Aldo Brizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aldo Brizzi
NazionalitàItalia Italia
Brasile Brasile
GenereMusica contemporanea
Periodo di attività musicale1979 – in attività
EtichettaRara, Eldorado, EMI, Nova Musica
Album pubblicati18
Sito ufficiale

Aldo Brizzi (Alessandria, 7 giugno 1960) è un compositore e direttore d'orchestra italiano. Di formazione classica, studia presso il conservatorio di Milano, e in seguito si perfeziona con Leonard Bernstein, Pierre Boulez e Sergiu Celibidache; è inoltre laureato al DAMS di Bologna. Negli anni ottanta ha frequentato Giacinto Scelsi, dal quale ha intuito il potere del suono oltre la mera scrittura. I corsi di Fenomenologia della musica e direzione d'orchetra di Sergiu Celibidache gli hanno ulteriormente indicato la strada da percorrere.

Compositore[modifica | modifica wikitesto]

Aldo Brizzi scritto musiche per gruppi ed orchestre quali gli archi della Filarmonica di Berlino, l'Orchestre Philharmonique de Radio France, the European Union Youth Orchestra, Bamberger Symphoniker, Baden-Baden Radiosymfonieorkester, Orchestre Philharmonique de Radio France, Orchestra della Radio Danese, Orchestra del Cantiere di Montepulciano, Arditti String Quartet, Ensemble Orchestrale de Lyon, Ensemble de cuivres et perc de l'InterContemporain di Parigi, etc.

Nel 1993 ha diretto installazioni sonore alle Piramidi di Teotihuacán in Messico.

Nel 1998 ha realizzato il suo primo album monografico, The Labyrinth Trial (Rara Records).

Tra il 1998 e il 2000 concerto multimedia The Labyrinth Trial (musica, danza, video, light design in collaborazione con l'artista argentina Inés Fontenla), a Roma, Madrid, Acqui Terme, Bruxelles, Oporto, Salvador Bahia, San Paolo.

Scrive musiche di scena per spettacoli di Alfredo Arias: “Le frigo”, di Copi, Palais de Chaillot, Parigi 1999 e “Les Bonnes” di Jean Genet, Théâtre de l'Athénée, Parigi 2001.

Nel 2000 co-produce il doppio album "Cristal" del gruppo portoghese Ala dos Namorados (EMI), Disco d'Oro in Portogallo.

Negli anni tra il 2000 e il 2010 si rivolge a composizioni dal linguaggio trasversale, senza preconcetti culturali, dove semplici melodie e sofisticazioni tecnologiche assumono la stessa importanza: al suo album Brizzi do Brasil, hanno partecipato artisti di differente estrazione quali Caetano Veloso, Gilberto Gil, i "tribalistas" Arnaldo Antunes e Carlinhos Brown, Margareth Menezes, Olodum, Teresa Salgueiro (cantante di Madredeus), Tom Zé, Virgínia Rodrigues e Zeca Baleiro. L'album ha vinto il Trofeu Caymmi in Brasile, come miglior disco dell'anno 2003.

Nel 2002 compone Endless Trails, un ciclo di pezzi con Neela Bagvath (cantante indiana), Wimme Saari (cantante lappone), Trio d'Argent (trio di flauti), Terra em Transe (gruppo di percussione brasiliano) ed elettronica. Première al festival 38° Rugissants di Grenoble, con tournée in Francia nel 2002 ed esecuzioni al World Social Forum di Bombay nel 2004.

Nel 2003 presenta una versione per gruppo da camera degli Spanisches Liederbuch di Hugo Wolf al Festival di Ludwigsburg.

Nel 2005 con il regista e drammaturgo Alfredo Arias ha presentato il musical Mambo Mistico (Théâtre National de Chaillot, Parigi), che ha ottenuto il premio Les souffleur come miglior musica per la stagione teatrale 2004-05 in Francia.

Nel 2006 la cantante di Madredeus, Teresa Salgueiro, realizza l'album Obrigado (EMI) includendo due brani composti da Aldo Brizzi.

