Ateneo rumeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ateneo Rumeno
Ateneul Român - Gradina.jpg
Ubicazione
StatoRomania Romania
LocalitàBucarest
IndirizzoStr. Franklin n. 1-3
Dati tecnici
Fossapresente
Capienza794 posti
Realizzazione
Costruzione1888
ArchitettoAlbert Galleron
Sito ufficiale

Coordinate: 44°26′29.04″N 26°05′49.56″E / 44.4414°N 26.0971°E44.4414; 26.0971

L'Ateneo rumeno (rumeno: Ateneul Român) è una sala da concerto nel centro di Bucarest, punto di riferimento della capitale rumena. Inaugurato nel 1888, il cupo edificio circolare è la principale sala concerti della città e sede della Filarmonica "George Enescu" e del festival annuale internazionale di musica George Enescu.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1865, personalità culturali e scientifiche come Constantin Esarcu, V.A. Urechia e Nicolae Crețulescu fondarono la Società culturale romena. Per servire i suoi scopi, l'Ateneo rumeno, un edificio dedicato all'arte e alla scienza, sarebbe stato eretto a Bucarest.

L'edificio è stato progettato dall'architetto francese Albert Galleron , costruito su una proprietà appartenuta alla famiglia Văcărescu e inaugurata nel 1888, anche se il lavoro continuò fino al 1897. Una parte dei fondi di costruzione è stata sollevata tramite donazioni pubbliche, con uno slogan ancora oggi ricordato: "Donate un leu per l' Ateneu!"

Il 29 dicembre 1919 l'Ateneo fu sede della conferenza dei capi rumeni che hanno votato per ratificare l'Unificazione di Bessarabia, Transilvania e Bucovina con il Vecchio regno di Romania per costituire la Grande Romania.

Ampi lavori di ricostruzione e restauro sono stati condotti nel 1992 da una società di costruzione romena e dal pittore di restauro Silviu Petrescu, che salvarono l'edificio dal crollo. I 9 milioni di euro richiesti sono stati dati in parti uguali dal governo e dalla Banca di sviluppo del Consiglio europeo.

Edificio e strutture[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile è neoclassico , con alcuni tocchi più romantici . Di fronte all'edificio si trova un piccolo parco e una statua del poeta rumeno Mihai Eminescu.

All'interno, il piano terra ospita una sala convegni grande come l'auditorium sopra.

Un affresco di 75 m² e largo 3 m di Costin Petrescu decorano l'interno della parete circolare della sala da concerto. Dipinto con la tecnica dell'affresco , il pezzo raffigura i momenti più importanti della storia rumena, a cominciare dalla conquista della Dacia dall'imperatore romano Traiano fino alla realizzazione della Grande Romania nel 1918.

Riconosciuto come simbolo della cultura rumena, l'edificio è stato iscritto nel 2007 nell'elenco dei siti con il Marchio del patrimonio europeo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135774298 · ISNI (EN0000 0001 0690 7285 · LCCN (ENn50073888 · GND (DE5030190-1 · WorldCat Identities (ENn50-073888