Marc Ravalomanana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marc Ravalomanana
Marc Ravalomanana.jpg

Presidente del Madagascar
Durata mandato 5 luglio 2002 –
17 marzo 2009
Predecessore Didier Ratsiraka
Successore Andry Rajoelina

Sindaco di Antananarivo
Durata mandato 14 novembre 1999 –
6 maggio 2002
Predecessore Guy Razanamasy
Successore Patrick Ramiaramanana

Dati generali
Partito politico Tiako-I-Madagasikara

Marc Ravalomanana (Imerikasina, 12 dicembre 1949) è un politico malgascio, presidente del Madagascar fino al golpe del 17 marzo 2009.

Ravalomanana appartiene all'etnia Merina. È noto per la sua fervente fede cristiana.[senza fonte]

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 Ravalomanana divenne sindaco della capitale malgascia, Antananarivo. Alle elezioni del 16 dicembre 2001 fu candidato alla presidenza del paese; l'esito delle votazioni fu controverso, e sia Ravalomanana sia il suo avversario (il presidente uscente Didier Ratsiraka) sostennero di aver vinto.

La disputa causò alcuni scontri fra i sostenitori dei due candidati: mentre le zone centrali dell'isola vennero occupate da Ravalomanana, le coste furono fedeli a Ratsiraka e le strade furono interrotte da posti di blocco, anche l'esercito cominciò a dividersi tra chi era fedele a uno o all'altro candidato. Il 22 febbraio 2002, Ravalomanana si autodichiarò presidente, e la sua posizione fu confermata il 29 aprile dall'Alta Corte Costituzionale. Questo, tuttavia, non pose fine agli scontri nel paese, che si conclusero solo con l'esilio forzato di Ratsiraka, il 5 luglio.

Il mandato di Ravalomanana si è concluso il 17 marzo 2009 con la sua rinuncia alla presidenza, avvenuta al termine di un lungo conflitto con i vertici militari che è stato descritto dalla stampa internazionale come un vero e proprio golpe.[1]

Durante la presidenza di Ravalomanana, il governo ha adottato una serie di leggi e regolamenti aziendali, tra cui la legge sulle società commerciali[2] (2003), diritto del lavoro[3] (2003), regolamenti sull'applicazione del diritto delle società commerciali[4] (2004), legge sugli appalti pubblici[5] (2004), diritto della concorrenza[6] (2005), legge sui cambi[7] (2006), legge sugli investimenti[8] (2007) e diritto delle zone franche e delle imprese libere[9] (2007). Dopo l'elezione alla presidenza, Ravalomanana ha cercato di mitigare l'impatto economico negativo della contrapposizione politica di otto mesi con Ratsiraka, che era costato al Madagascar milioni di dollari in perdita di entrate turistiche e commerciali, nonché danni alle infrastrutture, inclusi ponti bombardati e edifici danneggiati da incendio doloso.[10] Ha messo in atto una serie di nuove leggi, politiche e riforme che hanno cercato di cancellare le tracce rimanenti dell'ideologia socialista di Ratsiraka e di sostituirla con un'economia fortemente capitalista e guidata dal mercato. In rottura con la tradizione, il nuovo capo di stato si è allontanato dalla dipendenza dal suo principale partner commerciale, la Francia, e ha coltivato relazioni con partner come la Germania, gli Stati Uniti e la Corea del Sud come parte della sua strategia per lo sviluppo economico del Madagascar. Ha collaborato con i consulenti dell'Harvard University per lanciare una rapida iniziativa di risultati progettata per stimolare una rapida crescita economica.[11] Nel 2004 il mondo La Banca ha approvato il documento strategico sulla riduzione della povertà della sua amministrazione, intitolato "Madagascar Naturellement" (Madagascar naturalmente), in cui ha sancito il principio di conservazione ambientale inseparabile dalla crescita economica sostenibile.[11] L'impatto economico negativo della crisi politica è stato gradualmente superato dalle politiche economiche e politiche progressiste di Ravalomanana, che ha incoraggiato gli investimenti nell'istruzione e nell'ecoturismo, facilitato gli investimenti diretti esteri e coltivato partenariati commerciali sia a livello regionale che internazionale.

