Biancaneve e il cacciatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Biancaneve e il cacciatore
Snow White & the Huntsman.png
Biancaneve (Kristen Stewart) dorme sotto l'incantesimo della mela avvelenata della sua malvagia matrigna, Ravenna, la Regina cattiva (Charlize Theron) in una scena del film
Titolo originaleSnow White and the Huntsman
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2012
Durata127 min
132 min (Extended Version)
Rapporto2,35:1
Generefantastico, avventura, azione, drammatico
RegiaRupert Sanders
SoggettoEvan Daugherty (dalla fiaba dei Fratelli Grimm)
SceneggiaturaHossein Amini, Evan Daugherty, John Lee Hancock
ProduttoreJoe Roth, Sam Mercer
Produttore esecutivoGloria S. Borders, Palak Patel
Casa di produzioneUniversal Pictures, Roth Films
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaGreig Fraser
MontaggioConrad Buff IV, Neil Smith
Effetti specialiCedric Nicolas-Troyan, Philip Brennan, Neil Corbould, Michael Dawson
MusicheJames Newton Howard
ScenografiaDominic Watkins, David Warren, Fainche MacCarthy
CostumiColleen Atwood
TruccoSharon Martin, David White
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Biancaneve e il cacciatore (Snow White and the Huntsman) è un film del 2012 diretto da Rupert Sanders[1] e interpretato da Kristen Stewart, Chris Hemsworth, Charlize Theron e Sam Claflin. Il film segna l'ultima apparizione sugli schermi dell'attore inglese Bob Hoskins prima del ritiro dalle scene a causa della malattia di Parkinson.

Il film è un adattamento in chiave dark fantasy della nota fiaba di Biancaneve e i sette nani.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«Labbra rosso sangue, chioma di nero fulgore … cara, cara Biancaneve, dammi il tuo cuore!»

(La Regina Ravenna, la malvagia matrigna di Biancaneve)

Mentre ammira una rosa rossa brillante che sboccia durante un bianco inverno, la regina Eleonora del Regno si punge il dito con le spine. Tre gocce di sangue cadono sulla neve e suscitando in lei il desiderio di una figlia con la pelle bianca come la neve, le labbra rosse come il sangue, i capelli neri come le ali di un corvo e un cuore forte come la rosa. Poco tempo dopo dà alla luce Biancaneve ma si ammala e muore molti anni dopo. Dopo la sua morte, il padre di Biancaneve, re Magnus , e il suo esercito combattono un esercito invasore di soldati di vetro. Re Magnus trova una prigioniera di nome Ravenna, rimane incantato dalla sua bellezza e la sposa.

Ma Ravenna è una potente strega che ha usato l'esercito del falso vetro per farsi strada nel regno con il fascino. La prima notte di nozze, confessa che c'era un re molto simile a Magnus che l'ha usata, le ha fatto del male e poi l'ha scartata. Uccide Magnus prima di conquistare il regno. L'amico d'infanzia di Biancaneve, William, e suo padre, il duca Hammond, scappano ma non riescono a salvarla, e lei è rinchiusa in una torre per anni.

Il regno e la sua gente si deteriorano sotto il governo della regina Ravenna, che prosciuga periodicamente la giovinezza dalle giovani donne del regno per mantenere un incantesimo lanciato su di lei da bambina da sua madre, che le permette di mantenere la sua bellezza giovanile. Quando la figliastra Biancaneve diventa maggiorenne, apprende dal suo Specchio Magico che Biancaneve è destinata a distruggerla a meno che non consumi il cuore della ragazza, il che la renderà immortale. Ravenna ordina a suo fratello Finn di portarle la principessa, ma Biancaneve scappa nella Foresta Oscura, dove Ravenna non ha potere. Ravenna fa un patto con Eric il Cacciatore, vedovo e ubriacone, per catturare Biancaneve, promettendo in cambio di riportare in vita sua moglie. Ma quando Finn rivela che Ravenna in realtà non ha il potere di resuscitare i morti, il Cacciatore aiuta Biancaneve a scappare. Il Duca e William scoprono che Biancaneve è viva e William lascia il castello per trovarla, unendosi al gruppo di Finn come arciere.

Biancaneve salva la vita del cacciatore affascinando un troll che lo attacca. Si dirigono verso un villaggio di pescatori popolato da donne che si sono sfigurate per rendersi inutili a Ravenna. Il cacciatore scopre la vera identità di Biancaneve e la lascia alle donne. Ritorna quando vede il villaggio bruciato dagli uomini di Finn. Biancaneve e il Cacciatore li sfuggono e incontrano una banda di otto nani. Il nano cieco Muir percepisce che Biancaneve è l'unica persona che può porre fine al regno di Ravenna.

Mentre viaggiano attraverso un santuario delle fate, vengono attaccati da Finn e dai suoi uomini. Segue una battaglia durante la quale Finn, i suoi uomini e uno dei nani vengono uccisi. William si unisce al gruppo nel loro viaggio al castello di Hammond. Ravenna si traveste da William e tenta Biancaneve a mangiare una mela avvelenata prima di fuggire. William bacia Biancaneve; anche se non succede nulla, una lacrima scivola fuori dai suoi occhi. Il suo corpo viene portato al castello di Hammond. Il Cacciatore confessa il suo rammarico per non essere stato in grado di salvarla, poiché il suo cuore e la sua forza gli ricordano sua moglie, Sara. La bacia e non nota una seconda lacrima cadere dai suoi occhi, poiché due baci di vero amore rompono l'incantesimo. Biancaneve si sveglia e raduna l'esercito del duca per sferrare un assedio contro Ravenna.

I nani si infiltrano nel castello attraverso le fogne e aprono i cancelli, facendo entrare l'esercito. Biancaneve e Ravenna combattono; Ravenna sta per ucciderla quando Biancaneve usa una mossa che il Cacciatore le ha insegnato e pugnala Ravenna, sconfiggendola. Il regno gode ancora una volta di pace quando Biancaneve viene incoronata nuova regina.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia scattata durante le riprese del film presso le Marloes Sands di Marloes, nel Galles.

I produttori pensavano di scegliere, per il ruolo di Biancaneve, un'attrice non molto conosciuta, avendo come possibili scelte Riley Keough, Felicity Jones, Bella Heathcote e Alicia Vikander; a marzo 2011, però, il co-produttore Palak Patel affermò che il ruolo era stato dato a Kristen Stewart[2]. Per il ruolo della regina, Ravenna, era stata inizialmente considerata Winona Ryder, ma poi fu scelta Charlize Theron[3]; il ruolo del cacciatore, invece, all'inizio offerto a Michael Fassbender, Johnny Depp, Viggo Mortensen[4] e Hugh Jackman[5], fu poi assegnato a Chris Hemsworth[6].

Effetti visivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti speciali sono stati creati da Rhythm and Hues, Baseblack, BlueBolt, Double Negative, Legacy Effects, Lola Visual Effects, Mark Roberts Motion Control, Pixomondo, Plowman Craven & Associates e ReelEye Company.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora ufficiale è del musicista James Newton Howard. Nell'album Snow White & the Huntsman (Original Motion Picture Soundtrack) è presente anche il singolo promozionale Breath of Life dei Florence and the Machine.

  1. James Newton HowardSnow White (3:24)
  2. James Newton Howard – I'll Take Your Throne (3:00)
  3. James Newton Howard – Tower Prayers (2:07)
  4. James Newton Howard – Something For What Ails You (3:25)
  5. James Newton Howard – Escape From The Tower (2:33)
  6. James Newton Howard – You Failed Me Finn (3:02)
  7. James Newton Howard – White Horse (2:02)
  8. James Newton Howard – Journey To Fenland (3:38)
  9. James Newton Howard – Fenland In Flames (4:08)
  10. James Newton Howard – Sanctuary (2:33)
  11. James Newton Howard – White Hart (6:37)
  12. Ioanna GikaGone (3:09)
  13. James Newton Howard – I Remember That Trick (5:35)
  14. James Newton Howard – Death Favors No Man (6:12)
  15. James Newton Howard – Warriors On The Beach (4:52)
  16. James Newton Howard – You Can Not Defeat Me (2:35)
  17. James Newton Howard – You Can't Have My Heart (1:57)
  18. James Newton Howard – Coronation (2:06)
  19. Florence + The MachineBreath of Life (4:11)

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il teaser trailer italiano del film è stato diffuso il 16 dicembre 2011, a circa un mese di distanza da quello originale[7]. Il full trailer è invece stato diffuso online poche ore dopo l'anteprima del WonderCon, il 19 marzo 2012, seguito da quello italiano.[8]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Kristen Stewart, Chris Hemsworth e il regista Rupert Sanders all'anteprima australiana del film

Negli Stati Uniti il film è stato distribuito il 1º giugno 2012[9], mentre in Italia a partire dall'11 luglio 2012.[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha incassato la discreta somma di 396 592 829 dollari, a fronte di un budget di produzione stimato in 170 000 000 dollari. Tale incasso, unito al positivo apprezzamento del pubblico, ha convinto i produttori a programmare un sequel della pellicola.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film gode di recensioni contrastanti da parte della critica specializzata e dei cinefili, venendo da una parte criticato per l'eccessiva violenza di alcune scene e dall'altra lodato per gli effetti speciali e per la visione emancipata e "moderna" delle protagoniste femminili[11]. In genere la pellicola raggiunge la sufficienza nelle recensioni professionali mentre raccoglie opinioni più positive da parte del grande pubblico. Su Rotten Tomatoes detiene il 49% delle recensioni professionali positive, basato su 231 recensioni, con un voto medio di 5,6/10. Su IMDb la pellicola raccoglie un voto medio di 6,3/10 basato su otre 275 000 segnalazioni. Su Metacritic raccoglie un voto di 57/100 per le recensioni professionali e un rating di 6,1/10 tra i voti degli utenti. Il film si è in ogni caso aggiudicato due nomination ai Premi Oscar per i Migliori costumi e Migliori effetti speciali.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Prequel/spin-off/sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Il cacciatore e la regina di ghiaccio.

Il 22 aprile 2016 è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi Il cacciatore e la regina di ghiaccio[12]. Il film, diretto da Cedric Nicolas-Troyan, è interpretato nuovamente da Chris Hemsworth e Charlize Theron, con l'aggiunta nel cast di Emily Blunt e Jessica Chastain[13].

Il film è uno spin-off in quanto racconta le vicende del Cacciatore, un prequel perché gli eventi della prima parte del film avvengono prima di Biancaneve e il cacciatore, e un sequel, in quanto la seconda parte avviene sette anni dopo gli eventi del primo film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ufficiale: Tarsem dirigerà il nuovo film su Biancaneve, 2 novembre 2010. URL consultato il 24 novembre 2011.
  2. ^ (EN) Kristen is Officially Playing 'Snow White'. URL consultato il novembre 2011.
  3. ^ (EN) 'Snow White' Lands Julia Roberts As Evil Queen, So How Does She Stack Up Against Charlize Theron?, 2 agosto 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  4. ^ (EN) Viggo Mortensen dumps Snow White ... for Superman?, su insidemovies.ew.com, 26 marzo 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  5. ^ (EN) Hugh Jackman no longer in talks for 'Snow White', 13 aprile 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  6. ^ Chris Hemsworth confermato per Snow White and the Huntsman, 14 maggio 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  7. ^ Biancaneve e il Cacciatore, ecco il trailer italiano!, 16 dicembre 2011. URL consultato il 17 dicembre 2011.
  8. ^ Biancaneve e il Cacciatore, ecco il nuovo full trailer italiano del kolossal!, ScreenWeek Blog.
  9. ^ (EN) Trilogy planned for Kristen Stewart and Charlize Theron's 'Snow White and the Huntsman' -- EXCLUSIVE, 1º luglio 2011. URL consultato il 24 novembre 2011.
  10. ^ Fissate le uscite italiane delle due Biancaneve, 24 gennaio 2012. URL consultato il 24 gennaio 2012.
  11. ^ Biancaneve e il Cacciatore, scheda e recensione, comingsoon.it, 11 luglio 2012. URL consultato il 1º maggio 2021.
  12. ^ (EN) Universal’s Snow White Prequel ‘Huntsman’ Targets April 2016 Release, su deadline.com, 17 novembre 2015.
  13. ^ (EN) Jessica Chastain Joins ‘The Huntsman’ For Universal, in February 24, 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema