Bandiera rom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera rom

La bandiera rom, in lingua romaní O styago le romengo, è la bandiera internazionale del popolo rom, uno dei pochi simboli ufficiali di unità per questa minoranza etnica[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera è costituita da due strisce orizzontali, la superiore azzurra e l'inferiore verde, che rappresentano il cielo e la terra[2]. Al centro campeggia una ruota raggiata rossa[3], che rappresenta il continuo migrare dei Rom. Tale ruota è simile a quella presente sulla bandiera indiana[3], luogo d'origine di questa popolazione, sebbene in quest'ultima essa rappresenti piuttosto un chakra che una ruota vera e propria.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Il design della bandiera ha influenzato il simbolismo di altre organizzazioni e comunità rom. In particolare, l'ormai scomparso Stranka Roma Hrvatske (Partito degli Zingari della Croazia) usava una bandiera con un campo superiore blu scuro e un chakra d'oro[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera fu creata dall'Uniunea Generala a Romilor din Romania (Unione generale dei Rom di Romania) nel 1933 e approvata ufficialmente nel 1971 dai delegati internazionali al primo Congresso Mondiale Rom. Durante il medesimo Congresso venne anche ufficializzato l'inno della popolazione Rom, Gelem, Gelem (anche noto come Romale Shavale) scritto da Žarko Jovanović.

La bandiera è il segno distintivo della comunità rom diffusa in tutto il pianeta. Come tale fu usata durante i funerali del cantante andaluso di flamenco Camarón de la Isla, la cui bara fu coperta da questa bandiera[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) Романипэн :: Цыгане как нация, su romanykultury.info (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  2. ^ (EN) Explanation of the flag (Jarig Bakker, 22 maggio 2000), su fotw.vexillum.com. URL consultato il 29 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2017).
  3. ^ a b Giuseppe Burgio, Tra noi e i rom.: Identità, conflitti, intercultura, FrancoAngeli, ISBN 978-88-917-2078-8.
  4. ^ (EN) Flag of the Gypsy Party of Croatia, su fotw.vexillum.com (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2006).
  5. ^ (ES) El dios Camarón, in El Mundo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia