Episodi di Law & Order - I due volti della giustizia (undicesima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'undicesima stagione della serie televisiva Law & Order - I due volti della giustizia formata da 24 episodi viene trasmessa sul canale statunitense NBC dal 18 ottobre 2000 al 23 maggio 2001 per un finale di due ore. Invece in Italia viene trasmessa su Rai 2 dal 21 ottobre al 20 novembre 2003.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Endurance Incendio doloso 18 ottobre 2000 21 ottobre 2003
2 Turnstile Justice Raptus 25 ottobre 2000 22 ottobre 2003
3 Dissonance Il dubbio 1º novembre 2000 23 ottobre 2003
4 Standoff Licenza di uccidere 8 novembre 2000 24 ottobre 2003
5 Return La legge del ritorno 15 novembre 2000 27 ottobre 2003
6 Burn, Baby, Burn Pantere nere 22 novembre 2000 28 ottobre 2003
7 Amends Un caso irrisolto 29 novembre 2000 29 ottobre 2003
8 Thin Ice Eccesso di rabbia 20 dicembre 2000 30 ottobre 2003
9 Hubris Assoluzione 10 gennaio 2001 31 ottobre 2003
10 Whose Monkey is it Anyway? Morte di un biologo 17 gennaio 2001 3 novembre 2003
11 Sunday in the Park with Jorge Delitto nel parco 24 gennaio 2001 4 novembre 2003
12 Teenage Wasteland Un giovane crudele 7 febbraio 2001 5 novembre 2003
13 Phobia Fobia 14 febbraio 2001 6 novembre 2003
14 A Losing Season Una partita persa 21 febbraio 2001 7 novembre 2003
15 Swept Away Un episodio molto speciale 28 febbraio 2001 10 novembre 2003
16 Bronx Cheer Una condanna ingiusta 14 marzo 2001 11 novembre 2003
17 Ego La donna del fiume 21 marzo 2001 12 novembre 2003
18 White Lie Duplice omicidio 4 aprile 2001 13 novembre 2003
19 Whiplash Una vita senza valore 18 aprile 2001 14 novembre 2003
20 All My Children Alla ricerca del padre 2 maggio 2001 15 novembre 2003
21 Brother's Keeper Amore fraterno 9 maggio 2001 17 novembre 2003
22 School Daze Massacro a scuola 16 maggio 2001 18 novembre 2003
23 Judge Dread Terribile giudice 23 maggio 2001 19 novembre 2003
24 Deep Vote Scambio di persona 23 maggio 2001 20 novembre 2003

Incendio doloso[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Endurance
  • Diretto da: Constantine Makris
  • Scritto da: Matt Witten

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano su un incendio in un condominio dove ha perso la vita un bambino autistico. Sospettano inizialmente del proprietario del negozio, poi del bambino stesso e poi della madre.

  • Guest star: Rudy Giuliani: sé stesso, Megan Fellows: Megan Parnell
  • Questo episodio segna la prima apparizione della serie per Dianne Wiest, nel ruolo del successore Adam Schiff, Nora Lewin, che è procuratore capo ad interim. Tanto che Hill era l'ultimo membro storico della serie.
  • Il sindaco Rudy Giuliani appare come guest star nel ruolo di sé stesso, a far presentare a McCoy e alla Carmichael il nuovo procuratore capo Nora Lewin.
  • Questo episodio è ispirato al caso di Janine Albury-Thomson, che nel 1997 fu uccisa da sua madre, soffocandola col cuscino nel 1997. La donna venne condannata a 4 anni, ma fu rilasciata dopo aver scontato metà della sua pena.

Raptus[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Turnshile Justice
  • Diretto da: Richard Dobbs
  • Scritto da: Barry Schindel

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una donna trovata su una piattaforma della metropolitana e individuano subito il responsabile, un uomo con grossi problemi comportamentali che confessa subito il crimine. Ma scoprono che l'uomo era stato rilasciato dalla prigione il giorno del delitto e che la clinica della prigione, gestita da una società privata, aveva ignorato le sue condizioni per motivi di tornaconto economico.

  • Questo episodio è ispirato al caso di Kendra Websale, che nel 1999 fu spinta nel binario della metropolitana da Andrew Goldstein, nella metropolitana di New York.

Il dubbio[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Dissonance
  • Diretto da: Lewis H. Gould
  • Scritto da: Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una violinista e del furto del suo famoso violino subito ritrovato. I sospetti cadono subito sul direttore d'orchestra in cui la donna suonava, che aveva una relazione con lei ed era infastidito dal fatto che la vittima volesse lasciare lui e l'orchestra per intraprendere una carriera solista. Però la moglie lo protegge, e il giudice assegnato al processo cerca di tutelare uno dei cittadini più illustri di New York, McCoy e la Carmichael invece non sono convinti.

Licenza di uccidere[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Standoff
  • Diretto da: Jace Alexander
  • Scritto da: J.K. Todd

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un detenuto avvenuto in prigione, l'uomo stava scontando la pena per traffico di droga. Inizialmente si pensa a un regolamento di conti tra detenuti, scoprono invece che la fidanzata di una delle guardie era stata stuprata dalla vittima, i sospetti vertono proprio sulla guardia, ma i colleghi non apprezzano molto il lavoro di McCoy e Carmichael. Invece al processo lo stesso McCoy fa i conti con la pessima reputazione della vittima e con quella immacolata dell'imputato, che si considera un eroe.

La legge del ritorno[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Returns
  • Diretto da: Stephen Wertmeier
  • Scritto da: Aaron Zelman

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un proprietario di capi in pelle e sospettano del figlio del socio della vittima, un cocainomane che spesso sottraeva i capi dal negozio del padre. McCoy e la Carmichael scoprono che il ragazzo è ebreo, e conoscendo la sua posizione si sottrae all'arresto rifugiandosi in Israele, dove una legge vigente ai tempi dell'Olocausto limita l'estradizione degli abitanti verso altri stati, per impedire di processare in America molti ebrei. McCoy e la Carmichael non esitano a farlo processare in America, grazie a un cavillo religioso.

  • Guest star: Sam Schacht: Nathan Becket, Joe Maruzzo: Sal Bonafiglio
  • Phyllis Bash è accreditato come Judge Jensen ma la targa mostrata riporta il nome del suo personaggio come Taylor Jackson.

Pantere nere[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Burn, Baby, Burn
  • Diretto da: David Platt
  • Scritto da: Richard Sweren

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un poliziotto avvenuto sul pianerottolo di un appartamento. Si indaga sulla proprietaria di quello stabile da cui il colpo è stato sparato, risalendo a un uomo di colore che apparteneva a un gruppo che si batteva per i diritti degli afroamericani e che incitava alla violenza contro i poliziotti. L'uomo ha svolto attività meritorie, essendo considerato una sorta di Robin Hood e il processo contro di lui viene condizionato da McCoy (che lo vuole farlo condannare alla pena di morte) e dalla simpatia della giuria nei suoi confronti.

  • Guest star: Clarence Williams III: Latiff Miller
  • Errori commessi nell'episodio: quando l'avvocato dell'uomo di colore che ha ucciso un poliziotto cita la brutalità della polizia, menziona l'omicidio di Fred Hampton a Oakland, ma in realtà l'omicidio di Hampton è stato commesso a Chicago.
  • Ci sono stati due citazioni nell'episodio: il primo è sull'assalto di Abnar Louima e il secondo è sull'omicidio di Amadou Diallo, entrambi i casi sono realmente accaduti: Louima era sospettato di aver picchiato un ufficiale fuori dalla discoteca, viene arrestato e aggredito brutalmente con un mazzo di scopa, mentre era sotto custodia e il poliziotto che lo aggredì viene condannato per aggressione di secondo grado, invece l'omicidio di Diallo fu ucciso a colpi d'arma da fuoco da alcuni poliziotti di New York, per un totale di 41 proiettili in corpo e gli agenti vennero assolti.
  • Il titolo originale dell'episodio Burn, Baby, Burn è stato spesso gridato dai disordini civili diffusi dagli anni' 60, in particolare dai rivoltosi di Watts, nel 1965. Per di più, quel titolo fa parte anche di un ritornello di una canzone chiamata Disco Inferno.
  • Questo episodio elenca l'indirizzo dell'ufficio di Leon Chiles nel 1840 a Broadway.
  • Questo episodio è ispirato a due casi accaduti: il primo è su H. Rap Brown che nel 2000 fu arrestato uccise un aiutante dello sceriffo Ricky Kinchen con un fucile calibro 223, Brown si dichiarò colpevole oltre a questo omicidio anche di 13 capi d'accusa e condannato all'ergastolo senza condizionale. Invece il secondo è sulla sparatoria alla moschea di Harlem avvenuta il 14 aprile 1972, in cui l'agente Phillip Cardillo venne colpito con 3 colpi d'arma da fuoco, per questo omicidio Louis Dupree venne assolto.

Un caso irrisolto[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Amends
  • Diretto da: Matthew Penn
  • Scritto da: William N. Fordes

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green riaprono un caso irrisolto di 20 anni, in cui una liceale venne trovata morta e il principale sospettato era stato scagionato grazie all'alibi della moglie. Le indagini si concentrano sul rampollo di una famiglia potente su cui 20 anni prima, la polizia non aveva indagato. Uno dei poliziotti che aveva indagato sul caso è un amico di Briscoe, nonché suo ex addestratore.

  • Guest star: Ken Marks: Michael Sarno
  • Questo episodio è ispirato al caso d'omicidio di Martha Moxley, avvenuta nel 1975, dovuta allo sfondamento del cranio con un trauma contusivo, il suo assassino Michael Skakel viene condannato dai 20 anni all'ergastolo, nel 2002.

Eccesso di rabbia[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Thin Ice
  • Diretto da: Jace Alexander
  • Scritto da: Barry Schindel, Matt Witten e Bernard Goldberg

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un allenatore di una squadra di hockey su ghiaccio, sospettando in un primo momento su uno dei suoi giocatori, risentito con l'allenatore perché lo faceva giocare poco; poi sul padre, un uomo aggressivo e carico d'ira. L'uomo viene difeso da un legale che chiede l'infermità mentale dovuta a una rabbia da tifoso, anche se McCoy e la Carmichael se la ridono.

  • La messa in onda originale dell'episodio era prevista per il 13 dicembre, ma fu rinviata a una settimana dopo, cioè al 20 dicembre.
  • Ci sono stati molti casi importanti che vengono citati: per esempio l'accusa dell'aggressione del giocatore del Vancouver Donald Brashear da parte del giocatore del Boston Bruins Marty McSorley, avvenuto il 21 febbraio 2000 oppure l'aggressione dell'allenatore del Golden State Warriors PJ Carlesimo da parte del suo giocatore Latrell Sprewell, il 1º dicembre 1997.
  • Questo episodio è ispirato al caso di Thomas Junta, uomo amante dell'hockey che nel 2000 uccise Michael Costin, alla fine si dichiarò colpevole di omicidio colposo di secondo grado, e condannato dai 6 ai 10 anni di reclusione, anche se ne ha scontati solo 9.

Assoluzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Hubris
  • Diretto da: Constantine Makris
  • Scritto da: Kathy McCormick e Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di quattro persone avvenuto in una gioielleria. I sospetti cadono sul fidanzato di una delle vittime, che ha sulle spalle una serie di reati e alcune fidanzate sparite misteriosamente, ed è una persona abituata a realizzare i propri scopi usando il suo fascino sulle donne che conosce. McCoy e la Carmichael se ne accorgono quando l'uomo flirta apertamente con uno delle giurate per difendersi da solo. McCoy e la Carmichael non riescono a condannarlo (anche se era prevista la pena di morte per l'uomo) perché l'uomo viene ucciso per autodifesa dalla giurata del processo, dopo che il processo era stato annullato.

  • Guest star: Tim Guinee: Richard Morriston
  • Questo episodio è ispirato a due casi accaduti: il primo è su Gillian Guess che nel 1995 venne coinvolta sentimentalmente con un imputato che aveva compiuto due omicidi Peter Gill, questa relazione la porta alla condanna per ostacolo alla giustizia a 18 mesi di reclusione, anche se ha scontato solo 12 settimane. Invece il secondo caso è sul serial killer Ted Bundy che tra il 1974 e il 1978 uccise 30-35 adolescenti, venne condannato a morte nel 1980 e giustiziato 9 anni dopo sulla sedia elettrica.

[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Whose Monkey Is It Anyway?
  • Diretto da: Vincent Misiano
  • Scritto da: William M. Finkelstein

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un biologo occupato in esperimenti su primati, ucciso da una delle scimmie lasciata libera, mentre altre scimmie vengono sottratte dal laboratorio. Sospettano di un gruppo di ecologisti che protestavano contro l'uso degli animali negli esperimenti del laboratorio, e, in particolare, su un ragazzo che abbia dei sentimenti più radicali. McCoy e la Carmichael lo processano per furto.

  • Questo episodio è ispirato a un fatto avvenuto nel 1988 in Africa, uno scoppio del Filovirus africano del Reston.

Delitto nel parco[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Sunday in the Park with Jorge
  • Diretto da: James Quinn
  • Scritto da: William M. Finkelstein

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una donna avvenuta a Central Park, i sospetti si dividono tra un gruppo di ragazzi portoricani protagonisti di episodi di violenza nello stesso giorno, il marito della vittima e un amico di lui. McCoy incrimina i ragazzi portoricani per omicidio, ma il colpevole sembra un altro portoricano, la Lewin invece reagisce al primo errore della sua carriera da procuratore capo.

  • Guest star: Victor Anthony: Nestor Salazar
  • Questo episodio è ispirato agli attacchi durante la parata del Puerto Rican Day, avvenuto a New York, l'11 giugno 2000.

Un giovane crudele[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Teenage Wasterland
  • Diretto da: Constantine Makris
  • Scritto da: Barry Schindel e Aaron Zeldman

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sul brutale omicidio di un proprietario di un ristorante cinese, trovato nel seminterrato di un condominio. I sospetti cadono subito su alcuni ragazzi che usano quell'appartamento, affittato da uno di loro uno dei quali già maggiorenne, McCoy e la Lewin discutono perché il ragazzo meriterebbe la pena di morte.

  • Guest star: Alex Feldman: Mitch Regan
  • Questo episodio è ispirato al caso di Jin-Sheng Liu, un proprietario di un ristorante cinese ucciso da molti colpi di un mattone. Il suo assassino, Stacy Royster, che all'epoca era diciannovenne, si dichiarò colpevole di omicidio di secondo grado, e condannato a 19 anni di reclusione, anche se ne ha scontati 13.

Fobia[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Phobia
  • Diretto da: David Platt
  • Scritto da: Kathy McCormick, Lynn Mamet e Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sul rapimento di un bambino adottato da una coppia gay e sull'omicidio di uno dei due padri, i sospetti cadono subito sulla madre naturale del bambino, che lo aveva dato in adozione perché drogata ma che, dopo essersi disintossicata, voleva riprenderselo. Ma è coinvolto il padre del bambino, che per questioni burocratiche è l'unico che poteva contestare l'adozione del figlio. McCoy e la Carmichael cercano di dimostrare che l'omicidio non è solo la conseguenza di una discussione finita male, ma è dovuto alla fobia dell'uomo nei confronti dell'uomo gay.

  • Il titolo originale dell'episodio Fobia è un riferimento all'omofobia.

Una partita persa[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: A Losing Season
  • Diretto da: Jace Alexander
  • Scritto da: Barry Schindel e Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una donna incinta, trovata nel bagagliaio di un'auto rubata. Dopo aver risolto il furto d'auto, i due sospettano di una nota stella del basket e del suo amico, a cui la vittima concedeva prestiti mentre l'amico faceva da prestanome, invece McCoy crede che a ucciderla sia stato il giocatore di basket, che usava i soldi per la droga e che era il padre del bambino che la vittima aspettava.

  • Guest star: Kevin Daniels: Chris Cody
  • Questo episodio è ispirato a due casi realmente accaduti: il primo è su Rae Carruth, un giocatore di football che nel 1999 fu accusato dell'omicidio di Cherica Adams, la donna in cui l'uomo stava frequentando che lo portò alla condanna a 18 anni di reclusione. Invece il secondo è sul caso di O.J. Simpson, accusato dell'omicidio della moglie e del suo amante nel 1994.

Un episodio molto speciale[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Swept Away
  • Diretto da: James Quinn
  • Scritto da: William M. Finkelstein

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di uno dei partecipanti di un reality show, in cui sette ragazzi vengono filmati nello stesso appartamento. I detective scoprono che la morte è stata accidentale in seguito a una lite tra la vittima e un altro concorrente del programma. McCoy scopre che la vittima era stata incaricata dalla produzione del reality di causare una lite con l'amico, facendo aumentare gli ascolti e decide di incriminare il vicepresidente del network.

