Bandiera dell'Abcasia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Аԥсуа абираҟ
Aṕsua abiraq
აფხაზეთის რესპუბლიკის დროშა
Apkhazetis respublikis drosha
Аԥсуа абираҟ Aṕsua abiraq აფხაზეთის რესპუბლიკის დროშა Apkhazetis respublikis drosha
Proporzioni1:2
Simbolo FIAVBandiera nazionale
ColoriGenerici

     Rosso

     Bianco

     Verde

UsoBandiera civile e di Stato
Tipologianazionale Bandiera normale o bandiera di diritto
Adozione23 luglio 1992
NazioneAbcasia
Altre bandiere ufficiali
Insegna presidenzialeInsegna presidenziale Simbolo vessillologico Simbolo vessillologico 1:2
Fotografia
Abkhazian flags flying in Sukhumi.jpg
Bandiere abcase che sventolano a Sukhumi

L'attuale bandiera dell'Abcasia è stata creata nel 1991 da V. Gamgia ed è stata adottata come bandiera nazionale dal parlamento abcaso il 23 luglio 1992. Proporzioni 3/5 (riconfermata il 10 novembre 1994 in proporzioni 1/2).[1]

Disegno[modifica | modifica wikitesto]

Il disegno nel cantone rosso richiama lo stemma del regno medievale dell'Abcasia: la mano destra aperta rappresenta la nazione abcasa, le sette stelle bianche, anche se non era nelle intenzioni originali, sono ora considerate rappresentare le sette regioni storiche dell'Abcasia: Abzhywa, Bzyp, Dal-Tsabal, Gumaa, Pskhuy-Aibga, Sadzen e Samurzaqan.[2]

Le sette bande bianche e verdi si rifanno alla Repubblica delle Montagne del Caucaso Settentrionale, di cui l'Abcasia fece parte dopo la fine della prima guerra mondiale. Esso sono in numero di sette poiché quest'ultimo è un numero sacro per gli Abcasi e sono verdi e bianche a rappresentare la tolleranza che permette la coesistenza tra cristianesimo e islam.

Le bandiere dell'Abcasia nella storia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Аргун Ю.Г. (Argun Yu. G.), О Государственном флаге Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive. (La bandiera nazionale (XLVIII итоговая научная сессия (11-13 мая). тезисы докладов. - Сухум: АбИГИ, 2004, с. 3-4)
  2. ^ Государственные символы Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia