Andry Rajoelina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andry Rajoelina
Andry Rajoelina portrait UN.jpg

Presidente del Madagascar
In carica
Inizio mandato 19 gennaio 2019
Predecessore Rivo Rakotovao (ad interim)

Durata mandato 17 marzo 2009 –
25 gennaio 2014
Capo del governo Monja Roindefo
Eugène Mangalaza
Cécile Manorohanta (ad interim)
Albert Camille Vital
Omer Beriziky
Predecessore Marc Ravalomanana
Successore Hery Rajaonarimampianina

Presidente dell'Alta Autorità di Transizione
Durata mandato 17 marzo 2009 –
25 gennaio 2014
Predecessore Carica creata
Successore Carica abolita

Sindaco di Antananarivo
Durata mandato 12 dicembre 2007 –
3 febbraio 2009
Predecessore Hery Rafalimanana
Successore Guy Randrianarisoa (ad interim)

Dati generali
Partito politico Giovani Malgasci Determinati
Professione disc jockey, politico

Andry Nirina Rajoelina (Antsirabe, 30 maggio 1974) è un politico malgascio.

È diventato presidente del Madagascar il 17 marzo 2009 a seguito di un colpo di Stato militare, rimanendo in carica fino al 25 gennaio 2014. Rieletto nelle elezioni presidenziali del 2018, si è ufficialmente insediato il 19 gennaio 2019.[1]

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

In passato è stato un noto disc jockey locale, ma soprattutto ricoprì la carica di sindaco di Antananarivo, la capitale dello Stato, dal 12 dicembre 2007 al 3 febbraio 2009.

Presidente del Madagascar[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 marzo 2009, a seguito di un colpo di Stato militare, ha assunto le funzioni di capo di Stato. Ha preso il posto del precedente presidente Marc Ravalomanana costretto alle dimissioni. Tutti gli oppositori del presidente ad interim Rajoelina sono stati arrestati, come ad esempio il presidente della Corte Costituzionale, che aveva apertamente e fermamente contrastato la presa di potere del neo presidente.

Dopo essere entrato in carica, Rajoelina ha sciolto il Senato e il Parlamento per trasferire i loro poteri al suo gabinetto, ai funzionari dell'Alta Autorità di Transizione (HAT) e al nuovo Consiglio per il rafforzamento sociale ed economico, attraverso il quale le sue politiche sono state emesse come decreti. L'autorità legislativa riposava in pratica con Rajoelina e il suo gabinetto, composto dai suoi più stretti consiglieri. Un comitato militare istituito in aprile ha aumentato il controllo dell'HAT sulla politica di sicurezza e di difesa. Il mese successivo, dopo la sospensione dei 22 governatori regionali del paese, il governo di transizione ha rafforzato la sua influenza sul governo locale nominando i sostituti. La National Enquiry Commission (CNME) venne istituita poco dopo per rafforzare l'efficacia del CAP nell'affrontare questioni giudiziarie e legali.

Una delle prime misure di Andry Rajoelina come presidente fu quella di annullare l'accordo impopolare di Ravalomanana con Daewoo Logistics[2]. Il 2 giugno 2009, Ravalomanana è stata multato per 70 milioni di dollari USA (42 milioni di sterline inglesi) e condannato a quattro anni di carcere per presunto abuso d'ufficio che, secondo il ministro della Giustizia HAT Christine Razanamahasoa, includeva l'acquisto di un secondo aereo presidenziale ("Air Force II") del dicembre 2008 del valore di 60 milioni di dollari[3]. Rajoelina ha anche intrapreso un'azione legale contro la società Tiko di Ravalomanana per recuperare 35 milioni di dollari di tasse arretrate[4]. Inoltre, il 28 agosto 2010, l'HAT ha condannato Ravalomanana in absentia ai lavori forzati a vita e ha emesso un mandato di arresto per il suo coinvolgimento nelle proteste che hanno causato anche morti.[5]. Ha anche annullato la strategia di sviluppo a medio termine di Ravalomanana, ha ridefinito un suo piano di strategie economiche e sociali per il Madagascar e ha abbandonato le riforme dell'istruzione avviate dal suo predecessore che aveva adottato il malgascio e l'inglese come lingue di insegnamento, tornando invece al uso tradizionale del francese[6]. Nel 2012, ha venduto il controverso Boeing 747 acquistato dal suo predecessore con fondi pubblici[7].

Secondo mandato come presidente del Madagascar[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Elezioni presidenziali in Madagascar del 2018.

Rajoelina è stato rieletto come presidente del Madagascar il 18 gennaio 2019[8].

Ad aprile e maggio 2020, il presidente Rajoelina ha attirato l'attenzione dei media quando ha lanciato una "cura" non testata per il COVID-19 soprannominata "Covid-Organic". La tisana è stata sviluppata dal Madagascar Institute of Applied Research (MIAR) utilizzando artemisia e altre erbe di provenienza locale. I militari hanno distribuito lotti di "Covid-Organic" al pubblico. Diversi paesi africani tra cui Tanzania, Liberia, Guinea Equatoriale e Guinea-Bissau hanno acquistato la tisana. Tuttavia, la National Academy of Medicine of Madagascar (ANAMEM) ha espresso il suo scetticismo, mentre la World Health Organization (WHO) ha avvertito che non c'erano prove di alcuna cura per il coronavirus al momento del lancio di Covid-Organic. L'Unione africana ha cercato di testare l'efficienza tecnica della tisana[9][10][11].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Madagascar - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale del Madagascar
— [senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Madagascar, in www.worldstatesmen.org. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  2. ^ Gli africani rifiutano il leader del Madagascar, su Bbc.co.uk, 19 marzo 2009. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  3. ^ Madagascar sentences ex-president, BBC News, 3 giugno 2009. URL consultato il 3 giugno 2009 (archiviato il 7 luglio 2012).
  4. ^ Ravalomanana's Tiko group under pressure, su leakoverflow.com. URL consultato il 7 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  5. ^ Exiled Madagascan leader Ravalomanana sentenced, BBC News, 28 agosto 2010. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).
  6. ^ Bob Dewar, Simon Massey e Bruce Baker, Madagascar: è tempo di ricominciare, Chatham House, gennaio 2013. URL consultato il 6 giugno 2013.
  7. ^ (FR) Madagascar: Le Boeing de l'ex-président Ravalomanana vendu, su Zinfos974.com, 5 ottobre 2012. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) Eric Oteng, Madagascar president Andry Rajoelina sworn into office, su Africanews, 19 gennaio 2019. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2019).
  9. ^ (EN) Madagascar hands out 'miracle' coronavirus cure as it lifts lockdown, in The Straits Times, 23 aprile 2020. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 24 maggio 2020).
  10. ^ (EN) Coronavirus: Caution urged over Madagascar's 'herbal cure', in BBC News, 22 aprile 2020. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 30 aprile 2020).
  11. ^ Coronavirus: Qual è il "rimedio erboristico" del Madagascar Covid-Organics?, in Al Jazeera, 5 maggio 2020. URL consultato il 5 maggio 2020 (archiviato il 5 maggio 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN250503429 · ISNI (EN0000 0003 7104 875X · LCCN (ENno2012067631 · WorldCat Identities (ENlccn-no2012067631