Una condanna ingiusta[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Bronx Cheer
  • Diretto da: Richard Dobbs
  • Scritto da: Richard Sweren e Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una giovane donna, i sospetti cadono su uno spacciatore di droga. Interrogando un suo conoscente, scoprono che lo spacciatore, due anni prima uccise un buttafuori di una discoteca nel Bronx. Per quell'omicidio, l'uomo era stato condannato dopo un processo regolare, e il procuratore di quel distretto, non ha nessuna intenzione di riaprire il caso. Allora McCoy, per evitare che un innocente passi il resto della sua vita in prigione, fa un accordo col vero colpevole.

  • Guest star: Kevin Kash: Anthony Shaeffer, Peter Greene: Francis Partell
  • Questo episodio è incominciato con una dichiarazione di non responsabilità, in cui non si diceva agli spettatori che il procuratore distrettuale del Bronx, visto nell'episodio, non era in alcun modo inteso come rappresentazione della vita reale del vice procuratore distrettuale del Bronx Robert T. Johnson. Questo episodio è ispirato alle condanne errate avvenute durante il mandato proprio del procuratore Robert T. Johnson.

La donna del fiume[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Ego
  • Diretto da: James Quinn
  • Scritto da: William N. Fordes e Wendy Battles

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una giovane vice procuratore, la cui morte viene messa prima in relazione a un possibile rapimento, poi ai casi che stava seguendo. Scoprono una pista passionale cercando l'uomo con cui aveva una relazione e i detective scoprono che era il capo della donna nonché vice procuratore della sezione penale e anche amico di McCoy.

  • Guest star: Nestor Serrano: Alec Conroy
  • C'è un errore di continuità in cui viene accreditato Fran Lebowitz e i nomi dei suoi personaggi sono indicati sulla sua targhetta come Judge Janis Goldberg ma il suo nome di battesimo è Janice in tutte le sue successive apparizioni. La spiegazione è che il suo nome è stato stampato male quando è diventata giudice ed è stata corretta.
  • Questo episodio è ispirato al caso di Thomas Capano, un avvocato che nel 1996 fu accusato dell'omicidio della sua amante Anne Marie Fahey, Capano fu condannato prima a morte e poi all'ergastolo.

Duplice omicidio[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: White Lie
  • Diretto da: Don Scardino
  • Scritto da: Richard Sweren e Aaron Zelman

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sul duplice omicidio di una coppia di coniugi, scoprendo che sono connessi a un traffico di droga e risalendo così alla moglie di un maggiore dell'esercito dislocato in Colombia. La donna, approfittando della sua posizione, trasportava droga per portarla negli Stati Uniti per conto di un conoscente. McCoy fa un accordo con la donna per testimoniare contro il capo dei trafficanti.

  • Questo episodio è ispirato ad un'iniziativa del Plan Colombia del 2000.

Una vita senza valore[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Whiplash
  • Diretto da: Richard Dobbs
  • Scritto da: Matt Witten e Aaron Zelman

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sulla strana morte di un immigrato clandestino, la Rodgers ricollega il decesso a un innocuo colpo di frusta subito dall'uomo poco tempo prima. A partire da questo incidente i detective capiscono che l'immigrato era stato truffato da due avvocati, da un medico e da un autotrasportatore che, con l'aiuto di immigrati con poco da perdere, simulavano dei piccoli incidenti per truffare le assicurazioni. McCoy e la Carmichael li incriminano non solo per omicidio, ma anche per truffa aggravata.

  • Questo episodio è ispirato da una cospirazione per gli incidenti mortali avvenuti a Chicago.

Alla ricerca del padre[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: All My Children
  • Diretto da: David Platt
  • Scritto da: Barry Schindel e Noah Baylin

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una giovane studente, ma sospettano subito di una misteriosa ragazza cresciuta con la convinzione che il padre della ragazza, un uomo ricco e potente, fosse il suo vero suo padre, cioè l'ex amante della madre. La ragazza, esasperata dai continui rifiuti del suo presunto padre, aveva organizzato nei suoi confronti un'estorsione.

  • Guest star: Julianne Nicholson: Jessie Lucas
  • Il titolo originale dell'episodio All My Children è anche il titolo originale della soap opera dell'ABC.
  • In questo episodio appare Julianne Nicholson, nel ruolo di una ragazza sospettata di omicidio, la Nicholson diviene nota per aver interpretato il detective Megan Wheeler nella serie Law & Order: Criminal Intent, secondo spin-off serie madre.
  • Questo episodio è ispirato all'omicidio di Ennis Cosby, avvenuto nel 1997 per mano di Mikhail Markhasev.

Amore fraterno[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Brother's Keeper
  • Diretto da: Constantine Makris
  • Scritto da: René Balcer e Joe Gannon

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di un commerciante di medicinali, i sospetti si concentrano su un gangster che era in affari con la vittima e che viene identificato da un tassista vicino al luogo del delitto. Scoprono che la nipote del gangster era stata uccisa per un'overdose qualche giorno prima. Le indagini sono complicate perché l'uomo è protetto dall'FBI, infatti era diventato un informatore. Come se non bastasse, Briscoe e Green notano che lui e suo fratello, padre della ragazza morta e rispettabile professore universitario, si assomigliano come due gocce d'acqua. McCoy sospetta che il gangster stia coprendo il fratello.

  • Guest star: Michael O'Keefe: Cally Lonegan/Donald Lonegan
  • Questo episodio è ispirato a tre casi avvenuti: il primo è su James Bulger, che è stato per lungo tempo ricercato dall'FBI fino al 2011, dove venne catturato per 31 reati federali. Il secondo è sul caso di Danny Greene, ucciso da un'autobomba il 6 ottobre 1977, a Lyndhurst, nell'Ohio. Invece il terzo è sui fratelli Ronald e Reginald Kray, che furono condannati per tutte le accuse.

Massacro a scuola[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: School Daze
  • Diretto da: Richard Dobbs
  • Scritto da: Barry Schindel, Eric Overmyer e Dick Wolf

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sulla sparatoria in una scuola, dove perdono la vita 4 studenti. I detective individuano subito il responsabile, un sedicenne originario della Virginia che si era vendicato per i soprusi subiti dai suoi compagni e coetanei. Il suo legale nonché ex assistente di McCoy, Jamie Ross, invoca l'infermità mentale per far evitare o l'ergastolo o la pena di morte (come era successo a un ragazzo che uccise il proprietario di un ristorante cinese de Un giovane crudele), ma il suo ex capo McCoy potrebbe chiedere di farlo condannare a 25 anni, grazie alla testimonianza del padre.

  • Guest star: Carey Lowell: Jamie Ross, Timothy Reifsnyder: Henry Sample
  • Ultima apparizione della serie per Carey Lowell, ma l'ultimo come guest-star sempre nel ruolo di Jamie Ross, la Lowell era apparsa nel cast regolare nella settima e l'ottava stagione della serie, per poi apparire in un episodio della decima stagione.
  • Questo episodio è ispirato al caso del Massacro della Columbine High School avvenuto il 20 aprile 1999, con 13 morti e 24 feriti, gli autori della strage erano: Eric Harris e Dylan Klebold che si sono suicidati dopo il massacro.

Terribile giudice[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Judge Dread
  • Diretto da: David Platt
  • Scritto da: Richard Sweren e Aaron Zelman

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'agguato a una giudice, scampata per miracolo mentre stava entrando in un tribunale, da parte di un killer ucciso dalla sua guardia del corpo. I detective scoprono che è un giudice rigoroso fino all'eccesso, con molti nemici, tra cui un uomo che è finito in prigione per frode, e che la donna non aveva accettato un patteggiamento per quest'ultimo.

  • Guest star: Roxanne Hart: Linda Karlin
  • Il titolo originale dell'episodio Judge Dread è un riferimento ai fumetti Judge Dreed che è un giudice, giurato ed esecratore nel mondo distopico in cui vive. Dreed è senza scrupoli che è estremamente dal libro e non ha nessuna pietà-

Scambio di persona[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: Deep Vote
  • Diretto da: Jace Alexander
  • Scritto da: William N. Fordes e Matt Witten

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Briscoe e Green indagano sull'omicidio di una donna, avvenuta in un parcheggio, ma i motivi dell'omicidio risultano piuttosto oscuri, finché i detective non notano che una giornalista si serve dello stesso parcheggio e che ha una macchina identica a quella della vittima. Tra le sue inchieste, c'è un servizio su alcune irregolarità nelle elezioni di una senatrice. Per McCoy e la Carmichael (al suo ultimo caso prima di aver accettato un incarico per lavorare in una task force per i crimini violenti) però, c'è qualcosa che non quadra, per il rispetto di cui gode la senatrice e perché la giornalista si rifiuta di rivelare le sue fonti.

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione