Carlo I di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo I
Carlo I di Savoia.jpg
Re di Gerusalemme, di Cipro e d'Armenia
Stemma
Duca di Savoia
In carica 22 settembre 1482 –
13 marzo 1490
Predecessore Filiberto I
Successore Carlo Giovanni Amedeo
Marchese di Saluzzo
In carica 1487 –
13 marzo 1490
Predecessore Ludovico II di Saluzzo
Successore Ludovico II di Saluzzo
Altri titoli Principe di Piemonte
Conte d'Aosta
Conte di Moriana
Conte di Nizza
Re di Cipro
Re di Gerusalemme
Custode della Sacra Sindone
Nascita Carignano, 29 marzo 1468
Morte Pinerolo, 13 marzo 1490
Sepoltura Duomo di Vercelli
Casa reale Savoia
Padre Amedeo IX di Savoia
Madre Iolanda di Valois
Consorte Bianca di Monferrato
Figli Iolanda di Savoia
Carlo Giovanni Amedeo di Savoia
Religione Cattolico
Contea e Ducato di Savoia
Branca Ducale

Casa Savoia
Arms of the House of Savoy.svg
Amedeo V il Conte Grande
Edoardo il Liberale
Figli
Aimone il Pacifico
Amedeo VI il Conte Verde
Amedeo VII il Conte Rosso
Amedeo VIII il Pacifico (antipapa Felice V)
Figli
Ludovico il Generoso
Figli
Amedeo IX il Beato
Carlo I il Guerriero
Figli
Carlo II

Carlo I di Savoia detto il Guerriero (Carignano, 29 marzo 1468Pinerolo, 13 marzo 1490) fu marchese di Saluzzo (dal 1487), duca di Savoia, principe di Piemonte e conte d'Aosta, Moriana e Nizza dal 1482 al 1490. Fu anche re titolare di Cipro e Gerusalemme, titolo ricevuto in eredità dalla zia Carlotta di Lusignano (14421487).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo era figlio di Amedeo IX (14351472) e di Iolanda di Francia (14341478), (detta anche Violante di Francia o di Valois) e quindi fratello di Filiberto I di Savoia, alla morte del quale salì al trono dello stato piemontese, in età ancora molto giovane (solo 14 anni).
Luigi XI, lo zio, si considerò allora suo tutore, portandolo in Francia e ponendo come reggente degli stati sabaudi il vescovo di Ginevra: invano Filippo, del ramo dei Savoia-Bresse, cercò di ottenere il vicariato sul Piemonte.

Carlo I, alla morte di Luigi XI nel 1483, tornò in patria per poter, finalmente, governare. Si sposò, quindi, con Bianca di Monferrato (14721519), figlia del marchese Guglielmo VIII Paleologo.

Nonostante la sua giovane età, seppe dar prova di incredibile fermezza e determinazione: deciso a riportare l'ordine in un Piemonte dominato dalle angherie dei baroni e dei signori feudali (che avevano avuto possibilità di esercitare il loro potere nei momenti di crisi succeduti alla morte di Amedeo IX di Savoia), Carlo I seppe piegare alla sua volontà le ribellioni e gli abusi.

Dichiarata guerra al Marchesato di Saluzzo, con il quale da tempo non correvano buoni rapporti, guidò in battaglia il suo esercito nel 1487 e occupò Carmagnola, una delle principali città del piccolo marchesato. Quando infine assediò Saluzzo stessa, il marchese Ludovico II fu costretto ad arrendersi e a rendere omaggio al giovane duca di Savoia, che annetté, sebbene per breve tempo, i possedimenti dei signori aleramici ai suoi domini.

Vinta la guerra con i saluzzesi e tornato in patria, dopo un banchetto si sentì male, insieme ad altri convitati. Si vociferò di veleno, alcuni accusarono Ludovico II di Saluzzo di aver provocato la morte del giovane duca, fatto sta che Carlo I di Savoia morì e fu sepolto presso la chiesa degli Agostiniani di Carignano; in seguito, il corpo venne traslato e inumato in una cappella del duomo di Vercelli, ove si trova tuttora.

Nel 1485 Carlo I aveva ottenuto, da papa Innocenzo VIII, il titolo di re di Cipro e di Armenia.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dalla moglie Bianca di Monferrato Carlo ebbe quattro figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Antipapa Felice V Amedeo VII di Savoia  
 
Bona di Berry  
Ludovico di Savoia  
Maria di Borgogna Filippo II di Borgogna  
 
Margherita III delle Fiandre  
Amedeo IX di Savoia  
Giano I di Cipro Giacomo I di Cipro  
 
Helvis di Brunswick-Grubenhagen  
Anna di Lusignano  
Carlotta di Borbone Giovanni I di Borbone-La Marche  
 
Caterina di Vendôme  
Carlo I di Savoia  
Carlo VI di Francia Carlo V di Francia  
 
Giovanna di Borbone  
Carlo VII di Francia  
Isabella di Baviera Stefano III di Baviera  
 
Taddea Visconti  
Iolanda di Valois  
Luigi II d'Angiò Luigi I d'Angiò  
 
Marie de Châtillon  
Maria d'Angiò  
Violante d'Aragona Giovanni I d'Aragona  
 
Iolanda di Bar  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Collare - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Collare

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN260140221 · GND (DE1023019787 · BAV (EN495/115166 · CERL cnp01938241 · WorldCat Identities (ENviaf-260140221