Fortis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Fortis (disambigua).
Fortis SA
Stato Belgio Belgio
Tipo Società per azioni
ISIN BE0003801181
Fondazione 1990
Chiusura 2010
Sede principale Bruxelles
Settore finanziario
Prodotti servizi finanziari
Sito web www.fortis.com/

La Fortis SA è stata un gruppo di banca-assicurazione con sedi a Bruxelles (Belgio) e Utrecht (Paesi Bassi). È stata la prima banca in Belgio e in Lussemburgo, seconda nel Benelux.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Fortis nacque nel 1990 dalla fusione di due compagnie assicurative, la olandese AMEV e la belga AG Group, con la banca olandese VSB.

Nel corso degli anni Novanta il gruppo si espanse mediante l'acquisizione dell'assicurazione belga Caisse générale d'épargne et de retraite fra il 1993 e il 1997, del Crédit à l'Industrie nel 1995, della MeesPierson nel 1997 e soprattutto della Générale de Banque (nata dalla scissione del ramo bancario della Société générale de Belgique) nel 1999.

Nel 2005 la parabola della Fortis raggiunse il suo culmine: era il 23º gruppo bancario mondiale con posizione dominante in Belgio e Lussemburgo.

Nel 2007 la Fortis formò con la Royal Bank of Scotland e con il Banco Santander un consorzio per lanciare un'OPA sul colosso bancario olandese ABN AMRO e smembrarlo fra i membri del consorzio: alla Fortis sarebbero spettate le attività in Belgio e Paesi Bassi.

A partire dalla fine del 2007, la crisi dei subprimes mise in dubbio la capacità della Fortis di finanziare la sua parte di operazione. Le azioni, che in aprile superavano i 30 euro di valore, crollarono a 17 euro in novembre.

Nel settembre dell'anno successivo gli effetti della crisi si aggravarono, così come le difficoltà delle banche. La liquidità del gruppo divenne critica e la quotazione delle azioni colò a picco. Gli stati dei Paesi Bassi e del Lussemburgo rilevarono ciascuno il 49%, rispettivamente della Fortis Bank Nederland e della Fortis Banque Luxembourg, mentre lo stato belga acquisì il 49% della Fortis Banque Belgique, che oltre a gestire l'attività in Belgio, era anche la controllante delle filiali olandese e lussemburghese. Fra le condizioni del piano di riscatto c'era la vendita da parte di Fortis della ABN AMRO. La Fortis avrebbe dovuto utilizzare i fondi ottenuti dalla vendita della ABN per riscattare le quote cedute ai governi.

Tuttavia i problemi non furono risolti, soprattutto a causa della perdita di interesse dell' ING Groep, che era stato precedentemente interessato alla ABN[1]. Perciò il governo olandese di Balkenende impose, il 3 ottobre, alla Fortis di vendere allo Stato la totalità delle sue attività nei Paesi Bassi, ovvero ABN AMRO, Fortis Bank Nederland e Fortis Insurance Nederland[2][3]. Le attività bancarie furono riunite sotto il nome ABN AMRO, mentre il ramo assicurativo divenne la ASR Nederland[4].

Lo smembramento del gruppo Fortis proseguì il 5 ottobre successivo con l'acquisto da parte della BNP Paribas delle attività bancarie in Belgio e Lussemburgo[5], condotte sotto il nome di BNP Paribas Fortis.

La Fortis Holding ha conservato le attività assicurative internazionali (Fortis Insurance International)[6] e nel 2010 ha mutato ragione sociale da Fortis Holding a Ageas.

Infine, la Fortis Insurance Belgium, ovvero il ramo assicurativo belga, è stato ribattezzato AG Insurance ed è controllato da Ageas e da BNP Paribas Fortis.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.lefigaro.fr/societes/2008/10/01/04015-20081001ARTFIG00380-la-nationalisation-de-fortis-sur-les-rails-malgre-le-faux-bond-d-ing-.php
  2. ^ Dutch ING Receives 10 Billion Euros in State Aid, Deutsche Welle, 19 octobre 2008
  3. ^ Fortis démantelée pour 16,8 milliards d'euros, L'Echo
  4. ^ insurer Fortis Insurance continued as ASR, www.zibb.nl.
  5. ^ sito L'Echo
  6. ^ Philip Blenkinsop, Fortis returns to profit in 2009, unveils new name, in Reuters, 10 marzo 2010. URL consultato il 27 marzo 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende