Giacomo III di Cipro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando gli altri due omonimi re di Cipro, vedi Giacomo I di Cipro e Giacomo II di Cipro.
Giacomo III
Cyprus Royal Wedding.jpeg
Affresco raffigutante la famiglia reale dei Lusignano: a destra il re Giacomo II (IACOB IVSIGNANVS REX CIPRI), a sinistra la regina Caterina Cornaro (CATHERINA REGINA) e al centro il loro figlio, il re Giacomo III (IACOB REX).
Re di Cipro
Re titolare di Gerusalemme e d'Armenia
sotto la reggenza della madre Caterina Cornaro
Stemma
In carica 28 agosto 1473 – 26 agosto 1474
Predecessore Giacomo II di Lusignano
Successore Caterina Cornaro
Nascita Regno di Cipro (oggi Cipro), 28 agosto 1473[1]
Morte Regno di Cipro (oggi Cipro), 26 agosto 1474 (0 anni)[1]
Dinastia Lusignano
Padre Giacomo II di Lusignano[1]
Madre Caterina Cornaro[1]

Giacomo III di Lusignano, detto il Postumo (in greco: Ιάκωβος Γ' των Λουζινιάν; in francese: Jacques III de Lusignan le Posthume; Cipro, 28 agosto 1473Cipro, 26 agosto 1474), unico figlio del re Giacomo II e della regina Caterina Cornaro, fu re di Cipro dalla nascita, in quanto suo padre morì prima che venisse al mondo. Il suo regno si svolse sotto la reggenza della madre Caterina, ma durò meno di un anno a causa della sua misteriosa morte prematura. Dopo la sua morte, Caterina stessa salì al trono come regina regnante e fu l'ultima sovrana del Regno di Cipro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era l'unico figlio legittimo del re di Cipro Giacomo II di Lusignano e di Caterina Cornaro, nato un mese dopo la morte del padre. Morì in circostanze misteriose, probabilmente di febbri malariche. La sua improvvisa scomparsa aprì le porte al dominio della Repubblica di Venezia sull'isola. La giovane madre, designata a essere regina di Cipro, ne fu sconvolta, non trovò pace, faticò a rassegnarsi, tanto che qualcuno sostenne che si sarebbe «impicada de disperation». Succederà per alcuni anni al figlioletto sul trono dell'isola, sotto stretta sorveglianza veneziana[2].

Con lui si estinse la dinastia dei Lusignano di Cipro e l'isola perse l'indipendenza. Fu sepolto, accanto al padre, nella cattedrale di Famagosta[3]

La madre Caterina, già reggente, regnò formalmente per quindici anni dal 26 agosto 1474 al 26 febbraio 1489, giorno della sua abdicazione in favore di Venezia. Rientrò nella Serenissima, fu nominata dal doge signora di Asolo e morì il 10 luglio 1510 all'età di 56 anni.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d CATERINA Corner, regina di Cipro, in Treccani. URL consultato il 25 aprile 2018.
  2. ^ Francesco Boni de Nobili, Caterina Cornaro, De Bastiani, Godega S.U. 2012, pp. 70 e ss.
  3. ^ Fileti, pag. 41
  4. ^ Somma, pag. 136

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Felice Fileti, I Lusignan di Cipro, Atheneum, Firenze 2009.
  • Lorenzo Somma, La regina Cornaro tra Cipro e Venezia, Anordest, Villorba 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie