Sohn Kee-chung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sohn Kee-chung
Sohn Kee-chung 1936.jpg
Sohn Kee-chung nel 1936
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 170 cm
Peso 60 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Maratona
Record
Maratona 2h26'42" (1935)
Carriera
Nazionale
Giappone Giappone
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Sohn Kee-chung[1], conosciuto anche con i nomi Son Kitei e Son Gi-jeong (Sinŭiju, 29 agosto 1912Seul, 15 novembre 2002), è stato un maratoneta giapponese, coreano di nascita.

Gareggiò con il nome di Son Kitei per il Giappone, in quanto all'epoca il suo paese natale era sotto la dominazione nipponica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Corea, studiò alla Yangjeong High School a Seul ed in seguito alla Meiji University in Giappone, terminandola nel 1940. Ai Giochi della XI Olimpiade si presentò come grande favorito, in virtù della miglior prestazione mondiale (2h26'42") ottenuta a Tokyo nel 1935 e delle 9 vittorie su 12 maratone disputate in carriera (con un terzo posto come peggior risultato).

A Berlino Sohn Kee-chung prese il comando fin dai primi chilometri insieme al britannico Ernest Harper e al campione uscente, l'argentino Juan Carlos Zabala. Zabala mollò al 28º km, liberatosi di Harper poco dopo vinse l'oro nella maratona dimostrando una netta superiorità, ottenendo il record olimpico in 2h29'19" e precedendo di oltre 2 minuti Harper (medaglia d'argento) e l'altro coreano Nam Sung Yong, anch'egli in gara per il Giappone con il nome di Shoryu Nan.[2]

Durante la premiazione Sohn non sollevò mai la testa e nelle interviste fece di tutto per sottolineare di essere coreano. Nonostante le insistenze del Comitato Olimpico Coreano, il CIO non ha mai assegnato alla Corea quello che, di fatto, risulta essere il primo oro di un suo atleta. Solo nel 2011, nel profilo ufficiale dell'atleta [3], il Comitato Olimpico Internazionale presentò la sua vera storia.

Terminata la carriera da atleta Sohn si dedicò ad allenare altri maratoneti, tra i quali Seo Yun-bok, che nel 1947 gli tolse il record mondiale, e Hwang Young-cho che vinse l'oro olimpico a Barcellona 1992. Considerato un eroe nazionale, fu l'ultimo tedoforo ai Giochi olimpici di Seul 1988.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1936 Giochi olimpici Germania Berlino Maratona Oro Oro 2h29'19"2 Record olimpico

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Sohn" è il cognome.
  2. ^ (EN) Maratina: olimpiadi 1936, su sports-reference.com. URL consultato il 6 novembre 2011.
  3. ^ (ENFR) Sohn Kee-chung, su olympic.org, Comitato Olimpico Internazionale. URL consultato il 1º agosto 2016. Modifica su Wikidata

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ultimo tedoforo ai Giochi olimpici estivi Successore Olympic flag.svg
Rafer Johnson Seul 1988 Antonio Rebollo
Controllo di autoritàVIAF: (EN1441711 · LCCN: (ENn85118776