Nel 2007 presenta il progetto Loving Glance, musica elettronica dilatata dalla melancolia brasiliana della voce femminile di Reis. Qui la musica si sviluppa tra diversi generi che non si limitano ad una sola categoria e copre un vasto spettro di elettronica e musiche influenzate dall'elettronica. Combina elementi di trip hop, drum'n bass e classica con ritmi di world music come la bossa nova e la musica di culto animista afro-brasiliana.

Tra il 2008 e il 2011 concerti multipiattaforma di “mixed realities” con Reis (contemporaneamente sia sul palco tradizionale sia con interazioni video operate a distanza via internet). Principali performances: all'“Auditorio Nacional” a Città del Messico, all'“Onaciu” a Santiago del Cile, all'“Orange” a La Paz, “Oi Futuro Ipanema” a Riode Janeiro, al “TCA” a Salvador, al “BDB” a San Paolo, all'“Oxident” a Berlino, al “Teatro Mercadante” di Napoli, al “Festival Gmem” a Marsiglia, alla “Queen Elisabeth Hall” e al “Ronnie Scott's” a Londra, a “Palazzo Ducale” a Milano.

Nel 2012 scrive l'opera multimedia Alter, un progetto sulla migrazione, memoria e identità che viene eseguita in Francia nell'agosto dello stesso anno.

Nel 2013 riceve la bourse d'écriture Beaumarchais/SACD 2013 (Parigi) per il progetto d'opera “Cilégie”.

Nello stesso anno firma l'arrangiamento orchestrale e dirige la performance di Caetano Veloso al Festival d Sanremo e firma la sonorizzazione delle vigne e cantine del Barolo a Bricco Rocche in occasione di una esposizione di Valerio Berruti.

Nel 2014 prima dell'opera da camera Gabriel & Gabriel, tratta da un testo di Pauline Alphen, commissione dell'Ensemble AlmaViva, direzione di John Dew e coreografia di Mai Hong Lin, al Théâtre de Rungis seguita da 19 recite al Théâtre Dunois, Parigi. Tournée dello spettacolo nel 2015.

Sempre nel 2014 viene nominato vice-presidente della Fondazione Isabella Scelsi.

Nel 2015: concerto con Gilberto Gil e Reis a Salvador dove presenta in anteprima brani di “Negro Amor”, progetto d'opera tratto dal Gitagovinda di Jayadeva e ha partecipato con Reis, Rohan de Saram e Raghunath Manet ad una tournée con un repertorio da Brizzi a Palestrina a Scelsi.

Nel dicembre 2015 esce il disco Vela, per Nova Musica - Parigi, 7 brani per saxofono e 3 ensemble.

Commissioni[modifica | modifica wikitesto]

Composizioni commissionate da: Théâtre National de Chaillot di Parigi, Hugo-Wolf-Akademie, Stoccarda; Orchestra Jazz-Sinfonica San Paolo-Brazil; Antasten Festival Heilbronn; Cesem, Lisbona; Fondazione Gulbenkian di Lisbona; GRAME di Lione, Istituto Svizzero di Roma; Ministero della Cultura Francese; Radio France; SACEM; Festival 38e Rugissants di Grenoble, Donaueschinger Musiktage; Fondazione Royaumont; ASAFRA di Parigi; AlmaViva Ensemble, Town of Bielefeld.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Come compositore riceve: “Venezia Opera Prima” - Venezia (Teatro La Fenice – giuria: Franco Donatoni, Giacomo Manzoni, Aldo Clementi) 1981; “Anno Europeo della Musica 1985” (Festival d'Automne Paris, WDR, Biennale di Venezia – giuria: Iannis Xenakis, Luigi Nono, Helmuth Lachelman, Mario Messinis); “Franco Evangelisti 1986”- Roma: presidente della giuria: Ennio Morricone). “Junge Komponisten Forum 1989” – Colonia; Trofeu Caymmi - Brasile 2003 (per il cd “Brizzi do Brazil” come miglior disco dell'anno): selezione della A. Hepburn Foundation (il brano “Mistério de Afrodite” viene inserito la compilation UNICEF 2005) Les Souffleur – Parigi 2005 (per il musical “Mambo Mistico” come “miglior musica per teatro 2004-05”), Beaumarchais 2013 (Parigi) bourse d'écriture per il progetto d'opera “Cilégie”.

