Cureglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cureglia
comune
Cureglia – Stemma
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Territorio
Coordinate46°02′15″N 8°56′41″E / 46.0375°N 8.944722°E46.0375; 8.944722 (Cureglia)Coordinate: 46°02′15″N 8°56′41″E / 46.0375°N 8.944722°E46.0375; 8.944722 (Cureglia)
Altitudine435 m s.l.m.
Superficie1,04 km²
Abitanti1 359 (2016)
Densità1 306,73 ab./km²
Comuni confinantiCadempino, Comano, Lamone, Origlio, Porza, Vezia
Altre informazioni
Cod. postale6944
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5180
TargaTI
Nome abitanticuregliesi
PatronoSan Cristoforo
CircoloVezia
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Cureglia
Cureglia
Cureglia – Mappa
Sito istituzionale

Cureglia (in dialetto ticinese Cüréja[senza fonte]) è un comune svizzero di 1 359 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Lugano.

Entrata della scuola elementare

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[1]:

Abitanti censiti

Persone legate a Cureglia[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Antonio Gili, Cureglia, in Dizionario storico della Svizzera, 31 marzo 2004. URL consultato il 20 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rinaldo Giambonini, Agostino Robertini, Silvano Toppi, Cureglia, in Il Comune, Edizioni Giornale del popolo, Lugano 1971, 119-130.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 282-283.
  • Adriano Prosperi, Il vescovo e il suo pievano. Feliciano Ninguarda e Domenico Tarilli, in Archivio Storico Ticinese, numero 116, Casagrande, Bellinzona 1994.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 370nota, 402.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 287-288.
  • Fabrizio Mena, Per un'educazione liberale o cattolica? Controversie sui manuali scolastici nel Ticino dell'Ottocento, in Archivio Storico Ticinese, numero 147, Casagrande, Bellinzona 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN241877013 · GND: (DE4683923-9
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino