacomo che Giovanniprincipe titolare d'Antiochia e Connestabile di Cipro.

L'omicidio di Pietro viene confermato da Les familles d'outre-mer[18], e narrato sia dalla Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1[19] che dalla Chronique de l'Île de Chypre[20].
A Pietro I succedette il figlio Pietro, come Pietro II, sotto la tutela della madre, Eleonora, e la reggenza dello zio, Giovanni[21]. Giacomo fu co-reggente.

Con l'appoggio di Papa Gregorio XI, sua cognata, Eleonora, per vendicare la morte del marito e per aiutare il figlio a regnare, invitò i genovesi ad invadere Cipro[22]; dal momento che i Genovesi avevano interessi finanziari e commerciali su Cipro essi invasero l'isola nell'aprile 1373.

Guerra a Genova[modifica | modifica wikitesto]

Giacomo fu creato siniscalco di Cipro e, in queste funzioni, condusse la guerra contro la Repubblica di Genova nel 1373; durante l'invasione genovese, Giacomo ed il fratello Giovanni, connestabile di Cipro, resistettero agli invasori; Giacomo combatté a Kyrenia e resistette alle forze della Repubblica di Genova[23].

Con l'aiuto del tradimento di Giovanni di Morf, questi ultimi occuparono nel 1373 la città di Famagosta e saccheggiarono Nicosia[23]; inoltre fecero decapitare gli assassini di Pietro I [24].

Il nipote Pietro II, firmò un trattato con i nemici, che tennero la città di Famagosta e ottennero l'espulsione di Giacomo da Cipro: finita la guerra e lasciata l'isola con una nave partita da Kyrenia nel 1374, si recò prima a Rodi, dove però non trovò sostegno e venne arrestato dai genovesi che lo condussero a Genova in cattività assieme alla moglie[25].

Secondo A History Of Cyprus. Volume 2. The Frankish Period, 1192 1432, il periodo di carcere duro, con trattamento a Pane e acqua, corrispose al tentativo di Pietro II di riconquistare Famagosta[26]; inoltre la lunga prigionia dei coniugi indusse vanamente papa Gregorio XI e papa Urbano VI a richiedere alla Repubblica di Genova un miglior trattamento dei coniugi[27].

Fu durante la prigionia che Helvis diede alla luce il loro primo figlio maschio, Giano, che prese il nome dal dio che era stato, secondo un'antica leggenda, il fondatore di Genova[28]; la maggior parte dei loro figli nacque proprio a Genova.

Sua cognata, Eleonora inoltre, con la complicità del figlio, Pietro II, tese un tranello e favorì l'omicidio di suo fratello, Giovanni, nel 1374[29].

Re di Cipro[modifica | modifica wikitesto]

Suo nipote, Pietro II, nel 1382 si ammalò e morì[30], il 13 ottobre, e fu tumulato nella chiesa di San Domenico a Nicosia[31]; anche il Chronicon Regiense riporta la morte di Pietro II in quella data[32].

Sempre il Chronicon Regiense, riporta che la figlia di Pietro II fu esclusa dalla successione e fu designato alla successione Giacomo, che era in carcere a Genova[32], non rispettando le volontà di Pietro II che aveva concordato con il cugino Giacomo di Lusignano, figlio di Giovanni, il matrimonio con la propria sorella, Margherita o Maria, con la promessa che alla sua morte gli sarebbe succeduto[33].

I genovesi, decisi a rilasciarlo per consentirgli di divenire re a tutti gli effetti, negoziarono con lui ed ottennero un accordo: il trattato, datato 2 febbraio 1383, prevedeva dei nuovi privilegi per le attività commerciali della Repubblica; Giacomo fu liberato, dopo che erano stati liberati i genovesi detenuti a Cipro e dopo che Giacomo aveva confermato ai genovesi il possesso di Famagosta; il regno di Cipro, nel frattempo era governato da dodici nobili; dopo il suo rilascio, nel 1383, egli non fu immediatamente accettato, come riportato dallo storico Leontios Makhairas, e così ritornò a Genova. In particolare tra gli oppositori spiccavano i fratelli Perotte e Vilmonde de Montolivve, che credevano che la situazione in cui si trovava Cipro all'epoca avrebbe permesso loro di diventare re. I nemici di Giacomo furono sconfitti solo nel 1385 e, nell'aprile di quell'anno, Giacomo I ritornò a Cipro e si recò a Nicosia, dove venne accolto con grande entusiasmo[34].

Giacomo venne incoronato nel maggio 1385 nella cattedrale di Santa Sofia ed in seguito venne incoronato re di Gerusalemme nel 1389[35].

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1390, Giacomo riscattò il proprio figlio, Giano, che era ancora prigioniero a Genova, per 800.000 bisanti[36].

Nel 1393, era morto a Parigi, il re armeno di Cilicia, Leone VI[14] e Giacomo, in quanto parente più prossimo fece richiesta di succedergli e assunse il titolo di re armeno di Cilicia che gli venne assegnato formalmente nel 1396, e da allora i re di Cipro furono chiamati: re di Gerusalemme, Cipro e Armenia, come riporta la Chronique de l'Île de Chypre[37]; il regno di Armenia, all'epoca, si era ridotto alla sola città di Corico, rimasta in mani cipriote fin da quando era stata conquistata da Pietro I.

Giacomo I morì a Nicosia, il 20 settembre 1398, e fu tumulato nella chiesa di San Domenico a Nicosia; a Giacomo I succedette il figlio primogenito, Giano, che fu incoronato l'11 novembre di quello stesso anno[38].

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Giacomo I da Helvis o Chelvis o Elena ebbe dodici figli[17][39]:

Regno di Cipro
Lusignano
Coat of Arms of the House of Lusignan (Kings of Cyprus).svg

Guido (1192 - 1194)
Amalrico I (1194 - 1205)
Figli
Ugo I (1204 - 1218)
Enrico I (1218 - 1253)
Ugo II (1253 - 1267)
Ugo III (1267 - 1284)
Figli
  • Giovanni I Re di Cipro (1284 - 1285)
  • Boemondo di Lusignano (1268 - 1281)
  • Enrico II Re di Cipro (1285 - 1306 e 1310 - 1324)
  • Almarico di Lusignano, reggente di Cipro dal 1306 alla morte (? - 1310)
  • Maria di Lusignano, moglie di Jaime II di Aragona (1273 - 1322)
  • Aimerico di Lusignano
  • Guido di Lusignano (? - 1303)
  • Margherita di Lusignano, moglie di Thoros III d'Armenia
  • Alice di Lusignano, moglie di Baliano d'Ibelin
  • Helis di Lusignano
  • Isabella di Lusignano
Giovanni I (1284 - 1285)
Enrico II (1285 - 1306)
Amalrico II (1306 - 1310)
Enrico II (1310 - 1324)
Ugo IV (1324 - 1359)
Pietro I (1359 - 1369)
Pietro II (1369 - 1382)
Giacomo I (1382 - 1389)
Giano I (1389 - 1432)
Giovanni II (1432 - 1458)
Figli
Carlotta I (1458 - 1464)
Giacomo II (1464 - 1473)
Figli
Giacomo III (1473 - 1474)
Caterina (1474 - 1489)
Modifica

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ugo III di Cipro Enrico d'Antiochia  
 
Isabella di Lusignano  
Guido di Lusignano  
Isabella d'Ibelin Guido d'Ibelin  
 
Filippa Barlais  
Ugo IV di Cipro  
Giovanni II di Beirut  
 
 
Eschive d'Ibelin  
Alice de la Roche Guido I de la Roche  
 
 
Giacomo I di Cipro  
Balian d'Ibelin  
 
 
Guido di Ibelin  
Alice di Lampron  
 
 
Alice d'Ibelin  
Baldovino d'Ibelin  
 
 
Isabella d'Ibelin  
Marguerite de Giblet  
 
 
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stendardo di Giacomo I di Cipro
Royal banner of Janus of Cyprus.svg

Onorificenze cipriote[modifica | modifica wikitesto]

immagine del nastrino non ancora presente Gran maestro dell'Ordine della Spada e del Silenzio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda dell'oggetto su louvre.fr Un'iscrizione in arabo dice: «Creato per ordine di Ugo, favorito da Dio, l'uomo a capo delle truppe scelte dei Franchi, Ugo dei Lusignani». Un'altra iscrizione in francese recita: «Très haut et puissant roi Hugues de Jherusalem et de Chipre que Dieu manteigne» (Molto alto e potente re Ugo di Gerusalemme e Cipro, possa Dio conservarlo).
  2. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 72
  3. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 407
  4. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 399
  5. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 293
  6. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 373
  7. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 302
  8. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 236
  9. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 240 e 241
  10. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pagg. 235 e 236
  11. ^ a b (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 408
  12. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 413
  13. ^ (IT) Chronique de l'Île de Chypre, pag. 262
  14. ^ a b c (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 86
  15. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pagg. 73, 236 e 537
  16. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 240, nota 2
  17. ^ a b (EN) Foundation for Medieval Genealogy : KINGS of CYPRUS 1267-1489 - JACQUES de Lusignan
  18. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pagg. 79 e 80
  19. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 425 e 426
  20. ^ (IT) Chronique de l'Île de Chypre, pag. 276
  21. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 426 e 427
  22. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 438
  23. ^ a b (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 450 e seguenti
  24. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 454
  25. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 476 e 477
  26. ^ (EN) A History Of Cyprus. Volume 2. The Frankish Period, 1192 1432, pag. 431
  27. ^ (EN) A History Of Cyprus. Volume 2. The Frankish Period, 1192 1432, pag. 431, nota 2
  28. ^ (EN) A History Of Cyprus. Volume 2. The Frankish Period, 1192 1432, pag. 432
  29. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 478 e 479
  30. ^ (IT) Chronique de l'Île de Chypre, pag. 349
  31. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 490
  32. ^ a b (LA) Rerum Italicarum scriptores, tomus XVIII, Chronicon Regiense, col. 90
  33. ^ (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 490
  34. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 490 - 492
  35. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 493
  36. ^ (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pagg. 493 - 494
  37. ^ (IT) Chronique de l'Île de Chypre, pag. 352
  38. ^ a b (IT) Chroniques d'Amadi et de Strambaldi. T. 1, pag. 496
  39. ^ (EN) #ESGenealogy : Poitou 3 - JACQUES I
  40. ^ a b c d e f (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 87
  41. ^ a b c (FR) Les familles d'outre-mer, pag. 88

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore:
Pietro II di Cipro
Re di Cipro
1382-1398
Successore:
Giano I di Cipro
Re titolare di Gerusalemme
1382-1398
Predecessore:
Leone VI d'Armenia
Re armeno di Cilicia
1396-1398