Bandiera dell'Arabia Saudita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
علم المملكة العربية السعودية
علم المملكة العربية السعودية
Proporzioni2:3
Simbolo FIAVBandiera nazionale e bandiera navale di stato
ColoriRGB

     (R:0 G:108 B:53)

     (R:255 G:255 B:255)

Tipologianazionale
Adozione15 marzo 1973
NazioneArabia Saudita Arabia Saudita
Altre bandiere ufficiali
Bandiera navale civileBandiera navale civile Bandiera navale civile Bandiera normale o bandiera di diritto 2:3
Bandiera navale militareBandiera navale militare Bandiera navale militare L'asta deve stare alla destra dell'osservatore 1:2
Bandiera di bompressoBandiera di bompresso Bandiera navale militare L'asta deve stare alla destra dell'osservatore 2:3
Bandiera realeBandiera reale Bandiera di stato L'asta deve stare alla destra dell'osservatore 2:3
Stendardo realeStendardo reale Bandiera di stato Bandiera normale o bandiera di diritto 1:1
Bandiera del Principe ereditarioBandiera del Principe ereditario Bandiera di stato L'asta deve stare alla destra dell'osservatore 2:3
Bandiera dell'Aeronautica MilitareBandiera dell'Aeronautica Militare Bandiera di guerra L'asta deve stare alla destra dell'osservatore 2:3
Fotografia
Flags at half-staff outside Central Plaza.jpg
La bandiera saudita non sventola mai a mezz'asta

La bandiera dell'Arabia Saudita è verde con al centro una scritta sotto la quale campeggia una spada.

La scritta sulla bandiera, in thuluth (una calligrafia islamica) è quella della shahada, ovvero la dichiarazione di fede Islamica: لا إله إلا الله محمد رسول الله lā 'ilāha 'illa-llāh muḥammadun rasūlu-llāh che significa "Non c'è dio all'infuori di Allah, e Maometto è il suo profeta" [1].

Una bandiera verde con la shahada era originariamente la bandiera del movimento Wahhabita. Dopo essersi assicurato il trono del Nejd nel 1912, Ibn Saud incorporò la spada nel disegno. Questa venne in seguito adottata come bandiera nazionale successivamente alla creazione del Regno dell'Arabia Saudita, nel 1932. Altre bandiere verdi recanti questa o altre frasi in arabo si vedono frequentemente nell'Islam, ma si differenziano dalla bandiera nazionale dell'Arabia Saudita in quanto prive del simbolo della spada.

Poiché la bandiera reca la "Parola di Allah", non viene mai issata a mezz'asta, nemmeno in seguito a un lutto nazionale o reale. Un'altra importante peculiarità, sempre connessa con il carattere religioso, è il fatto che l'iscrizione della shahada e la spada devono essere identiche e orientate alla stessa maniera su entrambi i lati, ovverosia, la bandiera è stampata o ricamata su entrambi i lati con la stessa immagine correttamente orientata; solitamente la bandiera è dunque composta da due strati di tessuto abbinati, così da evitare immagini speculari e dunque incomprensibili[2].

Bandiere storiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shahada, su Enciclopedia Treccani. URL consultato il 5 settembre 2022.
  2. ^ (EN) Saudi Arabia, su CRW Flags. URL consultato il 5 settembre 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia