Estate (Bruno Martino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Estate
ArtistaBruno Martino
Autore/iBruno Martino, Bruno Brighetti
GenereMusica leggera
Jazz
Esecuzioni notevoliChet Baker, João Gilberto, Shirley Horn, Eliane Elias, Milva, Joe Pass, Michel Petrucciani, Plácido Domingo, Giulia Ottonello, Helen Merrill, John Pizzarelli
Data1960
EtichettaLa voce del padrone 7MQ 1461, 7MQ 1443

Estate è un brano musicale composto dal cantante e pianista italiano Bruno Martino con testo di Bruno Brighetti, pubblicato nel 1960 come Lato A del 45 giri Estate/Ed è subito sera.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano nasce originalmente con il titolo Odio l'estate. Dopo l'interpretazione ironica e dissacrante di un altro grande jazzista italiano, Lelio Luttazzi, che lo trasforma durante un programma televisivo in Odio le statue,[1] nelle successive riedizioni viene semplicemente intitolato Estate. Con il tempo diventa anche un famoso standard del jazz internazionale, entrando a far parte del repertorio di numerosi interpreti.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Tra le cover, la più celebre è probabilmente l'interpretazione che ne fece João Gilberto[2]; altre versioni sono state incise, tra le tante, da Shirley Horn[3], Jon Hendricks[4], Toots Thielemans[5], Chet Baker (1983, 1988)[6][7] e Chris Botti[8], le edizioni strumentali riarrangiate dal vivo di Michel Petrucciani (1982, 1994)[9][10] e di Lynne Arriale[11], le prove di Chris Botti[12], Eliane Elias (2004)[13], Arturo Sandoval[14], Joe Pass[15], Helen Merrill (1960) inserita nell'EP Helen Merrill sings Italian songs su etichetta RCA Italiana[16] e nell'album del 1991 Helen Merrill in Italy, orchestra diretta da Ennio Morricone, su etichetta Liuto Records[17] e da artisti italiani come Jimmy Fontana (1960)[18], Mia Martini (1991)[19], Milva (1964)[20], Anna Luana Tallarita (2007), Orietta Berti (2008)[21], Roberta Gambarini (2009)[22], Andrea Bocelli (2005)[12], Sergio Cammariere (Blue Note, 2007)[23], Irene Grandi (2007)[24], Amalia Grè (2003)[25], Mina (1984)[26], Ornella Vanoni (nel LP E poi... la tua bocca da baciare, 2001), Vinicio Capossela[27], Giulia Ottonello, Giorgio Poi (2020)[28], Giusy Ferreri (2009)[29], Joe Barbieri (2013), i Selton con la rapper Priestess (2020)[30]. Nel 2009 Patrizio Buanne esegue una cover in inglese dal titolo Maybe This Summer per l'album Patrizio[31]. Nel 2014 vede confrontarsi anche Plácido Domingo con Martino[32].
Il 7 giugno 2015 il cantante e produttore norvegese Erlend Øye pubblica la sua versione di Estate[33].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Dondoni, Estate 1961, quando Bruno Martino odiava il Ferragosto, su La Stampa.it, 3 agosto 2011. URL consultato il 24 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013).
  2. ^ (EN) João Gilberto – Amoroso (1977), su Discogs, Zink Media.
  3. ^ (EN) Shirley Horn Trio – Softly (1988), su Discogs, Zink Media.
  4. ^ (EN) Jon Hendricks And Friends – Freddie Freeloader (1990), su Discogs, Zink Media.
  5. ^ (EN) Toots Thielemans – Only Trust Your Heart (1990), su Discogs, Zink Media.
  6. ^ (EN) Chet Baker, Philip Catherine, Jean-Louis Rassinfosse – Crystal Bells (1983), su Discogs, Zink Media.
  7. ^ (EN) Chet Baker Trio – Live From The Moonlight (1988), su Discogs, Zink Media.
  8. ^ (EN) Chris Botti – Italia (2007), su Discogs, Zink Media.
  9. ^ (EN) Michel Petrucciani Trio – Estate (1982), su Discogs, Zink Media.
  10. ^ (EN) Michel Petrucciani – Live (1994), su Discogs, Zink Media.
  11. ^ (EN) The Lynne Arriale Trio – Live At Montreux (2000), su Discogs, Zink Media.
  12. ^ a b (EN) Andrea Bocelli – Amore (2006), su Discogs, Zink Media.
  13. ^ (EN) Cecilia Dale – Standards In Bossa 3 (2004), su Discogs, Zink Media.
  14. ^ (EN) Arturo Sandoval – A Time For Love (2010), su Discogs, Zink Media.
  15. ^ (EN) Joe Pass – Whitestone (1985), su Discogs, Zink Media.
  16. ^ (EN) Helen Merrill – Sings Italian Songs (1960), su Discogs, Zink Media.
  17. ^ (EN) Helen Merrill – In Italy (1991), su Discogs, Zink Media.
  18. ^ (EN) Jimmy Fontana – Estate / Baby Non Bere, su Discogs, Zink Media.
  19. ^ (EN) Mia Martini – In Concerto (Da Un'Idea Di Maurizio Giammarco), su Discogs, Zink Media.
  20. ^ (EN) Milva – 14 Successi Di Milva (1964), su Discogs, Zink Media.
  21. ^ (EN) Orietta Berti And Sandro Comini Orchestra – Swing (Un Omaggio Alla Mia Maniera) (2008), su Discogs, Zink Media.
  22. ^ (EN) Roberta Gambarini, James Moody, Roy Hargrove – So In Love, su Discogs, Zink Media.
  23. ^ (EN) Fabrizio Bosso – You've Changed (2007), su Discogs, Zink Media.
  24. ^ (EN) Irene Grandi – Irenegrandi.hits (2007), su Discogs, Zink Media.
  25. ^ (EN) Amalia Grè – Amalia Grè (2003), su Discogs, Zink Media.
  26. ^ (EN) Mina – Catene (1984), su Discogs, Zink Media.
  27. ^ (EN) Vinicio Capossela – Live In Volvo (1998), su Discogs, Zink Media.
  28. ^ (EN) Giorgio Poi – Estate (From The Netflix Original Series, Summertime) (2020), su Discogs, Zink Media.
  29. ^ (EN) Giusy Ferreri – Fotografie, su Discogs, Zink Media.
  30. ^ (EN) Selton – Benvenuti, su Discogs, Zink Media.
  31. ^ (EN) Patrizio Buanne – Patrizio, su Discogs, Zink Media.
  32. ^ (EN) Domingo – Encanto Del Mar (Mediterranean Songs), su Discogs, Zink Media.
  33. ^ (EN) Erlend Øye – Estate, su Discogs, Zink Media.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica