Catinone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catinone
Cathinone2DACS.svg
Cathinone-3d-sticks.png
Nome IUPAC
(S)-2-Amino-1-fenil-1-propanone
Nomi alternativi
β Ketoamfetamina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC9H11NO
Massa molecolare (u)149,19
Numero CAS71031-15-7
Numero EINECS636-099-8
PubChem62258
DrugBankDB01560
SMILES
CC(C(=O)C1=CC=CC=C1)N
Indicazioni di sicurezza

Il catinone è un alcaloide presente nelle foglie di qāt o anche detto khat.[1]

Il catinone è un alcaloide monoaminico presente nell'arbusto Catha edulis (khat) ed è chimicamente simile all'efedrina, alla catina, al metacinone e ad altre anfetamine. Probabilmente è il principale contributo all'effetto stimolante della Catha edulis. Il catinone differisce da molte altre anfetamine in quanto ha un gruppo funzionale chetonico. Altre fenetilamine che condividono questa struttura includono gli stimolanti metacinone, MDPV, mefedrone e il bupropione antidepressivo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Khat è coltivato nel Corno d'Africa e nella regione della penisola arabica nel mondo da migliaia di anni. È più comunemente masticato per l'effetto euforico che produce. Il principio attivo fu proposto per la prima volta nel 1930, quando la catina fu identificata come alcaloide predominante nella pianta. [2]Si pensava che la catina fosse il principale ingrediente attivo in khat fino agli anni '60, quando si scoprì che la quantità di catina nelle foglie di khat era insufficiente per produrre gli effetti osservati. Nel 1975, il Narcotic Laboratory delle Nazioni Unite analizzò le foglie di khat provenienti da Yemen, Kenya e Madagascar e trovò la presenza di un diverso alcaloide, il catinone. [2] Il catinone è una molecola simile alla catina, ma è molto più abbondante nelle piante più giovani. Questa scoperta ha indotto gli scienziati a speculare sul fatto che il catinone fosse il vero ingrediente attivo in khat. [2]

Nel 1994 è stato condotto uno studio per testare gli effetti del catinone. Sei volontari che non avevano mai masticato il khat ricevettero un campione di khat attivo e un campione di placebo privo di catinone. [3] I ricercatori hanno analizzato gli stati d'animo, i livelli di attività e la pressione sanguigna dei partecipanti prima e dopo aver consumato il khat o il placebo. Questa analisi ha dimostrato che il catinone ha prodotto sintomi simili all'anfetamina, portando i ricercatori a confermare che il catinone, non il catino, è l'ingrediente attivo nelle foglie di khat. [4]

Significato culturale[modifica | modifica wikitesto]

Oltre 20 milioni di persone nella penisola arabica e in Africa orientale masticano foglie di khat ogni giorno. È un pezzo importante della cultura e dell'economia in questa regione, specialmente in Etiopia (dove si dice che abbia avuto origine il khat), Kenya, Gibuti e Yemen. Gli uomini di solito lo masticano durante le feste o altri incontri sociali mentre fumano sigarette e bevono tè. Anche gli agricoltori e gli altri lavoratori usano il khat nel pomeriggio per ridurre l'affaticamento e la fame nel corso della giornata. Funziona come la caffeina in una tazza di caffè forte come un farmaco anti-fatica. È noto che studenti e autisti lo usano per stare all'erta per periodi di tempo più lunghi. [4]

Per produrre gli effetti desiderati, le foglie di khat devono essere masticate fresche. Le foglie fresche hanno una maggiore concentrazione di catinone. Attendere troppo tempo dopo la coltivazione per masticare la foglia permetterà al catinone di scomporre nella sua forma meno potente, il catino. A causa della necessità di una masticazione rapida, è un'abitudine storicamente prevalente solo dove cresce la pianta. Tuttavia, negli ultimi anni con miglioramenti nel trasporto su strada e aereo, la masticazione del khat si è diffusa in tutti gli angoli del mondo.

La coltivazione del khat nello Yemen è un'industria altamente redditizia per gli agricoltori. Le piante di Khat cresceranno in modo diverso a seconda del clima in cui sono coltivate e ognuna produrrà diverse quantità di catinone. [4] Generalmente non cresce così come nei climi costieri e caldi. Nello Yemen, la pianta del khat prende il nome dalla regione in cui è cresciuta. La pianta di Nehmi khat ha la più alta concentrazione nota di catinone, 342,5 mg / 100 g. [4]

Effetti biologici[modifica | modifica wikitesto]

Meccanismo d'effetto[modifica | modifica wikitesto]

È stato scoperto che il catinone stimola il rilascio di dopamina e inibisce il ricupero di epinefrina, noradrenalina e serotonina nel sistema nervoso centrale (SNC). Questi neurotrasmettitori sono tutti considerati monoammine e condividono la struttura generale di un anello aromatico e un gruppo amminico attaccato da un separatore a due atomi di carbonio. [5] Poiché il catinone è una molecola idrofobica, può facilmente attraversare le membrane cellulari e altre barriere, inclusa la barriera emato-encefalica. [5] Questa proprietà gli consente di interagire con i trasportatori di monoamina nella fessura sinaptica tra i neuroni. Il catinone induce il rilascio di dopamina dai preparati striatali del cervello che sono prelabel con dopamina o suoi precursori. [6]

Anche i metaboliti del catinone, della catina e della noradedrina possiedono la stimolazione del SNC, ma creano effetti molto più deboli. [7] Gli effetti del catinone sul corpo possono essere contrastati da una precedente somministrazione di un antagonista del recettore della dopamina. [7] L'antagonista manterrà il neurone al suo stato di riposo, quindi il catinone non può causare rilascio estraneo di dopamina o altri neurotrasmettitori.

Il catinone può anche influenzare il sistema nervoso parasimpatico (PSNS) bloccando i recettori adrenergici e inibendo la contrazione della muscolatura liscia. Può anche indurre secchezza delle fauci, visione offuscata e aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca.

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie di Khat vengono rimosse dal gambo della pianta e mantenute tra i denti sulla guancia e masticate. La masticazione rilascia un succo dalle foglie, che includono il catinone alcaloide. L'assorbimento del catinone ha due fasi: una nella mucosa buccale e una nello stomaco e nell'intestino tenue. [8] Lo stomaco e l'intestino tenue sono molto importanti nell'assorbimento degli alcaloidi ingeriti. [8] A circa 2,3 ore dopo la masticazione delle foglie di khat, viene raggiunta la concentrazione massima di catinone nel plasma sanguigno. Il tempo medio di permanenza è di 5,2 ± 3,4 ore. [8] L'emivita di eliminazione del catinone è di 1,5 ± 0,8 ore. [8] Un modello a due compartimenti per assorbimento ed eliminazione descrive al meglio questi dati. Tuttavia, al massimo, solo il 7% del catinone ingerito viene recuperato nelle urine. [8] Ciò indica che il catinone viene scomposto nel corpo. È stato dimostrato che il catinone metabolizza selettivamente in R, S - (-) - norefedrina e catina. La riduzione del gruppo chetonico nel catinone produrrà il catino. Questa riduzione è catalizzata dagli enzimi nel fegato. La rottura spontanea del catinone è la ragione per cui deve essere masticato fresco dopo la coltivazione. [8]

Effetti sulla salute[modifica | modifica wikitesto]

La prima documentazione della pianta di khat usata in medicina era in un libro pubblicato da un medico arabo nel 10 ° secolo. È stato usato come antidepressivo perché ha portato a sentimenti di felicità ed eccitazione. La masticazione cronica del khat può anche creare dipendenza da droghe, come dimostrato da studi sugli animali. In tali studi, le scimmie sono state addestrate a spingere una leva per ricevere la ricompensa della droga. Man mano che la dipendenza delle scimmie aumentava, premevano la leva con una frequenza crescente.[7]

La masticazione di Khat e gli effetti del catinone sul corpo differiscono da persona a persona, ma esiste un modello generale di comportamento che emerge dopo aver ingerito catinone fresco: [6]

  • Sentimenti di euforia che durano da una a due ore
  • Discussione su problemi gravi e maggiore irritabilità
  • L'immaginazione del masticatore è molto attiva
  • Fase depressiva
  • Irritabilità, perdita di appetito e insonnia

Ci sono altri effetti non correlati al sistema nervoso centrale. Il masticatore può sviluppare costipazione e bruciore di stomaco dopo una sessione di khat. Gli effetti a lungo termine del catinone possono includere malattie gengivali o tumori del cavo orale, malattie cardiovascolari e depressione. I sintomi da astinenza del catinone comprendono vampate di calore, letargia e un forte bisogno di usare il farmaco per almeno i primi due giorni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Stefan W. Toennes, Sebastian Harder, Markus Schramm, Constanze Niess, Gerold F. Kauert, Pharmacokinetics of cathinone, cathine and norephedrine after the chewing of khat leaves, in British Journal of Clinical Pharmacology, vol. 56, n. 1, 2003, pp. 125–130, DOI:10.1046/j.1365-2125.2003.01834.x.
  2. ^ a b (EN) Patel Nb, Mechanism of Action of Cathinone: The Active Ingredient of Khat (Catha Edulis), su East African medical journal, 2000 Jun. URL consultato il 27 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Peter Widler, Karoline Mathys e Rudolf Brenneisen, Pharmacodynamics and pharmacokinetics of khat: A controlled study, in Clinical Pharmacology & Therapeutics, vol. 55, n. 5, 1994, pp. 556–562, DOI:10.1038/clpt.1994.69. URL consultato il 27 maggio 2020.
  4. ^ a b c d (EN) Yemen's khat habit soaks up water, 7 aprile 2007. URL consultato il 27 maggio 2020.
  5. ^ Kevin B Hugins, Cathinone history, synthesis, and human applications, 17 luglio 2014. URL consultato il 27 maggio 2020.
  6. ^ a b (EN) Peter Kalix, Cathinone, an alkaloid from khat leaves with an amphetamine-like releasing effect, in Psychopharmacology, vol. 74, n. 3, 1º luglio 1981, pp. 269–270, DOI:10.1007/BF00427108. URL consultato il 27 maggio 2020.
  7. ^ a b c Cathinone, su www.drugbank.ca. URL consultato il 27 maggio 2020.
  8. ^ a b c d e f (EN) Widler P, Mathys K, Brenneisen R, Kalix P, Fisch Hu, Pharmacodynamics and Pharmacokinetics of Khat: A Controlled Study, su Clinical pharmacology and therapeutics, 1994 May. URL consultato il 27 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia