Torricella-Taverne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torricella-Taverne
comune
Torricella-Taverne – Stemma
Torricella-Taverne – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneFlag of Canton of Tessin.svg Ticino
DistrettoLugano
Amministrazione
Lingue ufficialiItaliano
Territorio
Coordinate46°04′00″N 8°55′00″E / 46.066667°N 8.916667°E46.066667; 8.916667 (Torricella-Taverne)Coordinate: 46°04′00″N 8°55′00″E / 46.066667°N 8.916667°E46.066667; 8.916667 (Torricella-Taverne)
Altitudine427 m s.l.m.
Superficie5,23 km²
Abitanti3 085 (2017)
Densità589,87 ab./km²
FrazioniIl Motto, Taverne, Torricella
Comuni confinantiAlto Malcantone, Bedano, Lamone, Mezzovico-Vira, Monteceneri, Origlio, Ponte Capriasca
Altre informazioni
Cod. postale6807, 6808
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS5227
TargaTI
Nome abitantitavernesi
CircoloTaverne
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Torricella-Taverne
Torricella-Taverne
Torricella-Taverne – Mappa
Sito istituzionale

Torricella-Taverne (in dialetto ticinese Toresèla-Tavèrn[senza fonte]) è un comune svizzero di 3 066 abitanti del Canton Ticino, nel distretto di Lugano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Torricella-Taverne è situato nella valle del fiume Vedeggio. La regione gode di un buon soleggiamento con un numero moderato di precipitazioni annue[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il castello Trefogli

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[2]:

Abitanti censiti

Persone legate a Torricella-Taverne[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Persone legate a Torricella-Taverne
  • Cosimo Morelli (Imola, 6 ottobre 1732 – Imola, 26 febbraio 1812) – architetto italiano figlio di un imprenditore-capomastro originario di Torricella-Taverne;
  • Antonio Albrizzi (Torricella-Taverne, 31 marzo 1773 – 1º luglio 1846) – giurista e avvocato svizzero naturalizzato italiano[3];
  • Marco Antonio Trefogli (Torricella-Taverne, 24 luglio 1782 – Torricella-Taverne, 10 settembre 1854) – pittore e stuccatore svizzero;
  • Michele Trefogli (Torricella-Taverne, 10 ottobre 1838 – Lima, 1928) – architetto svizzero naturalizzato peruviano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è servito dalle stazione di Taverne-Torricella della ferrovia del Gottardo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune. L'ufficio patriziale, rieletto il 26 aprile 2009, è presieduto da Giorgio Albertolli[senza fonte].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La locale squadra di calcio è l'AC Taverne, che attualmente[quando?] milita in Seconda Lega interregionale. La Scuola Tennis Taverne organizza due tornei internazionali: uno riservato agli Under 16 del Circuito Tennis Europe ed un ITF Futures 10.000$ maschile[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archiviato il 6 luglio 2011 in Internet Archive.
  2. ^ a b Bernardino Croci Maspoli, Torricella-Taverne, in Dizionario storico della Svizzera, 14 marzo 2017. URL consultato il 7 novembre 2017.
  3. ^ Caddeo, 1938, pp. 13-16.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rinaldo Caddeo, Antonio Albrizzi da Torricella nella vigilia della rivoluzione del 1798, in Rivista storica ticinese, 1, febbraio 1938, Istituto Editoriale Ticinese, Bellinzona 1938.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, (Taverne) 187, 229, 460, (Torricella) 574-575.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 226-227.
  • Giuseppe Chiesi, Fernando Zappa, Terre della Carvina. Storia e tradizioni dell'Alto Vedeggio, Armando Dadò, Locarno 1991.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, ristampa Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 281-283.
  • Fabrizio Panzera (a cura di), Piano del Vedeggio. Dalla strada Regina all'Aeroporto, Salvioni, Bellinzona 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN235287937 · GND: (DE7698438-2
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino