Bianca di Monferrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bianca di Monferrato
Crea figlie guglielmoVIII.jpg
Bianca di Monferrato (a sinistra) e la sorella Giovanna, affresco del Maestro della Cappella di Santa Margherita a Crea
Duchessa consorte di Savoia
Stemma
In carica 1490 –
30 marzo 1519
Predecessore Bianca Maria Sforza
Successore Claudina di Bretagna
Nome completo Bianca dei Paleologi di Monferrato
Altri titoli Marchesa di Monferrato
Nascita Casale Monferrato, 1472
Morte Torino, 30 marzo 1519
Sepoltura Chiesa degli Agostiniani, Carignano
Casa reale Savoia
Padre Guglielmo VIII del Monferrato
Madre Elisabetta Maria Sforza
Consorte Carlo I di Savoia
Figli Carlo
Marchesato del Monferrato
Paleologi
Stemma del marchesato del Monferrato.svg

Teodoro I
Giovanni II
Ottone III
Giovanni III
Teodoro II
Giovanni Giacomo
Giovanni IV
Figli
Guglielmo VIII
Figli
  • Giovanna
  • Lucrezia
  • Bianca
  • Margherita
  • Annibale, naturale
Bonifacio III
Figli
Guglielmo IX
Bonifacio IV
Giovanni Giorgio
Modifica

Bianca dei Paleologi di Monferrato (Casale Monferrato, 1472Torino, 30 marzo 1519) fu moglie di Carlo I di Savoia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del marchese Guglielmo VIII Paleologo, Bianca venne promessa in sposa a Carlo I di Savoia. Le nozze furono celebrate il 1º aprile 1485.

Ebbe dal marito un figlio maschio, Carlo Giovanni Amedeo di Savoia, spesso ricordato come Carlo II, che morì giovanissimo a soli sette anni.

Dal 1490 al 1496 fu quindi reggente dello Stato Sabaudo, titolo conferitole dall'Assemblea degli Stati Generali riunitasi a Pinerolo. Alla morte del marito chiamò a corte Sebastiano Ferrero, feudatario piemontese, che nominò consigliere di Stato e tesoriere generale.

Dotata di un carattere forte e combattivo, Bianca, che a soli diciott'anni doveva mantenere la reggenza dello Stato, si trovò a contrastare i parenti del marito, che rivendicavano i propri diritti di successione.

Anche a livello internazionale, Bianca di Monferrato seppe destreggiarsi nel riportare la pace in Piemonte dopo le guerre col Marchesato di Saluzzo intraprese dal marito.

Conferì a Carlo VIII di Francia il permesso di attraversare gli Stati Piemontesi per giungere nel napoletano (1494).

Morto Carlo II nel 1496, Bianca si ritirò a vita privata con la seconda figlia, Iolanda di Savoia, fino alla morte.
Oggi è inumata nella Chiesa degli Agostiniani a Carignano.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]