Karel De Gucht

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karel De Gucht
Karel-de-gucht.jpg

Commissario europeo per il Commercio
Durata mandato 9 febbraio 2010 –
31 ottobre 2014
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Benita Ferrero-Waldner (Commercio e Politica di vicinato)
Successore Cecilia Malmström

Commissario europeo per la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi
Durata mandato 17 luglio 2009 –
9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Louis Michel
Successore Andris Piebalgs (Sviluppo)
Kristalina Georgieva (Cooperazione internazionale, Aiuto umanitario e Risposta alle crisi)

Vice Primo ministro del Belgio
Durata mandato 30 dicembre 2008 –
15 luglio 2009
Capo del governo Herman Van Rompuy
Predecessore Patrick Dewael
Successore Guy Vanhengel

Ministro federale degli affari esteri
Durata mandato 18 luglio 2004 –
17 luglio 2009
Presidente Guy Verhofstadt
Yves Leterme
Herman Van Rompuy
Predecessore Louis Michel
Successore Yves Leterme

Presidente dei Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti
Durata mandato 1999 –
2004
Predecessore Guy Verhofstadt
Successore Bart Somers

Membro della Camera dei rappresentanti del Belgio
Durata mandato 5 giugno 2003 –
7 maggio 2010
Legislature 51°, 52°
Circoscrizione Fiandre orientali
Sito istituzionale

Membro del Parlamento fiammingo
Durata mandato 21 maggio 1995 –
25 giugno 2003
Circoscrizione Sint-Niklaas-Dendermonde
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Open VLD
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Vrije Universiteit Brussel
Professione Avvocato
Karel De Gucht al Forum economico mondiale nel 2008

Karel Lodewijk Georgette Emmerence De Gucht (Overmere, 27 gennaio 1954) è un politico belga.

Il Vice Primo ministro Karel De Gucht incontra il Segretario di Stato americano Hillary Clinton il 22 maggio 2009

È stato Ministro federale degli affari esteri del Belgio e presidente dei Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti, Commissario europeo per la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari e la risposta alle crisi nella Commissione Barroso I e commissario europeo per il Commercio nella Commissione Barroso II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Karel De Gucht, è figlio di un agricoltore di Overmere. Si è laureato presso l'Ateneo Reale di Aalst (provincia delle Fiandre Orientali) nel 1971 e laureato in legge presso la VUB nel 1976. Si è rapidamente impegnato in politica, in parallelo ad una carriera legale. Sposò Mireille Schreurs, giudice della polizia a Aalst. Si tratta di un massone, membro della loggia Ontwaken del Grande Oriente del Belgio.[1][2][3]

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1976 al 2001 Karel De Gucht, lavora come avvocato e svolge questa attività in collaborazione con i suoi primi impegni politici. Ha lavorato a Merit Capital, un manager patrimoniale.[4].

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

In precedenza De Gucht è stato Commissario europeo per lo Sviluppo e l'Aiuto umanitario, ministro degli esteri del Belgio e segretario del partito dei Liberali e Democratici Fiamminghi (VLD), un partito politico belga.

De Gucht è stato membro del Parlamento europeo dal 1995 al 1999, membro del parlamento fiammingo dal 1999 al 2003 e membro del parlamento federale del Belgio dal 2003. Nel luglio 2004 venne nominato ministro degli esteri del Belgio.

De Gucht è stato al centro di alcune polemiche per alcune sue dichiarazioni poco rispettose nei confronti di suoi colleghi di partito e del primo ministro olandese Jan Peter Balkenende. Nel 2004 dichiarò che "c'è un problema con la classe politica in Congo", suscitando polemiche e accuse di neocolonialismo[5]. Nel settembre 2010 alcune sue dichiarazioni sulle difficoltà del processo di pace in Medio Oriente, sugli ebrei e sulla lobby ebraica negli Stati Uniti spinsero il Congresso ebraico europeo a chiedere una rettifica e delle scuse a De Gucht[6][7].

Nel novembre 2008, mentre era ministro degli esteri, De Gucht venne accusato di insider trading riguardo al salvataggio della banca Fortis da parte del governo belga[8], ma l'inchiesta venne archiviata.

