Opera aperta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In semiotica, un'opera aperta è un testo che permette interpretazioni multiple o mediate dai lettori. Al contrario, un testo chiuso conduce il lettore ad una sola interpretazione.

Il concetto di opera aperta proviene dal saggio omonimo di Umberto Eco del 1962, approfondito poi con Il ruolo del lettore[1], ma anche dalla distinzione di Roland Barthes tra testi leggibili e scrivibili, trattati nel saggio del 1967 La morte dell'autore[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umberto Eco, "Il ruolo del lettore", in Lector in fabula. La cooperazione interpretativa nei testi narrativi, Milano, Bompiani, 1979
  2. ^ Roland Barthes, "La morte dell'autore"
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica