Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bandiera del Bahrein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
علم البحرين
علم البحرين
Proporzioni3:5
Simbolo FIAVBandiera nazionale e bandiera navale nazionale
ColoriRGB

     (R:255 G:255 B:255)

     (R:206 G:17 B:38)

UsoBandiera civile, militare e di Stato
Tipologianazionale
Adozione14 febbraio 2002
NazioneBahrein Bahrein
Altre bandiere ufficiali
Stendardo Realebandiera Stendardo Reale Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Insegna delle Forze armate bahreinitebandiera Insegna delle Forze armate bahreinite Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Bandiera dell'Esercitobandiera Bandiera dell'Esercito Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Insegna navale militarebandiera Insegna navale militare Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Bandiera dell'Aeronautica militarebandiera Bandiera dell'Aeronautica militare Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Fotografia
Flag of Bahrain.jpg

La bandiera del Bahrein[1][2][3][4][5][6] è stata modificata nel 2002. La bandiera è composta da una banda bianca sulla sinistra, separata dall'area rossa sulla destra da una linea spezzata che forma cinque triangoli bianchi. Nella vecchia bandiera erano presenti più di cinque triangoli, ma la modifica venne apportata affinché i cinque triangoli rappresentassero i cinque pilastri dell'Islam.

Il colore rosso apparentemente indica la setta islamica Kharijita, e la più antica bandiera del Bahrein che si conosca era completamente rossa. Durante il XIX secolo però, venne aggiunta la banda bianca, a indicare la tregua ottenuta con le nazioni confinanti, e la linea spezzata triangolare venne aggiunta per differenziare la bandiera da quella dei paesi vicini.

Bandiere storiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il Manuale interistituzionale di convenzioni redazionali dell'Unione europea
  2. ^ Nomi di paesi in italiano
  3. ^ Cfr. in Calendario Atlante De Agostini 2013, Istituto geografico De Agostini, Novara.
  4. ^ Cfr. al vol. II, pp. 137-138 in Enciclopedia della Geografia, Istituto geografico De Agostini, Novara.
  5. ^ Cfr. alle pp. 578-579 in Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse.
  6. ^ Cfr. sul sito dell'Istituto Geografico Militare Archiviato il 6 giugno 2014 in Internet Archive., ente cartografico ufficiale dello Stato.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia