Francesco Maria I della Rovere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Francesco Maria I della Rovere
Francesco Maria I della Rovere ritratto da Tiziano Vecellio nel 1537 (Galleria degli Uffizi)
Duca di Urbino
Stemma
Stemma
In carica
PredecessoreGuidobaldo I (I)
Lorenzo de' Medici (II)
SuccessoreLorenzo de' Medici (I)
Guidobaldo II (II)
Nome completoFrancesco Maria Montefeltro della Rovere D'Aragona
TrattamentoDuca
Altri titoliDuca di Sora
Signore di Pesaro
Signore di Senigallia
Signore di Fossombrone
Signore di Gubbio
Capitano generale della Chiesa
NascitaSenigallia, 25 marzo 1490
MortePesaro, 20 ottobre 1538 (48 anni)
Luogo di sepolturaMonastero di Santa Chiara
Dinastiadella Rovere
PadreGiovanni della Rovere
MadreGiovanna da Montefeltro
ConsorteEleonora Gonzaga
FigliFederico
Guidobaldo II
Ippolita
Giovanna
Giovanni
Caterina
Beatrice
Francesco
Maria
Elisabetta Isabella
Giulia
Giulio
Violante
ReligioneCattolicesimo
Francesco Maria I della Rovere
Ritratto di Francesco Maria I della Rovere in giovane età di Bartolomeo Veneto, XVI secolo, Ca' Rezzonico
SoprannomeL'Ercole Italico
NascitaSenigallia, 25 marzo 1490
MortePesaro, 20 ottobre 1538
Cause della morteAvvelenamento
Luogo di sepolturaMonastero di Santa Chiara
EtniaItaliano
ReligioneCattolicesimo
Dati militari
Paese servito
Forza armataEsercito dello Stato della Chiesa
Esercito Ducale di Urbino
Esercito Reale francese
Esercito della Serenissima Repubblica Veneta
ArmaCavalleria
SpecialitàCapitano di ventura
Anni di servizio15061537
GradoCapitano generale della Chiesa

Gonfaloniere della Chiesa Capitano Generale dell’Esercito della Serenissima Repubblica Veneta

Ferite
Comandanti
Guerre
CampagneGuerre d’Italia
Battaglie
Comandante diCarlo V Malatesta
voci di militari presenti su Wikipedia

Francesco Maria I della Rovere (Senigallia, 25 marzo 1490Pesaro, 20 ottobre 1538) è stato un nobile e condottiero italiano rinascimentale, duca di Urbino e Sora.

Figlio di Giovanni della Rovere, signore di Senigallia e capitano generale della Chiesa e di Giovanna da Montefeltro, figlia di Federico III da Montefeltro, fu educato negli anni giovanili dall'umanista Ludovico Odasio e fu molto legato alla famiglia materna.

Lo zio materno, Guidobaldo da Montefeltro, privo di una diretta discendenza, lo volle accanto a sé nella corte di Urbino e nel 1504 lo indicò come suo successore dopo averlo adottato. Nel 1502 la famiglia della Rovere perse la signoria di Senigallia che fu occupata dai borgiali di Cesare Borgia, il quale, in quegli anni, rappresentava la figura dominante nelle Marche.

Tiziano, Ritratto di Eleonora Gonzaga della Rovere (1538), Galleria degli Uffizi.

Nel 1505 sposò Eleonora Gonzaga, figlia del marchese di Mantova Francesco II e di Isabella d'Este.

Duca d'Urbino

[modifica | modifica wikitesto]

Quando nel 1508, con la morte di Guidobaldo I, si estinse la discendenza dei da Montefeltro, Francesco figlio di Giovanna primogenita di Federico da Montefeltro divenne Duca e Signore d'Urbino. Inoltre grazie all'appoggio di Giuliano della Rovere, suo zio, salito al soglio pontificio nel 1503 come Giulio II, poté finalmente riacquisire il controllo di Senigallia.

Nel 1509 Francesco Maria divenne, al pari del padre prima di lui e sempre per investitura di Giulio II, capitano generale della Chiesa, ruolo che gli permise di distinguersi in seguito nella lotta contro Ferrara e contro Venezia.

Perdita del Ducato

[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1512, dopo la morte senza eredi del signore di Pesaro, Costanzo II Sforza, il Duca ricevette dal Papa anche la signoria di Pesaro. Tuttavia di lì a poco la sua posizione di privilegio verrà meno, in seguito alla morte dello zio Giulio II e all'elezione di Leone X. Il cambio degli equilibri porterà alla perdita del ducato di Urbino che nel 1517 verrà ceduto a Lorenzo de' Medici duca di Urbino, nipote del papa Leone X, e sarà recuperato solo nel 1521, alla morte del papa.

Dopo aver combattuto in Lombardia dal 1523 al 1525, sotto il pontificato di un altro Medici, Clemente VII, il della Rovere si mise lentamente ai margini della scena.

Imprese militari

[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il parere di molti storici può essere individuata nella sua poco energica presa di posizione una delle cause dell'invasione dei Lanzichenecchi di Carlo V d'Asburgo, i quali saranno contrastati senza successo solo da Giovanni dalle Bande Nere, l'ultimo dei capitani di ventura.

La calata in Italia di queste truppe vedrà come conseguenza prima la caduta del Castello di Milano nel settembre del 1526, e il successivo sacco di Roma del 1527.

Tra le ultime vicende vissute da protagonista si ricorda la presa di Pavia, espugnata sul finire degli anni venti, e l'essersi schierato al fianco di Venezia. A Verona nel 1527, in qualità di Governatore generale delle Milizie Venete, costruì il Bastione delle Maddalene[1] (opera erroneamente attribuita a Michele Sanmicheli) sull'angolo orientale della cinta muraria di Campo Marzo. In seguito, per osteggiare il pontefice nel dominio delle Marche combinò il matrimonio di suo figlio Guidobaldo II della Rovere con Giulia Da Varano.

Ultimi anni e morte

[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni della sua signoria accrebbe notevolmente il prestigio della propria corte soprattutto proteggendo le arti, com'era antica tradizione del suo Ducato. Si spese inoltre nel migliorare le opere di fortificazione, già intraprese dal padre Giovanni (che aveva fatto edificare la Rocca di Senigallia).

Morì a Pesaro il 20 ottobre 1538 e gli succedette il figlio Guidobaldo II. Del suo avvelenamento[2] fu accusato il barbiere del duca Pier Antonio da Sermide, mentre fu scagionato Aloisio Gonzaga,[3] marchese di Castel Goffredo[4] assieme al cognato Cesare Fregoso[5].

Francesco Maria ed Eleonora Gonzaga ebbero tredici figli[6][7][8]:

Nella Galleria degli Uffizi a Firenze, dove arrivarono nel 1631 con la dote di Vittoria della Rovere, ci sono due ritratti del Duca d'Urbino.

Il primo di questi è un'opera di Tiziano, che ritrae Francesco Maria della Rovere in armatura, con la barba e in età matura. Il quadro, commissionato nel 1536, fu completato dal pittore nel 1538, e col ritratto giovanile di Bartolomeo Veneto, rappresenta l'unica immagine certa del duca.

Il secondo ritratto del Duca agli Uffizi è oggi comunemente attribuito a Raffaello. Il quadro, che ritrae il soggetto in età giovanile, è di solito indicato come Ritratto di giovane con la mela e datato al 1504 circa.

Il Ritratto di giovane uomo

Dubbia, seppur ritenuta tale per molto tempo, è invece l'identificazione di Francesco Maria con la figura biancovestita rappresentata dallo stesso Raffaello nella celebre Scuola di Atene[9], così come altri due dipinti attribuiti a Raffaello o alla sua bottega: il Ritratto di giovane uomo[10] o per altri il Ritratto virile.

Celebre inoltre è un altro presunto ritratto del 1510 di Carpaccio, con un giovane cavaliere, da alcuni indicato come Francesco Maria.

Una statua di Francesco Maria I della Rovere, opera di Giovanni Bandini del 1587, si trova nel cortile del Palazzo Ducale di Venezia. Questa scultura, originariamente posta nel cortile d'ingresso del Palazzo Ducale di Pesaro, fu donata a Venezia da Francesco Maria II nel 1624.[11]

Amleto di Shakespeare

[modifica | modifica wikitesto]

Benché in dramma Amleto di Shakespeare sia ambientato in Danimarca, alcuni riferimenti ad un Gonzago[12]

Medaglia d'oro del duca Francesco Maria I della Rovere

«… In questo dramma si rappresenta un’uccisione commessa a Vienna; il nome del duca è Gonzago; sua moglie si chiama Baptista; vedrete fra poco; è un terribile lavoro… Ei lo avvelena nel giardino per carpirgli il dominio. Ha nome Gonzago; la storia esiste ancora scritta in buon italiano…»

e alle modalità di assassinio di Amleto farebbero pensare che lo scrittore si sia rifatto a qualche resoconto dell'epoca, trasmesso "in buon italiano". Si tratterebbe dell'episodio che portò alla morte nel 1538 del duca di Urbino Francesco Maria I della Rovere,[14] marito di Eleonora Gonzaga, forse avvelenato da un sicario del marchese di Castel Goffredo Aloisio Gonzaga, cugino della moglie. Il riferimento invece a "Baptista" riguarderebbe un altro duca di Urbino, Federico da Montefeltro, che sposò Battista Sforza.

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Leonardo Beltramo di Savona della Rovere  
 
 
Raffaello della Rovere  
Luchina Monleone Giovanni Monleone  
 
Caterina Cipolla  
Giovanni della Rovere  
Giovanni Manirolo  
 
 
Teodora Manirolo  
 
 
 
Francesco Maria I della Rovere  
Guidantonio da Montefeltro Antonio II da Montefeltro  
 
Agnesina di Vico  
Federico da Montefeltro  
Elisabetta degli Accomanducci Guido Paolo di Matteo conte di Petroia  
 
 
Giovanna da Montefeltro  
Alessandro Sforza Muzio Attendolo Sforza  
 
Lucia Terzani  
Battista Sforza  
Costanza da Varano Piergentile da Varano  
 
Elisabetta Malatesta  
 
Cavaliere dell'Ordine di San Michele - nastrino per uniforme ordinaria
  1. ^ L'Arena di Verona: Progetto per il restauro del Bastione Maddalene, su larena.it. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2013).
  2. ^ I segreti del duca Francesco Maria I., su paleopatologia.it. URL consultato il 22 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2016).
  3. ^ Massimo Telò (a cura di), Aloisio Gonzaga. Un principe nella Castel Goffredo del '500, Roma, PressUp, ottobre 2021.
  4. ^ Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, 2ª ed., Mantova, 2005.
  5. ^ Cesare Fregoso aveva sposato Costanza Rangoni, sorella di Ginevra, moglie di Aloisio Gonzaga.
  6. ^ GeneAll.net - Eleonora Ippolita Gonzaga, Duchessa di Sora ed Arce
  7. ^ Alcune date sono diverse a seconda delle fonti, su genealogy.euweb.cz. URL consultato il 17 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2012).
  8. ^ della Rovere, su genealogy.euweb.cz. URL consultato il 17 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2012).
  9. ^ a b LA SCUOLA DI ATENE: L'UOMO AL CENTRO DELL'UNIVERSO ALLA RICERCA DEL VERO
  10. ^ J. Wałek, Portret młodej osoby, "Gazeta Antykwaryczna" nr 51 (6/2000), s. 11.
  11. ^ Francesco Maria I della Rovere, su Regione Marche. URL consultato il 21 novembre 2019.
  12. ^ (EN) Gonzago, su hamletonline.com. URL consultato il 22 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2016).
  13. ^ Amleto, Atto III, Scena II, su it.wikisource.org. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  14. ^ Maria Del Sapio Garbero (a cura di), La traduzione di Amleto nella cultura europea (PDF), Marsilio, 2002, pp. 31–32. URL consultato il 22 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2020).
  15. ^ I della Rovere nell'Italia delle Corti: Storia del Ducato.
Ducato di Urbino
Della Rovere

Francesco Maria I
Guidobaldo II
Francesco Maria II
Federico Ubaldo
Figli
Francesco Maria II
Modifica
  • Cesare Marchi, Giovanni dalle Bande Nere, Milano, 1981. ISBN non esistente.
  • Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, 2ª ed., Mantova, 2005. ISBN 88-7495-163-9.
  • Massimo Marocchi, I Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. Vicende pubbliche e private del casato di San Luigi, Verona, 1990, ISBN non esistente.
  • Pompeo Litta, della Rovere di Savona, in Famiglie celebri italiane, vol. 12, Milano, 1834.
  • Massimo Telò (a cura di), Aloisio Gonzaga. Un principe nella Castel Goffredo del '500, Roma, PressUp, 2021, ISBN non esistente.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Capitano generale della Chiesa Successore
Cesare Borgia 15031506 Francesco II Gonzaga I
Federico II Gonzaga 15231534 Pier Luigi Farnese II

Predecessore Gonfaloniere della Chiesa Successore
Alfonso I d'Este 15081513 Giuliano de' Medici

Predecessore Capitano Generale dell’Esercito della Repubblica Veneta Successore
Teodoro Trivulzio 15231524 Renzo degli Anguillara

Predecessore Duca di Urbino Successore
Guidobaldo da Montefeltro 15081516 Lorenzo de' Medici I
Lorenzo de' Medici 15211527 Ascanio I Colonna II
Ascanio I Colonna 15271538
il dominio del Duca Ascanio colonna ebbe brevissima Durata Senza Seguito
Guidobaldo II della Rovere III

Predecessore Duca di Sora Successore
Giovanni della Rovere 15011516 Guglielmo di Croÿ I
Guglielmo di Croÿ 15161538 Guidobaldo II della Rovere II

Predecessore Duca di Arce Successore
Giovanni della Rovere 15011516 Guglielmo di Croÿ I
Guglielmo di Croÿ 15161538 Guidobaldo II della Rovere II
Controllo di autoritàVIAF (EN57412164 · ISNI (EN0000 0001 1765 0892 · SBN BVEV020707 · BAV 495/737 · CERL cnp01233810 · LCCN (ENnr94001412 · GND (DE118859927 · BNE (ESXX4724558 (data) · BNF (FRcb14960448m (data) · J9U (ENHE987010684827805171 · NSK (HR000097408