Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bandiera dell'Artsakh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera dell'Artsakh
Bandiera dell'Artsakh
Proporzioni1:2
Simbolo FIAVBandiera nazionale
ColoriGenerici

     Rosso

     Blu

     Arancione

     Bianco

UsoBandiera civile e di stato
Tipologianazionale
Adozione2 giugno 1992
NazioneCoat of arms of Artsakh.svg Artsakh
Altre bandiere ufficiali
Bandiera del Consiglio dei Commissari del Popolo dell'Artsakhbandiera Bandiera del Consiglio dei Commissari del Popolo dell'Artsakh 1:2
Fotografia
Posto di frontiera tra Armenia e Artsakh sulla strada Vardenis-Mardakert

L'attuale bandiera dell'Artsakh è stata adottata il 2 giugno 1992[1] dal Consiglio Supremo dell'autoproclamata repubblica, allora chiamata Nagorno Karabakh.

Essa è evidentemente basata sulla bandiera dell'Armenia, con l'aggiunta di un disegno bianco che vuole sia richiamare i tipici disegni dei tappeti locali, sia per rappresentare la separazione dall'Armenia, considerata come Stato madre.

Secondo quanto riportato dalla Costituzione del 2006,[2] la bandiera si compone di tre fasce orizzontali di eguale misura: il colore rosso simboleggia la continua lotta del popolo armeno per l'esistenza, il cristianesimo, l'indipendenza e la libertà; il colore blu rappresenta la volontà del popolo armeno a vivere in pace mentre il colore arancione simboleggia il potere creativo e l'impegno del popolo armeno.[3] A partire dall'angolo superiore destro si sviluppa un disegno bianco dentato con nove gradini (quattro superiori, quattro inferiori e uno centrale di unione) che raccorda l'ultimo terzo della bandiera e termina nell'angolo inferiore destro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia