Eliud Kipchoge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eliud Kipchoge
Eliud Kipchoge in Berlin - 2015 (cropped).jpg
Eliud Kipchoge alla Maratona di Berlino 2015
Nazionalità Kenya Kenya
Altezza 167 cm
Peso 52 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Mezzofondo, fondo
Società Nike / NN Running Team
Record
1500 m 3'33"20 (2004)
1500 m 3'36"25 (indoor - 2006)
Miglio 3'50"40 (2004)
3000 m 7'27"66 (2011)
3000 m 7'29"37 (indoor - 2011)
5000 m 12'46"53 (2004)
5000 m 12'55"72 (indoor - 2011)
10000 m 26'49"02 (2007)
Mezza maratona 59'25" (2012)
30 km 1h27'13" Record mondiale (2016)
Maratona 2h01'09" Record mondiale (2022)
Carriera
Nazionale
2003-Kenya Kenya
Palmarès
Giochi olimpici 2 1 1
Mondiali 1 1 0
Mondiali indoor 0 0 1
Mondiali di cross 1 0 0
Giochi del Commonwealth 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 25 settembre 2022

Eliud Kipchoge (Kapsisiywa, 5 novembre 1984) è un maratoneta e mezzofondista keniota, detentore del record mondiale della maratona con il tempo di 2h01'09".

In carriera è stato campione mondiale dei 5000 metri piani a Parigi Saint-Denis 2003 e duplice campione olimpico di maratona a Rio de Janeiro 2016 e Tokyo 2020.

Il 12 ottobre 2019 a Vienna corre per primo la distanza di una maratona in meno di due ore, fermando il cronometro a 1h59'40". La prestazione, tuttavia, non costituisce record in quanto non è stata ottenuta in una vera gara, bensì nel corso di un evento appositamente costruito. Nel corso della prova Kipchoge ha usufruito di numerose lepri allo scopo di ottenere il risultato cercato.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 maggio 2017, nel corso dell'evento "Breaking2" organizzato dalla Nike all'Autodromo nazionale di Monza, ha corso la maratona nel tempo di 2h00'25", risultato inferiore di 2 minuti e 32 secondi al record mondiale dell'epoca, ma tuttavia non omologabile a causa delle modalità di svolgimento della corsa.[2]

Il 16 settembre 2018 realizza il record mondiale di maratona alla Maratona di Berlino, correndo in 2h01'39".[3] Il 4 dicembre 2018 viene premiato come atleta mondiale dell'anno dalla IAAF.[4] Il 28 aprile 2019 realizza quello che in quel momento è il secondo miglior crono di sempre in maratona, correndo a Londra in 2h02'37".

Il 12 ottobre 2019, al Prater di Vienna, in un circuito appositamente preparato per l'occasione e con la collaborazione di 41 lepri[5][6], corre la maratona in 1h59'40", diventando il primo atleta a scendere sotto le 2 ore.[1] Il record non sarà omologato dalla IAAF perché realizzato in condizioni privilegiate.[1]

Nel 2021 ha preso parte ai Giochi olimpici di Tokyo, dove ha conquistato la sua seconda medaglia d'oro olimpica nella maratona, dopo quella ottenuta nel 2016 ai Giochi di Rio. Non accadeva da oltre 40 anni che un maratoneta riuscisse a difendere il titolo olimpico conquistato nell'edizione precedente. Prima di lui infatti solo Abebe Bikila ('60 e '64) e il tedesco dell'est Waldemar Cierpinski ('76 e '80) riuscirono a centrare la doppietta olimpica consecutiva.[7]

Il 25 settembre 2022 ha vinto la Maratona di Berlino, stabilendo il nuovo record mondiale in 2h01'09".[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2002 Mondiali di cross Irlanda Dublino Corsa U20 23'39"
2003 Mondiali di cross Svizzera Losanna Corsa U20 Oro Oro 22'47"
Mondiali Francia Saint-Denis 5000 m piani Oro Oro 12'52"79 Record dei campionati
2004 Mondiali di cross Belgio Bruxelles Corsa lunga 36'34"
Giochi olimpici Grecia Atene 5000 m piani Bronzo Bronzo 13'15"10
2005 Mondiali di cross Francia Saint-Galmier Corsa lunga 35'37"
Mondiali Finlandia Helsinki 5000 m piani 13'33"04
2006 Mondiali indoor Russia Mosca 3000 m piani Bronzo Bronzo 7'42"58
2007 Mondiali Giappone Osaka 5000 m piani Argento Argento 13'46"00
2008 Giochi olimpici Cina Pechino 5000 m piani Argento Argento 13'02"80
2009 Mondiali Germania Berlino 5000 m piani 13'18"95
2010 Giochi del
Commonwealth
India Delhi 5000 m piani Argento Argento 13'31"32
2011 Mondiali Corea del Sud Taegu 5000 m piani 13'27"27
2012 Mondiali di
mezza maratona
Bulgaria Kavarna Individuale 1h01'52"
2016 Giochi olimpici Brasile Rio de Janeiro Maratona Oro Oro 2h08'44"
2021 Giochi olimpici Giappone Tokyo Maratona Oro Oro 2h08'38"

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2002
  • Oro Oro ai campionati kenioti juniores, 5000 m piani - 13'32"7
2004
  • Oro Oro ai campionati kenioti di corsa campestre - 35'19"
2005
  • Oro Oro ai campionati kenioti di corsa campestre

Altre competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2018
2019
2020
2021
2022

World Marathon Majors[modifica | modifica wikitesto]

World Marathon Majors 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022
Maratona di Tokyo - - - - - - - - Oro Oro

2h02'40"

Maratona di Boston - - - - - - - - - -
Maratona di Londra - - Oro Oro

2h04'42"

Oro Oro

2h03'05"

- Oro Oro

2h04'17"

Oro Oro

2h02'37"

2h06'49"

-
Maratona di Berlino Argento Argento

2h04'05"

- Oro Oro

2h04'00"

- Oro Oro

2h03'32"

Oro Oro

2h01'39"

- - - Oro Oro

2h01'09"

Maratona di Chicago - Oro Oro

2h04'11"

- - - - - - - -
Maratona di New York - - - - - - - - -
Giochi olimpici Oro Oro

2h08'44"

Oro Oro

2h08'38"

Mondiali

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Maratona, il keniano Kipchoge infrange il muro delle due ore, su repubblica.it, 12 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  2. ^ Breaking2: Kipchoge 42,195km in 2h00:25, su fidal.it, 6 maggio 2017. URL consultato il 7 maggio 2017.
  3. ^ (EN) Flash: Kipchoge breaks marathon world record in Berlin with stunning 2:01:39, su worldathletics.org, 16 settembre 2018. URL consultato il 16 settembre 2018.
  4. ^ Atletica, il maratoneta Eliud Kipchoge atleta dell'anno, su repubblica.it, 4 dicembre 2018. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  5. ^ Andrea Buongiovanni, Kipchoge abbatte il muro delle due ore! Maratona completata in 1h59'40", su gazzetta.it, 12 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) Ewan Murray, Eliud Kipchoge makes history by running sub two-hour marathon, su theguardian.com, 12 ottobre 2019. URL consultato il 12 ottobre 2019.
  7. ^ Olimpiadi, Kipchoge re di maratona, su fidal.it, 7 agosto 2021. URL consultato il 12 marzo 2022.
  8. ^ Kipchoge senza confini, record a Berlino, su fidal.it, 25 settembre 2022. URL consultato il 25 settembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2446157162074478980000 · GND (DE1167173678 · WorldCat Identities (ENviaf-2446157162074478980000