Nel 2003 al Durban World Parks Congress si è impegnato a triplicare la superficie di aree naturali protette sull'isola da 1,6 milioni di ettari (6 200 mi²) a 6 milioni di ettari (23 000 mi²) - il dieci per cento della superficie terrestre del paese in cinque anni.[11] Nel 2004 ha istituito BIANCO ("Bureau Indépendant Anti-Corruption" "), un ufficio anticorruzione, che ha comportato una riduzione della corruzione. Nello stesso anno, il Fondo monetario internazionale ha accettato di cancellare metà del debito del Madagascar. Avendo soddisfatto una serie di rigorosi criteri economici, di governance e dei diritti umani, nel 2005 il Madagascar è diventato il primo paese a beneficiare del Millennium Challenge Account, un nuovo fondo di sviluppo gestito dagli Stati Uniti.[12] Le sue riforme legali hanno rafforzato le istituzioni statali, in particolare la magistratura, e prodotto miglioramenti nei diritti umani, nelle libertà civili e nel'economia. Di conseguenza, l'economia è cresciuta ad un tasso medio annuo del sette per cento in tutto il suo presidenza. Sotto la sua amministrazione, centinaia di chilometri di strade furono pavimentate in aree rurali precedentemente isolate. Furono fatti grandissimi progressi nell'istruzione e nella sanita e nella salute Sempre durante il primo mandato di Ravalomanana, migliaia di nuove scuole primarie e aule aggiuntive furono costruite, gli edifici più vecchi furono rinnovati e decine di migliaia di nuovi insegnanti elementari furono reclutati e formati. Le tasse della scuola primaria sono state eliminate e i kit contenenti materiale scolastico di base sono stati distribuiti agli studenti delle scuole elementari.[13]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze malgasce[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro dell'Ordine nazionale del Madagascar - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine nazionale del Madagascar

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania)
— 7 aprile 2006
Gran commendatore dell'Ordine della Stella e della chiave dell'Oceano Indiano (Mauritius) - nastrino per uniforme ordinaria Gran commendatore dell'Ordine della Stella e della chiave dell'Oceano Indiano (Mauritius)
— 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Madagascar: il golpe è "legale", su Nigrizia, 17 marzo 2009. URL consultato il 20 giugno 2018.
  2. ^ 20190902897214.shtml Loi n ° 2003-036 sur les sociétés commerciales, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019.
  3. ^ /20190902897224.shtml Loi n ° 2003-044 portant Code du travail, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019.
  4. ^ articolo / policy / Madagascar / 201909 / 20190902897221.shtml Décret n ° 2004-453 fissatore delle modalités de l'applicazione de Loi sur les sociétés commerciales, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019.
  5. ^ [http:// mg2.mofcom.gov.cn/article/policy/Madagascar/201909/20190902899025.shtml Loi n ° 2004-009 portant Code des marchés publics], su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019.
  6. ^ Loi n ° 2005-020 sur la concurrence, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2019).
  7. ^ Loi n ° 2006-008 portant Codice delle modifiche, su mofcom.gov .cn. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2019).
  8. ^ gov.cn/article/policy/Madagascar/201909/20190902897216.shtml Loi n ° 2007-036 sur les investissements à Madagascar, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019.
  9. ^ Loi n ° 2007-037 sur le zone e le imprese in franchising in Madagascar, su mofcom.gov.cn. URL consultato il 30 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2019).
  10. ^ Madagascar: ex presidente condannato a cinque anni di carcere, Irinnews.org, 17 dicembre 2003. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 13 giugno 2011).
  11. ^ a b c Ravalomanana, Rapporto dall'Africa: Madagascar Naturellement: il controllo delle nascite è la mia priorità ambientale (PDF), in WorldView Magazine, Peace Corps, autunno 2006. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  12. ^ url = https://2009-2017.state.gov/r/pa/ei/bgn/5460.htm
  13. ^ http://www.povertyactionlab.org/publication/managing-results-primary-education-madagascar-evaluating-impact-selected-workflow-intervention | doi = 10.1093 / wber / lhq009 | accessdate = 10 febbraio 2012 | archiveurl = https://www.webcitation.org/65MknBr6d?url=http://www.povertyactionlab.org/publication/managing-results-primary-education-madagascar-evaluating-impact-selected-workflow-interventions? url = h

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN191661203 · ISNI (EN0000 0003 5685 522X · LCCN (ENn2003037630 · GND (DE1083656074 · BNF (FRcb14492571n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2003037630