Posizioni[modifica | modifica wikitesto]

Vlaams Blok e cordon sanitaire[modifica | modifica wikitesto]

Al ricevimento del nuovo anno del suo partito il 15 gennaio 2001, De Gucht ha ribadito la necessità di mantenere un cordon sanitaire rispetto al Vlaams Blok, che egli chiama mestkevers (trad. Litt. "Scarabei" ), cioè scarabeo stercorario.[9] Nell'aprile 2007, ha pubblicato un libro chiamato Pluche. Over de banalisering van extreemrechts (Pluche, sulla banalizzazione dell'estrema destra).[10]

Posizioni sul libero scambio economico[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2012, De Gucht avrebbe detto sul probabile rifiuto massiccio del trattato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) dal Parlamento europeo: « Se si decide di un voto negativo davanti alla Corte europea, lasciate che vi dica che la Commissione continuerà a proseguire l'attuale procedura dinanzi alla Corte di giustizia, come ci impegniamo. Un voto negativo non interromperà il procedimento dinanzi alla Corte di giustizia. » Dopo il voto del 4 luglio 2012 del Parlamento europeo Karel De Gucht continua ad ignorare il rifiuto europeo dell'Acta per farsi coinvolgere nel contratto del negoziato CETA tra il Canada e l'Unione europea. Il progetto CETA contiene passaggi copiati / incollati dall'ACTA sulla base della quadratura netta. Come commissario europeo per il commercio, coordina con i suoi colleghi statunitensi Michael Froman i cicli di negoziazione del trattato transatlantico tra l'UE e gli Stati Uniti.

Karel De Gucht che è un avvocato di formazione, è stato duramente criticato nel mese di ottobre 2012 sulle posizioni protezionistiche del Ministro francese del Recupero industriale Arnaud Montebourg, sostenendo che « la Francia non può, da sola, ridistribuire le carte del commercio mondiale. »

Il 6 marzo 2013, Karel de Gucht ha ripetuto questa critica in un'intervista con il quotidiano francese Le Monde sulla futura negoziazione di un accordo di libero scambio transatlantico chiamato mercato transatlantico (Transatlantic Free Trade Area) tra la Comunità europea e gli Stati Uniti, dicendo in un'intervista: "la Francia non è un paese di libero commercio", e commentando ancora una volta di Arnaud Montebourg, ministro del "recupero produttivo" del governo francese: « non ho mai visto M. Montebourg, ma quello che mi differenzia da lui è che lui è soddisfatto di un approccio difensivo, perché non crede nei nostri interessi offensivi. Vuole difendere tutto, per paura di perdere tutto. Questa è una mancanza di fiducia, ed è un approccio fallito ».[11].

Controversie politiche[modifica | modifica wikitesto]

Con il Primo ministro dei Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, De Gucht è stato coinvolto in un incidente diplomatico con i Paesi Bassi, quando ha descritto il primo ministro Jan Peter Balkenende come "un mix tra Harry Potter e un borghese rigido, senza carisma" in un'intervista pubblicata nell'edizione del 4 giugno del quotidiano belga Het Laatste Nieuws, il più grande traguardo del paese.[12]

Con il Congo e Joseph Kabila[modifica | modifica wikitesto]

Dal momento della sua nomina, De Gucht è stato notato nel suo approccio, alcuni si sentono poco diplomatici della Repubblica Democratica del Congo, in particolare durante il suo viaggio nel mese di aprile 2008 nella Repubblica Democratica del Congo, dove mette in dubbio la capacità dei leader congolesi.[13] La sua precedente visita nel febbraio 2005, è stata caratterizzata da un incidente: un dosssier per la stampa distribuita ai giornalisti belgi che lo accompagnavano ha sostenuto un'ipotesi circa l'origine estera del presidente Joseph Kabila.[14] Mentre in Belgio, la critica di De Gucht è più sulla forma che sullo sfondo, Joseph Kabila è stato talvolta molto infastidito dalle critiche del ministro belga, parlando di arroganza e relazioni master-slave.[15] Dopo le sue osservazioni, Karel è stato dichiarato persona non grata nella RDC il 7 gennaio 2009.

Sospettato di scambiare gli insider[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2008, il ministro è stato incaricato di intraprendere un trading insider nel caso di fallimento della Banca Fortis Il ministro avrebbe consigliato a sua moglie e al suo cognato di scartare il più presto le azioni di Fortis prima dell'annuncio pubblico dei problemi della banca e la sospensione delle vendite di azioni. Tuttavia, le incriminazioni delle camere di Gand, seguendo il consiglio del procuratore generale, ha messo fuori causa Karel De Gucht l'8 settembre 2009 e il pubblico ministero ha quindi richiesto di non dar luogo a procedere.[16]

Lobby ebraica e pace in Medio Oriente[modifica | modifica wikitesto]

Intervistato il 2 settembre 2010 nel programma De Ochtend mostra sulla radio pubblica fiamminga Radio Één, il commissario De Gucht ha dichiarato in particolare che « la lobby ebraica a Capitol Hill non dovrebbe essere sotto-estimata »[17] e che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu era « certamente non una colomba », aggiungendo, « non sottovalutare neanche il parere dell'Ebreo medio al di fuori di Israele », in cui v'è « la convinzione di essere nel giusto », « non è facile, anche con un ebreo moderato, di avere una conversazione razionale ».[18] Queste dichiarazioni hanno provocato forti reazioni e richieste di "licenziamento" del commissario europeo dal Congresso ebraico europeo e il Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni Ebraiche in Belgio, ma il presidente della Commissione europea ha annunciato l'8 settembre che lui non sancirà Karel De Gucht.[19]

Le frasi di Karel De Gucht gli valsero il 6º premio delle espressioni più antisemite durante l'anno da parte del Centro Simon Wiesenthal;[20]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 18 ottobre 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De kinderen van Hiram. Vrijmetselaars en Vrijmetselarij (1991, Andries Van den Abeele) ISBN 90-72411-75-7
  2. ^ Hoe diep is het water tussen loge en kerk?, Tertio, 18 giugno 2008
  3. ^ Koppen, Jimmy (ed.), Vrijmetselarij voor dummies, Pearson Education Benelux, Amsterdam, 2008, ISBN 978-90-430-1485-4, p. 351-352
  4. ^ (FR) La Commission européenne gangrenée par les lobbys et conflits d'intérêts ?, su sudouest.fr, 30 ottobre 2015..
  5. ^ Belgium rounds on former colony, BBC, 18 ottobre 2004, consultato il 6 gennaio 2010
  6. ^ Ian Traynor, Anger at EU chief's Middle East outburst, in The Guardian (London), 3 settembre 2010.
  7. ^ EJP | News | Eastern Europe | EU Commission: Karel De Gucht's remarks on Jews 'are personal comments'
  8. ^ Demorgen.be
  9. ^ Michel Petit, Le VLD maintient le cordon sanitaire, Le Soir, 16 gennaio 2001
  10. ^ Karel De Gucht, Pluche. Over de banalisering van extreemrechts, Uitgeverij Houtekiet, avril 2007, 176 p., ISBN 978 9052409 610
  11. ^ "La France n'est pas un pays libre-échangiste", Karel De Gucht, lemonde.fr, 6 marzo 2013
  12. ^ Belga et AFP, Cette fois, De Gucht « cible » Balkenende..., Le Soir, 6 giugno 2005
  13. ^ Vedere dicembre 2006, De Gucht condemned the International Conference to Review the Global Vision of the Holocaust, organised in Iran, su www.lesoir.be. et cet article, su Le Monde...
  14. ^ L'affaire avait à l'époque causé une certaine émotion à la suite d'un article de Colette Breackman dans Le Soir du 17 février 2005. On trouve des traces de l'incident ici, ici, et dans le livre Pourquoi ont-ils tué Laurent-Désiré Kabila?, de Emmanuel Murhula-Amisi Nashi (ISBN 978-2296023529
  15. ^ Vedere De Gucht ne veut pas de polémique avec Kabila,, su www.7sur7.be. URL consultato il 9 maggio 2010.. e cet article, su www.levif.be.
  16. ^ Belga, De Gucht hors de cause, Le Soir, 9 settembre 2009
  17. ^ Al mag je ook de Joodse lobby op Capitol Hill niet onderschatten., cf. citation dans "De Gucht: 'Israël moet wurggreep op Gaza verlichten'", De Standaard, 2 septembre 2010
  18. ^ Belga, De Gucht suscite des remous à propos du lobby juif aux USA, Le Soir, 3 septembre 2010
  19. ^ Belga, Barroso ne sanctionnera pas Karel De Gucht, Le Soir, 8 septembre 2010
  20. ^ url=http://www.wiesenthal.com/atf/cf/%7B54d385e6-f1b9-4e9f-8e94-890c3e6dd277%7D/TTASS.PDF 2010 Top Ten Anti-Semitic Slurs

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario europeo
per la Cooperazione internazionale, l'Aiuto umanitario e la Risposta alle crisi
Successore Flag of Europe.svg
Louis Michel 17 luglio 2009 - 9 febbraio 2010 Andris Piebalgs (Sviluppo)
Kristalina Georgieva (Cooperazione internazionale, Aiuto umanitario e Risposta alle crisi)
Predecessore Commissario europeo
per il Commercio
Successore Flag of Europe.svg
Benita Ferrero-Waldner (Commercio e Politica di vicinato) 9 febbraio 2010 - 31 ottobre 2014 Cecilia Malmström
Predecessore Commissario europeo
del Belgio
Successore Flag of Belgium.svg
Louis Michel 17 luglio 2009 - 31 ottobre 2014 Marianne Thyssen
Predecessore Vice Primo ministro del Belgio Successore
Patrick Dewael 30 dicembre 2008 - 15 luglio 2009 Guy Vanhengel
Predecessore Ministro federale degli affari esteri Successore
Louis Michel 18 luglio 2004 - 17 luglio 2009 Yves Leterme
Predecessore Presidente dei Liberali e Democratici Fiamminghi Aperti Successore Open VLD.svg
Guy Verhofstadt 1999 - 2004 Bart Somers
Controllo di autoritàVIAF: (EN51765103 · ISNI: (EN0000 0000 8130 1577 · LCCN: (ENn91016688 · GND: (DE133500977 · BNF: (FRcb12354831f (data)