Direttore d'orchestra[modifica | modifica wikitesto]

· Direttore principale dei “Ensemble of Ferienkurse” - Darmstadt (1990-94), del Grupo de Música Contemporânea de Lisboa (1995-96) e dell'Akanthos Ensemble (1992-1998 / 2002-2005) e dell'Orchestra “E.M: Ferraris” di Alessandria (1991), del Nuovo Ensemble Italiano (1986-87) e dell'Ensemble Antidogma di Torino (1982-85).

Brizzi ha inoltre diretto l'Orchestra da Camera di Santa Cecília - Roma, l'ensemble d'archi della Filarmonica de Berlino, la Bamberger Symphoniker, l'Orquestra Sinfonica Nacional di Città del Messico, l'Orquestra Sinfônica de Oporto, l'Orquestre de Caen, la Menhuin Foundation Orchestra, l'Orquestra Sinfônica da Bahia (Brasile), l'Orquestra Sinfônica da UFBA (Salvador – Brasile), l'Orchestra Haydn di Bolzano, la Filarmonica di Torino, l'Orquestra Metropolitana di Lisbona, l'Orchestra Filarmonica Moldava di Kishinev, l'Orchestra Filarmonica de Cluj (Romania), l'Orchestra Regionale del Lazio, l'Orchestra Pergolesi de Jesi, L'Orchestra Filarmonica di Craiova, l'Orchestra della Casa da Musica di Oporto, l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, l'Orchestra da camera di Kichinew (Moldavia), l'Orchestra Filarmonica di Tirgu Mures (Romania), l'Orchestra Filarmonica di Satu Mare (Romania) L'Orchestra Filarmonica di Botosani (Romania), L'Orchestra Filarmonica di Oradea (Romania), l'Israel Chamber Ensemble (Tel Aviv), Kreisler Strings di Londra, l'Ensemble Recherche di Friburgo, l'Ensemble Itinéraire di Parigi, La Camerata PanAmericana (Messico), il Gruppo Musica Insieme di Cremona, il Conjunto instrumental cubano de La Havana - Cuba, Atelier Instrumental du Conservatoire de Paris, Ensemble La Partenope di Città del Messico, Gruppo Strumentale di Roma, Ensemble Mentemanuque di São Paulo, l'Ensemble Polychromie di Villeneuve d'Asq (Francia), il Coro Madrigal (Salvador Bahia), l'Ensemble del Festival de Ludwigsburg, l'Ensemble Alter Ego di Roma, Ensemble Accroche Note (Strasburgo), Ensemble Orchestral des Semaines Internationales d'Orléans, Pranam Ensemble di Roma, Ensemble Octandre di Bologna, Ensemble de l'Atelier de Recherche Instrumentale de l'IRCAM a Parigi, Ensemble de l'Oficina Musical di Oporto, l'AlmaViva ensemble di Parigi, etc.

· Ha lavorato con solisti quali Irvine Arditti, Alexander Balanescu, Dan Grigore, Pierre-Yves Artaud, Ezio Bosso, Flavio Boltro, Dorin Marc, Gerardo Gandini, Yuko Suzuky, Christoph Moosmann, Vincent Royer, Daniel Kientzy, Thierry Miroglio, Federico Mondelci, Mario Ulloa, Maurizio Barbetti, Roberto Fabbriciani, Cecilia Chailly, Stefano Scodanibbio, Giancarlo Schiaffini, Mieko Kanno, Horacio Franco, Fernando Grillo, Veaceslav Bachis e i cantanti Michiko Hirayama, Hanna Schaer, Jo Ann Pickens, Maria Luisa Tamez, Françoise Kubler, Nicholas Isherwood, Isabel Soccaja, Brenda Mitchell, Susana Moncayo, Ian Honeyman, Regina Orozco, Vincenzo Manno, Luisa Castellani, Nuccia Focile; ha diretto opere lavorando con registi quali Jesusa Rodríguez, Stephane Braunschweig, John Dew, Cornelia Geiser, Alfredo Arias, Mietta Corli, Carmelo Agnello, Ugo Pitozzi e i scenografi Bernard Michel, Francis Miroglio e Josef Svoboda.

In progetti di musica trasversale e/o popolare ha lavorato con Caetano Veloso, Gilberto Gil, Teresa Salgueiro, Arnaldo Antunes, Eugenio Bennato, Wimme Saari, Neela Baghwat, Carlinhos Brown, Tom Zé, Margareth Menezes, Zeca Baleiro, Virginia Rodrigues, Nuno Guerreiro, Reis.

· Ha diretto prime assolute di Ennio Morricone, Giacinto Scelsi, Horatiu Radulescu, Luc Ferrari, Gualtiero Dazzi, Jorge Peixinho, Gilberto Mendes, Manuela Rodriguez, Eric Tanguy, Tosho Osokawa, Brian Ferneyhough, Anatol Vieru, Barbara Feldman, Liviu Danceanu, ecc.

· Ha diretto opere a Roma - Teatro Flaiano; Bucarest – Ateneum; Orléans – Carré-Theatre; Città del Messico -Teatro de la Ciudad; Lille – Opera; Antwerpen - De Sigel; Berlin - Hebbel Theater; Paris - La Ferme du Buisson; Oporto – Teatro Rivoli; Bruxelles – Espace Senghor; Paris – Théàtre National de Chaillot; Nantes – Espace 44; Marseille - Théâtre du Gymnase, Grenoble – Scène National de Meylan, Annecy – Scène Nationale, Madrid - Palacio de Bellas Artes, Bucarest – Atheneum.

· Ha inciso dischi con la Filarmonica de Torino, l'Orquestra Metropolitana de Lisboa, l'Ensemble Itineraire (Paris), la Camerata PanAmericana (Messico), l'Ensemble des Ferienkurse de Darmstadt, ecc. (ottenendo premi come “Superchoc de Le Monde de la Musique” e “Diapason d'or” e il disco d'oro per la registrazione con la Filarmonica di Torino nel disco “Cristal” - EMI)

· Ha diretto concerti in Festival e sale quali: World Music Days ‘93 (il concerto diapertura alle Piramidi di Teotihuacán e quello di chiusura al Teatro de BellasArtes a Città del Messico), settembre Musica, Auditorium di Torino, FondazioneGulbenkian di Lisbona, Tage für Neue Musik della SWF (Rottemburg), Fondazione Levi (Venezia), Festival Musica /Strasbourg), Festival d'été (Givevra), Teatro Comunale di Bologna, Israel Festival, Teatro Regio di Torino, Festival di Portorico, Musikhalle di Ambugo, Centre Pompidou di Parigi, etc.

Discografia essenziale[modifica | modifica wikitesto]

  • 50 years of new music in Darmstadt, CD Col Legno, 1996
  • The labyrinth trial (disco monografico), CD Rara-Kho, 1998
  • Brizzi do Brasil (disco monografico), CD Eldorado/Sony Brasil, 2002 CD Amiata Records (2004)
  • Aço do Açúcar (disco monografico con la cantante Reis e il gruppo Aço do Açúcar), CD Indipendente/Brasil, 2005
  • Obrigado (disco monografico di Teresa Salgueiro), CD EMI Portugal, 2006
  • Reis (EP di Reis), WorldMediaVision Mexico, 2008
  • Vela (ciclo di 7 brani per saxofono e 3 ensemble. Nova Musica, 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59284854 · ISNI (EN0000 0000 8386 3338 · LCCN (ENnr91008413 · BNF (FRcb140404537 (data)