Günter Verheugen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Günter Verheugen
Günter Verheugen 1631.jpg

Commissario europeo per le Imprese e l'Industria
Durata mandato 22 novembre 2004 –
9 febbraio 2010
Presidente José Manuel Barroso
Predecessore Erkki Liikanen
Successore Antonio Tajani

Commissario europeo per l'Allargamento
Durata mandato 16 settembre 1999 –
22 novembre 2004
Presidente Romano Prodi
Predecessore Hans van den Broek
Successore Olli Rehn

Günter Verheugen (Bad Kreuznach, 28 aprile 1944) è un politico tedesco. È stato commissario europeo.

Formazione e carriera professionale[modifica | modifica sorgente]

Dopo avere lavorato per due anni al quotidiano Neue Rhein-Neue Ruhr-Zeitung, tra il 1965 e il 1969 Verheugen studiò storia, sociologia e scienze politiche presso l'Università di Colonia e l'Università di Bonn[1].

Dopo la laurea, Verheugen guidò la sezione delle pubbliche relazioni del ministero dell'interno fino al 1974. Dal 1974 al 1976 fu a capo del servizio di analisi e informazione del ministero degli esteri[1].

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Carriera a livello nazionale[modifica | modifica sorgente]

Dal 1978 al 1982 Verheugen fu segretario generale dell'FDP. Quando il partito fece mancare il suo appoggio al governo del cancelliere Helmut Schmidt Verheugen lasciò l'FDP, assieme a diversi esponenti della sinistra liberale, e si iscrisse all'SPD[1].

All'interno dell'SPD Verheugen ricoprì vari incarichi: portavoce dell'esecutivo nazionale (1986-1987), capo-redattore del periodico del partito Vorwärts (1987-1989), coordinatore del partito federale (1993-1995) e membro dell'esecutivo nazionale (1997)[1]. Nel 1997 venne eletto anche segretario del consiglio dell'Internazionale socialista per la pace, la sicurezza e il disarmo.

Verheugen fece parte del parlamento tedesco dal 1983 al 1998. Fece sempre parte della commissione parlamentare per gli affari esteri e nel 1992 fu anche presidente della commissione speciale per l'Unione Europea. Fra il 1994 e il 1997 Verheugen fu vicepresidente del gruppo parlamentare dell'SPD[1].

Dal 1998 al 1999 Verheugen fu sottosegretario agli affari esteri nel primo governo Schröder[1].

Carriera a livello europeo[modifica | modifica sorgente]

Il 16 settembre 1999 Verheugen assunse la carica di commissario europeo per l'Allargamento all'interno della neonata Commissione Prodi. In tale veste guidò la fase finale delle negoziazioni che portarono all'allargamento dell'Unione Europea da 15 a 25 stati membri, nel maggio 2004.

Verheugen fece parte anche della Commissione Barroso I tra il 2004 e il 2010, svolgendo l'incarico di commissario per le imprese e l'industria e di vicepresidente. All'inizio del suo mandato Verheugen indicò come sue priorità una migliore regolamentazione del settore, l'elaborazione di una politica industriale moderna, l'attenzione alle piccole e medie imprese e la promozione della ricerca e dell'innovazione. Verheugen contribuì significativamente all'elaborazione del regolamento REACH. Promosse l'introduzione di un brevetto unico europeo[2]. Dopo il rifiuto di alcuni paesi stranieri di firmare il protocollo di Kyoto, Verheugen propose di tassare maggiormente le importazioni da quei paesi[3].

Nel 2006 Verheugen venne investito da due polemiche. Nell'ottobre del 2006 dichiarò che i funzionari europei sono impossibili da dirigere e che non è possibile licenziare i direttori generali, mentre in realtà è possibile[4]. Nella primavera 2006 Verheugen venne accusato di avere promosso capo di gabinetto un'amica personale, Petra Erler, con uno stipendio netto mensile di più di € 11.500[5]. Le sue smentite furono indebolite dalle foto che lo ritraevano mano nella mano con la donna ed assieme a lei su una spiaggia nudista (ottobre e dicembre 2006). Il comportamento venne criticato da vari parlamentari europei e membri del Bundestag. Nel 2011 la Commissione europea approvò un codice di condotta per i commissari che escludeva esplicitamente la possibilità di nominare coniugi, partner e parenti stretti nel proprio gabinetto, facendo sostanzialmente riferimento al caso Verheugen-Erler[6].

Ritiro dalla vita politica[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine del suo mandato alla Commissione europea, Verheugen è attualmente professore onorario all'Università europea Viadrina di Francoforte sull'Oder[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze tedesche[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce al Merito con placca dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito con placca dell'Ordine al Merito di Germania
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania
Cavaliere dell'Ordine al merito bavarese - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito bavarese

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 18 settembre 1979[7]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Granduca Gediminas (Lituania)
Membro Onorario del Xirka Ġieħ ir-Repubblika (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria Membro Onorario del Xirka Ġieħ ir-Repubblika (Malta)
— 17 marzo 2005
Croce di Commendatore con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Commendatore con Placca dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 2009
Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 2004

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Biografia Southeastern European Times
  2. ^ (EN) EU patent in five years, says industry commissioner EUobserver
  3. ^ (EN) Time to tax the carbon dodgers BBC news
  4. ^ Art. 50 dello Statuto dei funzionari delle Comunità Europee.
  5. ^ (EN) Verheugen's Fall from Grace: Political Scandal Hits the EU Der Spiegel
  6. ^ (EN) Honesty is the best policy EUobserver
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Commissario europeo
per l'Allargamento
Successore Flag of Europe.svg
Hans van den Broek 16 settembre 1999 - 22 novembre 2004 Olli Rehn
Predecessore Commissario europeo
per le Imprese e l'Industria
Successore Flag of Europe.svg
Erkki Liikanen 22 novembre 2004 - 9 febbraio 2010 Antonio Tajani
Predecessore Commissario europeo
della Germania
Successore Flag of Germany.svg
Monika Wulf-Mathies
Martin Bangemann
16 settembre 1999 - 9 febbraio 2010
fino al 21 novembre 2004 con Michaele Schreyer
Günther Oettinger

Controllo di autorità VIAF: 85389702 LCCN: n80143151